Indietro

Una sofferenza senza fine - gli attivisti si battono contro lo sfruttamento, la violenza e la distruzione ambientale

Capi tradizionali a Lokutu / RDC I capi villaggio tradizionali e gli abitanti di Lokuto si oppongono alle piantagioni di palma da olio. (© RIAO-RDC) Attivista Joël Imbangola Lunea (RIAO-RDC) Joël Imbangola Lunea, membro dello staff dell'organizzazione di protezione ambientale RIAO-RDC, è stato picchiato a morte nel 2019 (© RIAO-RDC) Una piroga a pieno carico viaggia sul fiume Congo Più di 100 villaggi del Congo sono colpiti dalle piantagioni (© guenterguni/istockphoto.com)

Le piantagioni di palma da olio della Feronia-PHC hanno oltre 110 anni - sono un disastro per le popolazioni in prossimità delle piantagioni nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). Il furto di terre, la violenza e l'impoverimento aumentano. Gli abitanti dei villaggi e gli attivisti della RIAO-RDC si stanno opponendo a questo.

Gran parte delle foreste pluviali del bacino del Congo sono ancora intatte. Ma la distruzione dei palmeti autoctoni, per fare spazio alle piantagioni industriali di palma da olio, sta dando vita ad una drammatica distruzione. Le piantagioni di palma da olio della Feronia-PHC nella RDC hanno una "tradizione di distruzione" centenaria. 25.000 ettari di foresta sono già stati sacrificati dalla loro implementazione. La dimensione delle concessioni è gigantesca: coprono 107.000 ettari pari a tre volte la dimensione della città di Monaco di Baviera.

 

Il conflitto: violazioni dei diritti umani per l'olio di palma

Particolarmente allarmanti sono le violenze e le violazioni dei diritti umani denunciate dalle popolazioni locali. Non hanno mai acconsentito alla creazione delle piantagioni, sono state semplicemente derubate della loro terra ancestrale e quindi dei loro mezzi di sussistenza. La violenza è impressionante: nel 2019, Joel Imbangola, abitante del villaggio è stato picchiato a morte; nel 2015, una coppia accusata di aver rubato parte del raccolto delle coltivazioni di palma da olio è morta.

Nel febbraio 2021, a seguito di una marcia di protesta contro l'azienda di olio di palma PHC, diversi abitanti del villaggio sono stati arrestati, compresi membri locali della RIAO-RDC. Sono accusati di aver iniziato una rivolta. Due di loro sarebbero stati minacciati di morte, e ci sono anche segnalazioni di violenze fisiche e aggressioni sessuali contro alcune donne.

 

Il nostro partner RIAO-RDC

Per far rispettare i diritti degli abitanti del villaggio, Jean-François Mombia Atuku ha fondato nel 2006 l'organizzazione RIAO-RDC, di cui è ancora oggi il direttore. Per anni ha dovuto vivere in esilio, recentemente in Senegal, e prima ancora in Congo-Brazzaville e in Uganda. Alla fine del 2020, è tornato a Kinshasa con la sua famiglia, nonostante tutti i pericoli che affronta nel suo paese.

Gli attivisti di RIAO-RDC documentano gli abusi in atto nelle concessioni Feronia-PHC, informano gli abitanti dei villaggi sui loro diritti, li aiutano a proteggerli e organizzano proteste e manifestazioni.

 

Le enormi dimensioni delle piantagioni e le vaste distanze da percorrere rendono la resistenza costosa

A causa delle enormi dimensioni delle concessioni e delle distanze da percorre nel mezzo della foresta pluviale, alcune delle attività di RIAO-RDC sono costose. Per esempio, il viaggio in barca di sette ore da Lokutu, dove si trova una delle piantagioni, alla capitale provinciale di Kisangani costa 700 euro solo per il noleggio della barca. Aggiungendo circa lo stesso importo per il carburante. A volte, però, il viaggio è necessario quando i residenti devono partecipare a riunioni ufficiali e udienze in tribunale, e il personale RIAO li assiste. Per raggiungere i singoli villaggi si devono pagare i taxi in moto – le tratte costano fino a 100 euro. Le visite nella regione sono inevitabili anche per Jean-François Mombia Atuku, che vive a più di 1.000 chilometri di distanza a Kinshasa per motivi di sicurezza. 

 

Sostieni il lavoro di RIAO-RDC e di Jean-François Mombia Atuku con una donazione. Ogni euro conta

Il colonialismo e il coinvolgimento della Società Tedesca di Investimento e Sviluppo (DEG)

La popolazione che vive nella regione soffre per l’eredità del colonialismo e per le speculazioni delle compagnie di investimento straniere.

Le radici delle piantagioni risalgono a 110 anni fa, quando il governo coloniale belga consegnò grandi aree forestali all'uomo d'affari inglese Lord Leverhulme. Le concessioni sono state una pietra miliare per l'odierna società globale Unilever. Nel 2009, Unilever ha venduto i suoi terreni alla società canadese Feronia. Quando questa è fallita nel 2020, la società d'investimento Straight KKM delle Mauritius ha acquisito le piantagioni.

La violenza contro il popolo congolese ci preoccupa anche perché la Germania, paese trainante in Europa, è coinvolto nelle scandalose piantagioni di Feronia-PHC: la Deutsche Investitions- und Entwicklungsgesellschaft (DEG), una filiale della banca statale KfW, ha concesso un prestito di 16,5 milioni di dollari USA nel 2015; le banche di sviluppo statali di Gran Bretagna, Francia, Spagna, Belgio, Olanda e USA hanno contribuito con più di 150 milioni di dollari USA dal 2013.

Il 22 febbraio 2022, DEG e altre banche hanno sorprendentemente venduto le loro azioni di PHC.

Dopo il fallimento di Feronia, DEG avrebbe potuto operare finanziariamente per favorire da popolazione sofferente dei villaggi. Di certo lo ha fatto in modo inadeguato. Le comunità chiedono la restituzione della terra, il cui uso è stato loro negato per oltre 100 anni. Una coalizione di organizzazioni tedesche e internazionali sta quindi facendo pressione sulle banche di sviluppo perché le popolazioni locali possano riavere le loro terre.

Se volete avere ulteriori informazioni sulla destinazione delle donazioni non esitate a scrivere a info@salviamolaforesta.org.

 

Informazioni relative alla tua donazione

Pubblico interesse Rettet den Regenwald e.V. è riconosciuta come organizzazione di pubblico interesse in Germania.

Dati sicuri I vostri dati verranno criptati.

Una donazione per la foresta

,00

Scegli tu l'importo della donazione

Attività recenti