Alluminio - domande e risposte

Veicoli, imballaggi, deodoranti: l'alluminio è ovunque intorno a noi. Quello che forse non sappiamo, è che la sua produzione causa deforestazione nei tropici.

Definizione: che cos'è l'alluminio?

L'alluminio (AL) è il terzo elemento chimico più abbondante. Si estrae principalmente dalla bauxite. Nella crosta terrestre è presente sotto forma di ossidi e alluminosilicati. L'alluminio e le sue leghe sono utilizzati principalmente nell'industria automobilistica, aeronautica e navale. Viene utilizzato anche per la produzione di tubi, materiali leggeri per l'edilizia ed elementi da costruzione e come materiale da imballaggio.

 

Definizione: cos'è la bauxite?

La bauxite è la materia prima dell'alluminio. Questo minerale viene solitamente estratto su grandi superfici in miniere a cielo aperto. Gran parte delle riserve di bauxite finora conosciute si trovano nella zona intertropicale. In Guinea, Giamaica, India, Australia e Brasile, la foresta pluviale viene distrutta per rendere possibile l'estrazione. Questo spesso minaccia i mezzi di sussistenza delle popolazioni indigene, come nel caso della montagna Niyamgiri nello stato indiano dell'Orissa.

La più grande miniera di bauxite del Brasile, Porto Trombetas (70% della produzione totale brasiliana), si trova nel cuore di un'area di foresta amazzonica incontaminata. Vent'anni fa, i rifiuti minerari scaricati in un lago vicino (Lago Batata) lo hanno insabbiato, facendo morire l'ecosistema lacustre. Ancora oggi, 100 ettari di foresta vengono disboscati ogni anno per questa miniera, che risale al 1979.  

 

Perché la produzione di alluminio è tossica?

La trasformazione della bauxite in alluminio è di per sé dannosa per l'ambiente. Il fango rosso che ne deriva è tossico. Per ogni tonnellata di alluminio prodotto, si producono da una a sei tonnellate di questo pericoloso residuo. Non potendo essere ulteriormente lavorato, questo fango rosso tossico viene stoccato in grandi bacini o scaricato direttamente nei fiumi. Le conseguenze per gli ecosistemi colpiti sono di solito fatali. 

Inoltre, i gas che si formano durante la fusione del minerale (in particolare i fluoruri) sono dannosi per la fauna e la flora, oltre che per le persone che vivono nelle vicinanze degli impianti. Causano malattie respiratorie, danni alle ossa (fluorosi), problemi alla pelle e molti altri rischi per la salute.

 

Perché la produzione di alluminio riscalda il clima?

Per fondere l'alluminio sono necessarie grandi quantità di energia. I produttori cercano quindi di delocalizzare questa fase della produzione in paesi dove l'elettricità è a buon mercato. L'energia necessaria è prodotta principalmente da centrali idroelettriche o a carbone. Nella maggior parte dei casi, le centrali idroelettriche accelerano la distruzione su larga scala della foresta pluviale e degli habitat. Contribuiscono inoltre al cambiamento climatico a causa del gas metano prodotto. Questo gas si forma sott'acqua come risultato della decomposizione di detriti vegetali. L'elettricità prodotta dalla centrale brasiliana di Balbina rappresenta quindi una minaccia maggiore per l'ambiente rispetto a quella prodotta da un'analoga centrale a carbone. Durante la fusione vengono rilasciati altri gas a effetto serra, come gli idrocarburi fluorurati (da 6000 a 9000 volte più dannosi della CO2).

 

Come si estrae l'alluminio?

L'alluminio è il terzo elemento più abbondante nella crosta terrestre (8% della massa). È stata scoperta per la prima volta nel 1808. Nel 1886, dopo la scoperta del processo di elettrolisi, fu possibile avviarne la produzione commerciale.

Come materia prima per la produzione di alluminio, la bauxite riveste una particolare importanza economica. La bauxite può contenere fino al 60% di alluminio. Una volta estratto, il minerale viene cotto (150°C - 200°C) sotto pressione in una soluzione di soda caustica (processo Bayer). Questo produce alluminio sotto forma di allumina. Il residuo ricco di ferro (fango rosso) viene filtrato. Questo fango rosso alcalino deve essere smaltito in discarica. L'allumina viene poi fusa e ridotta in alluminio metallico mediante elettrolisi, un processo che richiede molta elettricità. La produzione di un milione di tonnellate di allumina consuma tanta energia quanto mezzo milione di case in un anno.

 

Quali sono le conseguenze dei fanghi rossi residui sull'ambiente? 

Il fango rosso è costituito da particelle fini (i composti del ferro che gli conferiscono il colore rosso) e dalla soluzione di soda caustica utilizzata per la produzione del metallo. A seconda dell'origine della bauxite utilizzata, può contenere anche una moltitudine di metalli pesanti.  

Se i fanghi non vengono stoccati correttamente o se, come in alcuni Paesi, vengono scaricati direttamente nei corsi d'acqua vicini, sono i metalli pesanti e la soluzione corrosiva di soda caustica ad avere le conseguenze più gravi. Le particelle fini insabbiano i fiumi e i laghi circostanti. Una volta intasati i pori e le cavità, piante e animali muoiono rapidamente. Le discariche mal sigillate contaminano le acque sotterranee con metalli pesanti. Rappresentano quindi un rischio a lungo termine per la salute delle persone che vivono nelle vicinanze.  

Nell'ottobre 2010, l'Ungheria ha subito un grave incidente con i fanghi rossi: la diga di un bacino di stoccaggio di rifiuti industriali è crollata e ha rilasciato quasi un milione di metri cubi di fango rosso che ha inondato l'area circostante. Diversi villaggi sono stati inghiottiti dall'onda di fango, dieci persone sono rimaste uccise, 150 ferite e molte case sono state completamente distrutte. Parte del fango ha raggiunto il Danubio attraverso uno dei suoi affluenti e ha causato danni considerevoli alla fauna e alla flora dei fiumi interessati.

 

Cosa c'entra la diga di Belo Monte con l’alimentazione quotidiana?  

La diga di Belo Monte, nel nord del Brasile, è un gigantesco progetto di centrale elettrica sul fiume Xingu. L'acqua imprigionata forma un lago con una superficie di 600 chilometri quadrati, pari a quella del lago di Costanza. La centrale minaccia di sfrattare tra le 20.000 e le 40.000 persone. I mezzi di sussistenza di 18 diversi gruppi etnici che dipendono dal lago potrebbero essere spazzati via. I più minacciati sono gli indigeni che vivono volontariamente in isolamento nella zona. Infatti, il massiccio spostamento di persone causato dalla costruzione faciliterebbe l'introduzione di malattie. Per i soggetti colpiti che non hanno gli anticorpi necessari per combattere i virus, la morte può sopraggiungere rapidamente. 

Con una capacità di 11 gigawatt, sarebbe la terza centrale elettrica più grande del mondo. La maggior parte dell'energia prodotta è riservata all'industria brasiliana ad alta intensità energetica. I produttori di alluminio del nord del Paese, in particolare, beneficiano dell'elettricità "verde" e a basso costo generata dalla centrale idroelettrica. L'alluminio con cui confezionate la vostra merenda ha quindi un impatto nel profondo della foresta amazzonica. È quindi meglio trasportare la merenda in una scatola riutilizzabile a lungo termine, quando possibile.  

 

In quali altri prodotti di uso quotidiano si nasconde l'alluminio?  

Oltre al foglio di alluminio, l'alluminio è presente in molti altri prodotti di uso quotidiano. Si trova negli involucri delle gomme da masticare, nelle barrette di cioccolato, negli involucri del caffè, nelle confezioni Tetra Pack, nei coperchi degli yogurt, nei tubetti di dentifricio e senape, negli spray deodoranti e nelle lattine di bevande, e persino nei coperchi delle bottiglie di vetro.  

 

Per questo motivo è importante evitare il più possibile questo tipo di imballaggi o almeno riciclare questi rifiuti, dato che l'alluminio è completamente riciclabile. L'energia utilizzata per produrre il cosiddetto alluminio secondario è solo il 5% di quella necessaria per produrre l'alluminio primario.  

Tuttavia, è difficile recuperare l'alluminio dagli imballaggi compositi (confezioni di caffè o Tetra Pack) nel processo di riciclaggio. Attualmente, questi rifiuti vengono utilizzati per la produzione di cemento o inceneriti.

Nelle abitazioni, l'alluminio è utilizzato nelle cucine e nei materiali da costruzione (ad esempio le finestre) grazie alla sua buona conducibilità termica. La sua leggerezza spiega anche il suo utilizzo in grandi quantità in aerei, carrozze ferroviarie, automobili e linee ad alta tensione. Nell'industria elettronica è sempre più utilizzato come sostituto del rame. La crescente espansione della produzione di energia solare sta portando anche a un aumento del consumo di alluminio, utilizzato nella produzione di sistemi di montaggio dei pannelli solari.

 

Quanto alluminio viene effettivamente consumato nei paesi industrializzati?  

Grazie alla sua bassa densità (solo magnesio e  titanio sono più leggeri), l'alluminio svolge oggi un ruolo sempre più importante nell'industria. Per questo motivo, anche il suo consumo nei Paesi industrializzati è in aumento. La Germania è in testa al mondo con un consumo pro capite di 31,6 kg all'anno, seguita dagli Stati Uniti (30 kg/anno) e dal Giappone (26,4 kg/anno).

La maggior parte dell'alluminio utilizzato nel mondo è destinato al settore automobilistico (29%), seguito dal settore delle costruzioni (22%), dagli imballaggi (15%), dalla produzione di energia (12%), dall'industria meccanica e dai beni di consumo durevoli (9% ciascuno). In Germania, il settore automobilistico rappresenta il 44% del consumo totale, seguito dal settore delle costruzioni (16%) e dagli imballaggi (9%) (fonte USGS 2007). 

 

Chi è responsabile dell'estrazione della bauxite e della produzione di alluminio?

I principali produttori di bauxite sono Australia (30% della produzione totale), Cina (20,9%), Brasile (14%), India (9%), Guinea (8%) e Giamaica (5%). La produzione di alluminio in Europa e negli Stati Uniti è trascurabile. Attualmente, il Paese con le maggiori riserve di alluminio sarebbe la Guinea, con 7,4 miliardi di tonnellate (US Geological Survey 2012). I principali gruppi dell'alluminio sono per lo più aziende dei Paesi industrializzati. Guidate da RUSAL (Russia), seguita da Alcoa (Stati Uniti), Rio Tinto Alcan (Canada), Chalco (Cina) e Norsk Hydro (Norvegia), insieme controllano quasi il 50% della produzione globale. Fonte: Reuters

 

Esiste un alluminio "pulito"?

No. L'alluminio più pulito è quello che non viene mai usato. Ogni confezione evitata riduce il rischio per l'ambiente. Quando il consumo è inevitabile, deve essere riciclato attraverso gli appositi sistemi di raccolta.  

Anche alcuni processi di produzione dell'alluminio sono meno dannosi. È il caso, ad esempio, di un impianto di alluminio vicino ad Amburgo, nel nord della Germania. Il consumo di energia viene ridotto il più possibile con l'aiuto di attrezzature moderne. I fanghi rossi generati dall'impianto vengono puliti dalla soluzione di soda caustica, che viene riciclata per un nuovo processo. I fanghi vengono poi stoccati in un serbatoio sigillato. L'impatto ambientale della produzione è quindi ridotto al minimo.  

Naturalmente, questo non risolve i problemi di distruzione del paesaggio causati dall'estrazione della bauxite e dal trasporto in Europa, che danneggia il clima.  

 

La produzione di alluminio non è forse un'importante fonte di valuta estera e di sviluppo per i paesi produttori?  

No. I progetti sull'alluminio di solito portano a debiti enormi, i cui interessi alimentano le casse dei Paesi ricchi per anni. Lo Stato non solo si fa carico di gran parte dell'investimento iniziale per attirare le aziende straniere, ma finanzia anche le centrali idroelettriche necessarie alla produzione. In Brasile, i rappresentanti dei produttori di alluminio hanno negoziato congiuntamente i contratti con la società elettrica nazionale. Ciò consente loro di acquistare elettricità a prezzi inferiori ai costi di fornitura. Altri vantaggi come le esenzioni fiscali, l'importazione in esenzione dai dazi degli impianti di produzione e l'esenzione dall'imposta sul reddito per i dipendenti stranieri attireranno sicuramente i governi.  

Per la popolazione locale, tuttavia, questi progetti significano pochi posti di lavoro e comportano una serie di problemi sociali e ambientali. L'esempio della diga di Turucuí è un buon esempio di come la popolazione venga messa da parte. Ad esempio, nonostante la presenza della centrale, alcuni dei comuni circostanti non sono ancora collegati alla rete elettrica. La maggior parte della bauxite estratta o dell'alluminio prodotto è destinata all'esportazione.  

  

Cosa posso fare?

  • Evitate il più possibile di usare fogli di alluminio. Utilizzate invece scatole da picnic e contenitori ermetici, sostituite le vaschette in alluminio con quelle in acciaio inox.
  • Optate per le bottiglie riutilizzabili invece delle lattine.
  • Non acquistate confezioni molto piccole, come i vasetti in miniatura di marmellata, miele o latte condensato, e non acquistate campioni, che spesso sono contenuti in confezioni rivestite di carta stagnola.
  • Acquistare la senape e la maionese in barattoli di vetro, non in tubetti. Una volta svuotati, possono essere utilizzati come contenitori.
  • Non utilizzate capsule di caffè, acquistate caffè biologico, preferibilmente da una piccola torrefazione. Questo è un bene per la foresta pluviale e per il vostro portafoglio. Potete anche incoraggiare il vostro torrefattore a utilizzare imballaggi privi di alluminio.
  • Riciclate i prodotti contenenti alluminio.
  • Installate finestre con telaio in legno - ovviamente a livello locale - invece di finestre in alluminio quando ristrutturate la vostra casa.
  • Utilizzate deodoranti privi di alluminio, sia nella composizione che nell'imballaggio.
  • Chiedere ai produttori che utilizzano imballaggi in alluminio di adeguare la loro produzione e usare materiali che non causano deforestazione.
  • Sostenere le campagne di Salviamo la Foresta contro la deforestazione per la produzione di alluminio.
  • Informare i vostri familiari, amici e conoscenti sull'impatto nocivo della produzione di alluminio sulla foresta pluviale.