Estrattivismo su vasta scala

Le miniere fanno raramente notizia, tranne quando assistiamo a grandi disastri o incidenti. In molti paesi dell'America Latina e del mondo gruppi locali si stanno organizzando per opporsi agli impatti devastanti dell'estrazione mineraria. Migliaia di comunità sono colpite dall'estrattivismo su vasta scala per gli impatti sulla vita e sulla natura e stanno cercando di fermare i progetti minerari.

Quali sono gli interessi economici e politici relazionati alle miniere? A vantaggio di chi si creano le miniere?

A livello globale, ogni anno vengono prodotti circa 23 miliardi di tonnellate di minerali. Quasi tutti i paesi del mondo praticano una qualche forma di estrazione mineraria.

In molti paesi del Sud globale, l'attività mineraria rappresenta una parte significativa del Prodotto Interno Lordo (PIL), dell'afflusso di investimenti stranieri e di valuta estera. L'attività mineraria è quindi uno dei principali motori di stimolo dell'economia in molti paesi, sia per tradizione, come in Cile, Bolivia e Perù, sia per il  boom che si è verificato negli ultimi anni 20 anni circa, come in Colombia, Argentina o Messico, sia per volontà del governo centrale, come nel caso dell’ Ecuador. Ma l’estrazione mineraria non si da senza costi per le popolazioni che vivono in prossimità delle aree minerarie e per l'ambiente, quindi senza costi per tutti noi. Mentre le compagnie transnazionali minerarie traggono profitti spropositati, le comunità che non sono d'accordo con la distruzione causata dall'estrazione mineraria vengono trattate con violenza da forze militari o paramilitari addestrate e ingaggiate dalle compagnie minerarie.

Il boom del settore minerario si è verificato dal 2000 in poi, quando i prezzi delle materie prime sono aumentati, con un andamento fluttuante, tra alti e bassi. La crisi del debito nei paesi periferici della zona euro e l'incertezza sui limiti del debito negli Stati Uniti influenzano i prezzi. Allo stesso tempo, l'incertezza economica globale della grave crisi influenza i prezzi, e gli investitori ripongono la loro fiducia nei metalli preziosi, considerati anche “beni rifugio” come oro, argento o platino. Si dice che i prezzi dell'oro e dell'argento rimarranno stabili, mentre non è sempre così chiaro per altri metalli come il rame. Ma non c'è dubbio che la tendenza generale è al rialzo, e sono tutti ottimi affari per le transnazionali del settore, innescando una vera e propria corsa internazionale all’accaparramento dei minerali preziosi.

Inoltre, i minerali sono visti come essenziali per lo sviluppo e le politiche neoliberali mirano a sfruttare le risorse naturali come mezzo per aumentare la crescita economica. Agenzie di prestito internazionali, come la Banca Mondiale, sostengono la costruzione di infrastrutture e l'adozione di nuove tecnologie per dare impulso al settore minerario. Di fatto hanno contribuito a spianare la strada al settore sostenendo la riforma delle leggi minerarie in più di 70 paesi che avrebbero permesso l'attuale penetrazione su vasta scala delle transnazionali minerarie.

L’Europa e le materie prime

Il settanta per cento dell'industria europea dipende dalle sostanze minerali del sottosuolo per la produzione di tutti i tipi di beni di consumo. Per i trasporti, le telecomunicazioni, l'elettronica o la costruzione, si stima che in media ogni europeo consumi tra le 5 e le 10 tonnellate di prodotti minerali all'anno. E nel corso della sua vita, circa 400 tonnellate di prodotti minerari. Questo non include i prodotti energetici, che nel caso delle rinnovabili richiedono anche grandi quantità di metalli per la loro produzione e trasporto. L'America Latina ha aumentato le esportazioni verso l'Europa, e anche verso le forti economie del continente latinoamericano stesso. Gli investimenti minerari sono passati dal 12% del totale mondiale negli anni 90 al 33% negli anni 2000, raggiungendo 48,14 miliardi di euro nel 2009, secondo l'ufficio statistico della Commissione Europea. 

Pare quindi evidente che la domanda è alta e continuerà ad aumentare nei prossimi anni a causa della crisi, del boom delle nuove tecnologie, della crescita della popolazione mondiale e soprattutto della crescita dei paesi emergenti. La Cina è un attore chiave come primo produttore mondiale di materie prime ormai fondamentali come le terre rare (Rare Earth Elements - REEs) essenziali per la produzione di molti dispositivi elettronici, o i metalli necessari per la fabbricazione di acciaio e alluminio. Tutti temono il gigante asiatico per la sua capacità competitiva di mercato stabilendo quote di esportazione e tasse, rendendo difficile per gli altri paesi inserirsi e accedere alle materie prime.

La reazione dell'Unione Europea a questa situazione è stata la creazione di politiche per garantire l'approvvigionamento di materie prime e per affrontare la dipendenza dai paesi terzi. Per non rimanere in una posizione svantaggiata rispetto al Giappone o agli Stati Uniti ha da tempo messo in atto una politica estera che prevede la cooperazione allo sviluppo e accordi commerciali con i paesi minerari, con particolare attenzione alle materie prime più critiche. Ha stabilito anche garanzie statali per investimenti e crediti.

Da parte loro, le regioni che esportano materie prime spesso non hanno uno sviluppo associato all'estrazione mineraria.

Su vasta scala

Il tipo di estrazione dipende da fattori economici come il valore e la domanda del minerale, lo stato attuale del mercato e la disponibilità di capitale. L'estrazione su larga scala si riferisce alle miniere su larga scala. La tecnologia all'avanguardia permette l'accesso a luoghi remoti e quindi anche sempre più a zone fragili e ad alto valore di conservazione.

C'è ora una grande concorrenza nella ricerca di aree con potenziale minerario. Nel migliore dei casi si traduce nella scoperta di una vena redditizia da sfruttare.

La prospezione è la fase precedente all'estrazione. La seconda fase comporta l'allestimento di un campo attrezzato, l'acquisizione di diritti minerari e l'uso di macchinari e operazioni più complesse come la perforazione, lo scavo e il l’uso di materiale esplosivo. Se i risultati sono incoraggianti, viene fatta una proiezione economica.

Il 38% del totale dell'esplorazione mineraria globale e il 27% dell'esplorazione per l’estrazione dell'oro si trova in Sud America, che è in cima alla lista delle regioni con la più alta spesa per l'esplorazione mineraria dal 1994. Solo tra il 2011 e il 2012, circa 29 miliardi di dollari saranno investiti in Cile e Perù, i due principali paesi minerari della regione. Anche l'Argentina è stata teatro di perforazioni esplorative record nel 2011 (1).

Le miniere sotterranee operano in una complessità di pozzi, gallerie e camere collegate alla superficie, attraverso le quali i lavoratori e le macchine si muovono e il minerale viene trasportato in superficie. Il tasso di incidenti è alto soprattutto nell'estrazione del carbone.

Sempre più spesso, l'estrazione viene effettuata a cielo aperto, rimuovendo lo strato di suolo in superficie. Per accedere ai depositi di minerali, si devono distruggere piante, animali e spesso interi insediamenti umani. Moderne attrezzature di scavo, nastri trasportatori, grandi macchinari, condutture, tonnellate di esplosivi sono utilizzati per rimuovere ed eliminare intere montagne in tempi brevi. Il risultato: enormi crateri, che possono essere di dimensioni che superano 150 ettari di superficie e di oltre 500 metri di profondità. Per i rifiuti generati da questa attività (2), sono necessarie anche enormi discariche. Aree di immenso valore ecologico che dovrebbero essere protette, come i páramos della Cordigliera delle Ande o il cuore della foresta amazzonica, vengono utilizzate per attività estrattive o sono in concessione. Tutto questo comporta dei rischi specifici che devono essere presi in considerazione. Ma questo non viene fatto.

Conflitti minerari

L'attività mineraria ha importanti impatti economici, ambientali, lavorativi e socio-culturali sia a livello locale che su scala globale. Uno dei problemi che si deve affrontare è la grande quantità di energia che richiede. I prezzi dell'energia sono in aumento. Ma non solo. Le condizioni di lavoro sono pessime nelle miniere, che sono luoghi pericolosi. La sicurezza è precaria e la maggior parte del lavoro è molto duro. Le miniere rappresentano l'8% degli incidenti mortali sul lavoro - circa 15.000 all'anno - così come l'invalidità prematura, le lesioni - causate per esempio dalle vibrazioni - e le malattie come la pneumoconiosi o la perdita dell'udito. Molto spesso non c'è alcuna previdenza sociale o compensazione in caso di infortunio. Lo testimoniano i lavoratori della bauxite, la materia prima usata per produrre l'alluminio, nello stato brasiliano di Pará (3).

Molti governi non fanno alcuno sforzo per minimizzare i rischi per la salute e l'integrità dei lavoratori. Il pensiero va automaticamente al caso estremo dei 33 minatori miracolosamente salvati dopo 70 giorni dalla miniera cilena di San José vicino a Copiapó, il 5 agosto 2010. Anche in un caso così eclatante, la compagnia mineraria ha presentato istanza di fallimento un mese prima del salvataggio dei 33 minatori, lasciando loro e i loro 300 colleghi nella miniera senza lavoro e senza alcun tipo di compensazione. Le violazioni della compagnia mineraria erano molte, i controlli pochi. Le aziende minerarie vogliono ridurre i costi e aumentare la produttività e la redditività. In questo modo, i diritti dei lavoratori, la salute e la sicurezza sono spesso trascurati (4). Gli economisti sostengono che il mercato del lavoro cileno è strutturato in modo tale che mentre le compagnie minerarie riportano profitti milionari, i lavoratori del settore ricevono salari molto bassi. Il subappalto è utilizzato dalle grandi compagnie minerarie per risparmiare costi in termini di licenziamento dei lavoratori, stabilità del lavoro e previdenza sociale (5).

E a causa della ristrutturazione dell'industria, dell’alto impiego tecnologico e della privatizzazione, l'industria mineraria offre sempre meno posti di lavoro: oggi rappresenta circa l'1% della forza lavoro mondiale, che equivale a circa trenta milioni di persone, dieci milioni delle quali nelle miniere di carbone. I principi fondamentali della libertà di associazione e della contrattazione collettiva sono sempre più fragili. E il lavoro minorile è sempre più diffuso, come nel caso di Cerro Rico in Bolivia (6).

I minatori lavorano senza luce naturale, senza ventilazione, con poca igiene, scavando la terra per estrarre il materiale e allo stesso tempo dovendosi adattare continuamente a nuove condizioni per evitare incidenti.

Enormi impatti ambientali e sociali

Tuttavia, la preoccupazione non è solo la precarietà del lavoro, ma anche la notevole distruzione ambientale. A lungo termine. Causata non solo dalla semplice estrazione, ma anche dal trasporto, dalla produzione, dall'uso delle materie prime e dallo smaltimento dei rifiuti. Molte risorse minerarie si trovano in aree altamente biodiverse e abitate da comunità. A partire dalle fasi di perforazione per localizzare i filoni, gli impatti sono notevoli. Le estensioni di suolo, terra e roccia rimosse modificano e desertificano la superficie terrestre.

Materiali meno preziosi come sabbia, ghiaia e argilla vengono estratti in quantità maggiori, distruggendo intere montagne e lasciando rifiuti. I minerali e i metalli preziosi si ottengono in quantità molto minori, ma comportano la rimozione di enormi quantità di rifiuti e l'uso di metalli pesanti e tossici come il cianuro (lisciviazione) e l'arsenico. Questi contaminano irreversibilmente l'acqua potabile. Sei grammi d'oro e sei chilogrammi di rame per tonnellata di roccia sono ottenuti nel progetto Bajo la Alumbrera in Argentina. Molti minatori legali e illegali usano mercurio altamente tossico come agente di fusione (7). In Brasile, livelli di mercurio del 30% superiori agli standard stabiliti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sono stati tracciati nei lavoratori delle miniere (8).

Le sostanze inquinanti si depositano anche attraverso l'aria in luoghi remoti. E durante l'estrazione, le acque di scarico dell'attività mineraria, contaminate da metalli pesanti e agenti tossici, sono depositate in cumuli chiamati dighe di sterili. Se si rompono o si fratturano, cosa che accade spesso (9) per esempio a causa di una  costruzione inadeguata, milioni di litri di acqua inquinata raggiungono fiumi, torrenti e falde acquifere.

L'acqua si inquina: l'acqua vale più dell'oro

Le comunità locali chiedono la protezione dell'acqua, essenziale per la vita e sempre più scarsa. Una miniera usa tanta acqua in un giorno di estrazione quanto una città di più di mezzo milione di abitanti. Per estrarre una tonnellata di rame occorrono circa 80.000 litri d'acqua, o mille litri d'acqua al secondo per ottenere un grammo d'oro (e viene rimossa almeno una tonnellata di roccia).

A questo proposito, la situazione giuridica varia da paese a paese. In America Latina, dove la legislazione di protezione è inefficace, l'estrazione industriale con lisciviazione al cianuro causa catastrofi ambientali. Gli Stati rilasciano concessioni minerarie ma generalmente non hanno i mezzi per proteggere le persone colpite e l'ambiente, per affrontare le tragedie nelle miniere, per impedire il saccheggio economico e l'evasione fiscale. Le grandi compagnie transnazionali sono i grandi beneficiari.

Questo è il caso della miniera Yanacocha, in Perù, la più grande miniera d'oro dell'America Latina. Da quando è iniziata l'estrazione dell'oro, gli indigeni andini si sono opposti a causa dei molteplici impatti sull'approvvigionamento idrico, sulla salute e sullo sfollamento della popolazione. La povertà è stata aumentata esponenzialmente. Nonostante questo, la compagnia mineraria vuole espandere l'estrazione in una nuova miniera, chiamata Conga. Secondo il difensore civico, il Perù sta affrontanto più di 60 controversie sull'impatto delle miniere sulle riserve d'acqua. Intanto, la Grande Marcia Nazionale per l'Acqua 2012 in quel paese, guidata proprio dall'opposizione a Conga, sta per concludersi. La volontà della maggioranza della popolazione deve essere rispettata. Le comunità locali hanno il diritto all'informazione e a raggiungere una decisione libera, previa e informata. A volte c'è persino un clima di terrore, la protesta sociale è repressa e criminalizzata.

Significativamente, nel maggio 2010, il Parlamento Europeo ha chiesto alla Commissione Europea un divieto totale dell'uso del cianuro nell'estrazione dell'oro in tutti i paesi della UE in una risoluzione che ha ottenuto una maggioranza schiacciante (10). Le ragioni includevano l'alta tossicità dell'estrazione dell'oro, l'alto tasso di incidenti (più di 30 incidenti gravi al cianuro sono stati riportati in varie parti del mondo), e l'inquinamento delle acque con impatto transfrontaliero. (11). Allo stesso temo, c'è una campagna latinoamericana contro l'uso del cianuro nelle miniere (12).

L'estrazione mineraria non è sostenibile

Anche se l'estrazione mineraria è un'attività insostenibile in sé, le aziende e i governi interessati all'accesso alle materie prime coincidono strategicamente nel presentare l'estrazione come un motore di sviluppo e progresso e con una narrativa nutrita di aggettivi come "sostenibile" e "responsabile". Ridurre l'impatto ambientale e riabilitare i siti dove c’è stata una miniera è il senso della propaganda puramente corporativa sull'"estrazione sostenibile". L'ultima tecnologia, dicono, sarebbe la soluzione per evitare l'impatto nocivo, la distruzione e l'inquinamento. 

A causa della distruzione ambientale, sociale e culturale che comporta e dei conflitti che genera, l'estrazione mineraria e lo sviluppo sostenibile non sono termini compatibili. Non esiste al mondo una tecnologia all'avanguardia in grado di evitare la distruzione che apportano le miniere.

La domanda di sempre: quale alternativa?

L'approccio più responsabile è un uso razionale delle risorse esistenti, così come il riciclaggio e il riutilizzo delle materie prime. Un'altra opzione è l'impegno per la decrescita o il rifiuto della crescita nella ricerca di un modo logico e convinto di vivere meglio con meno, in un modo più ecologico e più rispettoso dell'ambiente e degli altri.

 

NOTE:

(1) 41,3% in più rispetto al 2010 e 664% in più rispetto all'inizio del 2003, secondo la Segreteria Nazionale delle Miniere, vedi: http://www.pagina12.com.ar/diario/sociedad/3-186665-2012-02-01.html

(2) Per esempio in Canada, più di due milioni di tonnellate di rifiuti solidi al giorno, e più di 650 milioni di tonnellate all'anno.

(3) Testimonianze nel video: http://www.cartamaior.com.br/templates/materiaMostrar.cfm?materia_id=19162

(4) Minatori: insicurezza sottoterra, su: http://radio.uchile.cl/noticias/78207/

(5) "L'outsourcing è una tattica di dominio", vedi: http://radio.uchile.cl/noticias/133266/

(6) Bambini che lavorano come schiavi, vedi: http://es.kindernothilfe.org/Rubrik/Donde+trabajamos/Latinoam%C3%A9rica+y+el+Caribe+/Bolivia/Ni%C3%B1os+trabajan+como+esclavos.html

(7) La tossicità del mercurio è associata a problemi di salute tra cui malformazioni congenite e disturbi neurologici, vedi: https://www.eea.europa.eu/it/articles/il-mercurio-una-minaccia-persistente

(8) Mercurio, un'altra minaccia amazzonica, vedi: http://www.geonoticias.com/noticias/general/-mercurio,-otra-amenaza-amaz%F3nica.html

(9) Le rotture delle dighe di scarico sono state responsabili di più di un terzo degli incidenti minerari degli ultimi due decenni.

(10) 488 voti a favore, 57 astensioni e 48 voti contrari.

(11) Richiesta del Parlamento europeo alla Commissione, vedi: http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2011:081E:0074:0077:ES:PDF e risposta, a: http://www.europarl.europa.eu/sides/getAllAnswers.do?reference=P-2010-3589&language=EN

(12) http://www.conflictosmineros.net/contenidos/90-campana-contra-el-uso-de-cianuro/5536-campana-por-la-prohibicion-del-cianuro-en-mineria-en-america-latina

(13) http://es.wikipedia.org/wiki/Decrecimiento

 

Ulteriori informazioni (in spagnolo):

Unión Europea saca metal y corre

Avvisi e tematiche di azione

La tua firma aiuta a difendere le foreste! Le nostre petizioni online si riferiscono a progetti che distruggono le foreste e fanno il nome dei responsabili. Uniti siamo più forti!

Due okapi L'okapi è simile sia alla giraffa che alla zebra (© meunierd/shutterstock.com)

77.075 firmatari

RD Congo: la miniera d’oro nella riserva faunistica è illegale

La Riserva faunistica degli okapi ospita ancora un numero considerevole di esemplari di questa specie endemica e in pericolo, nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). Ma, la massiccia estrazione dell’oro nel sito patrimonio mondiale dell'UNESCO, specialmente da parte della cinese Kimia Mining, suscita grande preoccupazione.

Informazioni ulteriori

CA: Presidente della Repubblica Democratica del Congo Félix Tshisekedi, Primo Ministro Jean-Michel Sama Lukonde

“Per favore, fermate l'estrazione illegale dell'oro nella riserva faunistica degli okapi”

Leggi tutta la lettera