Vittoria in Uganda: gli attivisti ambientali vincono in tribunale

Studente festeggia la fine del processo contro di lui. Studente festeggia la fine del processo contro di lui. (© StopEACOP)

30 nov 2023

Il processo a nove giovani ambientalisti in Uganda è finalmente finito. Un tribunale di Kampala ha appena archiviato il caso contro gli studenti, il cui "crimine" era quello di manifestare contro l'oleodotto EACOP. Gli studenti non si sono fatti intimidire e la lotta continua.

Più di un anno fa, gli studenti erano stati arrestati durante una manifestazione pacifica contro la costruzione dell'oleodotto EACOP. Il processo è stato noioso per gli imputati.

"Lo Stato ha orchestrato questo caso per ostacolare i nostri sforzi di mobilitare studenti e giovani per protestare contro l'oleodotto EACOP", afferma Ntambazi Imuran Java, uno degli studenti. "Tuttavia, le accuse sono servite solo a rafforzare la nostra determinazione, poiché sono infondate". Ora speriamo che anche le accuse contro altri quattro studenti arrestati il 15 settembre vengano ritirate.

"La sentenza stabilisce un precedente: i cittadini ugandesi hanno il diritto di esprimere i loro desideri in merito alle modalità di sviluppo che il loro Paese dovrebbe adottare", ha dichiarato Brighton Aryampa, presidente di Youth for Green Communities (YGC), che ha accompagnato gli studenti in tribunale.

Salviamo la Foresta ha sostenuto gli studenti con una campagna sui social media e una petizione.

Più di 78.000 persone hanno firmato una petizione di sostegno. I nove studenti ringraziano di cuore tutte le persone che hanno aderito alla solidarietà.

Il tribunale ha archiviato il caso perché l'accusa non è stata in grado di presentare un solo testimone. L'avvocato degli studenti ha sostenuto che il processo costituisce una persecuzione nei confronti degli attivisti.

La rete internazionale StopEACOP, a cui Salviamo la Foresta partecipa, scrive in un comunicato stampa: "L'impegno incrollabile di questi studenti, nonostante le intimidazioni, dimostra il potere della resistenza non violenta. Rappresentano la speranza e la resilienza di una generazione impegnata per un'Uganda sostenibile che investa nel suo popolo e non negli oleodotti di combustibili fossili che alimentano la crisi climatica. La loro liberazione dimostra il potere della solidarietà nel superare l'oppressione."

In particolare, le banche e le compagnie di assicurazione che stanno pensando di finanziare questo progetto dovrebbero ritirare il loro sostegno. Il progetto presenta rischi considerevoli e danneggia le persone, la natura e l'ambiente. "Il mondo ci ascolta e noi non faremo tacere la nostra voce".

A prescindere dalla decisione del tribunale, gli attivisti in Uganda lavorano in un clima sempre più oppressivo. Un rapporto dell'organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch documenta la repressione contro coloro che rimangono critici nei confronti dell'EACOP.

Vi invitiamo a partecipare alla petizione contro i progetti petroliferi in Uganda e a firmarla, se non l'avete ancora fatto.