Difensori della foresta

I difensori delle foreste pluviali e dei diritti umani si attivano rapidamente e si mobilitano quando le foreste e i loro abitanti sono in pericolo. Ma, spesso le loro azioni mettono queste persone in pericolo. Qui trovate gli strumenti esistenti e le possibili attività da organizzare per accompagnarli.

In tutto il mondo, persone coraggiose si impegnano quotidianamente per difendere e conservare le ultime foreste rimaste che sono sempre più minacciate. Ma questo può allo stesso tempo rappresentare un pericolo per queste persone, per quanto paradossale possa sembrare.

 

Cosa si può fare per proteggere i difensori dell'ambiente e dei diritti umani?

 

  • Esaminare il problema identificando gli individui e le comunità vulnerabili in questo contesto.
  • Denunciare ogni caso ed esporre pubblicamente i colpevoli.
  • Svolgere attività di supporto attivo (advocacy) a livello nazionale, regionale e internazionale.
  • Aiutare fornendo informazioni per permettere ai leader di essere formati ed educati in materia di diritto ambientale e diritti umani.
  • Accompagnare con diversi meccanismi legali per la difesa e la protezione dei diritti umani, assicurando la presenza fisica delle autorità e delle organizzazioni per i diritti umani.
  • Esigere indagini, sanzioni e controllo di coloro che son  minacce.
  • Diffondere la prospettiva dei diritti umani nel settore delle imprese, esigendo il rispetto dei trattati internazionali vincolanti e della legislazione nazionale.

 

 

Avvisi e tematiche di azione

La tua firma aiuta a difendere le foreste! Le nostre petizioni online si riferiscono a progetti che distruggono le foreste e fanno il nome dei responsabili. Uniti siamo più forti!

Dopo un raid nella comunità Maya Q'eqchi di Chinabal Alto, le donne esprimono il loro dolore, la loro paura e la loro indignazione. © Juan Bautista Xol

57.833 firmatari

Guatemala: Per la palma da olio, raid nella comunità indigena Maya

Violenze e saccheggi nel comune di El Estor, provincia di Izabal. Gas lacrimogeni e armi di grosso calibro sarebbero state usate per fare irruzione nelle case della comunità di Chapín Abajo. La resistenza della comunità è duplice: contro l'azienda di olio di palma NaturAceite e contro un progetto minerario. Firmate la petizione urgente.

Informazioni ulteriori

CA: Al Presidente del Guatemala Alejandro Gianmattei e rappresentanti del suo Governo

“Rispettare i diritti degli indigeni Maya Q'eqchi e garantire la loro sicurezza. Fermate le incursioni, gli sgomberi e tutte le violenze.”

Leggi tutta la lettera