Siamo impegnati nella difesa delle foreste. Il tuo agire aiuta!
Siamo attivi qui

Siamo attivi in molti luoghi del mondo, appoggiando le organizzazioni locali soprattutto nei paesi tropicali. Leggi qui dove collaboriamo e cosa facciamo

  • agisci
  • risultati
  • donazioni
Indigeni Penan a Sarawak

Malaysia

Malesia: foreste salvate dalle piantagioni di olio di palma

Bloccato un progetto per una piantagione di palma da olio nel Parco nazionale di Gunung Mulu. Un grande successo per le popolazioni indigene della zona.

Dopo un raid nella comunità Maya Q'eqchi di Chinabal Alto, le donne esprimono il loro dolore, la loro paura e la loro indignazione.

57.852 firmatari

Guatemala: Per la palma da olio, raid nella comunità indigena Maya

La comunità di Chapín Alto sta subendo gravi repressioni, arresti, violenze e criminalizzazioni per aver impedito l'avanzata della palma da olio e delle miniere.

Una mandria di bovini nel Mato Grosso

406.368 firmatari

Il trattato UE-Mercosur è una minaccia per le foreste ed il clima

La UE vuole concludere quanto prima un accordo di libero scambio con quattro paesi sudamericani che sperano di le loro carni a buon mercato sul mercato europeo.

Un guardiano della foresta

67.260 firmatari

All’ONU: per salvare la biodiversità, rafforziamo i diritti degli indigeni!

L'ONU vuole classificare il 30% del pianeta come area protetta entro il 2030. Un piano molto discutibile per salvaguardare la biodiversità.

Un uomo su una barca indica la foresta pluviale di Sarawak, nel Borneo.

95.574 firmatari

Malesia: stop alla deforestazione sulle rive dei fiumi Ulu Lioh e Ulu Lijan

Le foreste del Borneo svolgono un ruolo importante nella lotta contro la crisi climatica. Gli indigeni Iban vogliono proteggerle a tutti i costi dai taglialegna.

Madre e cucciolo di gorilla nel Parco Nazionale di Virunga

Repubblica Democratica del Congo

La comunità internazionale si è espressa: NO al petrolio nella RD Congo!

Lunedì gli attivisti ambientalisti africani della RD Congo hanno consegnato la nostra petizione - con oltre 106.650 firme - all'ufficio del presidente congolese a Kinshasa.

Difendiamo l'acqua senza paura

73.627 firmatari

La violenza mineraria contro le donne in Ecuador va fermata adesso

Alba Bermeo Puin era incinta di cinque mesi. Lei e il suo bambino sono stati uccisi nelle prime ore del 22 ottobre da persone legate all'estrazione dell'oro.

Incendio forestale in Brasile

138.465 firmatari

URGENTE: Spegnete gli incendi, teniamo in vita l'Amazzonia

Gli incendi che stanno distruggendo l'Amazzonia sono un ecocidio e una minaccia per l'intero pianeta. Firmate la petizione per chiedere un'azione urgente da parte dell'ONU.

Fotomontaggio: Fotomontaggio: 15 mietitrebbie al lavoro in un campo di soia lasciano una scia a forma di pompa di benzina

51.744 firmatari

La crisi alimentare si aggrava: STOP all’uso di alimenti per i combustibili!

Nonostante l'impennata dei prezzi delle materie prime alimentari e il rischio di sommosse in tutto il mondo, i Paesi continuano ad investire nei biocarburanti.

Brasile: integrante di una popolazione indigena in una piantagione di eucalipto

82.005 firmatari

Brasile: STOP all'eucalipto geneticamente modificato

L'azienda produttrice di cellulosa e carta Suzano vuole piantare in Brasile alberi di eucalipto geneticamente modificati resistenti al glifosato. Unitevi alla protesta.

Formichiere (Myrmecophaga tridactyla) nella savana del Cerrado brasiliano

Brasile

Proteggiamo la savana del Cerrado in Brasile

La savana del Cerrado è ricca di biodiversità, ma viene distrutta dalla coltivazione di soia ed eucalipto. La ONG Forum Carajas sta lavorando sul posto per proteggerla.

Fotomontaggio - DNA nella foresta

143.975 firmatari

Ci opponiamo alla manipolazione genetica delle foreste

L'industria statunitense dell'ingegneria genetica parla dell'intervento sul materiale genetico degli alberi come di un modo per salvare specie vegetali e foreste.