Petizioni online per difendere le foreste

La tua firma aiuta a difendere le foreste! Le nostre petizioni online si riferiscono a progetti che distruggono le foreste e fanno il nome dei responsabili. Uniti siamo più forti!

Orango di Tapanuli

I rari Oranghi di Tapanuli minacciati da una diga

92.283 firmatari

L’Orango di Tapanuli, una specie identificata solo nel 2017, è già in pericolo di estinzione. Si contano solo 800 esemplari nella foresta di Sumatra. La costruzione di una diga idroelettrica distruggerà il loro habitat. Dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere gli ultimi Oranghi di Tapanuli rimasti.

Nestlé è il più grande fornitore di acqua minerale al mondo

Le risorse idriche di Vittel minacciate da Nestlé

106.228 firmatari

Nestlé estrae acqua minerale a Vittel. I suoi abitanti dovranno presto rifornirsi da una conduttura, per consentite l’esportazione di acqua in bottiglia. Il livello delle acque sotterranee è sceso di 10 metri. Cittadini ed ecologisti chiedono la fine del business inutile e dannoso dell'acqua imbottigliata. Unite la vostra firma.

Un trattore sulla superficie della foresta bruciata

Il tempo stringe: la UE deve fermare la deforestazione

123.945 firmatari

Sapevi che le abitudini di consumo nel mondo incoraggiano la deforestazione? La produzione di carne, soia, olio di palma e cacao sono responsabili del 70% della deforestazione. La UE importa molti di questi prodotti e si impegna a fermare la deforestazione per il 2020. Mancano solo 20 mesi, ora deve agire!

Antilope nera (Hippotragus niger)

Mozambico: biodiversità distrutta per produrre cellulosa

134.269 firmatari

In Mozambico, per produrre cellulosa, taglieranno fino a 237.000 ha di foresta. La società Portucel vuole sostituire la terra con monocolture di eucalipto. Le popolazioni si sono impoverite.I finanziatori dovrebbero rinunciare al progetto ed evitare una catastrofe sociale ed ecologica. Unisciti a questa petizione.

Un bufalo

Canada: devastante progetto di sabbie bituminose

102.913 firmatari

In Canada, la società Teck Resources pianifica la più grande estrazione di sabbie bituminose di tutti i tempi. Colpirà 292 km² di foreste e zone umide, minacciando il Forest Buffalo National Park in Alberta, danneggiando anche il clima. Unisciti a questa petizione con la tua firma!

Mandria di bovini nel Mato Grosso

No alla massiccia importazione di carne dal Sud America!

142.137 firmatari

La UE vuole concludere al più presto un accordo di libero scambio con quattro paesi sudamericani che sperano di esportare le loro carni bovine a buon mercato nel mercato europeo. Tutto questo a scapito di foreste e savane che verrebbero sostituite dai pascoli. Unite la vostra firma contro l'accordo UE-Mercosur.

Rifiuti di plastica vicino al fiume Danubio e cigni sullo sfondo

Noi affoghiamo nella plastica: la UE deve attivarsi ORA!

156.829 firmatari

Imballaggi in PET, frutta e verdura confezionate, vestiti: le nostre giornate sono piene di plastica. E anche di rifiuti di plastica: in Europa solo il 30 percento viene riciclato. Con la sua nuova strategia, la UE vuole risolvere il problema senza ridurre l'uso della plastica. Esigiamo l’eliminazione della plastica.

Foresta devastata dagli incendi in Indonesia

Stop al libero commercio di olio di palma

149.248 firmatari

L'Indonesia negozia con la UE l'accordo di libero commercio CEPA. Le organizzazioni indonesiane chiedono che l'olio di palma non faccia parte dell'accordo. Con il CEPA, altro olio di palma arriverebbe in Europa, il che significa più deforestazione, più emissioni di carbonio e più torbiere distrutte.

Bucero dall’elmo (Rhinoplax vigil)

Un volatile unico da salvare: il Bucero dall’Elmo

148.574 firmatari

Il bucero dall’elmo è in grave pericolo: il suo becco rosso è un oggetto decorativo molto ricercato in Cina e ci sono persone che pagano prezzi esorbitanti per averlo. La specie è sull'orlo dell'estinzione. E 'urgente fermare la caccia ed il traffico illegali. Unite la vostra firma a sostegno di questa petizione.

Ape impollinatrice su un fiore

Salviamo la vita delle api!

293.427 firmatari

L’industria chimica è in guerra con la natura. Le sostanze neonicotinoidi sono le più pericolose fabbricate dall’uomo. In agricoltura con questi veleni si eliminano, oltre alle piaghe, anche innumerevoli insetti benefici come le api. Per favore chiedetene la proibizione.

Esclusiva: foto del cercocebo dal collare nella foresta di Atewa in Ghana

Il Ghana non deve vendere la sua natura alla Cina

96.592 firmatari

Alcuni ricercatori hanno avvistato una rara specie di primati nella foresta di Atewa – un cercocebo dal collare. Fonte di una ricca biodiversità, la fitta foresta pluviale nel sud-est del Ghana è protetta, ma il governo ha raggiunto un accordo multimiliardario con la Cina per estrarre bauxite. Dobbiamo impedirlo.

Tartaruga gigante delle Seychelles (Aldabrachelys gigantea)

Paradiso ecologico o campo di battaglia?

191.339 firmatari

L'atollo di Aldabra, isole Seychelles, nell’Oceano Indiano è un rifugio per le tartarughe giganti. La sua varietà di pesci e coralli è incredibile. L'esercito indiano vuole costruire una base militare che minaccia questo patrimonio dell'UNESCO. Unisci la tua firma per proteggere le isole da questa nuova minaccia.

Capanna eco turistica di Junín, Intag

Salviamo le foreste di montagna per le future generazioni!

90.807 firmatari

L'estrazione mineraria è una seria minaccia per le ultime foreste dell'Ecuador, ad Intag, Imbabura, nel nord del paese. Le aziende minerarie hanno iniziato a esplorare, contaminare e abbattere la riserva forestale nella comunità di Junín. Ed è solo una delle 33 concessioni nella zona. Firma la petizione.

oranghi

Rinunciate a olio di palma e biodiesel, salvate gli oranghi!

277.867 firmatari

In ogni litro di carburante ci sono olio di palma, colza, grano o barbabietola: la UE impone queste miscele. La coltivazione di olio di palma causa gravi danni ambientali. Nel Borneo, la popolazione di oranghi si è ridotta di 100.000 unità. La UE sta discutendo la sua futura politica in materia di bioenergia. Firma.

Le escavatrici in fila indiana entrano nella foresta

Amazzonia, Perù: 100.000 ettari di foresta minacciati da una strada

154.533 firmatari

Chilometri di foresta sono già stati sezionati nella regione di Ucayali. I bulldozer aprono le strade ai taglialegna e all'industria della palma da olio - apparentemente senza alcuna autorizzazione. 100.000 ettari di foresta sono minacciati. Chiediamo alle autorità peruviane di fermare la deforestazione.

L'orso nero (Ursus americanus) si arrampica su un gigantesco albero sull'isola di Vancouver, in Canada

Canada: tagliano alberi antichi di 500 anni, fermiamoli!

168.698 firmatari

Le foreste del Canada occidentale sono uno degli ecosistemi più rari al mondo. Sull'isola di Vancouver, il 90% degli alberi ancestrali è già stato abbattuto. Unitevi a noi, per chiedere al governo della British Columbia di fermare immediatamente la distruzione della natura e proteggere le foreste.

Numerosi uccelli stipati nelle gabbie al mercato

Indonesia: fermate il commercio di uccelli esotici!

199.790 firmatari

Uno spettacolo agghiacciante – migliaia di uccelli rattrappiti in minuscole gabbie nei mercati indonesiani. I cacciatori di uccelli che riforniscono questi mercati contribuiscono all’estinzione e causano danni incalcolabili alla biodiversità. Diciamo al governo indonesiano di bandire sin d’ora questo commercio.

Un taglialegna posa con la motosega accanto ai tronchi di palissandro in Nigeria

Ma cosa sta aspettando l'ONU? Stop al traffico di palissandro!

122.267 firmatari

Scandalo all'ONU dove la Vicesegretaria generale sarebbe coinvolta nel commercio illegale di palissandro. Amina J. Mohammed, quando era ministro dell'ambiente della Nigeria, avrebbe approvato la vendita di 10.000 containers di legno per la Cina. L'ONU deve contrastare il commercio illegale di legname e perseguire i responsabili.

Una donna in una baia circondata da acqua, rocce e sabbia

Il furto di sabbia sull'isola di Celebes va fermato

116.524 firmatari

C'è sempre meno sabbia. La sabbia viene estratta dalle spiagge e il mare dragato per l'industria delle costruzioni di tutto il mondo. In Indonesia, stanno sottraendo sabbia in tutta la fascia costiera. Come nella baia di Palu sull'isola di Celebes. La rete contro le miniere Khatam ha lanciato l'allarme.

Fotomontaggio: un koala che cade da un albero tagliato da una motosega

STOP alla deforestazione nell'habitat dei koala

164.789 firmatari

I koala hanno bisogno del nostro aiuto in Australia. Il loro habitat viene distrutto ad una velocità disarmante a causa dell'alleggerimento delle leggi: nello stato del Queensland, spesso, la deforestazione avviene senza bisogno di permessi o monitoraggio. Gli abbattimenti devono cessare immediatamente!

Tartaruga verde di mare

Impediamo a Trump di distruggere la natura

159.488 firmatari

Il presidente degli USA Trump vuole ridurre le aree protette del suo paese e aprirle allo sfruttamento industriale. Paradisi naturali unici sono minacciati. Tra questi, il Pacific Remote Islands Marine National Monument, una delle aree protette più grandi del mondo. Unitevi a questa petizione.

Le donne del popolo Ekuri dipendono dalla foresta

Non c'è più tempo per il popolo Ekuri in Nigeria

326.159 firmatari

Succede in Nigeria. Mentre scriviamo questa petizione virtuale, i bulldozer si dirigono a Ekuri per distruggere la foresta. Il popolo Ekuri si è già rivolto al governatore e al presidente della Nigeria, Buhari, per proteggere le foreste con determinazione e in modo non violento.

Striscione con la scritta "Resistencia Digna" nel TIPNIS

Fermiamo l'autostrada che taglia in due la foresta della Bolivia

144.399 firmatari

Il governo boliviano ha recuperato il progetto stradale che taglierebbe in due il Territorio Indigeno e il Parco Nazionale TIPNIS. Questo territorio forestale è un patrimonio per la Bolivia e per il mondo. Firma la petizione al presidente boliviano in difesa del TIPNIS e delle comunità indigene ancestrali.

Fotomontaggio: la foresta abbattuta e il logo Mars

Fuori le piantagioni di cacao dalle foreste della Costa d'Avorio!

151.540 firmatari

Le foreste della Costa d'Avorio vengono distrutte per implementare piantagioni di cacao - nemmeno i parchi nazionali sono al sicuro. I principali produttori di cioccolato chiudono un occhio davanti alla distruzione. Mars e ad altri produttori: non sacrificate la foresta tropicale per il nostro cioccolato!

Camion per il contrabbando di legno dalla Cambogia verso Vietnam

Aiutateci a proteggere le foreste della Cambogia

127.733 firmatari

Legame illegale del sud-est asiatico con licenza? Potrebbe essere possibile. L'UE sta negoziando un accordo con il Vietnam che faciliterebbe questo commercio. Però, il legname che esporta il Vietnam spesso proviene dai parchi nazionali della Cambogia. Chiediamo che non ci sia accordo se il saccheggio non si ferma.

Un integrante indigeno dell’Amazzonia

Amazzonia viva, umanità al sicuro

154.906 firmatari

Le popolazioni indigene dell'Amazzonia devono far fronte alle stesse minacce: l'etnocidio e la distruzione della più grande riserva forestale idrica e biodiversa, del pianeta. Firma la petizione a sostegno delle nove organizzazioni territoriali amazzoniche integranti di COICA.

Aeroplano sopra una foresta distrutta

Volare a olio di palma? Pessima idea!

199.543 firmatari

Utilizzando i biocarburanti, l'aviazione punta ad espandersi affermando che volare ha un impatto "neutrale" sul clima. L'industria utilizza 285 milioni di tonnellate di bio cherosene ogni anno. Quello che non dicono: usano olio di palma la cui produzione implica l’abbattimento massiccio delle foreste. Firma la petizione.

47.000 km² di foresta amazzonica in pericolo !

47.000 km² di foresta amazzonica in pericolo!

162.687 firmatari

Il presidente brasiliano Michel Temer sacrifica foreste preziose. Ha reso disponibile un'ampia area protetta per lo sfruttamento dell'industria agraria e mineraria. È un "dono" che consente ai poteri economici del suo paese di rimanere al potere e di sfuggire alle accuse di corruzione. Firmi la petizione?

Foto aerea della deforestazione per fare spazio alle piantagioni di palma da olio dell'azienda Korindo a Papua, Indonesia.

Fuori Samsung dalla foresta di Papua!

148.038 firmatari

Samsung guadagna vendendo smartphone e televisori - e distrugge le foreste. La multinazionale investe nella controversa azienda palmicultrice Korindo che abbatte le foreste a Papua, Indonesia.

Mangrovie nel Kalimantan Occidentale Indonesia

Unilever: il vostro olio di palma non è "sostenibile"

160.822 firmatari

L’olio di palma "sostenibile" di Unilever è una promessa vana. L'azienda deve essere consapevole che il suo fornitore Wilmar contribuisce alla distruzione di una delle più grandi foreste di mangrovie in Indonesia. Unilever non deve comprare olio di palma da aziende che saccheggiano le foreste

Forno primitivo per la produzione di carbone, e tronchi di alberi abbattuti nel Chaco paraguaiano

Come grigliarsi la foresta, senza saperlo

159.359 firmatari

Abbattono le foreste del Chaco paraguaiano per farne carbonella per la griglia. Specie minacciate e uno degli ultimi dei popoli indigeni rimasti isolati dalla società industriale sono danneggiati. Chiediamo ai supermercati europei di non vendere il carbone proveniente dalla distruzione delle foreste del Paraguay.

Elefante vittima dei bracconieri a cui hanno strappato la pelle

Proibite la vendita di pelle di elefante

209.093 firmatari

Si tratta di un business ignobile: elefanti asiatici uccisi per la produzione di gioielli e pomate miracolose che tratterebbero l'eczema, l'acne e i disturbi digestivi. Vi invitiamo a firmare la nostra petizione per chiedere la fine del commercio di pelle di elefante.

Un tronco tagliato e trasportato attraverso la foresta

La Norvegia finanzierà la distruzione delle foreste del Congo?

154.893 firmatari

Il governo norvegese sta considerando il finanziamento di progetti industriali per l’abbattimento della foresta nella Repubblica Democratica del Congo che interesserà 20 milioni di ettari di foreste tropicali. Il commercio di legname tropicale distrugge la vita delle popolazioni, la biodiversità e riscalda il clima.

Il bisonte europeo nella foresta di Bialowieza in Polonia

Proteggete la foresta di Bialowieza e il bisonte europeo

189.920 firmatari

No c’è una foresta come quella di Bialowieza in Europa. Alcune parti sono rimaste intatte per secoli e la sua biodiversità è unica. Oggi, però, in alcune zone è iniziata la deforestazione. Chiediamo al governo polacco e all'Unesco di impedire la distruzione di una delle ultime grandi foreste d’Europa.

Una bambina di Palwan ha tra le braccia il Taro, un vegetale locale, e sullo sfondo si intravede il villaggio

Vogliamo la nostra terra, non palme da olio!

185.127 firmatari

La diffusione della palma da olio nelle Filippine ha gravi implicazioni per il territorio, le tradizioni e cultura dei popoli indigeni, ma anche per l'ambiente e la vita delle generazioni future dei filippini. Firmate la petizione al governo e alle autorità di Palawan e Mindanao per fermare gli investimenti industriali di palma da olio.

Alcuni scimpanzé in Uganda

La foresta è più importante dello zucchero

163.669 firmatari

Nella foresta protetta di Bugoma in Uganda vivono 500 scimpanzé. Il loro habitat è in pericolo: l'azienda Hoima Sugar si inoltra in questo rifugio per piantare canna da zucchero. La popolazione locale si oppone a questa distruzione. Firmate la petizione al governo dell'Uganda per impedire il saccheggio di queste terre

I legni pregiati sono tagliati illegalmente in Africa

Stop al saccheggio di palissandro in Nigeria!

172.011 firmatari

"Se un divieto efficace per proteggere il palissandro in Nigeria non verrà applicato immediatamente, non ci sarà più nulla", avverte l’ambientalista Hazel Chapman. I taglialegna non rispettano nemmeno il Parco Nazionale Gashaka Gumti. Unite la vostra firma a questa petizione per vietare l'esportazione di palissandro dalla Nigeria.

Odey Oyama in una piantagione di ananas/ananá nel Parco Nazionale di Cross River in Nigeria

Nigeria: le piantagioni di ananas distruggono le foreste

140.063 firmatari

Odey Oyama si trova dove un tempo c'era una foresta rigogliosa. L'area fa parte del Parco Nazionale di Cross River in Nigeria. Però, il Gruppo Dangote ha tagliato le foreste per fare posto alle piantagioni di ananas. "L'azienda viola la legge nigeriana", dice Odey: "Dobbiamo eliminare le piantagioni all'interno del Parco Nazionale"

Immagine scioccante: un elefante le cui zanne d'avorio e metà della sua testa sono state mozzate, immagine proveniente da una strada all'interno del Parco Nazionale del Virunga

L'UE deve porre fine al commercio di avorio, subito!

390.583 firmatari

L'UE è profondamente implicata nel commercio di avorio. Tonnellate di avorio sono state importate, esportate e commercializzate sul suo territorio. L’Europa, per questo, aiuta gli assassini di elefanti. Facciamo appello per un divieto totale del commercio di avorio, anche in Europa!

Una foresta tagliata e bruciata

Tagliare la foresta per produrre biocombustibili: follia TOTALE.

191.969 firmatari

Come ha già fatto l'italiana ENI-Agip anche la francese TOTAL ora punta sull’olio di palma e progetta una "bioraffineria" vicino a Marsiglia per l’aumento nei consumi di gasolio. Il Parlamento Europeo, invece, chiede di eliminare i biocombustibili con olio di palma e altri oli vegetali. Firmate per fermare il progetto di TOTAL.

Paini si oppone all’industria del cemento a Kendeng – Giava -Indonesia

No al sacrificio di Kendeng per il cemento!

131.999 firmatari

Il gruppo tedesco Heidelberg Cement vuole costruire una fabbrica di cemento sulle montagne carsiche di Kendeng, sull'isola di Giava. Questo progetto rappresenta una catastrofe ecologica e umanitaria: le montagne carsiche sono molto sensibili. La popolazione locale si oppone con tutte le sue forze.

Open pit miniera d'oro

Miniera d'oro nella Guyana Francese? NO!

242.684 firmatari

Il governo francese sta promuovendo, discretamente, l'industrializzazione del settore aurifero nella Guyana francese. Il progetto Golden Mountain, previsto per il 2018, si convertirà nella più grande miniera d'oro in terra francese. Con gravi impatti ambientali e sociali, aprirà il passaggio ad altre multinazionali minerarie.

Traffico di legname in Liberia

Liberia: legname illegale fuori dalla UE!

145.903 firmatari

La UE ha firmato un accordo commerciale per il legname con la Liberia. Ma acquistare da un settore così corrotto è dannoso per lo sviluppo del paese. Ancora di più per le loro foreste. Diciamo alla UE che non importi legno dalla Liberia proveniente da concessioni generalmente illegali. Firma la petizione per l'Unione europea.

Le comunità indigene bloccano una strada forestale in Malesia occidentale

La foresta dei Temiar è in pericolo

147.095 firmatari

I taglialegna stanno distruggendo le foreste della provincia malese di Kelantan. Gli indigeni Temiar hanno costruito barricate per proteggere la loro terra da ulteriori saccheggi, ma il governo reprime con la violenza la loro protesta pacifica. Dimostrate la vostra solidarietà con il popolo Temiar firmando la nostra petizione, grazie.

Elefante di Sumatra

Non c’è tempo per gli elefanti di Sumatra

154.143 firmatari

Alcuni degli ultimi elefanti di Sumatra vivono ancora nella foresta di Sepintun - un habitat minacciato dalle piantagioni industriali e dalle miniere. Gli ambientalisti hanno scoperto resti di elefanti uccisi: il loro avorio è ambito e i conflitti con l'uomo aumentano. Unitevi a questa petizione per salvaguardare gli elefanti.

Lo scimpanzé (Pan troglodytes versus) è una specie in pericolo di estinzione

Aiutateci a prevenire l'estinzione degli scimpanzé

135.484 firmatari

É allarme per gli scimpanzé in Africa occidentale. Oggi sono considerati specie "in pericolo". La maggior parte vive fuori dalle aree protette. I governi dell'Africa occidentale devono fare di tutto per salvare i nostri discendenti più stretti. Unitevi a questa petizione con una firma.

Una bambina in una piantagione di palma da olio guarda con ansia in direzione dei logo di Kellogg’s, Nestle,  Unilever e Procter & Gamble

Kellogg’s & Co: Bandite il lavoro minorile per l'olio di palma

155.231 firmatari

Lavorare nelle piantagioni, invece di andare a scuola: Amnesty International denuncia l’operato di Wilmar, n ° 1 al mondo tra i fornitori di olio di palma per marchi importanti come Colgate Palmolive, Kellogg’s, Nestlé, Procter & Gamble e Unilever. Le multinazionali devono attivarsi per impedire il lavoro minorile.

I distributori di caffè Nespresso invadono l'ambiente con i loro inutili rifiuti in alluminio

@Nespresso & Co: Stop al caffè in capsule di alluminio!

272.435 firmatari

Gli amanti del caffè sono sempre più propensi ad utilizzare le capsule. Un business d'oro per Nespresso e altri. Ma anche un disastro ambientale: l'alluminio utilizzato nella maggior parte delle capsule provoca la deforestazione ed è uno spreco evitabile. Non vi è alcuna necessità di alluminio per fare un buon caffè!

Un piccione imperiale della Polinesia (Ducula aurorae), nello sfondo la foresta incontaminata, situata sulle scogliere dell'isola di Makatea nella Polinesia Francese

Polinesia Francese: Salviamo Makatea l'Arca di Noè del Pacifico

191.249 firmatari

L'isola calcarea di Makatea ospita una delle ultime foreste primarie della Polinesia Francese. Dimora di flora e fauna endemiche, questo contesto naturale al di sopra del livello del male è minacciato di distruzione dall’industria del fosfato. Appoggiamo la popolazione locale per impedire la distruzione della foresta.

Si prega di non deforestare

Non piantate palma da olio nella foresta del Camerun

204.675 firmatari

Speculatori di New York progettano di piantare palma da olio nella foresta del Camerun. Perseguendo lo stesso obiettivo, anche i diplomatici americani hanno fatto pressione al governo africano. Ma la popolazione vuole impedire la deforestazione su larga scala. Aiutateci a fermare le piantagioni.

Brasile: Emergenza nella Foresta Amazzonica, Sostegno per i Surui

181.370 firmatari

Un appello disperato degli indigeni Paiter Surui al mondo: gruppi di taglialegna illegali armati, garimpeiros –cercatori d’oro e diamanti - si avventurano nella loro foresta, abbattendo alberi, minacciano la popolazione. Esigiamo al governo brasiliano di agire senza indugi per impedire la deforestazione.

Addio alla foresta

Perù: fermare il boom della palma da olio

129.963 firmatari

In Perù, l'ONU sta finanziano la produzione di olio di palma, cacao e caffè con 100 milioni di dollari per disincentivare la coltivazione di coca. Con il programma sono arrivati gli investitori, e vaste aree di foresta amazzonica sono state abbattute. Anche alcuni ex dipendenti ONU avrebbero considerato le monocolture un buon affare. 

I frutti dell'olio di palma dai quali si ricava l'olio

Proteggiamo la salute: l'olio di palma è nocivo!

226.275 firmatari

Proteggiamo la salute: esperti della UE avvertono sui rischi per la salute dal consumo di olio di palma. Raffinato, contiene grandi quantità di sostanze tossiche che possono provocare il cancro, danni al DNA e agli organi. Neonati, bambini e giovani sono i più esposti. L'olio di palma deve essere vietato!

Il biodiesel di ENI: le foreste tropicali vengono distrutte e sostituite con piantagioni di palma da olio

@Eni – Agip: serbatoi pieni, foreste distrutte

159.210 firmatari

Il colosso energetico Eni-Agip ha distribuito nelle 3500 stazioni di servizio in Italia, Diesel +: un biocarburante apparentemente "sostenibile", che in realtà contiene il 15% di olio di palma, un olio vegetale la cui lavorazione industriale è la principale causa di deforestazione nel sud est asiatico.

Gorilla

Gorilla in pericolo: salviamo la foresta di Kafunga

229.208 firmatari

Nel Parco Nazionale Bwindi, in Uganda vivono 400 degli ultimi gorilla di montagna del pianeta. Oggi, un’area della foresta che funge da zona cuscinetto sarà deforestata per piantare tè. I difensori della natura temono che la distruzione della foresta di Kafunga minacci la vita dei gorilla. 

Una mamma orango e il suo cucciolo ricevono le cure veterinarie

Governi della UE: fermate i biocombustibili

284.643 firmatari

In Indonesia si sta perpetrando una catastrofe naturale disastrosa: compagnie palmicultrici stanno bruciando milioni di ettari di foresta. Uomini ed animali stanno morendo. “Tutto per l’avidità dell’olio di palma e dei biocombustibili”, dice Nordin di Save our Borneo. Per favore chiedete la fine della politica del biodiesel nella UE.

Leuser Tigre di Sumatra

Salvare la foresta per rinoceronti, elefanti, tigri e oranghi

222.988 firmatari

L'area protetta "ecosistema di Leuser " a Sumatra è unica al mondo: oranghi, tigri, elefanti e rinoceronti vivono qui. Oggi, una legge minaccia l'habitat di queste specie in via di estinzione - e anche le persone che vivono in questa foresta. Vi chiediamo appoggio con la vostra firma per difenderli.

La bilancia della giustizia, oro, foreste: sbilanciamento

Trattati di Libero Commercio con USA: miniere o parco nazionale?

148.253 firmatari

In Colombia, due aziende minerarie di Stati Uniti e Canada vogliono imporre l’estrazione d'oro in un parco nazionale nella regione amazzonica. Vogliono chiedere miliardi di euro di risarcimento allo stato colombiano in un tribunale di arbitrato in Texas. Unite la vostra firma alla nostra petizione diretta ai presidenti dei tre paesi.

Una donna indigena Ngäbe Bugle e il Río Tabasará

Panama, indigeni Ngäbe per il Río Tabasará: annullare lo sgombero

142.358 firmatari

Gli indigeni Ngäbe Bugle presidiano il fiume per fermare il progetto idroelettrico di Barro Blanco. Lo sgombero potrebbe iniziare in qualsiasi momento. Esigiamo la cancellazione del progetto idroelettrico di Barro Blanco, che privatizza l'acqua del fiume Tabasará. Firmate la petizione urgente al presidente di Panama Juan Carlos Varela.

Una piantagione di soia transgenica

Glifosato: proibire l’avvelenamento da pesticidi

278.875 firmatari

La licenza europea per l'utilizzo del glifosato scade a giugno. La Commissione Europea tenta il rinnovo per altri 15 anni. Ma, il 7 marzo 2016, la votazione a porte chiuse del Comitato di esperti della UE è andata a vuoto per mancata maggioranza. Decisione rinviata. Chiediamo diffusione per mettere al bando il pesticida.

Taglialegna nel Borneo con una motosega Stihl

Stihl: fuori le motoseghe dalla foresta!

146.905 firmatari

La Stihl, produttrice di motoseghe, sarebbe coinvolta nella deforestazione in Malesia. Qui, la vendita di motoseghe è gestita dal gruppo KTS, del quale fanno parte compagnie del legname e palmicultrici. Gli abitanti locali le responsabilizzano per i tagli illegali nei loro territori. La Stihl non dovrebbe mantenere relazioni con KTS.

Vogliamo proteggere le grandi scimmie

Le grandi scimmie, patrimonio dell’umanità

230.747 firmatari

Bonobo, oranghi, scimpanzè e gorilla si trovano in imminente pericolo di estinzione. Chiediamo all’UNESCO che li dichiari “Patrimonio dell’Umanità”.

Feri Irawan durante gli incendi in Indonesia

L’Indonesia brucia: per il nostro olio di palma

134.160 firmatari

“Da settimane le foreste bruciano, una bimba è morta, animali e persone fuggono dal fuoco, gli uccelli cadono dal cielo”. Gli incendiari sono soprattutto le compagnie palmicultrici e del legno. “Il governo deve denunciare i colpevoli e chiudere immediatamente queste aziende”. Per favore, firmate la petizione.

Un gorilla nella foresta di Cross River

Deforestare per Knorr, Algida e Carte D’Or? NO GRAZIE!

146.418 firmatari

In Nigeria, il gigante dell’olio di palma Wilmar distrugge le foreste e la biodiversità, persino nelle zone protette. Esigiamo che Unilever, la multinazionale che commercializza marchi come Knorr, Algida e Carte D’Or non compri olio di palma da Wilmar.

Pale meccaniche distruggono la foresta

Papua nelle mire dell’agroindustria

199.699 firmatari

Il presidente indonesiano Joko Widodo nel 2014, all’inizio del suo mandato, aveva promesso di proteggere la foresta e rispettare i diritti degli indigeni. Oggi vuole sacrificare 1,2 milioni di ettari di foresta e territorio ancestrale a favore delle piantagioni industriali. Ricordiamo al presidente la sua promessa elettorale.

Nicaragua: nave attraversa la foresta

In Nicaragua, il popolo dice NO al Grande Canale

197.004 firmatari

Deforestazione in grande scala, distruzione di aree naturali, espropriazioni. Un paese diviso in due. Presto si costruirà un nuovo canale in Nicaragua che favorirà il traffico per l’esportazione di materie prime e mercanzia su grandi navi container e petroliere. Intanto, cresce la resistenza al progetto. Unitevi alla petizione.

Una donna indigena Yanomami con un bimbo

Brasile: anche noi scompariremo con le foreste

201.215 firmatari

Le popolazioni indigene del Brasile resistono, nonostante tutto. Grandi lobby tentano di modificare la Costituzione per impossessarsi delle foreste protette e dei loro territori ancestrali. L’obiettivo: monocolture di soia, allevamento, dighe e miniere. Scrivete alle autorità brasiliane perché non approvino il PEC 215.

Le monocolture causano deforestazione e furti di terre.

Perché distruggono la mia foresta?

269.503 firmatari

Il presidente indonesiano Joko Widodo vuole una sovvenzione massiccia per i biocombustibili nel suo paese. Le aziende palmicultrici sono sulle spine mentre sempre più foreste sono in pericolo.

Un elefante vittima del graffico di avorio in Africa (Foto: Nuria Ortega/African Parks Network)

Alla Cina piace l'avorio: strage di elefanti

220.244 firmatari

I contrabbandieri di avorio e i loro clienti sono responsabili della carneficina di migliaia di elefanti in Africa. Persino una delegazione presidenziale cinese sarebbe coinvolta nei traffici illegali di avorio. La situazione è drammatica per gli animali, soprattutto in Tanzania.

Un orango guarda disperato mentre un bulldozer distrugge la foresta.

Borneo: emergenza dal parco nazionale

137.971 firmatari

Gli ambientalisti indonesiani hanno dato l’allarme. La palmicutrice BGA sta deforestando il Parco Nazionale Tanjung Puting per implementare monocolture di palma. Queste foreste sono il rifugio di oranghi, scimmie nasiche e uccelli tropicali. Unisciti alla petizione al governo indonesiano.

Un orango salvato in seguito agli incedi e la deforestazione in Borneo

Fermare la palma da olio, salvare gli oranghi

335.569 firmatari

Nelle piantagioni di palma della compagnia Bumitama Gunajaya Agro (BGA) nel Borneo, gli oranghi sono messi in fuga dalle motoseghe. Per favore, aiutateci a fermare la deforestazione e l’importazione di olio di palma.

La politica UE dei biocombustibili distrugge le foreste tropicali e la biodiversità

"Biocombustibili": la UE taglia 700.000 ha di foresta

341.482 firmatari

La UE pretende di salvare il clima con combustibili presunti amici dell'ambiente e classifica l'olio di palma come sostenibile - nonostante la deforestazione per coltivarlo. Attualmente 1,9 milioni di tonnellate di questo olio finisce nei serbatoi delle auto. Ora l'UE sta rivedendo la sua politica.

Airplane spraying pesticides over a soy plantation

Fermiamo la soia di Monsanto!

188.663 firmatari

Le foreste tropicali in Sud America vengono distrutte per fare posto alle piantagioni di soia. Le monocolture di fagioli di soia geneticamente modificati di Monsanto si stanno prendendo sempre piu’ spazio e vengono cosparse con spray  altamente tossici. Milioni di tonnellate di questi fagioli di soia sono usati per l’allevamento del...