La Francia ha detto addio all'olio di palma!

Olio di palma, biocarburante della UE La Francia ha deciso di eliminare l'olio di palma nella miscela dei biocarburanti entro il 2020: perché la UE non fa lo stesso? (© Globalfilm + Composer/Fotolia - Montage: Rettet den Regenwald)

21 dic 2018

La Francia elimina l'olio di palma dai biocarburanti. Dal 2020, l’olio di palma non sarà più considerato biocarburante. I vicini d’oltralpe sono stati più previdenti del resto della UE – l’Italia cosa aspetta? Segua l’esempio della Francia, ora!

La decisione che precede tutti glia altri paesi della UE, è stata presa il 18 dicembre 2018 dall'Assemblea Nazionale di Parigi. Questo è stato riportato a Salviamo la Foresta/Rettet den Regenwald e.V.  da fonti parlamentari francesi. La decisione riguarda anche l’olio di palma considerato come "sostenibile". I deputati sembrano aver ascoltato gli avvertimenti degli ambientalisti, riconoscendo che anche l'olio di palma "sostenibile" è altrettanto nocivo per le foreste e per il clima come quello proveniente da piantagioni industriali.

Salviamo la Foresta/Rettet den Regenwald e.V  aveva chiesto di porre fine all’uso dell'olio di palma in Francia con una petizione che ha raccolto oltre 50.000 firme.

La legge francese contesta anche i sussidi concessi per 100 milioni di euro, che la compagnia petrolifera Total vuole preservare per una raffineria di olio di palma a La Mède.

Se la Francia può rinunciare all'olio di palma dal 2020, perché la UE vuole aspettare fino al 2030? Ora non ci sono più scuse: l’Italia e tutti gli altri paesi della UE devono immediatamente eliminare l'olio di palma dai biocarburanti!