Domande e risposte sulla biodiversità

La biodiversità, o diversità biologica, comprende la varietà delle specie, la diversità genetica all'interno delle specie e la diversità degli ecosistemi. Molte specie scompaiono prima ancora di essere scoperte perché il loro habitat viene distrutto per sempre dall'uomo. Gli esperti parlano già di una sesta estinzione di massa nella storia della Terra.

Definizione: cos'è la biodiversità?

La biodiversità, o diversità biologica, comprende tre aree principali che sono strettamente collegate: la diversità delle specie, la diversità genetica all'interno delle specie e la diversità degli ecosistemi. Gli ecosistemi includono comunità e habitat come le foreste e gli oceani. La biodiversità include anche la varietà di funzioni e interazioni con cui le specie si relazionano tra loro all'interno degli ecosistemi.

La diversità delle specie è spesso usata come sinonimo di biodiversità, ma è solo una parte di essa. La biodiversità si è sviluppata attraverso l'evoluzione in miliardi di anni di storia della Terra.

Come è distribuita la biodiversità nel mondo?

La biodiversità aumenta dai poli verso l'equatore, con i deserti che fanno eccezione. Circa il 78% di tutte le specie vive sulla terra e il 17% in acqua. Le foreste pluviali tropicali e le barriere coralline sono gli ecosistemi più ricchi di specie e complessi della terra. Circa la metà di tutte le specie animali e vegetali conosciute vive nelle foreste tropicali, anche se queste foreste coprono solo il 13% circa della superficie terrestre. Le ragioni dell'altissima diversità delle specie nelle foreste pluviali non sono ancora state spiegate del tutto scientificamente. Tuttavia, fattori come la mancanza di nutrienti, l'alta radiazione solare durante tutto l'anno e le alte precipitazioni giocano un ruolo importante. È proprio la mancanza di nutrienti che permette a molte specie diverse di svilupparsi nella foresta pluviale, perché nessuna specie può diventare prevalente.

La minore influenza delle ere glaciali all'equatore, così come l’età elevata delle foreste pluviali - milioni di anni - hanno anche contribuito a una diversità unica di specie.  Aree particolarmente ricche di specie si trovano in Amazzonia, Madagascar, Asia sudorientale e parti dell'Africa meridionale, occidentale e centrale. Nel Parco Nazionale Yasuni in Ecuador, per esempio, ci sono più specie di alberi per ettaro che in tutto il Nord America messo insieme. E su un solo albero vivono più specie di insetti che in tutta l'Europa. In confronto, l’Italia è un paese relativamente povero di specie.

Quante specie ci sono nel mondo?

Il numero esatto di specie è sconosciuto. Attualmente, circa 2 milioni di specie animali e vegetali sono state descritte scientificamente. Di questi, il 75% sono invertebrati (insetti, aracnidi, crostacei), il 4% vertebrati (mammiferi, pesci, anfibi, rettili, uccelli) e il 21% piante. Gli esperti stimano il numero di specie tra 5 e 10 milioni!  Un rapporto del 2019 del Consiglio Internazionale della Biodiversità (IBPES) stima l’esistenza di 8 milioni di specie animali e vegetali nel mondo. Ogni anno vengono scoperte circa 18.000 nuove specie. Solo nel 2017, per esempio, l'orango Tapanuli a Sumatra è stato descritto come una specie separata rospetto alle altre specie di oranghi.

Cosa sono le specie endemiche?

Una specie è endemica se si presenta solo in un'area limitata, per esempio solo su un'isola, in una catena montuosa o in un continente. Le specie endemiche sono, per esempio, tutte le specie di lemuri dell'isola di Madagascar. Il primate più piccolo tra loro è il lemure topo di Berthe, che è stato scoperto solo nel 2000. È alto fino a 9 cm, pesa circa 30 g e vive solo nella foresta di Kirindy sulla costa occidentale dell'isola.

Un altro esempio è la farfalla uccello Queen Alexandra. Con un'apertura alare di 28 cm, è la farfalla più grande del mondo e si trova solo in Nuova Guinea. I suoi bruchi dipendono da un'unica pianta della quale si alimentano, che è gravemente minacciata dalla distruzione delle foreste pluviali.

Cos'è un hotspot di biodiversità?

Gli hotspot di biodiversità sono regioni in cui si trova un gran numero di specie animali e vegetali endemiche e la cui natura è particolarmente minacciata. Di norma, il 70% dell'area è già stato distrutto.

Attualmente, 34 hotspot di biodiversità coprono solo il 2,4% della superficie terrestre, ma ospitano il 70% della sua diversità biologica. Queste regioni ospitano la metà di tutte le specie di piante e il 77% di tutti i vertebrati terrestri. Il concetto di hotspot di biodiversità è stato sviluppato dai biologi Russell Mittermeier e Norman Myers alla fine degli anni '80 per meglio guidare e focalizzare gli sforzi per la conservazione globale.

Dove si trovano gli hotspot di biodiversità?

La maggior parte degli hotspot di biodiversità si trova ai tropici, in particolare nel sud-est asiatico - soprattutto in Malesia e Indonesia -, nell'Africa occidentale, in Madagascar, nelle Ande, in America centrale e nei Caraibi. Ma comprende anche aree della costa occidentale degli Stati Uniti, di parti del Cile, della regione mediterranea e della Nuova Zelanda.

Come si determina la biodiversità?

Gli scienziati di tutto il mondo studiano e censiscono animali, piante e habitat. Misurano sia il numero di specie che il numero di individui di ogni specie per unità di superficie. L'indice di biodiversità può essere usato per mostrare lo stato, lo sviluppo e le differenze spaziali della diversità biologica.

Altre caratteristiche importanti per determinare la biodiversità globale sono, per esempio, l'area della foresta, l'estensione degli habitat marini, l'area delle aree protette, la qualità delle acque marine e dolci. Ma anche il benessere delle comunità indigene e il loro stile di vita tradizionale gioca un ruolo importante.

Perché la biodiversità è così importante e merita di essere protetta?

La biodiversità merita di essere protetta di per sé, e allo stesso tempo perché è il nostro sostentamento. Può essere paragonata a una biblioteca. Così come ogni libro contribuisce alla conoscenza e alle idee, ogni specie è importante per l'evoluzione e quindi anche per noi umani. Tutte le persone di questo mondo dipendono da una natura varia e da ecosistemi intatti, perché questi forniscono cibo, acqua e altre risorse.

Un'alta presenza di biodiversità spesso rende gli ecosistemi più produttivi e resilienti a condizioni ambientali mutevoli come il cambiamento climatico o l'inquinamento. Mantenere la biodiversità e proteggere gli ecosistemi stabili è imperativo per la sopravvivenza umana.

Ecco perché è importe mantenere gli ecosistemi biodiversi e intatti per gli esseri umani:

Cibo - Gli esseri umani usano diversi alimenti, molti dei quali provengono dai tropici, per esempio banane, cacao, caffè, riso.

Acqua potabile pulita - solo l'1% dell'approvvigionamento idrico mondiale è acqua potabile.

Purificazione dell'acqua e dell'aria - per esempio da piante e microrganismi 

Medicina - circa 70.000 specie di piante provengono dalla "farmacia della foresta pluviale

Abbigliamento - cotone, lana, pelle, pelliccia

Impollinazione delle piante - senza l'impollinazione da parte di insetti o pipistrelli, non crescerebbe nessun frutto o solo piccoli frutti, cioè ci sarebbero meno frutta e verdura.

Dispersione dei semi - uccelli, pipistrelli e scimmie giocano un ruolo speciale nella dispersione dei semi. Se una specie si estingue, scompaiono anche altre specie animali e vegetali e questo ha conseguenze fatali per l'intero ecosistema.

Fertilità del suolo - terreni diversi forniscono cibo sano

Cicli di vita - ad esempio, gli uccelli mangiano coleotteri e bruchi, le coccinelle mangiano gli afidi; se i nemici naturali dei parassiti mancano, l'ecosistema si squilibra e i parassiti si moltiplicano rapidamente

Protezione contro i disastri ambientali - inondazioni o frane

ad esempio, le foreste di mangrovie sulle coste proteggono dai danni delle tempeste e dalle inondazioni

Immagazzinare il carbonio dannoso per il clima - per esempio le foreste pluviali immagazzinano 6 volte più carbonio delle foreste native

Protezione dalle malattie e da ulteriori pandemie - il 70% di tutti i germi che ammalano l'uomo provengono originariamente dal regno animale. 

Casa e luogo spirituale dei popoli indigeni - le foreste e la sopravvivenza dei popoli indigeni è minacciata in tutto il mondo.

Quanto è minacciata la biodiversità? 

Circa 1 milione di specie animali e vegetali sono minacciate di estinzione nei prossimi decenni. Molte specie stanno scomparendo prima ancora di essere state scoperte perché i loro habitat vengono distrutti per sempre dall'uomo. Gli esperti parlano di una sesta estinzione di massa nella storia della Terra. Il tasso di estinzione globale delle specie è centinaia di volte superiore a quello degli ultimi 10 milioni di anni a causa dell'influenza umana.

Anche numerosi ecosistemi sono a rischio - ormai il 75% della superficie terrestre e il 66% della superficie oceanica sono stati significativamente danneggiati dall'uomo.  L'85% delle zone umide sono state distrutte. Solo il 3% degli ecosistemi sono considerati ecologicamente intatti - comprese parti dell'Amazzonia e del bacino del Congo. Solo l'1% degli oceani e il 15% delle aree terrestri sono attualmente protetti.

Ecosistemi particolarmente intatti si trovano dove vivono le comunità indigene. Lo dimostra un recente studio delle Nazioni Unite.

Cosa significa questo per gli ecosistemi particolarmente ricchi di specie?

Le foreste pluviali e le barriere coralline sono particolarmente colpite dalla perdita di biodiversità.  La metà di tutte le foreste pluviali sono state irrimediabilmente distrutte negli ultimi 30 anni. Gli esperti avvertono che entro il 2030 quasi tutti gli habitat delle grandi scimmie - scimpanzé, bonobo, gorilla e oranghi - potrebbero essere scomparsi a causa della creazione di piantagioni - ad esempio di palma da olio - e dell'estrazione mineraria.

Le barriere coralline - le foreste pluviali di mari e oceani - con la loro travolgente biodiversità sono tra gli ecosistemi più importanti e produttivi della terra. La più grande barriera corallina - la Grande Barriera Corallina, lunga 2300 chilometri, in Australia - è grandemente colpita da anni dal deperimento e dallo sbiancamento dei coralli. La metà dei coralli è già scomparsa. Le Nazioni Unite temono che con un aumento della temperatura globale di 1,5 gradi Celsius, circa il 90% di tutti i coralli del mondo morirà.

Perché la biodiversità è minacciata?

Gli esseri umani e il loro elevato consumo di risorse sono la ragione principale della rapida perdita di biodiversità in tutto il mondo, attraverso:

la distruzione e la frammentazione dell'habitat, ad esempio attraverso il disboscamento per piantagioni, pascoli o miniere

agricoltura intensiva - uso massiccio di pesticidi e fertilizzanti

pesca eccessiva e pascolo eccessivo

inquinamento - per esempio residui di sostanze chimiche dalla produzione

bracconaggio e caccia eccessive

la crisi climatica - molte specie non sono in grado di adattarsi al clima che cambia

la diffusione di specie invasive - le specie introdotte sostituiscono le specie native.

Tutti gli hotspot di biodiversità sono altamente minacciati da fattori come la deforestazione su larga scala, l'agricoltura slash-and-burn (debbio o taglia e brucia è una pratica rudimentale di fertilizzazione) e le piantagioni. Le ragioni di ciò includono la coltivazione estensiva di palme da olio e soia, la creazione di pascoli per il bestiame, l'alta domanda di legname tropicale e l'espansione delle miniere. Gli oceani sono stati prosciugati e inquinati. La crisi climatica e l'aumento delle emissioni di CO2 stanno causando l'acidificazione delle acque.

Cosa c'entra la biodiversità con la protezione del clima? 

La conservazione della biodiversità e la protezione del clima sono le due maggiori responsabilità del nostro tempo. Senza la conservazione della biodiversità, la protezione del clima è impossibile, perché gli ecosistemi come le foreste, gli oceani e le paludi sono serbatoi di carbonio molto importanti. Se questi vengono distrutti, enormi quantità di anidride carbonica (CO2), metano e altri gas serra vengono rilasciati nell'atmosfera, alimentando ulteriormente la crisi climatica. Circa l'8-11% delle emissioni globali sono causate dalla distruzione delle foreste pluviali tropicali.

Il riscaldamento globale sta causando lo spostamento delle zone climatiche. Molte specie animali e vegetali non sono in grado di adattarsi a causa del rapido ritmo del cambiamento climatico e quindi non possono sopravvivere nelle loro aree di distribuzione originali per lungo tempo. Gli scienziati temono che la crisi climatica causerà l'estinzione di numerose specie e/o la loro sostituzione con specie introdotte (invasive).

 

Cos'è la Lista Rossa?

La Lista Rossa delle Specie Minacciate dell'Unione Mondiale della Conservazione (IUCN) descrive lo stato globale della biodiversità ed è la base per numerose misure di conservazione. In tutto il mondo, 70.000 specie sono attualmente sulla Lista Rossa. Viene fatta una distinzione tra diversi livelli di minaccia: da "non in pericolo" ("least concern") a "vulnerabile" a "criticamente in pericolo" ed "estinto in natura". Molti paesi, come l’Italia, hanno liste rosse nazionali.

In Italia le specie a rischio di estinzione sono comprese tra il 21 e il 25% (ultimo dato del 2015). Le spugne e i coralli risultano i gruppi di specie che versano nello stato di conservazione peggiore, per il loro valore commerciale. Tra gli insetti, a causa della deforestazione imperante, le specie più minacciate ci sono tre gruppi di insetti tra loro molto differenti: i coleotteri saproxilici, le libellule e le farfalle di ambienti aperti. Tra i vertebrati i pesci d’acqua dolce sono particolarmente minacciati per l’introduzione di specie esotiche e l’inquinamento dei fiumi. Tra i mammiferi, l’orso marsicano è la specie endemica più minacciata in assoluto. In tutta Europa, almeno 1677 specie sono minacciate, tra cui l'orso polare, la volpe artica, la balena franca, il criceto campestre e più della metà delle specie di alberi.  Anche il 10% delle specie di api e farfalle europee sono minacciate di estinzione. 

In tutto il mondo, 37.400 specie animali e vegetali sono attualmente considerate minacciate di estinzione - tra cui una su otto specie di vertebrati. Il numero di specie animali in pericolo in tutto il mondo è più che raddoppiato dal 2000.

La misura in cui una specie è minacciata non dipende solo dal numero di esemplari.  Anche le dimensioni e le condizioni dell'habitat, il tasso di riproduzione e lo sviluppo della loro popolazione giocano un ruolo importante.

Quali specie animali sono minacciate di estinzione?

Tra le specie animali più minacciate al mondo ci sono il leopardo Amur (Cina), il gorilla di montagna (Africa orientale), il rinoceronte nero (Africa orientale e meridionale), l'elefante della foresta africana e numerosi animali di Sumatra (Indonesia), tra cui l'orango di Tapanuli, la tigre di Sumatra e l'elefante di Sumatra. Quasi un terzo di tutte le specie di lemuri del Madagascar sono minacciate di estinzione, come il macaco topo, il più piccolo primate del mondo. E questa è solo una piccola selezione del triste primato. 

Fondamentalmente, è molto più difficile dimostrare che un animale esiste ancora che non esiste più. Il delfino del fiume Yangtze (Cina) non è stato visto dagli scienziati per molto tempo, è probabilmente estinto, ma non è noto al 100%.

Cosa c'entra la biodiversità con i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile?

Una perdita massiccia di biodiversità non ha solo conseguenze ecologiche, ma anche sociali ed economiche di vasta portata. Soprattutto i popoli indigeni e le popolazioni povere di tutto il mondo sono minacciati nella loro esistenza. La distruzione della natura attraverso lo sfruttamento massiccio delle risorse sta avvenendo a spese di miliardi di persone nel Sud del mondo. I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs), come la lotta contro la fame e la povertà, possono essere raggiunti solo se la biodiversità viene conservata in tutto il mondo e utilizzata in modo sostenibile per le generazioni future. Questo è anche il risultato di un recente studio scientifico intitolato "La perdita di fauna selvatica nelle foreste tropicali minaccia gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite".

 

Cos'è il Consiglio mondiale della biodiversità delle Nazioni Unite (IPBES)?

Il Consiglio mondiale della biodiversità delle Nazioni Unite - Piattaforma intergovernativa scienza-politica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES) - è stato fondato nel 2012 con sede a Bonn. L'obiettivo era di fornire ai 130 stati membri informazioni scientificamente legittime e credibili sulla conservazione e l'uso della biodiversità nei processi decisionali politici. Nel 2019 è stato pubblicato il rapporto IPBES sulla biodiversità globale, evidenziando, tra l'altro, l'attuale estinzione massiccia. Questo rapporto è stato prodotto in 3 anni con l'aiuto di 150 esperti di 50 paesi. Hanno analizzato circa 15.000 studi e rapporti e hanno tratto conclusioni sui cambiamenti ambientali degli ultimi 50 anni. Il rapporto fornisce stimoli decisivi per ulteriori sviluppi nell'economia e nella società. 

Cosa si sta facendo in tutto il mondo per preservare la biodiversità? 

Il più importante accordo globale per la protezione della natura è la Convenzione delle Nazioni Unite sulla Diversità Biologica (CBD), adottata al Summit della Terra di Rio de Janeiro nel 1992. Da allora, questa convenzione internazionale è stata firmata da 196 parti contraenti. Tutti gli stati firmatari si sono impegnati ad applicare le disposizioni della Convenzione nel diritto nazionale e a sviluppare strategie nazionali sulla biodiversità. Gli stati membri si sono posti l'obiettivo di conservare la diversità della vita sulla terra e di utilizzare questa diversità, ora e in futuro, in un modo così sostenibile che il maggior numero possibile di persone possa vivere di essa.

Nel quadro della CBD sono stati adottati due accordi vincolanti per il diritto internazionale. Il Protocollo di Cartagena (2003) che regola il movimento transfrontaliero degli organismi geneticamente modificati. Il Protocollo di Nagoya (2014) che definisce un quadro giuridicamente vincolante per l'accesso alle risorse genetiche e l'equa condivisione dei benefici.

Il piano strategico di Aichi per la biodiversità 2011-2020 (2010) che comprende anche cinque obiettivi strategici e 20 obiettivi d'azione concreti per fermare la perdita di biodiversità e salvaguardarla per le generazioni future. Per esempio, entro il 2020 la perdita di habitat naturali dovrebbe essere dimezzata e il 17% della superficie terrestre e il 10% degli oceani dovrebbero essere protetti.

Ogni due anni, le conferenze delle parti (COP) della Convenzione sulla Diversità Biologica si tengono in varie località del mondo.

Altri strumenti per la protezione della biodiversità sono la Convenzione di Ramsar per la protezione delle zone umide e la Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione (CITES), che proibisce il commercio di animali e piante in pericolo o delle loro parti, per esempio pelli di specie protette e avorio. Il Global Environment Facility (GEF) è un meccanismo internazionale per finanziare progetti di protezione ambientale nei paesi in via di sviluppo.

Quali sono stati i temi della prossima Conferenza sulla Biodiversità 2021/22?

Durante la 16a Conferenza sulla biodiversità (COP16), che ha avuto luogo virtualmente nell'ottobre 2021  - e proseguirà di persona in Cina nell'aprile/maggio 2022 -  numerosi leader hanno evidenziato la connessione tra crisi climatica e della biodiversità. L’obiettivo della COP26 è quello di regolare come gli stati membri proteggeranno la biodiversità fino al 2030 e oltre (post-2020 global biodiversity framework (GBF)). La prima bozza, un progetto di trattato, menziona aree protette, "soluzioni basate sulla natura" contro il cambiamento climatico, il commercio di fauna selvatica, l'inquinamento e i diritti della natura. (Potete trovare la Bozza Zero qui). Gli accordi presi che hanno maggiore rilevanza sono: l'aumento degli impegni a fornire finanziamenti per aiutare i paesi in via di sviluppo a contrastare i cambiamenti climatici;l'adozione dell'impegno globale per la riduzione delle emissioni di metano; la messa a punto della Convenzione di Parigi.

La visione che orienta questi impegni è vivere "in armonia con la natura" entro il 2050. Questo richiederebbe un cambiamento nei "sistemi economici, sociali e finanziari". 

L'obiettivo di proteggere il 30% della superficie terrestre entro il 2030 gioca un ruolo particolare. Il punto critico qui è cosa significa "protezione" e come viene applicata. Le organizzazioni ambientaliste e per i diritti umani avvertono che l'obiettivo del 30% potrebbe far perdere a milioni di persone i loro mezzi di sussistenza ed essere sfollati in nome della protezione della biodiversità, per esempio per creare parchi naturali e corridoi per le migrazioni delle specie.

Anche se la prima bozza menziona i diritti dei popoli indigeni e delle comunità locali, le conoscenze tradizionali e i diritti delle donne e delle ragazze, le ONG temono che siano trascurati.

Sullo sfondo della pandemia di Covid, la consapevolezza che le pandemie e il degrado ambientale sono collegati è probabile che confluisca nei negoziati, per esempio sotto il titolo One Health.

È chiaro che gli obiettivi fissati per il 2020 sono stati mancati di molto. Il punto di partenza dei negoziati fino al 2030 è quindi un fallimento. Alcuni Stati membri dubitano persino del senso di obiettivi più rigorosi. Dicono che c'è già una mancanza di attuazione e di finanziamento per gli obiettivi precedenti.

Cosa sta facendo l’Italia per proteggere la biodiversità?

Nel 2010 l’Italia ha adottato la Strategia Nazionale per la Biodiversità, in coerenza con gli obiettivi previsti dalla Strategia Europea della Biodiversità, guidata dal Ministero dell’Ambiente, che coinvolge diversi attori istituzionali, sociali ed economici impegnati per fermare il declino della biodiversità. La Strategia, e la sua revisione intermedia fino al 2020, è focalizzata nella conservazione ed uso sostenibile delle risorse naturali. Così, dopo aver firmato la Convenzione di Rio nel 1994, l’Italia ha adempiuto al suo dovere di attuazione nazionale 16 anni dopo.  La nuova Strategia Nazionale prevede l’identificazione di una serie di obiettivi specifici e degli impegni definiti in ambito europeo e internazionale, declinati all’interno di alcuni ambiti tematici di intervento come: Aree Protette, Agricoltura, Foreste, Acque interne, Mare. Gli obiettivi previsti sono stati stabiliti dal Ministero della Transizione Ecologica. Per il loro raggiungimento è previsto un periodo fino al 2030. In Italia gli hot spot per la conservazione della biodiversità sono “quei lembi di foresta che, seppur utilizzati in passato, hanno sviluppato caratteri di “vetustà” a seguito di un periodo sufficientemente lungo di assenza del disturbo antropico”. Gli secondo la Strategia Nazionale per la Biodiversità, gli hot spot per la conservazione della biodiversità garantiscono un habitat idoneo alla conservazione fisica e chimica del terreno per la vita di specie ricche e diversificate.  

Cosa sta facendo l'UE per proteggere la biodiversità?

Il rapporto intermedio della Strategia UE per la biodiversità 2020 ha anche rivelato che gli stati della UE devono fare di più per fermare la perdita di biodiversità. Nel maggio 2020, la Commissione europea ha adottato una nuova strategia per la biodiversità 2030 come parte del suo Green New Deal, basandosi sulla direttiva UE sugli uccelli, nonché sulla direttiva Habitat e sulla rete di aree protette Natura 2000, con l'obiettivo di ripristinare e proteggere tutti gli ecosistemi del mondo entro il 2050. Almeno il 10% del bilancio UE a lungo termine (2021-2027) deve essere assegnato alla conservazione della biodiversità. 

Ecco alcuni obiettivi della strategia dell'UE per la biodiversità 2030:

Circa il 30% della superficie terrestre della UE e il 30% delle aree marine da proteggere, di cui un terzo dovrebbe essere rigorosamente protetto.

Ripristinare gli ecosistemi degradati attraverso obiettivi legalmente vincolanti.

Fermare il declino degli impollinatori.

Ridurre l'uso di pesticidi del 50%.

Elementi del paesaggio con alta biodiversità su almeno il 10% di terreni agricoli.

Agricoltura biologica su almeno il 25% dei terreni agricoli.

Ripristino di almeno 25.000 chilometri di fiume come fiumi a scorrimento libero.

Quali sono le critiche alla strategia dell'UE per la biodiversità?

Alcune organizzazioni ambientaliste stanno spingendo per una rapida implementazione degli obiettivi di biodiversità, ma per molti non sono sufficientemente lungimiranti. Per esempio, gli obiettivi della strategia per la biodiversità non sono ancora legalmente vincolanti. Nella UE, i sussidi agricoli nell'ambito della politica agricola comune (PAC), per esempio, sono stati criticati perché ostacolano il cambiamento. Molte misure di protezione della biodiversità sono finanziate attraverso il Fondo Agricolo Europeo. L'efficacia delle misure di conservazione è fortemente legata all'agricoltura europea ed è influenzata dall'attuale riforma agricola della UE. Questa riforma è criticata sia dagli scienziati che dagli agricoltori.

L'accordo di libero scambio della UE con i paesi del Mercosur (Accordo Mercosur) è anche una minaccia per le persone e l'ambiente. Alimenta ulteriormente la distruzione della foresta amazzonica. Il governo italiano dovrebbe sostenere l'adozione di una legge efficace sulla catena di approvvigionamento che includa i diritti ambientali e umani. Quanto siano efficaci le strategie di protezione della biodiversità della UE potrà essere valutato solo alla prossima revisione intermedia nel 2025. 

Gli obiettivi di protezione della biodiversità sono stati raggiunti finora in tutto il mondo? 

La comunità globale è stata finora molto lontana dal raggiungere l’obiettivo di fermare la drammatica perdita di specie e di habitat in tutto il mondo. Nessuno dei 20 cosiddetti obiettivi di biodiversità del 2011-2020 è stato pienamente raggiunto. Lo dimostra anche il rapporto globale sullo stato della biodiversità pubblicato nel 2019. Secondo la CBD, ciò è dovuto principalmente alle misure nazionali degli stati firmatari. In meno di un quarto degli stati, questi sono in linea con gli obiettivi di biodiversità. Nella UE, la biodiversità è addirittura peggiorata, nonostante alcune tendenze positive.

"L'umanità è in guerra con la natura". Con queste parole, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha aperto il vertice delle Nazioni Unite sulla biodiversità a New York il 30.9.2020. Tutti i 150 stati hanno dichiarato il loro sostegno all'importanza globale della protezione della biodiversità e al cambiamento urgente necessario nell'economia e nella società. Tuttavia, finora sono solo parole vuote senza proposte concrete di soluzioni. Questo non è sufficiente per proteggere la biodiversità - è necessario un maggiore impegno. 

Ci sono anche buone notizie?

Ma ci sono anche piccoli barlumi di speranza: alcuni paesi della UE hanno migliorato le loro politiche sulla biodiversità. Fino a 25 specie di uccelli e mammiferi sono state temporaneamente salvate dall'estinzione grazie a misure di conservazione della natura dal 2010, tra cui la pulcinella di mare e il castoro europeo. Il ritorno del lupo in Italia è anche un grande successo per la conservazione delle specie, ma è ancora una specie "a rischio" e "strettamente protetta".

Ci sono stati anche successi nella conservazione delle specie in tutto il mondo. La scimmia leone dorata del Brasile, con una popolazione di meno di 300 animali in natura, era già considerata "minacciata di estinzione". Grazie al successo dell'allevamento negli zoo, alla reintroduzione in natura e alla creazione di un'area protetta, la scimmia leone dorata è ora considerata solo "criticamente in pericolo".

Quanto costa la conservazione della biodiversità?

Secondo il "Dasgupta Report on the Economics of Biodiversity", circa 500 miliardi di dollari vengono investiti ogni anno in tutto il mondo nella distruzione della natura, nell'agricoltura industriale, nei sussidi per il petrolio e il carbone, nella deforestazione e nell'impermeabilizzazione delle terre. Al contrario, solo da 78 a 143 miliardi di dollari - lo 0,1% della produzione economica mondiale - sono stati spesi finora per preservare i nostri mezzi di sussistenza. Il costo del superamento della crisi della biodiversità è stimato in 700 miliardi di dollari all'anno. 

Ma salvare la biodiversità non è possibile solo con il denaro. Gli esseri umani con il loro eccessivo consumo di risorse sono il problema principale. Oggi, noi umani consumiamo già quasi l’equivalente del doppio della Terra, e i tassi attuali di consumo delle risorse saranno almeno triplicati entro il 2050. Gli abitanti dei paesi industrializzati sono i principali consumatori. Questo perché la maggior parte della popolazione dei paesi del Sud globale vive in povertà e di solito causa solo un'impronta ecologica minima. 

Qual è il problema degli accordi internazionali?

Ci sono gravi conflitti d'interesse. I paesi industrializzati determinano le politiche dell'ONU. Allo stesso tempo, questi stati sono anche i donatori più importanti. Il loro consumo eccessivo di materie prime e di energia è il principale responsabile della distruzione mondiale dell'ambiente. Così coloro che distruggono l'ambiente sviluppano "concetti di protezione" e determinano la politica ambientale. È quindi molto discutibile che la conservazione della natura sia davvero in primo piano e non piuttosto l'interesse economico. In ogni caso, la crescita economica costante e il consumo crescente di risorse non sono compatibili con la conservazione della natura. Inoltre, non ci sono possibilità di sanzioni se ciò che è stato deciso non viene rispettato. Sarebbe utile avere un organismo neutrale e sovraordinato, senza interessi economici propri, che verifichi il rispetto dei regolamenti e degli obiettivi e imponga severe sanzioni in caso di inadempienza.

Il contenuto di tali convenzioni, cioè gli obiettivi e gli obblighi, è deciso dagli stati membri e può essere riconosciuto da questi ultimi attraverso la ratifica come vincolante secondo il diritto internazionale. Ecco il problema: il contenuto può essere riconosciuto come vincolante, ma non deve esserlo. Non c'è quindi alcun obbligo vincolante di raggiungere gli obiettivi fissati, né tanto meno che ci siano conseguenze per gli Stati se gli obiettivi non vengono raggiunti.

Quindi, come detto sopra, non ci sono controlli e sanzioni. Così succede di continuo che alcuni stati membri non siano disposti a scendere a compromessi. Così i problemi sono solo rimandati, ma non risolti. Inoltre, c'è ancora un'enorme differenza tra quello che dicono i politici e i funzionari e la realtà. Perché molti paesi della UE, per esempio, sono ritratti come protettori del clima e giocano il ruolo di pionieri. Tuttavia, il fatto che il consumo di risorse continui ad aumentare viene nascosto. Per esempio, la Germania vuole dare un’immagine di paladina della protezione dell’ambiente ma, le industrie tedesche pesanti e dei rifiuti sono esternalizzate in paesi come Cina, Brasile e India. A questi paesi poi viene detto che devono fare molto di più per l'ambiente.

Come possiamo ancora proteggere la biodiversità?

Numerosi scienziati e ONG chiedono un cambiamento a livello mondiale con numerosi cambiamenti tecnologici, economici e sociali, come ad esempio:

Espandere l'agricoltura biologica - investendo nella produzione tradizionale e nei piccoli proprietari attraverso metodi di coltivazione migliorati, sementi appropriate e strategie agro - ecologiche, per esempio sistemi agroforestali. I piccoli agricoltori producono la maggior parte di tutto il cibo nel mondo - con un impatto ambientale significativamente minore!

L'impegno della società civile - Il movimento mondiale Fridays for Future sta facendo richieste concrete ai politici per una maggiore protezione del clima. La protezione del clima e la protezione della biodiversità sono strettamente legate!

Sviluppo urbano sostenibile - ad esempio la creazione di spazi verdi come habitat per animali e piante in città.

Cambiamento di valore globale - inclusione di prospettive diverse, per esempio la conoscenza indigena nei programmi di protezione ambientale.

Incentivi per una finanza sostenibile invece di una crescita economica sfrenata.

 

Cosa posso fare per preservare la biodiversità?

Come consumatori, abbiamo una grande influenza sugli sviluppi del mondo attraverso i nostri comportamenti di consumo. La domanda per il consumo di carne, soia, olio di palma, legname tropicale, olio e carta determina la distruzione di aree naturali contribuisce anche alla massiccia estinzione di specie e alla perdita di biodiversità. Ma è anche urgente aumentare la pressione sui politici con l'aiuto di proteste, petizioni e campagne. Perché la protezione della biodiversità e del clima sono le più grandi responsabilità del nostro tempo!

Libro scaricabile in Pdf: Peter Ward, Future Evolution:an illuminated history of life to come, 2001.