Lobby dell'olio di palma e del tabacco: stessa strategia

Piantagione di palma da olio L'olio di palma danneggia l'ambiente e gli esseri umani (© lcoccia / istockphoto.com)

20 feb 2019

Le multinazionali del tabacco hanno sistematicamente lavorato per distorcere e minimizzare i risultati scientifici sui i rischi del tabacco per gli esseri umani e la natura. Il settore dell'olio di palma sta usando metodi simili oggi. Lo rivela uno studio pubblicato dalle Nazioni Unite.

"Le relazioni tra l'industria dell'olio di palma e l'industria agroalimentare e le strategie impiegate da entrambi i settori sono assimilabili alle stesse usate dall'industria del tabacco e dell'alcol. Eppure l'industria dell'olio di palma sta attirando pochissima attenzione ", scrivono gli autori dello studio. Il testo di questo studio è stato pubblicato nel Bollettino dell'Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite (OMS). (Il link per consultare il testo della pubblicazione dell'OMS non funziona più.)

Il settore dell'olio di palma sta cercando di presentare l'olio di palma come beneficio per la salute attraverso studi scientifici. Su nove studi a sostegno di questo argomento, quattro sono stati realizzati su iniziativa del Malaysian Palm Oil Council (MPOB), che ha permesso a questa organizzazione di lobbying di mettere in dubbio gli avvertimenti sui pericoli dell’olio di palma per la salute.

Questa modalità di procedere segue un "piano generale" ben consolidato, messo in atto dalle multinazionali del tabacco: si avvalgono di scienziati conformi alla causa, ogni scienziato in opposizione viene screditato e ogni studio critico è contrastato da uno studio che mette in dubbio i risultati. Il tutto delegato principalmente a "commissioni di ricerca".

Organizzazioni e lobbisti della Malesia e dell'Indonesia confutano queste accuse.

 La conclusione del bollettino dell'OMS è chiara: è necessario ridurre l'influenza del industria dell'olio di palma e delle industrie connesse alla politica sanitaria.