Siamo impegnati nella difesa delle foreste. Il tuo agire aiuta!
Siamo attivi qui

Siamo attivi in molti luoghi del mondo, appoggiando le organizzazioni locali soprattutto nei paesi tropicali. Leggi qui dove collaboriamo e cosa facciamo

  • agisci
  • risultati
  • donazioni
Foto di gruppo della ONG Aceh Wetland Foundation

15 ago 2022

Indonesia: 300 ettari di zone umide tropicali protette

In collaborazione con Salviamo la Foresta, la pesca con la dinamite e l'abbattimento degli alberi sono stati vietati per proteggere la zona umida di Paya-Nie in Indonesia.

Un uomo su una barca indica la foresta pluviale di Sarawak, nel Borneo.

94.926 firmatari

Malesia: stop alla deforestazione sulle rive dei fiumi Ulu Lioh e Ulu Lijan

Le foreste del Borneo svolgono un ruolo importante nella lotta contro la crisi climatica. Gli indigeni Iban vogliono proteggerle a tutti i costi dai taglialegna.

Madre e cucciolo di gorilla nel Parco Nazionale di Virunga

Repubblica Democratica del Congo

La comunità internazionale si è espressa: NO al petrolio nella RD Congo!

Lunedì gli attivisti ambientalisti africani della RD Congo hanno consegnato la nostra petizione - con oltre 106.650 firme - all'ufficio del presidente congolese a Kinshasa.

Difendiamo l'acqua senza paura

66.378 firmatari

La violenza mineraria contro le donne in Ecuador va fermata adesso

Alba Bermeo Puin era incinta di cinque mesi. Lei e il suo bambino sono stati uccisi nelle prime ore del 22 ottobre da persone legate all'estrazione dell'oro.

Incendio forestale in Brasile

137.437 firmatari

URGENTE: Spegnete gli incendi, teniamo in vita l'Amazzonia

Gli incendi che stanno distruggendo l'Amazzonia sono un ecocidio e una minaccia per l'intero pianeta. Firmate la petizione per chiedere un'azione urgente da parte dell'ONU.

Fotomontaggio: Fotomontaggio: 15 mietitrebbie al lavoro in un campo di soia lasciano una scia a forma di pompa di benzina

51.226 firmatari

La crisi alimentare si aggrava: STOP all’uso di alimenti per i combustibili!

Nonostante l'impennata dei prezzi delle materie prime alimentari e il rischio di sommosse in tutto il mondo, i Paesi continuano ad investire nei biocarburanti.

Brasile: integrante di una popolazione indigena in una piantagione di eucalipto

81.445 firmatari

Brasile: STOP all'eucalipto geneticamente modificato

L'azienda produttrice di cellulosa e carta Suzano vuole piantare in Brasile alberi di eucalipto geneticamente modificati resistenti al glifosato. Unitevi alla protesta.

Formichiere (Myrmecophaga tridactyla) nella savana del Cerrado brasiliano

Brasile

Proteggiamo la savana del Cerrado in Brasile

La savana del Cerrado è ricca di biodiversità, ma viene distrutta dalla coltivazione di soia ed eucalipto. La ONG Forum Carajas sta lavorando sul posto per proteggerla.

Fiume Xingu

Brasile

Un passo avanti verso la protezione del Volta Grande do Xingu nell'Amazzonia brasiliana

Vittoria cruciale per fermare un progetto di estrazione d'oro a cielo aperto che sta causando conflitti sempre più gravi nell'Amazzonia brasiliana.

Protesta contro l'attività mineraria in Ecuador, davanti alla sede del Ministero dell'Ambiente

Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Honduras, Messico, Panamá, Perù

Nessuna tregua: Per la vita e il territorio, il COVID-19 e la resistenza alla pandemia mineraria

Durante la pandemia, le attività di esplorazione avanzata delle compagnie minerarie canadesi hanno minacciato il territorio indigeno Shuar Arutam nell'Amazzonia ecuadoriana.

Diverse persone si trovano all'interno del rivestimento in legno di balsa per la costruzione della pala di un rotore.

65.314 firmatari

Ecuador: si all'energia eolica ma senza sacrificare le foreste

Il consumo di grandi quantità di legno di balsa da parte dell'industria eolica porta a un eccessivo sfruttamento ambientale e a conflitti sociali nelle foreste dell'Ecuador.

Un bonobo seduto sul ramo di un albero nella Repubblica Democratica del Congo

114.148 firmatari

È urgente salvare le foreste della RD Congo dalla voracità dell'industria petrolifera

Il presidente della RDC vuole sacrificare vaste aree di foresta per l'estrazione di petrolio. Un disastro per la popolazione, la biodiversità e il clima globale.