Azione urgente agrocombustibili Europa (martedì 12 e mercoledì 13 novembre)

Una monocoltura industrialeCosì si distrugge la foresta in Sudamerica a causa delle monocolture

12 nov 2013

Martedì 12 e mercoledì 13 facciamo un appello urgente affinchè il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ricevano il maggior numero di e mail possibile per chiedere che l’Italia voti per l’eliminazione delle mete obbligatorie degli agrocombustibili nella UE.

1,9 milioni di tonnellate di olio di palma si miscelano obbligatoriamente con il diesel nell’Unione Europea. Ciò equivale a 7000 km2 di foreste. In Italia, il nostro governo con l’Eni sarà responsabile della distruzione di 180.000 ettari di foresta in Indonesia, convertita in piantagione industriale di palma,  per alimentare la futura green refinery di Marghera (VE).

Esprimendo seria preoccupazione per le politiche europee sugli agrocombustibili (biocombustibili), facciamo un appello urgente affinchè il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ricevano il maggior numero di e mail possibile per chiedere che l’Italia voti per l’eliminazione delle mete obbligatorie degli agrocombustibili, così come per i sussidi e incentivi che ne aumentano la produzione.

Mercoledì a Bruxelles si terrà una riunione determinante tra gli ambasciatori degli stati membri. Si spera che in questa sede si definisca quanto verrà approvato poi da parte del Consiglio d’Europa per l’Energia agli inizi di dicembre.

L’utilizzo massiccio di agrocombustibili in tutta Europa significa l’espansione incontrollata delle monocolture di soia, palma, canna da zucchero o colza in paesi del Sud del mondo e quindi lo sfollamento di persone, la distruzione di preziosi ecosistemi e l’inquinamento inevitabile.


Qui vi proponiamo un messaggio da inviare a questi indirizzi e mail:
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Ufficio per le relazioni con il pubblico URP@minambiente.it
Ministero dello Sviluppo Economico – Ufficio per le Relazioni con il Pubblico - urp@mise.gov.it

Oggetto:
NO agli agrocombustibili nella UE

Messaggio:
"Vi  chiedo che il denaro pubblico non venga usato per investire sugli agrocombustibili che causano fame, distruzione ambientale e cambio climatico. Non voglio essere responsabile della distruzione delle ultime foreste pluviali e della povertà di popolazioni lontane."


E se ancora non l’avete fatto potete firmare la petizione contro gli agrocombustibili nell’Unione Europea e contro l'uso dell'olio di palma nella futura raffineria dell'Eni a Marghera (Ve) .