Plawan: abbiamo battuto le grandi piantagioni!

Due donne con i loro figli accanto alle case tradizionali di paglia Le comunità indigene di Palawan, native dell'isola, hanno bisogno della loro foresta - non di piantagioni - per vivere. (© Dario Novellino)

16 nov 2018

I nostri partner hanno ottenuto due importanti successi sull'isola filippina di Palawan: hanno convinto il governo ad astenersi dal fomentare le piantagioni di palma da olio nel distretto di Rizal. Sono state chiuse anche due importanti compagnie di palme da cocco per aver violato i diritti delle comunità.

L'isola di Palawan è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO da quasi 30 anni: i suoi tesori naturali sulla terra e sott'acqua non hanno eguali nelle Filippine. Il governo cerca di promuovere la crescita economica. Ciò implica distruggere le foreste tropicali - e con esse il sostentamento delle comunità indigene e dei piccoli agricoltori - per far posto alle miniere e alle piantagioni.

La parte meridionale di Palawan in particolare è particolarmente interessata dall’dell'industria delle piantagioni, con vaste monocolture palme da cocco per estrarne l’olio che si diffondono rapidamente. Nel distretto di Rizal, sede delle più grandi aree della foresta del sud, i nostri partner della Coalition Against Land Grabbing (CALG) hanno ottenuto una vittoria contro questo disastroso sviluppo: sono riusciti a negoziare un congelamento sull’implementazione delle nuove piantagioni di palma da olio con il governo del distretto .

La dichiarazione esplicativa della moratoria recita: "Mentre l'industria beneficia dell'economia delle piantagioni, la diffusione delle palme da olio ha gravi conseguenze per l'ambiente: perdita di biodiversità, erosione dei suoli, inquinamento delle acque, rischi per la salute umana e diffusione di parassiti. ”

"Siamo contenti di questo risultato, anche se il congelamento scadrà tra cinque anni", ha detto un portavoce della CALG.

Per molti anni, CALG ha negoziato con i singoli distretti nel sud di Palawan per portare a una completa cessazione dell'espansione delle piantagioni di palma da olio. Il vicino distretto di Rizal, Quezon, ha messo in atto una simile moratoria già nel 2015.

La CALG è anche riuscita a chiudere due compagnie di palma da cocco: la National Commission of Indigenous Peoples (NCIP) ha bandito le aziende Green Power Palawan Agriculture Corporation e Lionheart Agrotech da qualsiasi attività a Rizal fino a nuovo avviso.

Nel 2016, avevano iniziato a tagliare la foresta sulla terra ancestrale degli indigeni di Pala'wan senza ottenere il loro consenso libero, previo e informato come previsto dalla convenzione ILO articolo numero 169. Le aziende avevano pianificato di convertire un totale di 10.000 ettari di piantagioni di cocco.

Il NCIP ha ora ordinato alle società di soddisfare tutti i prerequisiti usuali prima di procedere. Oltre a fornire informazioni e ottenere l'approvazione delle popolazioni locali, queste includono la valutazione dell'impatto sull'ambiente e sulla vita della popolazione locale, la stesura di un piano di lavoro completo e la definizione chiara dei requisiti di estensione delle piantagioni. 

"Poiché le comunità locali si oppongono a queste piantagioni, abbiamo buone ragioni per credere che le aziende non saranno mai in grado di produrre i documenti richiesti e che non riceveranno l'approvazione delle popolazioni indigene", ha affermato CALG. 

Fin dall'inizio, l'obiettivo principale di CALG era fermare le società promotrici delle piantagioni industriali. "Dopo tre anni di lavoro educativo nelle comunità, scrivendo petizioni e raccogliendo e documentando prove, stiamo finalmente raccogliendo i frutti della nostra resistenza che perdura nel tempo".

Salviamo la Foresta – Rettet den Regenwald e.V. -  supporta da molti anni gli sforzi di CALG. Se vuoi aiutare a proteggere Palawan con una donazione per sostenere il loro lavoro fondamentale puoi farlo a questo link.