Indonesia: le isole Aru sono in pericolo a causa del commercio del carbonio

Quadro di folla con manifesto "Save Aru", sullo sfondo mare e navi Salvate le isole Aru dalla deforestazione e dal commercio di carbonio! (© Forest Watch Indonesia) Isole boscose in mezzo all'acqua Le rotte marine separano 800 piccole isole calcaree: non c'è posto per il commercio di carbonio! (© Forest Watch Indonesia) Mappa Nuova Guinea - Isole Aru - Australia da N a S Quando avverrà l' attacco alle isole Aru? (© Google Earth 2023)

19 dic 2023

Sulle isole Aru, tra Australia e Nuova Guinea, i commercianti di CO2 vogliono sfruttare una delle ultime foreste pluviali intatte. La coalizione #SaveAru, di cui Salviamo la Foresta fa parte, chiede al Ministero indonesiano dell'Ambiente e delle Foreste di fermare il processo di autorizzazione.

l Gruppo Melchor sta cercando di implementare un progetto di commercio di carbonio (CO2)  chiamato Cendrawasih Aru Project su quasi 600.000 ettari sulle isole Aru in Indonesia. Ma non è la sola, anche la società di legname PT Wana Sejahtera Abadi ha un permesso per sfruttare 56.000 ettari di foresta. La popolazione locale e il movimento #SaveAru sono allarmati.

--------- >>> Dichiarazione della coalizione #Save-Aru (indonesiano e inglese)

Questa è la quarta ondata di attacchi alla foresta delle isole Aru negli ultimi trent'anni. Finora gli isolani li hanno respinti tutti con successo. Nel 2013, il movimento #SaveAru ha acquisito forza nella resistenza al piano di conversione di tre quarti della superficie delle isole in monocolture di canna da zucchero. Nel 2018 è riuscito a fermare un prgetto per l'allevamento di bestiame intensivo pianificato dalla compagnia Jhonlin su 65.000 ettari di territorio.

Nel 2022, i rappresentanti del Gruppo Melchor sono arrivati sulle isole, apparentemente per allevare granchi e coltivare alghe nelle mangrovie. La popolazione locale ha respinto questi progetti. Da millenni sanno che interferire con il delicato ecosistema comporta gravi conseguenze.

L'idea di preservare la foresta e di vendere crediti di CO2 potrebbe sembrare una buona opzione. Ma molte cose non vengono prese in considerazione. Le foreste delle isole Aru non sono deserte, sono abitate da persone che hanno sviluppato un sistema sofisticato e collaudato per utilizzare e preservare le loro foreste, che dipendono completamente dalla pioggia (senza fonti di acqua dolce).

Grazie alla profonda conoscenza di questa regione ricca di specie ed ecologicamente sensibile e alla decisa resistenza della popolazione indigena contro il saccheggio della natura, il 75% della superficie è ancora coperto da foresta pluviale e il 17% da foreste di mangrovie. Si tratta di un fenomeno unico nel Sud-est asiatico.

Un progetto affrettato che ha come unico obiettivo il profitto e ignora le conquiste della popolazione indigena di Aru. Distruggerà molto rapidamente il loro sistema, la loro cultura e la loro identità - e aprirà la foresta alle grandi speculazioni.

Il piano dimostra anche una mancanza di conoscenza ecologica. Le isole Aru sono speciali dal punto di vista ecologico e geologico. Le isole, costituite per la maggior parte da calcare, sono separate solo da stretti stretti, dando l'impressione di essere un'area forestale attraversata da fiumi. In realtà, non c'è quasi acqua dolce. La flora e la fauna sono tipicamente austronesiane: come in Nuova Guinea, qui vivono canguri arboricoli e uccelli del paradiso.

Per saperne di più sull'ecologia e sugli attacchi alle foreste di Aru, leggete il nostro documento di approfondimento:

La quarta ondata di minacce alle foreste delle isole Aru (inglese).

 


Dal punto di vista legale e dei diritti umani, in Indonesia mancano le basi essenziali per l'uso o la concessione di foreste a scopo di sfruttamento industriale, ovvero il riconoscimento dei diritti umani, dei diritti indigeni e dei diritti fondiari. Fare affari su queste basi è disonesto.

Nella dichiarazione della coalizione #SaveAru (in indonesiano e in inglese), chiediamo primi passi concreti nella nostra lettera congiunta al Ministero delle Foreste:

  • La società di legname Wana Sejahtera Abadi deve cessare le sue attività e la sua licenza deve essere revocata.
  • Il processo di autorizzazione delle filiali del Gruppo Melchor, PT Bumi Lestari Internasional e PT Alam Subur Indonesia, deve essere interrotto.
  • I regolamenti che definiscono le "aree forestali" devono essere rivisti, soprattutto per le isole Aru.
  • Tutte le licenze devono essere accuratamente riviste. In caso di violazioni, devono essere imposte sanzioni o ritirate le licenze.
 

La deforestazione illegale e il traffico di fauna selvatica da parte di bande organizzate stanno diventando un problema crescente. I nostri partner del gruppo ambientalista Naturefriends Urai Uni documentano quasi quotidianamente il furto del prezioso legname merbau. Osservano anche numerose navi cariche di legname tropicale che, provenienti dal sud di Papua, sono presumibilmente destinate al mercato mondiale via Surabaya, Malesia e Cina.


  1. l Gruppo MelchorIl Gruppo Melchor comprende le quattro principali società Perisai Alam Sejahtera, Muller Karbon Kapital, Indonesian Oxygen Chain (ROXI) e Melchor Artha Lestari. Le controllate PT Bumi Lestari Internasional e PT Alam Subur Indonesia hanno ora una raccomandazione del governatore per 119.000 ettari.