Siamo impegnati nella difesa delle foreste. Il tuo agire aiuta!
Siamo attivi qui

Siamo attivi in molti luoghi del mondo, appoggiando le organizzazioni locali soprattutto nei paesi tropicali. Leggi qui dove collaboriamo e cosa facciamo

  • agisci
  • risultati
  • donazioni
Brasile: integrante di una popolazione indigena in una piantagione di eucalipto

79.856 firmatari

Brasile: STOP all'eucalipto geneticamente modificato

L'azienda produttrice di cellulosa e carta Suzano vuole piantare in Brasile alberi di eucalipto geneticamente modificati resistenti al glifosato. Unitevi alla protesta.

Fotomontaggio: Fotomontaggio: 15 mietitrebbie al lavoro in un campo di soia lasciano una scia a forma di pompa di benzina

50.076 firmatari

La crisi alimentare si aggrava: STOP all’uso di alimenti per i combustibili!

Nonostante l'impennata dei prezzi delle materie prime alimentari e il rischio di sommosse in tutto il mondo, i Paesi continuano ad investire nei biocarburanti.

Formichiere (Myrmecophaga tridactyla) nella savana del Cerrado brasiliano

Brasile

Proteggiamo la savana del Cerrado in Brasile

La savana del Cerrado è ricca di biodiversità, ma viene distrutta dalla coltivazione di soia ed eucalipto. La ONG Forum Carajas sta lavorando sul posto per proteggerla.

Diverse persone si trovano all'interno del rivestimento in legno di balsa per la costruzione della pala di un rotore.

63.777 firmatari

Ecuador: si all'energia eolica ma senza sacrificare le foreste

Il consumo di grandi quantità di legno di balsa da parte dell'industria eolica porta a un eccessivo sfruttamento ambientale e a conflitti sociali nelle foreste dell'Ecuador.

Protesta contro l'attività mineraria in Ecuador, davanti alla sede del Ministero dell'Ambiente

Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Honduras, Messico, Panamá, Perù

Nessuna tregua: Per la vita e il territorio, il COVID-19 e la resistenza alla pandemia mineraria

Durante la pandemia, le attività di esplorazione avanzata delle compagnie minerarie canadesi hanno minacciato il territorio indigeno Shuar Arutam nell'Amazzonia ecuadoriana.

Un bonobo seduto sul ramo di un albero nella Repubblica Democratica del Congo

112.510 firmatari

È urgente salvare le foreste della RD Congo dalla voracità dell'industria petrolifera

Il presidente della RDC vuole sacrificare vaste aree di foresta per l'estrazione di petrolio. Un disastro per la popolazione, la biodiversità e il clima globale.

Fiume Xingu

Brasile

Un passo avanti verso la protezione del Volta Grande do Xingu nell'Amazzonia brasiliana

Vittoria cruciale per fermare un progetto di estrazione d'oro a cielo aperto che sta causando conflitti sempre più gravi nell'Amazzonia brasiliana.

Foto dell'indigeno Sarapó Ka'apor con decorazione di piume

76.415 firmatari

Brasile: il popolo indigeno Ka'apor ha bisogno del nostro aiuto

I Ka'apor si appellano all'opinione pubblica per difendere il loro territorio dell'Alto Turiaçu dagli accaparratori di terre, dagli speculatori immobiliari e dai minatori.

Fotomontaggio - DNA nella foresta

143.793 firmatari

Ci opponiamo alla manipolazione genetica delle foreste

L'industria statunitense dell'ingegneria genetica parla dell'intervento sul materiale genetico degli alberi come di un modo per salvare specie vegetali e foreste.

La vicepresidente della Commissione europea Věra Jourová (a destra) riceve e accetta la petizione

2 feb 2022

Petizione con 213.432 firme consegnata alla Commissione Europea

213.432 cittadini hanno già firmato la petizione alla UE per chiedere una migliore protezione contro le SLAPP (cause di intimidazione). Ora attendiamo una legge europea.

Un uomo su una barca indica la foresta pluviale di Sarawak, nel Borneo.

60.081 firmatari

Malesia: stop alla deforestazione sulle rive dei fiumi Ulu Lioh e Ulu Lijan

Le foreste del Borneo svolgono un ruolo importante nella lotta contro la crisi climatica. Gli indigeni Iban vogliono proteggerle a tutti i costi dai taglialegna.

Una miniera di nickel a cielo aperto

Italia

Preoccupante: con il Patto Verde della UE l’Italia si apre alle miniere su vasta scala

La UE ritiene la mobilità elettrica neutrale per il clima e sfrutterà i suoi territori per l'accaparramento dei materiali per alimentarla, coinvolgendo anche l'Italia.