Liberia: non vendete le vostre foreste per dare il "diritto di inquinare" a Dubai!

Lo staff della Wild Chimpanzee Foundation (WCF) e le guardie ecologiche in posa davanti a un antico albero nel Parco Nazionale di Sapo, in Liberia. Il Parco Nazionale di Sapo in Liberia ospita antichi giganti della foresta (© Rettet den Regenwald / Mathias Rittgerott) Fiume nel Parco Nazionale di Sapo, Liberia Gran parte della superficie della Liberia è ancora ricoperta di foreste (© Mathias Rittgerott) Scimpanzé nel Parco nazionale di Grebo-Krahn, Liberia Le foreste della Liberia sono l'habitat degli scimpanzé in via di estinzione (© WCF) Villaggio in Liberia Molte persone vivono nelle foreste e fanno affidamento su di esse per il loro sostentamento. (© Rettet den Regenwald / Mathias Rittgerott) Camion bloccato nel fango, Liberia Camion bloccato nel fango, Liberia (© Mathias Rittgerott)

La Liberia sta per cedere un milione di ettari di foresta alla Blue Carbon, una società con sede negli Emirati Arabi Uniti che intende "raccogliere" crediti di carbonio in Africa per compensare le emissioni nocive di carbonio altrove. Ma l'accordo potrebbe calpestare i diritti delle popolazioni locali aumentando la crisi climatica.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Ai governi della Liberia e dei Paesi Occidentali

“Proteggete le foreste della Liberia, non svendetele per "compensare" gli eccessi energetici di Dubai.”

Leggi tutta la lettera

La Liberia possiede un tesoro che la maggior parte dei Paesi dell'Africa occidentale ha già perso: le lussureggianti foreste pluviali tropicali - che coprono più di quattro milioni di ettari e ospitano scimpanzé occidentali, ippopotami pigmei ed elefanti della foresta. Centinaia di migliaia di persone vivono in queste aree forestali e dipendono da esse per il loro sostentamento.

Attualmente la Liberia viene deforestata a un ritmo senza precedenti. Senza dubbio, le foreste del Paese hanno bisogno di una maggiore protezione nell'interesse della natura, delle comunità locali e del clima.

La Blue Carbon LLC ha promesso di fare proprio questo: Il modello di business dell'azienda con sede negli Emirati Arabi Uniti si propone di  proteggere le foreste e "raccogliere" crediti di carbonio. Questi possono essere venduti per compensare le emissioni dannose per il clima. Se l'accordo della Blue Carbon con il governodovesse andare in porto, l'azienda controllerebbe per 30 anni più di un milione di ettari di terreno - non meno del dieci per cento del territorio della Liberia.

Le organizzazioni ambientaliste liberiane e internazionali stanno lanciando l'allarme:

"La bozza dell'accordo Blue Carbon viola le leggi progressiste sui diritti fondiari e forestali della Liberia che proteggono il consenso libero, preventivo e informato delle comunità. Promette di sottrarre alle comunità un milione di ettari delle loro terre consuetudinarie e di privarle dei loro mezzi di sussistenza", afferma Jonathan W. Yiah, coordinatore del Programma di governance forestale dell'Istituto per lo Sviluppo Sostenibile (SDI).

Le compensazioni e i crediti di carbonio sono una falsa soluzione alla crisi climatica. Ci sono modi migliori per proteggere davvero il clima e le foreste e per rispettare le comunità locali.

Chiedete al governo della Liberia di sospendere i negoziati con Blue Carbon.

Chiedete ai governi europei e di altri Paesi Occidentali di ridurre le loro emissioni a "zero reale" e di rispettare gli impegni di finanziamento per la protezione delle foreste e della natura.

Inizio della campagna: 07/09/2023

Infor­mazioni

Blue Carbon

La Blue Carbon LLC è di proprietà dello sceicco Ahmed Dalmook Al Maktoum, un membro della famiglia reale di Dubai la cui ricchezza si fonda sui proventi del petrolio e del gas. Costituita un anno fa, non ha alcuna esperienza in materia di crediti di carbonio.

Gli Emirati Arabi Uniti ospiteranno la COP 28 a novembre e dicembre 2023. Uno dei compiti principali di questo vertice sul clima è rendere operativo l'articolo 6 dell'Accordo di Parigi, che definisce l'uso dei crediti di carbonio.

Uno scenario totalmente assurdo

Gli Emirati Arabi Uniti, attraverso il proprio sistema di crediti di carbonio istituito da Blue Carbon in Liberia, potrebbero mantenere le proprie emissioni di combustibili fossili compensandole sulla carta. Ciò consentirebbe loro di rispettare gli impegni assunti in materia di clima, mentre la Liberia, con le sue emissioni relativamente ridotte, paradossalmente non raggiungerebbe l'obiettivo.

Blue Carbon ha firmato protocolli d'intesa simili anche con i governi di Papua Nuova Guinea, Tanzania e Zambia, oltre che con lo Zimbabwe e forse con l'Angola.

Fonti ed ulteriori informazioni 

Lettera

CA: Ai governi della Liberia e dei Paesi Occidentali

Gentili Signore, Egregi Signori,

Il mondo sta soffrendo una crisi climatica globale. Ondate di calore, siccità, inondazioni e tempeste sono solo alcuni dei disastri che stanno mietendo migliaia di vittime e devastando vaste regioni.

I crediti di carbonio e altri meccanismi volti a compensare le emissioni di gas serra causate dalla combustione di combustibili fossili sono una falsa soluzione a questa crisi esistenziale. Permettono a chi inquina di continuare a danneggiare il clima e spostano l'onere della lotta al cambiamento climatico sui Paesi meno responsabili.

L'accordo che il governo liberiano sta per firmare con la Blue Carbon LLC, una società con sede negli Emirati Arabi Uniti, ne è un perfetto esempio: minaccia i diritti fondiari e i mezzi di sussistenza della popolazione locale e riduce la capacità del Paese africano di rispettare i propri impegni per la protezione del clima e della biodiversità.

Le foreste della Liberia vengono distrutte a un ritmo senza precedenti e non c'è dubbio che debbano essere protette meglio. Ma non è certo che l'accordo proposto con Blue Carbon possa dare un contributo credibile in tal senso.

Esortiamo pertanto il governo della Liberia a:

- Sospendere i negoziati con la Blue Carbon,

- rendere pubblici tutti i documenti pertinenti

- garantire che i meccanismi di compensazione rispettino i diritti fondiari e i mezzi di sussistenza delle comunità colpite. Tra questi, la legge nazionale di riforma forestale (2006), la legge sui diritti comunitari in relazione alle terre forestali (2009) e la legge sui diritti fondiari (2018); rispettare in particolare i principi del consenso libero, preventivo e informato (FPIC) e gli interessi delle popolazioni locali,

- valutare se i meccanismi di accreditamento del carbonio limitino o migliorino la capacità della Liberia di raggiungere i propri obiettivi climatici.

Chiediamo ai governi dei paesi Occidentali:

- assumersi le proprie responsabilità in quanto Paesi maggiormente responsabili della crisi climatica, riducendo le proprie emissioni a "zero reale" e non a "zero netto" attraverso compensazioni e crediti di carbonio,

- garantire che la protezione delle foreste in Liberia e in altri Paesi riceva le risorse finanziarie necessarie. I finanziamenti non dovrebbero provenire da meccanismi di mercato come i crediti di carbonio, ma, ad esempio, da tasse e imposte sulle transazioni finanziarie internazionali o dall'eliminazione di sussidi dannosi,

- rispettare i vostri impegni per aiutare i Paesi interessati a proteggere le loro foreste tropicali, il clima e la biodiversità.

Cordiali saluti

News e aggior­namenti Footnotes

l'accordo della Blue Carbon con il governoL'"accordo di conservazione" è stato negoziato in segreto. Il protocollo d'intesa è stato firmato il 25 marzo 2023. Fonti governative hanno fatto trapelare le informazioni agli ambientalisti prima che il governo avviasse le consultazioni con loro all'inizio di agosto.


'Istituto per lo Sviluppo Sostenibile (SDI).Lo SDI ha sede a Monrovia ed è membro dell'Independent Forest Monitoring Coordination Mechanism (IFMCM), un gruppo di sette organizzazioni della società civile liberiana.

Questa petizione è disponible in queste lingue:

67.408 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti