No al sacrificio di Kendeng per il cemento!

Paini si oppone all’industria del cemento a Kendeng – Giava -Indonesia Paini difensora della natura contro la degradazione del paesaggio carsico di Kendeng (© BanksPhotos/iStock - Collage: Rettet den Regenwald)

Il gruppo tedesco Heidelberg Cement vuole costruire una fabbrica di cemento sulle montagne carsiche di Kendeng, sull'isola di Giava. Questo progetto rappresenta una catastrofe ecologica e umanitaria: le montagne carsiche sono molto sensibili. La popolazione locale si oppone con tutte le sue forze.

Lettera

CA: Sig. Bernd Scheifele, CEO, e Signor Andreas Schiller, Management Representative Heidelberg Cement

No alla degradazione delle montagne carsiche Kendeng: la natura e l’uomo prima dei profitti!

Leggi tutta la lettera

Nove donne con le gambe immobilizzate dal cemento protestano fuori dal palazzo presidenziale. Il caldo afoso di Jakarta e lo smog sono insopportabili. I loro piedi sanguinano, ma loro perseverano per giorni. La signora Paini e gli altri manifestanti hanno percorso 700 Km per salvare la loro casa. "Signor Presidente, le montagne Kendeng si proteggono! Nessun intervento sulle montagne carsiche! "

Le montagne carsiche di Kendeng sono ricche di risorse idriche sotterranee e forniscono a migliaia di persone, animali e piante acqua, cibo e aria pulita. Le loro foreste hanno una grande importanza per l'ecologia e il clima per l’intera isola.

Le donne di Giava rivolgono direttamente il loro appello anche alla Germania, perché la tedesca Heidelberg Cement, è il terzo produttore più grande al mondo. La sua filiale indonesiana Indocement, azienda leader nel settore in Indonesia, conosciuta con il marchio "Tiga Roda", prevede un nuovo stabilimento a Pati, nord est di Giava.

Per la popolazione locale, i monti Kendeng sono la Madre Terra. " Economia con il cuore e la mente, per la terra, nostra madre!" scrivono sugli striscioni. "Non vogliamo il disastro umano ed ambientale". Il 16 maggio 2016, le donne hanno portato la loro protesta davanti all'ambasciata tedesca a Jakarta: "Gli investimenti tedeschi dovrebbero mirare non solo al lucro, ma prendere in considerazione l'uomo e la natura", hanno detto le donne.

L’opposizione alla Heidelberg Cement ha dei precedenti: nel 2008 la PT Semen Gresik voleva costruire una fabbrica di cemento a Pati. I cittadini si sono rivolti alla Corte Suprema e hanno vinto. Hanno vinto nel 2015 contro Indocement, ma " l 'industria del cemento insiste!", si lamenta la signora Paini.

Unite la vostra firma alla petizione per fermare la Heidelberg Cement.

Infor­mazioni

Cemento e danni ambientali

La produzione di cemento interferisce sempre di più con l'ambiente. Le cave, i paesaggi, i cicli dell'acqua e gli ecosistemi modificati sono gli effetti di questa produzione che consuma enormi quantità di energia. Inoltre, le emissioni di gas serra durante la sinterizzazione del calcare rappresentano il 5% delle emissioni globali.

Le emissioni globali dell'industria del cemento sono di quattro volte superiori a quelle dell'intera aviazione internazionale.

Le materie prime per la produzione di cemento sono il calcare e l’argilla. Le materie prime vengono (assieme a sabbia e minerali di ferro) riscaldate a 1450 gradi Celsius (sinterizzate) e poi macinate con altri materiali (sabbia, calcare, ceneri, gesso) con il cemento. Il cemento è il più importante componente legante.

Danni ambientali e le minacce per le foreste pluviali

Ecosistemi, cicli dell'acqua e paesaggi distrutti.

Il consumo di energia combustibile e di energia elettrica durante la sinterizzazione è notevole.

Le emissioni derivanti dalla produzione di cemento per l’ energia impiegata nel processo di sinterizzazione rappresentano il 5% delle emissioni globali di CO2.

La polvere, i gas di scarico, i gas tossici: ossidi di azoto, biossido di zolfo, tra gli altri, compongono l'inquinamento intorno ai cementifici che costituiscono l’industria del cemento in Indonesia

La produzione di cemento in Indonesia ha alti tassi di crescita: tra 2009-2013, la produzione è aumentata di circa il 50%.

La produzione di cemento sostiene grandi progetti infrastrutturali e di costruzione in generale. Nei progetti del Presidente Joko Widodo, l'Indonesia si dovrebbe affermare come potenza marittima, un "asse marittimo mondiale", e questo richiede l'espansione strategica dei porti marittimi. Questo prevede 24 grandi porti e 1.500 progetti portuali minori, soprattutto nell’ Indonesia orientale. Il più facile collegamento con l’Oriente significa anche un più facile accesso alle sue risorse - e quindi aumentano le minacce alla foresta pluviale.

Aumentare la produzione per uso interno. Dal 2009, diversi cementifici sono stati costruiti o sono in programma. Alcuni analisti del settore prevedono che l’Indonesia potrebbe così affrontare le sue necessità di cemento per la costruzione.

Le imprese asiatiche si muovono verso l’ Indonesia, il mercato del cemento è dominato da pochi produttori: il gruppo statale Semen Indonesia e il più grande produttore internazionale Heidelberg Cement con la sua controllata indonesiana Indocement.

Semen Indonesia con le filiali Semen Gresik, Semen Padang e Semen Tonasa (2013: 25,5 milioni t = 45,5% quota di mercato)

Indocement (maggioranza Heidelberg Cement) con 12 fabbriche (2013: quota di mercato 17,4 milioni di t = 31,1%; 2015: 20,5 milioni di tonnellate)

Holcim Indonesia (2013: 7,8 milioni di t = quota di mercato del 13,8%)

altri produttori di cemento più piccoli, tra cui Lafarge Cement

 

Heidelberg Cement AG / Indocement

Dal 2001, detenie attraverso la sua controllata Birchwood Omnia Ltd il 51% della Indocement Tunggal Prakarsa (in sisntesi, Indocement).

Indocement è leader nella produzione di cemento, calcestruzzo e trass (malta strutturale) in Indonesia. Il cemento è prodotto in tre fabbriche (capacità annua 20,5 milioni di tonnellate). L’aumento della potenza del forno implementata nel 2016 farà di Indocement un leader mondiale.

La società Sahabat Mulia Sakti (SMS), una controllata di Indocement Tunggal Prakarsa, prevede di costruire una nuova fabbrica di cemento nel distretto di Pati a Giava. SMS ha già perso una causa nei tribunali civili a Semarang, presentata l'iniziativa da alcuni cittadini. La Corte ha accolto le ragioni dell'accusa affermando che gli aspetti ambientali, culturali ed economici del sistema carsico sono stati presi in considerazione in modo insufficiente e la valutazione d'impatto ambientale (AMDAL, valutazione di impatto ambientale in Indonesia) non è stata effettuata in modo professionale.

Per il progetto di Pati 2.025 ettari di terreno carsico deve essere smantellato. Inoltre, secondo SMS, anche 663 ettari di terreni agricoli utili per la produzione di argilla oltre a 180 ettari di terreno agricolo produttivo devono subire la stessa sorte per la costruzione della fabbrica di cemento.

Interpellata da Salviamo la Foresta, Heidelberg Cement ha affermato che il progetto di Pati era stato concordato da tutte le parti interessate. Di fatto, la popolazione è stata trascurata nella pianificazione e i diritti degli indigeni Samin sul consenso preventivo, libero e informato non è stato rispettato. I timori dei residenti, la scarsità d'acqua e la siccità stanno distruggendo la loro esistenza. La Heidelberg Cement intende rimediare con taniche d'acqua. Anche dopo la sentenza della Corte di Semarang la Heidelberg Cementi e la sua filiale Indocement vogliono procedere con la realizzazione del progetto.

I Monti carsici di Kendeng a Giava

Le formazioni rocciose carsiche, costituite per lo più da calcare crea paesaggi speciali con grotte, doline e torri. L'acqua filtra in profondità verso le regioni secche. I monti carsici di Kendeng sono fonti d'acqua vitali.

Queste formazioni rocciose sono interessanti per l'industria del cemento a causa delle loro rocce ricche di calce e gesso.

I monti carsici di Kendeng si estendono a nord dell'isola di Giava interessando i distretti di Blora, Rembang, Grobogan, Pati e Kudus (Central Java) e Tuban (East Java).

I monti di Kendeng danno la vita

La loro integrità è una questione di vita o di morte per la popolazione locale. Più di 200.000 persone vivono solo nel sud del distretto di Pati. 112 sorgenti forniscono l'acqua da bere e l’acqua per le risaie a migliaia di persone a Grobogan e Pati. Nel terreno fertile crescono riso, mais, manioca e peperoncino. Sui prati pascola del bestiame. La popolazione alleva per la propria alimentazione polli, capre, anatre, bufali d'acqua e si dedica anche alla pesca.

"Il Kendeng dà la vita", dice il popolo. E’ la vita non solo per gli agricoltori, per i bambini che possono giocare in natura, è la vita per gli alberi e gli uccelli. "Il Kendeng è la Madre Terra."

La foresta dei monti Kendeng ha una grande importanza in questo settore molto densamente popolato. Trattiene l'acqua dei monsoni, immagazzina i gas ad effetto serra ed è importante un deposito di carbonio.

Oltre al suo valore economico ed ecologico, ha anche un significato culturale e spirituale. La popolazione considera le montagne Kendeng come la "Madre Terra", che dà alle persone terreno fertile, l'acqua, l'aria pulita e la gioia della bellezza della natura.

Pipistrelli e uccelli migratori del Kendeng

Numerose specie di uccelli, farfalle e libellule abbondano in montagna. Il magnifico pavone verde è una delle specie in via di estinzione, i pipistrelli endemici assicurano l'equilibrio biologico. Gli uccelli migratori provenienti dall'Asia del nord svernano qui o utilizzano il Kendeng come corridoio per la loro migrazione. Per la presenza delle grotte e per la loro funzione di corridoio per la migrazione, i monti Kendeng devono essere protetti, dice Karyadi Baskoro dell 'Università di Diponegoro.

La distruzione del paesaggio carsico

Il degrado della roccia carsica su larga scala cambierà le funzioni del paesaggio carsico: le sorgenti di acqua scompariranno, distruggendo i campi e gli insediamenti umani. Il degrado del paesaggio carsico non solo ha conseguenze ecologiche, ma è un fenomeno di land grabbing per gli indigeni e i contadini, distruggendo il loro sostentamento.

Resistenza all’industria del cemento

Le popolazioni Samin o Sedulur Sikep

Ai piedi delle montagne Kendeng vivono le popolazioni Samin o Sedulur Sikep, come si autodefiniscono. Parlano la loro lingua giavanese e vivono secondo le loro tradizioni. La storia della loro comunità inizia nel 19 ° secolo come movimento sociale contro i coloni olandesi, sulla base di principi di resistenza non violenta, una agricoltura autosufficiente e l'indipendenza dai servizi governativi.

Dal 2008, i Samin vivono in opposizione all’ industria del cemento e del governo, sostenuti dalla consapevolezza che il degrado delle montagne Kendeng significherebbe la fine del loro stile di vita.

Iniziativa dei cittadini dei Monti Kendeng

Nyawijeke ati kanggo IBU Bumi (jav.) - Relazionarsi con il cuore e la mente nei confronti della Terra, nostra Madre: questo è il motto dell'iniziativa dei cittadini dei Kendeng Monti (Jaringan Masyarakat Peduli Pegunungan Kendeng, JMPPK) contro l'industria del cemento. Il motto esprime gli stretti legami, soprattutto delle donne, rispetto alla natura in generale e al paesaggio carsico di Kendeng in particolare.

I membri del JMPPK sono indigeni Samin oltre a numerosi agricoltori provenienti dai distretti Tambakromo e Kayen. JMPPK ha guidato da Gunretno. Altre donne che svolgono un ruolo importante nella resistenza, sono le signore Paini e Gunarti da Pati, Sukinah da Rembang, e Sutini, Giyem, Karsupi, Deni, Surani, Ambarwati, Murtini e Ngadinah che si sono fatte cementare i piedi a maggio 2016, presso il Palazzo Presidenziale.

Le loro richieste sono: la protezione del paesaggio carsico, della sua biodiversità e della sua popolazione.

Ma la pressione dell'industria del cemento sui monti carsici di Kendeng è enorme. Grazie alla sua attività di lobbying intenso svolto da Sahabat Mulia Sakti (SMS), consorella di Indocement, la stessa ha ottenuto l'approvazione per la ripartizione del calcare. Secondo JMPPK la concessione non è stata gestita in modo professionale ed ha trascurato gli impatti sull'ecologia dei Monti Kendeng.

Un giudice civile di Semarang in seguito alla causa iniziata dai cittadini, ha sentenziato in favore di questi ultimi e quindi contro Indocement . Però, la battaglia per le montagne Kendeng non è finita. SMS persegue comunque i suoi piani ", sostenuto dal governo provinciale, che ha solo gli investimenti in mente, ma non è interessato alla vita dell'uomo e della natura", come hanno affermato in un comunicato stampa l’iniziativa dei cittadini JMPPK..

SMS ha presentato ricorso. All'inizio del processo di revisione (giugno 2016) e i membri del JMPPK hanno organizzato una marcia di 20 km arrivando davanti al giudice.

 

Da un comunicato stampa di JMPPK

"Consapevoli delle funzioni vitali del paesaggio carsico di Kendeng ci difendiamo contro la fuorviante definizione di " progresso ". Per "progresso" si intende il furto di terre, la distruzione della nostra esistenza come i piccoli agricoltori e la nostra cultura rurale, un’interruzione dagli effetti devastanti nella fornitura di acqua non solo per la popolazione locale, ma della flora e fauna, e di tutta la Giava.

Il distretto di Tuban e il suo paesaggio carsico è già stato distrutto, e noi dobbiamo pagare a caro prezzo: la siccità pronunciata, e l’ampio esaurimento dell’agricoltura a seguito della distruzione della natura in nome dello "sviluppo". Noi non vogliamo che questo disastro umano ed ecologico si propaghi.

Lo sviluppo non è per noi: gli investimenti a tutti i costi, a prescindere dalla natura. Una fabbrica di cemento nel nostro paesaggio carsico significa l’estinzione di tutti gli esseri viventi.

L'umanità è preoccupata per la sopravvivenza del nostro pianeta, in particolare per la sicurezza alimentare, la salute, la protezione della natura, la povertà, l'educazione, il cambiamento climatico e la giustizia di genere.

Il ruolo dell'Indonesia nella conservazione della natura e la foresta pluviale è fondamentale per tutta l'umanità. Ma l'Indonesia non deve essere lasciata sola. Il paese ha bisogno di questo supporto, anche della Germania, per affrontare il problema globale della protezione della natura. Questo richiede saggezza in politica, e non gli investimenti tedeschi in settori che distruggono la natura dell'Indonesia. Noi ci rapportiamo alla nostra Madre Terra con il cuore e la mente! "

Lettura

CA: Sig. Bernd Scheifele, CEO, e Signor Andreas Schiller, Management Representative Heidelberg Cement

Egregi Signori Scheifele e Schaller,

i cittadini dei distretti Tambakromo e Kayen del distretto di Pati, Giava - Indonesia, si oppongono alla fabbrica di cemento prevista dal gruppo PT Indocement di cui voi possedete le quote di maggioranza.

Per la fabbrica di cemento le montagne carsiche di Kendeng, che presentano condizioni ambientali sensibili, e sono un contesto culturalmente significativo, dovrebbero essere sacrificate per fini economici. Migliaia di persone dipendono da questo paesaggio carsico, le sue funzioni nell’approvvigionamento d’acqua e nello stoccaggio di carbonio sono note, pertanto la Heidelberg Cement è consapevole dei danni che subirebbe il paesaggio. Però, si insiste ancora.

La vostra azienda sostiene che il progetto di Pati fosse stato concordato da tutte le parti interessate. Però, la popolazione locale è stata trascurata nella pianificazione e non è stato rispettato il diritto della popolazione indigena Samin al consenso preventivo, libero e informato. La Heidelberg Cement sostiene pubblicamente di volere la conservazione della natura, ma questo non deve limitarsi al tentativo di ripristino degli ecosistemi distrutti e alla fornitura di taniche per l'acqua come sostituto per la distruzione dei mezzi di sussistenza.

Secondo le nostre informazioni le valutazioni da voi fatte sugli aspetti ambientali, culturali ed economici del sistema carsico sono insufficienti e la valutazione di impatto ambientale (Amdal) è stata effettuata in modo improprio. Questa è anche l’opinione della popolazione locale, che trova riscontro anche nella pronuncia del Tribunale amministrativo di Semarang.

E’ stato completamente trascurata l’estrema fragilità ambientale dell'isola di Giava, e il fatto che dal paesaggio carsico di Kendeng dipendono molte più persone, oltre a quelle locali. I biologi ed altri scienziati avvertono sulle conseguenze negative per la biodiversità, la migrazione degli uccelli, la ricerca e il clima locale e regionale.

Nel vicino distretto di Tuban dove il paesaggio carsico è già stato degradato, potete valutare il danno ambientale e sociale con i vostri occhi.

Le aziende tedesche non possono causare disastri ambientali prevedibili. Pertanto, la Heidelberg Cement dovrebbe rinunciare alla fabbrica di cemento a Pati e astenersi dal causare il degrado del paesaggio carsico di Kendeng senza indugi.

Distinti saluti,

Firma la petizione

Arriviamo a 150.000:

114.439
Attività recenti