Disastri minerari in Brasile per le importazioni: i responsabili?

Risultato della rottura di una diga di contenimento di rifiuti minerari tossici in Brasile La valanga di fango tossico ha ucciso almeno 157 persone e ha completamente distrutto l'ambiente circostante (© EFE News Agency / Alamy Stock Foto)

In Brasile, la rottura di una diga del bacino di contenimento di una miniera di ferro ha ucciso 157 persone ed ha devastato l'ambiente circostante. Ogni anno la UE importa milioni di tonnellate di minerale di ferro. L'industria li usa per produrre automobili, macchinari e acciaio per costruzioni.

Lettera

CA: Governo Italiano e dei paesi membri della UE

Catastrofe nella miniera di ferro di Brumadinho in Brasile: esigiamo regole vincolanti per le importazioni di materie prime.

Leggi tutta la lettera

A Minas Gerais, Brasile, la diga del bacino di contenimento dei rifiuti della miniera di ferro Córrego do Feijão a Brumadinho si è rotta. Oltre 12 milioni di tonnellate di rifiuti tossici sono diventati una valanga mortale a valle del fiume.

Il fango tossico, dopo aver rotto la diga del bacino di contenimento, ha ucciso 157 persone. 182 sono ancora disperse. Il sito minerario, i caseggiati, i fiumi e la vegetazione tropicale si sono coperti di fango contaminato, fino a 15 m di altezza.

Il Brasile è il secondo più grande fornitore di minerale di ferro, con una produzione annua di 430 milioni di tonnellate (t). Il proprietario della miniera è la brasiliana Vale, il più grande esportatore di minerale di ferro al mondo. Nel 2017 ha raggiunto $ 34 miliardi di dollari di profitto in 3 anni.

Tre anni fa, un incidente molto simile si è verificato in una miniera vicina della società Vale. A Mariana ha causato 19 morti e 64 milioni di m3 di fanghi tossici hanno invaso il Rio Doce raggiungendo l’ Atlantico.

Questi disastri o meglio crimini - come le comunità colpite li definiscono - non si verificano solo in Brasile, ma anche in Europa e in Nord America. Consumiamo ogni anno milioni di t di ferro e acciaio per auto, macchinari, e per le costruzioni.

L’Italia ad esempio, è al secondo posto (14,4%) dopo la Germania (26%) nella produzione di acciaio nella UE (2016), e il valore totale del minerale di ferro importato, sempre nel 2016 ammonta a 9.151 tonnellate. 

I governi di diversi paesi UE devono assumersi la responsabilità delle  catene di approvvigionamento di materie prime per l’industria. È necessario garantire il rispetto degli standard di sicurezza e ambientali, e dei diritti umani, nella produzione di materie prime.

Le normative su base volontaria non bastano, abbiamo bisogno di regole e leggi vincolanti.

Infor­mazioni

Il Gruppo Vale

Nel  complesso minerario di Paraopeba, che comprende la miniera di Córrego do Feijão colpita vicino a Brumadinho, il gruppo Vale estrae annualmente circa 27 milioni di tonnellate di minerale di ferro, il sette percento del minerale totale del gruppo. 

Le telecamere di sicurezza della compagnia mineraria hanno registrato la rottura della diga I: la diga alta 83 metri è crollata in pochi secondi. Una valanga composta dal materiale contenuto dalla diga e 12 milioni di tonnellate di materiali tossici hanno invaso la valle, cancellando istantaneamente tutto ciò che incontrava con la sua forza brutale.

Altre dighe potrebbero crollare in qualsiasi momento

Solo tre anni fa, 19 persone sono morte quando un una diga simile è crollata in una miniera di ferro gestita dalla Samarco a Mariana, in Brasile - una joint venture tra Vale e il gruppo minerario australiano BHP Billiton. 62 milioni di metri cubi di fanghi hanno inquinato 800 chilometri del Rio Doce. Il gruppo della società civile tedesco-brasiliana KoBra descrive l'incidente come un crimine contro l'ambiente e il peggiore incidente a livello mondiale nella storia delle miniere.

Almeno 717 altre dighe simili sono gestite da compagnie minerarie solo in Brasile, secondo il quotidiano brasiliano O Globo. Molte di queste sono considerate non sicure. Altri incidenti devastanti potrebbero verificarsi in qualsiasi momento, in particolare in seguito alle forti piogge.

Regolamento della UE sui Conflitti Minerari

Il nuovo Regolamento sui Conflitti Minerari della UE  è un passo nella giusta direzione, ma ha una previsione nel breve periodo e deve essere urgentemente ampliato e migliorato. Inoltre, non sarà in vigore fino al 2021.

Il regolamento copre attualmente solo quattro materie prime - stagno, tantalio, tungsteno e oro - che vengono estratte in paesi politicamente instabili o regioni lacerate dalla guerra. Gran parte del settore della trasformazione industriale, che utilizza queste materie prime in prodotti come automobili, macchine o apparecchi elettrici, è esente. Il regolamento manca anche di disposizioni riguardanti gli aspetti ambientali, i paesi colpiti da grave corruzione e altri problemi.

La corruzione è diffusa nel settore minerario

Molte aziende ricevono agevolazioni minerarie in cambio di tangenti, e molti permessi ambientali e pareri positivi di esperti sono ottenuti elargendo denaro o altre utilità. Il Brasile è attualmente al 105 ° posto su 180 nel Corruption Perceptions Index (CPI) di Transparency International (TI) ottenendo 35 punti su 100 sull'Indice delle percezioni della corruzione del 2018 riportato sempre da TI.

 

Lettura

CA: Governo Italiano e dei paesi membri della UE

Egregio Sig. Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, Egregio Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio:

La responsabilità per la rottura della diga del bacino di contenimento dei rifiuti di una miniera di ferro in Brasile, che ha ucciso oltre 150 persone, mentre l’ ambiente circostante soffre le gravi conseguenze per la tossicità dei fanghi, non è solo della società Vale, con sede in Svizzera- e delle istituzioni del paese stesso.

Anche il governo degli Stati Uniti e governi europei come l’Italia e le industrie del settore hanno le loro responsabilità: importiamo ogni anno circa 9 milioni di tonnellate di minerale di ferro, così come grandi quantità di prodotti siderurgici, per produrre automobili, macchinari, per l'industria, prodotti di consumo e anche per le costruzioni.

La mancanza di sicurezza nelle miniere di ferro ha prodotto gravi effetti catastrofici sull'ambiente e sulla vita delle popolazioni colpite. Il risultato di questi effetti è ampiamente documentato sia in Brasile così come in altri paesi produttori.

Dobbiamo assumerci la responsabilità per l'intera catena di approvvigionamento delle materie prime del settore.

Per questo chiediamo:

- L'introduzione di regole vincolanti affinché i flussi di risorse e la loro tracciabilità siano trasparenti.

- Il vincolo giuridico del rispetto degli obblighi di dovuta diligenza per la tutela dei diritti umani e dell'ambiente.

- L’introduzione del vincolo di precedenza del rispetto dei diritti umani rispetto ai vincoli dei trattati commerciali, degli investimenti ed importazioni delle materie prime.

- L’ampliamento del regolamento della UE sui minerali provenienti dalle zone di conflitto dovrebbe essere esteso a a tutte le materie prime rilevanti, l'industria manifatturiera e la protezione dell'ambiente.

Cordiali saluti,

Questa petizione è disponible in queste lingue:

138.387

Arriviamo a 150.000:

Attività recenti