Il Parlamento Europeo insiste sul divieto di impiego del cianuro nelle miniere

Una miniera Un miniera (© Goldcorpoutofguatemala)

22 mag 2017

Ancora una volta, il Parlamento Europeo ha votato apertamente per vietare l’ uso del cianuro nelle miniere in Europa.

Dopo una votazione trasparente con 566 voti a favore e 8 contrari, il Parlamento Europeo ha ribadito la sua richiesta alla Commissione europea di vietare senza esitazioni l’uso del cianuro nelle miniere entro i confini dell'Unione Europea.

Il Parlamento Europeo ha adottato il 27 aprile una risoluzione [1] in merito all'attuazione della Direttiva sui Residui Minerari (2006/21 / CE). Questa direttiva riguarda la gestione dei rifiuti delle industrie estrattive ed era stato adottato inizialmente sette anni fa, a seguito del tragico incidente in una miniera d'oro che usava il cianuro a Baia Mare / Romania nel 2000.

La Direttiva sui Residui delle industrie estrattive e la sua adozione da parte degli Stati Membri è stata oggetto di una revisione condotta dalla Commissione Ambiente del Parlamento Europeo [1]. Oltre ad altre conclusioni, nella relazione della commissione si stabilisce che l'attuazione pratica delle disposizioni della direttiva è problematica a causa dei problemi pratici con piani di emergenza (in strutture di categoria A), così come in relazione ai permessi e i controlli (in tutti i tipi di servizi, tra cui la categoria A). Questi due esempi sono estremamente importanti perché la mancanza della loro applicazione aumenta drasticamente il rischio rappresentato dall’ attività mineraria sulla salute umana e ambientale.

La risoluzione adottata dal Parlamento Europeo il 27 aprile evidenzia anche la necessità di ridurre l'uso di materie prime e promuovere invece il riciclo e il riutilizzo in vista di una transizione dell'Unione Europea verso un'economia circolare.

"La direttiva sui residui minerari nasce come conseguenza dell'incidente di Baia Mare. La clamorosa votazione al Parlamento Europeo ha confermato che la Direttiva è pericolosamente inefficiente. Ad ogni modo, si è trattato di semplice fortuna e non dell’efficacia delle misure di sicurezza che hanno evitato il verificarsi di nuovi incidenti ", dice Roxana Pencea-Bradatan della coalizione BangBan Cyanide.

"Avendo rifiutato a suo tempo la proibizione dell'uso del cianuro nel settore minerario, la Commissione Europea ha optato per la Direttiva sui Rifiuti Minerari ; sostenendo che sarà lo strumento per evitare incidenti. La relazione sulla quale si basa si basa il recente voto del Parlamento Europeo conferma definitivamente che questa politica al riguardo non è efficace. Non ci sono più scuse da addurre per non attivarsi . Vietare l'uso del cianuro nelle miniere non è solo una risposta responsabile, ma anche un dovere alla luce della richiesta di veto reiterata dal Parlamento Europeo ", dice Stephanie Roth della campagna Save Rosia Montana!

***

Note:

[1] Risoluzione del Parlamento europeo del 27 aprile 2017, l'attuazione della Direttiva sui Rifiuti Minerari (2006/21 / CE) ; Risultato della votazione (A8-0071 / 2017)