Ecuador: foresta contaminata dal petrolio dopo la rottura di un nuovo oleodotto

Un gruppo di lavoratori petroliferi lavora tra due fiumi neri di petrolio che scendono da una montagna coperta di rocce nella foresta. Una sezione di tubo dell'oleodotto si vede sullo sfondo. Un flusso di greggio pesante originato dall'oleodotto OCP danneggiato si è riversato lungo il fianco della montagna vicino a Piedra Fina (Data 30-1-2022) (© Christian Cray) Gli ingegneri ispezionano il terreno tra una fossa di terra piena di petrolio greggio sulla destra. Sulla sinistra un escavatore, che crea un'altra fossa di terra. Sullo sfondo, si vedono delle autocisterne davanti alla montagna. Le fosse non compattate sono state scavate d'urgenza per assorbire parte della fuoriuscita di petrolio (Data 30-1-2022). (© Christian Cray) Due lavoratori del settore petrolifero pompano il petrolio greggio da un pozzo di terra in un'autocisterna. OCP aspira il greggio pesante e lo rimuove con le autocisterne (Data 30-1-2022) (© Christian Cray) Petrolio grezzo rovesciato su un'area coperta di ghiaia e pietre Non è chiaro cosa sarà delle tante tonnellate di terra, pietre e vegetazione contaminate dal petrolio (Data 30-1-2022) (© Accion Ecologica / Christian Cray)

15 feb 2022

In Ecuador, l'oleodotto di greggio pesante OCP, finanziato dalla Germania, si è rotto di nuovo. Secondo il ministro dell'energia, 6.000 barili di petrolio sono fuoriusciti nella foresta. Le popolazioni indigene si lamentano dell'inquinamento diffuso dei fiumi nella regione amazzonica. Salviamo la Foresta chiede al governo tedesco di non sostenere progetti petroliferi.

Venerdì, 28 gennaio 2022, si è verificata una grave fuoriuscita di petrolio nell'Amazzonia ecuadoriana, dopo una nuova rottura dell' Oleoducto de Crudos Pesados (OCP). La fuoriuscita è avvenuta sul fianco di una montagna nel settore di Piedra Fina, ai margini del Parco Nazionale Cayambe-Coca.

Le immagini della rete televisiva Teleamazonas mostrano come una fontana di petrolio fuoriesce dalla rottura dell'oleodotto e si sparge nella foresta, e il greggio scorre tra i tubi dell'oleodotto lungo il fianco della montagna e si mescola con l'acqua dei ruscelli, che confluiscono nel fiume Coca.

Le organizzazioni indigene CONAIE e CONFENIAE mostrano attraverso Twitter la portata dell'inquinamento da petrolio usando l'hashtag #SOSDerrameAmazonía, con video e foto. Il petrolio contamina il fiume Coca per decine di chilometri e raggiunge il Napo, un affluente del Rio delle Amazzoni. Le comunità indigene lungo i fiumi sono gravemente colpite dalla fuoriuscita di petrolio. 

Secondo il ministro dell'Energia dell'Ecuador, Juan Carlos Bermejo, l'incidente ha causato il versamento di 6.000 barili di petrolio, scrive il quotidiano El Comercio di Quito. Il giornale riporta anche che un'altra fuoriuscita di petrolio, il 31 gennaio 2022, avrebbe interessato il percorso dell'oleodotto molto vicino a questa località.

Già nell'aprile 2020, a pochi chilometri di distanza, l'oleodotto OCP insieme ad altri due oleodotti aveva subito una rottura, causando una grave fuoriuscita di petrolio nel fiume Coca. 15.000 barili di greggio hanno gravemente inquinato i fiumi a valle della regione amazzonica.

Gli integranti di una delle nostre organizzazioni partner in Ecuador, Acción Ecológica de Quito, e un giornalista del portale ambientale Mongabay hanno documentato l'incidente sul posto. Piedra Fina si trova ai piedi del vulcano Reventador, vicino alla comunità di San Luís, comune di Gonzalo Díaz de Pineda, provincia di Napo.

Riferiscono di aver sentito un fetore insopportabile di olio e zolfo. La OCP sta usando macchinari pesanti per scavare fosse e costruire dighe per raccogliere parte del petrolio fuoriuscito. Stanno pompando il petrolio in autocisterne per la rimozione.

 

OCP e il governo minimizzano la situazione

La OCP scrive in un comunicato stampa che l'incidente è stato "causato dalla caduta di rocce a causa delle forti piogge". La compagnia stava "lavorando a un ritmo sfrenato per evitare qualsiasi rischio affinché il petrolio non raggiungesse i corsi d'acqua", dicono. Sabato, "come misura precauzionale, il pompaggio dall'oleodotto è stato fermato per evitare danni ambientali", ha detto la OCP in una dichiarazione separata.

Il governo ecuadoriano e gli alti funzionari del ministero dell'ambiente stanno anche cercando attraverso Twitter e Facebook di minimizzare il disastro. Sembra che preferiscano ignorare la contaminazione petrolifera dei fiumi e che stiano spingendo affinché l'oleodotto riprenda rapidamente a funzionare.

 

Né la OCP né il governo ecuadoriano hanno il controllo della situazione

Un giorno prima dello sversamento, il ministero dell'energia aveva annunciato che la produzione di petrolio del paese di 496.000 barili al giorno aveva già superato i volumi di produzione precedenti, avendo dovuto sospendere le esportazioni di petrolio per motivi di "forza maggiore" il 12 dicembre 2021. Questa misura serviva a permettere il lavoro sulle condutture colpite dall'erosione nella zona di Piedra Fina. Due settimane prima dell'incidente dell'oleodotto OCP, il 6 gennaio 2022, il governo ha revocato la misura.

Per mesi, la OCP ha eseguito lavori di costruzione sui pendii della montagna lungo il fiume Coca. Gli investimenti sono nell'ordine di milioni, ha scritto OCP in un comunicato stampa nel maggio dell'anno scorso, in cui ha annunciato la costruzione di una terza variante del percorso del gasdotto nella zona di Piedra Fina .

Oltre alla OCP, la compagnia petrolifera statale Petroecuador gestisce anche un oleodotto di petrolio greggio e un oleodotto di poli-carburante nella zona. Nel frattempo, entrambi i gruppi hanno creato diverse varianti di percorso temporanei e permanenti nella zona e hanno posato nuove condutture, che ora rischiano di venire danneggiati nuovamente per frane.

 

L'oleodotto OCP è un prodotto dell'ignoranza e dell'avidità

Le rotture degli oleodotti e le loro gravi conseguenze non sono una sorpresa, né un evento naturale imprevedibile. L'oleodotto OCP di 500 chilometri attraversa un territorio geologicamente molto instabile. È permanentemente minacciato da forti terremoti, eruzioni vulcaniche, frane e inondazioni.

L'oleodotto OCP è stato costruito tra il 2001 e il 2003 da un consorzio di sei compagnie petrolifere internazionali. All'epoca, Salviamo la Foresta ha protestato contro il progetto, insieme alle organizzazioni ambientaliste e dei diritti umani dell'Ecuador e di tutto il mondo.

Già allora era chiaro: il progetto dell'oleodotto OCP è incontrollabile e non soddisfa gli standard ambientali e sociali internazionali. Inoltre, ha portato all’implementazione di altri giacimenti di petrolio nella regione amazzonica, come nel famoso Parco Nazionale Yasuní. La produzione di petrolio minaccia la foresta tropicale e i popoli indigeni che la abitano. Inoltre, l'olio pesante pompato attraverso l'oleodotto è estremamente dannoso per l'ambiente.

 

La costruzione dell'oleodotto OCP è stata finanziata con denaro tedesco.

La costruzione è stata finanziata con un prestito dell'equivalente di 900 milioni di euro da un consorzio di banche internazionali, guidato dalla Westdeutsche Landesbank (WestLB). Ma nonostante gli avvertimenti disastrosi e le massicce proteste delle organizzazioni ambientaliste, la banca pubblica di proprietà dello stato tedesco del Nord Reno-Westfalia e diverse associazioni di casse di risparmio hanno portato avanti il progetto. WestLB ha ricevuto l'appoggio politico del governo statale di allora e dei partiti rappresentati in parlamento.

Ma WestLB non è più responsabile dell'oleodotto. Dopo numerosi scandali e perdite milionarie, WestLB è stata sciolta e liquidata dai suoi azionisti nel 2012. E i politici statali che erano responsabili all'epoca, come Wolfgang Clement e Peer Steinbrück, non sono più al governo.

Rettet den Regenwald/Salviamo la Foresta chiede al governo tedesco di non sostenere progetti petroliferi. Dovrebbe anche offrire all'Ecuador assistenza tecnica e finanziaria per ripulire l'inquinamento da petrolio e porre fine alla fatale dipendenza del paese dall'industria petrolifera. Le esportazioni di petrolio sono la più importante fonte di reddito del paese sudamericano.

 

Erosione regressiva del fiume Coca

A metà dicembre, il portale ambientalista Mongabay ha riportato in dettaglio la situazione completamente fuori controllo a Piedra Fina e in gran parte della valle del fiume Coca. Il fiume è in un rapido processo di erosione regressiva da due anni. L'acqua penetra sempre più nei sedimenti e mina i pendii della montagna, minacciando massicciamente i percorsi degli oleodotti che attraversano la zona, così come un'importante strada che porta da Quito alla pianura amazzonica. Ma anche le case e le coltivazioni sono in costante pericolo.

La rapida avanzata dell'erosione è legata al crollo nel 2020 della cascata di San Rafael, pochi chilometri più a valle. Ai piedi del vulcano El Reventador, il fiume si immerge drammaticamente per 150 m su un'antica colata lavica che aveva formato una barriera nel letto del fiume dopo un'eruzione circa 8.000 anni fa. Col tempo, la valle del fiume sopra la diga di lava si era riempita di detriti e rocce.

Il 7 febbraio 2020, si era aperta una buca nel letto del fiume di fronte alla lingua di lava, causando l'arresto della cascata. Sembra che la lingua di lava sia stata spazzata via dal fiume. Da allora, il fiume trasporta sedimenti dall'alto ad alta velocità, il che ha reso instabile l'intera valle. Nel frattempo, il bordo di rottura, alto decine di metri, si è spostato 11 chilometri a monte.

 

Impianto idroelettrico Coca Codo Sinclair

Nel frattempo, anche l'impianto idroelettrico di Coca Codo Sinclair vicino a El Salado è sempre più in pericolo. La società cinese Sinohydro ha costruito la più grande e costosa centrale elettrica del paese (capacità prevista 1.500 MW, costo di costruzione 2,7 miliardi di dollari) entrata in funzione nel 2016. Il progetto, finanziato dalla banca statale cinese EXIM, ha scatenato una grave crisi politica in Ecuador, a causa della grave corruzione che ha posto il paese in una rischiosa dipendenza dalla Cina. A causa di gravi difetti di costruzione, il governo ecuadoriano non ha finora accettato formalmente la centrale idroelettrica ed ha portato l’opera davanti alla Corte Internazionale di Arbitrato (ICC).

Diversi esperti, tra cui Emilio Cobo, coordinatore del programma acqua dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) per il Sud America, vedono un possibile legame tra la centrale elettrica e l'erosione regressiva del fiume Coca. L'impianto idroelettrico, controverso fin dall'inizio, avrebbe modificato il flusso di sedimenti nel letto del fiume con i suoi speciali sistemi di filtraggio e la diga. La riduzione del flusso di sedimenti nel fiume potrebbe aver causato l'indebolimento della lingua di lava nella cascata di San Rafael e quindi iniziato il fatale processo di erosione retrograda nel fiume Coca.

 


  1. il progetto dell'oleodotto OCP è incontrollabile e non soddisfa gli standard ambientali e sociali internazionali

    Tra il 2000 e il 2003, la nostra organizzazione ha partecipato a un'intensa campagna contro la costruzione dell'oleodotto OCP per il greggio pesante attraverso il paese, finanziato da una banca statale tedesca, la WestLB. Nell'ambito di questa campagna, sono state realizzate molteplici attività, denunciando apertamente i rischi per le comunità locali e l'ambiente. Da allora, questi rischi sono diventati realtà innumerevoli volte.

    Consultare l'articolo pubblicato nella rivista in tedesco della nostra organizzazione Regenwald Report 4-2002, pagine 8 -13: https://www.regenwald.org/uploads/regenwaldreport/pdf/rdr-report0204.pdf