Gli elefanti non vogliono l’asfalto

Elefanti in pericolo attraversano una strada La strada pregiudica la vita degli elefanti pigmei di Sabah (© Yeap Chin Aik/ MNS)

Circa 350 elefanti pigmei sono minacciati vicino al fiume Kinabatangan in Malesia. Il governo vuole costruire un ponte e aprire una strada nella loro foresta protetta. Queste infrastrutture impediscono la libera circolazione degli animali all'interno del loro habitat. Firmate per esigere l'abbandono dei due progetti!

Lettera

CA: Ai Primi Ministri della Malesia e dello Stato di Sabah

Rinunciate ora ai vostri progetti infrastrutturali che mettono in pericolo gli elefanti pigmei e la loro foresta a Sabah!

Leggi tutta la lettera

"Questa strada è la condanna a morte per gli elefanti" allerta Raymond Alfred, un biologo che ha scritto la sua tesi di dottorato sugli elefanti pigmei del Borneo. Teme la loro concentrazione su una piccola porzione di territorio. "Gli animali possono spingersi verso i villaggi e le piantagioni", nello stato di Sabah in Malesia.

Il santuario della fauna selvatica del basso Kinabatangan è un paradiso naturale dove bucerotidi, oranghi, scimmie nasiche, elefanti e altri animali convivono da sempre. Questo territorio protetto è già minacciato dalla deforestazione illegale, l'espansione delle colture di palma da olio, e ora dalla strada principale 13 che lo attraversa.

La natura intorno al villaggio di Sukau è più protetto. Solo un piccolo traghetto trasporta passeggeri e veicoli sulla riva orientale del fiume. Lì, una piccola strada sterrata conduce alle piantagioni di palma da olio gestite dalla compagnia IOI. Il traffico si riduce per consentire agli animali di muoversi liberamente. Per gli esperti, l'ampliamento e asfaltatura della strada possono diventare una barriera insormontabile.

I sostenitori del progetto promettono - come molti altri - lo sviluppo economico. Tuttavia, le strade sono sinonimo di pericolo per le foreste e le popolazioni locali in tutto il mondo. Favoriscono l'accesso ai taglialegna, bracconieri, minatori e coloni e portano alla frammentazione degli habitat naturali.

I progetti a Kinabatangan vanno completamente contro il piano di protezione per gli elefanti del Ministero dell'Ambiente malese: alcun ponte o strada asfaltata dovrebbero quindi essere implementati all'interno dell'habitat degli elefanti.

Grazie per firmare la nostra petizione per chiedere l'abbandono dei due progetti!

Infor­mazioni

Il santuario della fauna selvatica del basso Kinabatangan (Lower Kinabatangan Wildlife Sanctuary) è situato nel nord dell'isola del Borneo nella provincia malese di Sabah. Si estende per oltre 26.000 ettari, ospita undici specie di primati e i rari elefanti pigmei del Borneo (Elephas maximus borneensis). Il Lower Kinabatangan Managed Elephant Gamma si estende per oltre 40.000 ettari, e si sovrappone al santuario della fauna selvatica.

350 dei 2.000 elefanti pigmei del Borneo vivono a Kinabatangan.

La frammentazione delle aree protette

Le aree protette sono frammentate e non formano un territorio continuo. Il fiume Kinabatangan non ha alcuna protezione in quei luoghi.

Il tracciato della strada sterrata dovrebbe permetter di migliorare il collegamento con i villaggi Sukau Litang e Tomanggong, distanti circa 40 km.

 

Ulteriori informazioni

Articolo del Daily Express 

State project threatens Kinabatangan’s endangered wildlife

Malaysia plans road expansion through dwindling elephant, orangutan habitat

 

 

Lettura

CA: Ai Primi Ministri della Malesia e dello Stato di Sabah

Egregio Primo Ministro Razak,
Egregio Primo Ministro Aman,

Il fiume Kinabatangan è conosciuto dai biologi di tutto il mondo. Animali minacciati come l'orango, la scimmia nasica e molti altri primati vivono all'interno del Kinabatangan Wildlife Sanctuary - Santuario della fauna selvatica. Centinaia di elefanti pigmei del Borneo vivono anch’essi in questo territorio.

Oggi, però, si sta progettando la costruzione di un ponte sul fiume Kinabatangan a Sukau e oltre all'asfaltatura di una strada sul lato opposto. Questi lavori dovrebbero aggravare la situazione degli animali che già soffrono a causa della crescente frammentazione del loro territorio.

Alcuni biologi temono anche che questi progetti possano portare alla scomparsa delle popolazioni di elefanti in tempi brevi.

Il Santuario della fauna selvatica del basso Kinabatangan offre un grande potenziale per l'ecoturismo. Molte persone vivono già oggi grazie al turismo internazionale. Vi chiedo di considerare seriamente, come possibile conseguenza della realizzazione di questo ponte e della strada, la perdita di questo tesoro naturale.

Vogliate pertanto interrompere questi progetti dall’impatto economico incerto ma che certamente minacciano l'habitat di specie rare.

Distinti saluti

Firma la petizione

Arriviamo a 250.000:

220.808
Attività recenti