Il glifosato provoca gravi lesioni oculari ed è tossico per la vita acquatica

Un aereo cosparge il glifosato in un campo coltivato Un areo sparge il glifosato su vaste aree di terra in Nord e Sud America. (© Flick/Santiago Nicolau - Lizenz CC BY-SA 2.0)

30 mar 2017

Le polemiche sul glifosato, il pesticida più utilizzato al mondo, continuano dopo un nuovo parere della European Chemicals Agency che nega che il pesticida sia cancerogeno, che causa gravi danni oculari oltre ad essere tossico per la vita acquatica.

L'European Chemicals Agency (ECHA) ha esposto il suo parere in merito alla tossicità del glifosato due settimane fa. Sulla base degli studi presentati - tra questi documenti non pubblici delle industrie chimiche – il glifosato non soddisfa i criteri per la sua classificazione come cancerogeno, mutageno o tossico per la riproduzione.

L'agenzia conferma, dunque, che l'erbicida ha una grande influenza negativa sulla biodiversità, e che il contatto provoca gravi lesioni oculari. Il glifosato è classificato come tossico con effetti a lungo termine sulla vita acquatica.

Il comitato di valutazione dei rischi della ECHA non ha effettuato ricerche proprie. E’ discutibile se la sola letteratura di ricerca consultata sia sufficiente per certificare la sicurezza del pesticida per la salute umana.

Anche l'interazione del glifosato con altre sostanze chimiche che si trovano tra gli ingredienti dei prodotti come il RoundUp di Monsanto e che aumentano gli effetti del veleno, non è stata presa in esame. I test si limitano ad analizzare gli effetti nocivi dei glifosao in relazione alle disposizioni in materia di classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e dei composti (Regolamento CE 1272/2008 chiamato anche CLP).

Salviamo la Foresta esorta a fermare questo attacco chimico sulla natura. I consumatori possono utilizzare prodotti biologici. L'agricoltura biologica vieta l'uso di prodotti chimici - per il beneficio della salute e dell'ambiente.

I cittadini in Europa possono partecipare all’ Iniziativa dei Cittadini Europei che vuole fermare l'uso del glifosato nella UE. Un'ampia coalizione di organizzazioni chiede alla Commissione Europea di proporre agli Stati membri il divieto di uso del glifosato, riformare la procedura per la concessione di permesso del pesticida e stabilire nella UE il raggiungimento di obiettivi obbligatori per ridurre l'uso di pesticidi.