Incendi forestali

C'è molta opacità e disinformazione intorno agli incendi forestali. I media tendono a trattare il tema in modo aneddotico, senza analizzare i vari interessi che possono essere in gioco.

Ci sono incendi naturali che hanno una funzione ecologica. Molti altri incendi sono incidentali, e possono essere molto gravi e preoccupanti.

Ma una cosa è chiara dal nostro punto di vista e richiede una forte risposta politica: un buon numero di incendi forestali sono causati dal modello estrattivista e agroalimentare, che distrugge tutto ciò che incontra sul suo cammino e sono appiccati da agricoltori, allevatori e speculatori terrieri. Lo scopo è quello di occupare terre e territori, eliminare la vegetazione e fare spazio a queste imprese predatorie che arricchiscono pochi a scapito della maggioranza e della natura stessa.

Non ci sono dubbi nemmeno sulla relazione tra gli incendi attuali e le ondate di calore sempre più frequenti, durature e intense, che riducono l'umidità e rendono più difficile il controllo degli incendi.

 

L'entità degli incendi

Nel 2020 abbiamo registrato incendi indiscriminati senza precedenti rispetto al passato. Oltre all'Amazzonia in Brasile, Perù o Bolivia, sono bruciate molte altre regioni, come la Repubblica Democratica del Congo, la California, la Spagna, il Portogallo, l'Australia e persino l'Artico, una regione in cui gli incendi non sono comuni.

La situazione persiste. Secondo l'Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale INPE (acronimo portoghese), sugli incendi nell'Amazzonia:

Gli incendi di agosto 2022 sono stati i più alti dal 2010: sono aumentati del 12,3% rispetto ad agosto 2021. Sono circa il 20% al di sopra della media del mese nella serie di dati INPE dal 1998.

A luglio 2022 hanno anche superato il record annuale, registrando 5.373 casi di incendio doloso e un aumento del 7,9% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Da gennaio a giugno 2022 sono aumentati del 13,5%, con 12.906 di casi di incendio doloso registrati rispetto agli 11.364 dello stesso periodo del 2021. Sono stati distrutti almeno 4.000 chilometri quadrati di foresta, l'equivalente di cinque volte la dimensione di New York!

Da agosto 2019 a luglio 2021, gli incendi hanno distrutto circa 32.740 chilometri quadrati di foresta pluviale, l'equivalente della dimensione del Belgio.

 

Importanza delle foreste tropicali e degli altri ecosistemi

Le foreste tropicali sono particolarmente importanti per la conservazione della biodiversità e la stabilità del clima, grazie alla loro capacità di stoccaggio di carbonio. Le foreste tropicali e gli ecosistemi naturali svolgono un ruolo fondamentale nell'assorbimento della CO2 e la loro distruzione aumenta le emissioni di CO2 nell'atmosfera e quindi i cambiamenti climatici.

La loro conservazione è stata finora possibile grazie ai loro abitanti, le popolazioni indigene e i contadini, e grazie al rapporto di dipendenza che queste popolazioni mantengono con l'ecosistema.

Va ricordato che gli incendi non colpiscono solo le foreste tropicali, ma anche altri ecosistemi naturali come le torbiere, le zone umide e le praterie, che svolgono un ruolo fondamentale nell'equilibrio ecologico regionale e globale e sono abitate dalle comunità locali. Ogni regione fornisce servizi ecosistemici specifici, a seconda del tipo di vegetazione, ma sempre di grande importanza climatica.

Tuttavia, mentre altri ecosistemi come il Cerrado brasiliano hanno una grande capacità di rigenerazione, le foreste tropicali come l'Amazzonia, una volta distrutte, sono distrutte per sempre e diventano boscaglia. Se non hanno questa capacità, diventano parte del passato e sono persi per sempre.

 

Ecocidio: le minacce del fuoco

Solo in Amazzonia vivono circa 500 popoli indigeni. Secondo i dati della FAO, nel mondo circa 300 milioni di persone dipendono direttamente dalle foreste e 1,6 miliardi indirettamente.

Per tutti questi abitanti della foresta, gli incendi distruggono le loro comunità e la biodiversità da cui dipendono, ad esempio per la caccia di sussistenza.

Frammentazione degli habitat e minaccia di estinzione per le specie endemiche di ogni regione. Gli incendi causano un notevole sconvolgimento degli ecosistemi naturali e un'altra delle loro conseguenze ecologiche è la perdita di biomassa, di struttura della vegetazione e di struttura del suolo. Se la materia organica viene bruciata, il terreno perde tutto il suo valore ecologico e i suoi nutrienti ed è molto difficile riportarlo allo stato originale. 

Il fumo e l'inquinamento influiscono sulla qualità dell'aria e quindi sulla salute respiratoria e cardiovascolare, causando il rischio di morti premature. Nel 2021, 2000 persone sono state ricoverate in ospedale nell'Amazzonia brasiliana a causa degli incendi. Nell'attuale contesto pandemico, ciò è ancora più grave, ad esempio in termini di occupazione delle unità ospedaliere.

Una volta spenti gli incendi, tra le ceneri si trovano spesso i resti degli animali morti bruciati. In alcuni casi, il fuoco li coglie in letargo, rendendo impossibile o molto difficile la loro fuga. La scomparsa delle specie può anche esseredovuta alla modifica del suolo o dei corsi d'acqua in seguito agli incendi. Inoltre, vengono distrutti i siti di nidificazione degli uccelli. Gli incendi costringono le specie animali a cercare nuovi rifugi e spesso compaiono anche nelle città vicine, su strade, fili o altri luoghi insoliti. A volte riescono a sfuggire alle fiamme, ma subiscono aggressioni per arma da fuoco o l'investimento da parte dell'uomo. I piccoli hanno più difficoltà a sfuggire dal fuoco.

Inoltre, le catene alimentari possono essere gravemente colpite dalla diminuzione della densità di alcune specie che servono da cibo per altre.

Le città non sono estranee al fenomeno degli incendi. Molti sono colpiti sia in termini di vicinanza e minaccia diretta, sia in termini di clima e inquinamento atmosferico. Questo è grave, ma contribuisce a sensibilizzare l'opinione pubblica e mostra la dimensione collettiva del problema, che non è limitato a regioni lontane e dimenticate.

 

Le cause e le responsabilità degli incendi

La deforestazione è alla base del problema. Molti incendi forestali vengono appiccati per deforestare terreni da destinare all'agricoltura industriale o all'agrobusiness e anche ad altre attività estrattive come l'estrazione mineraria.

È vero che alcuni incendi hanno cause naturali, importanti per il mantenimento e la crescita di alcuni ecosistemi. Ed è anche vero che la siccità è attualmente più intensa del solito.

Ma si può dire che l'aumento degli incendi è dovuto più alla cattiva gestione politica nel difendere la conservazione dell'ambiente naturale che a cause climatiche. In Brasile, infatti, gli incendi sono aumentati del 30% in Amazzonia durante il primo anno di governo di Bolsonaro, che non nasconde il suo disinteresse per la conservazione della foresta pluviale o per il rispetto dei diritti umani dei suoi abitanti, ma al contrario il suo interesse è favorire i suoi amici grandi proprietari terrieri, che lo hanno portato al potere. Secondo quanto riferito, la deforestazione è aumentata del 209% nello Stato di Amazonas da quando Bolsonaro è entrato in carica.

Tra il 75% e il 95% degli incendi boschivi sono causati dall'uomo e derivano da interessi economici legati a cambiamenti nell'uso del suolo. Spesso dietro gli incendi e la mancanza di controlli si celano gli interessi di grandi proprietari terrieri, minatori o trafficanti illegali di terra o legname. L'intenzionalità dietro gli incendi include interessi finalizzati all'accaparramento e persino al furto di terra e alla conversione d'uso del territorio. I territori rurali che si spopolano e perdono le loro attività tradizionali possono essere sostituiti, ad esempio, da monocolture di soia o da allevamenti industriali o da monocolture di alberi industriali. In quest'ultimo caso, i territori hanno maggiori probabilità di soccombere all’azione distruttiva delle fiamme.

In Venezuela, ad esempio, c'è stata un'apertura all'estrazione dell'oro e, come abbiamo visto, in Argentina il cambio di destinazione d'uso dei terreni per l'allevamento intensivo e la monocoltura della soia, come in Brasile.

Anche i fattori climatici, come la mancanza di precipitazioni, le alte temperature e le ondate di calore, la bassa umidità, combinati con forti venti, giocano un ruolo decisivo.

Inoltre, i problemi sono dovuti alla combustione di stoppie o rifiuti, spesso spenti male, e agli incidenti dovuti a questa irresponsabilità, o anche a qualcosa di banale come un mozzicone di sigaretta spento male. 

Fortunatamente, sembra esserci una crescente consapevolezza dei problemi ambientali e dell'urgenza di agire per fermare il cambiamento climatico. Non dobbiamo permettere che gli incendi diventino parte della nuova normalità.

Nonostante la maggiore attenzione da parte dell'opinione pubblica, ci sono ancora molti motivi per prestare attenzione agli incendi e alle loro cause, per agire e vigilare sulle foreste e sui boschi del mondo.

Ultima revisione: settembre 2022

Avvisi e tematiche di azione

La tua firma aiuta a difendere le foreste! Le nostre petizioni online si riferiscono a progetti che distruggono le foreste e fanno il nome dei responsabili. Uniti siamo più forti!

Incendio forestale in Brasile © Istockphoto/Brasil2

137.437 firmatari

URGENTE: Spegnete gli incendi, teniamo in vita l'Amazzonia

Per l'ennesimo anno, l'Amazzonia brucia. Durante la prima metà dell'anno, sono stati registrati 2.300 incendi nell’Amazzonia. Nel 2020 in Brasile gli incendi avevano devastato 8.500 km2 di foreste e tra agosto 2020 e luglio 2021, sono spariti un totale di 13.235 km2: un aumento del 55%.

Informazioni ulteriori

CA: Funzionari delle Nazioni Unite per le popolazioni indigene

“Le Nazioni Unite devono intervenire per spegnere gli incendi, fermare l'etnocidio e la distruzione totale dell'Amazzonia. Firmate la petizione.”

Leggi tutta la lettera