Siamo impegnati nella difesa delle foreste. Il tuo agire aiuta!
Siamo attivi qui

Siamo attivi in molti luoghi del mondo, appoggiando le organizzazioni locali soprattutto nei paesi tropicali. Leggi qui dove collaboriamo e cosa facciamo

  • agisci
  • risultati
  • donazioni
Quadro di folla con manifesto "Save Aru", sullo sfondo mare e navi

Indonesia

Indonesia: le isole Aru sono in pericolo a causa del commercio del carbonio

Per il commercio di CO2 vogliono sfruttare la foresta pluviale delle isole Aru, tra Australia e Nuova Guinea. La coalizione #SaveAru chiede di fermare l'autorizzazione.

María Muñiz Tupinambá, sorella della leader indigena assassinata María de Fátima Muñiz Pataxó "Nega", viene abbracciata da un partecipante alle esequie.

Brasile

Brasile: un attacco di proprietari terrieri e polizia uccide un leader indigeno

200 proprietari terrieri si organizzano via WhatsApp in Brasile per attaccare gli indigeni Pataxó Hã-Hã-Hãe: una leader indigena uccisa e suo fratello gravemente ferito.

Una rappresentante di Rettet den Regenwald/Salviamo la Foresta alla Banca Mondiale

Tanzania

Finanziato dalla Banca Mondiale: Il governo della Tanzania mostra scarsa considerazione per le popolazioni indigene

La Banca Mondiale sospende i finanziamenti per il progetto REGROW in Tanzania. Lo ha confermato Salviamo la Foresta durante i meeting di primavera della Banca Mondiale.

Donne accusate di terrorismo per aver difeso la vita e la natura dalle miniere protestano con un cartello "Non siamo terroriste".

5.288 firmatari

Fermate la violenza mineraria: difendere la terra non è terrorismo!

Difendere la vita e la terra non è terrorismo e una consultazione ambientale gestita con la violenza non ha alcuna validità.

Alleanza in difesa delle foreste della RD Congo: consegnate oltre 110.000 firme all'ambasciata a Berlino

Repubblica Democratica del Congo

Il petrolio può inquinare le foreste africane e causare cambiamenti climatici

Unità di intenti sulla petizione contro l'estrazione di petrolio in difesa delle foreste della RD Congo davanti all'ambasciata della RD Congo a Berlino il 4 agosto 2022.

Foto di gruppo della ONG Aceh Wetland Foundation

15 ago 2022

Indonesia: 300 ettari di zone umide tropicali protette

In collaborazione con Salviamo la Foresta, la pesca con la dinamite e l'abbattimento degli alberi sono stati vietati per proteggere la zona umida di Paya-Nie in Indonesia.

indigeni Penan di Sarawak

Malaysia

Malesia: foreste salvate dalle piantagioni di olio di palma

Bloccato un progetto per una piantagione di palma da olio nel Parco nazionale di Gunung Mulu. Un grande successo per le popolazioni indigene della zona.

Vota si per lo Yasuni

Ecuador

Ecuador: il referendum blocca lo sfruttamento petrolifero nel Parco Nazionale Yasuní

Un grande successo in Ecuador: in un referendum, il 59% della popolazione ha votato a favore della fine dell'estrazione di petrolio nella foresta del Parco Nazionale Yasuní.

Un gruppo di giovani siede e sta in piedi di fronte a un albero sulla spiaggia.

Cambogia

Premio Nobel alternativo per Mother Nature Cambogia

Il gruppo giovanile Mother Nature Cambogia ha ricevuto il Premio Nobel alternativo per il suo impegno nella conservazione della natura e dei diritti umani. Congratulazioni!

Fermiamo la miniera d'oro che minaccia le tigri di Sumatra!

81.380 firmatari

Fermiamo la miniera d'oro che minaccia le tigri di Sumatra!

Il progetto di una miniera d'oro minaccia l'ecosistema di Leuser e con esso la tigre, l'elefante, il rinoceronte e l'orango. Sostenete gli ambientalisti di Sumatra.

Branco di elefanti nel Serengeti

80.032 firmatari

Banca Mondiale: non finanziate le atrocità contro le popolazioni locali in Tanzania!

Il progetto REGROW finanzia il "turismo naturalistico" in Tanzania. È accusato di aver "permesso" sfratti, stupri e omicidi da parte dei ranger dei parchi nazionali.

Una colorata rana verde dagli occhi rossi si posa su un fiore.

71.282 firmatari

Panama vuole fermare le miniere e la corruzione

La foresta pluviale, la biodiversità e l'acqua pulita sono molto più importanti di milioni di dollari di entrate che significano natura distrutta e ambiente inquinato.