47.000 km² di foresta amazzonica in pericolo!

47.000 km² di foresta amazzonica in pericolo ! La foresta amazzonica è in pericolo (© Stéphane Bidouze /Fotolia)

Il presidente brasiliano Michel Temer sacrifica foreste preziose. Ha reso disponibile un'ampia area protetta per lo sfruttamento dell'industria agraria e mineraria. È un "dono" che consente ai poteri economici del suo paese di rimanere al potere e di sfuggire alle accuse di corruzione. Firmi la petizione?

Lettera

CA: Presidente Temer; Congresso del Brasile e commissioni del parlamento

Presidente Temer: Non sacrificate la foresta amazzonica per rimanere al potere. Non concedete aree protette per la deforestazione.

Leggi tutta la lettera

A nord del Brasile, la fitta copertura vegetale è ancora un affascinante mosaico dai toni verdi. Ma sotto le radici degli alberi ci sono depositi di materie prime che dovrebbero permanere intaccate: oro, alluminio, ferro, rame e manganese.

Nel 1984, 47.000 ettari di foresta pluviale – grande come la Danimarca - sono stati messi sotto protezione con il nome di RENCA. Sono state preservate dall'intervento delle società minerarie internazionali. RENCA comprende sette zone protette e due territori di popoli indigeni.

Il 22 agosto 2015, il presidente Temer del Brasile ha dichiarato la fine di RENCA con decreto di estinzione. Pochi giorni dopo, ha presentato un'altra proposta di legge al congresso, che prevedeva la riduzione dell’area forestale nazionale protetta di Jamanxim, a 350.000 ettari.

Gli ambientalisti brasiliani ritengono che le leggi che favoriscono la deforestazione siano utilizzate come merce di scambio. Il presidente Temer è sotto pressione. Deve rispondere di numerose accuse di corruzione. Per non finire in prigione, sta usando tutte le sue armi politiche.

Con promesse di denaro e altre utilità avrebbe evitato la sua estromissione dal parlamento nell'agosto 2017. Con la potente Bancada Ruralista e con i rappresentanti dell'industria mineraria si sarebbe accordato per indebolire le leggi ambientali e per ridurre il livello di protezione delle aree protette. In questo contesto sono stati avviati procedimenti giudiziari contro quasi la metà dei parlamentari.

Per continuare a fare affari con il legname, l'estrazione mineraria e l'agricoltura industriale hanno tolto lo status di protezione alla foresta per saccheggiarla. Un giudice ha sospeso temporaneamente il decreto di Temer. Ma il pericolo per l'Amazzonia non finisce qui. Ci saranno altre votazioni in parlamento. Firma la petizione.

Infor­mazioni

I politici dello stato di Amapá hanno protestato energicamente contro la dissoluzione della riserva RENCA voluta dal presidente Temer. Il senatore Randolfe Rodriguez ha detto alla stampa brasiliana 

che lavorerà per sollevare il decreto presidenziale. Sarebbe il peggior crimine contro la foresta amazzonica dal 1970, ha detto il senatore al Diario do Amapá. Il 30 agosto, un giudice ha sospeso temporaneamente il decreto di Temer per l'estinzione della riserva RENCA.

La Riserva RENCA

Sotto la foresta brasiliana degli stati di Amapá e Para si trovano depositi di oro, alluminio (bauxite), ferro, rame, manganese e altre materie prime. Durante la dittatura militare, nel 1984, la preservazione di RENCA è stata assicurata - conosciuta anche come Reserva Nacional do Cobre y Associados -  dall'intervento di società straniere. Anche se l'idea era di sfruttare queste risorse da parte dello stato, la verità è che con la sua creazione, questa zona è stata finora protetta dalla deforestazione e dall'estrazione delle sue risorse.

Le seguenti foreste e territori indigeni si sovrappongono a RENCA e saranno influenzati anche dalla sua dissoluzione:

1. Estação Ecológica do Jari, 2.271 km², fondata nel 1982

2. Parco Nazionale Montanhas do Tumucumaque, 38.464,64 km², fondato nel 2002

3. Riserva Biologica di Maicuru, 11.517.60 km², creata nel 2006

4. Riserva estrattiva Rio Cajari, 5.018 km², creata nel 1990

5. Foresta Statale do Paru, 36.129.14 km², creata nel 2006

6.Reserva de Desenvolvimento Sustentável do Rio Iratapuru, 8.061 km², creata nel 1997

7. Floresta Estadual do Amapá, 23.694 km², territorio indigeno riconosciuto dal 2006

8. Rio Paru D'Este, 11.957,85 km², creato nel 1997

9. Waiãpi, 5.430 km², territorio indigeno riconosciuto dal 1996

Ulteriori informazioni:

-Vota dei ruralistas a favore di Temer costerà 10 miliardi di real 

-Deputata denuncia la negoziazione dei bilanci per salvare Michel Temer 

- La giustizia brasiliana verso la protezione del decreto di Temer contro l'Amazzonia 

- La crisi del Brasile aumenta la pressione sull'Amazzonia 

Lettura

CA: Presidente Temer; Congresso del Brasile e commissioni del parlamento

Egregio Signor Presidente Temer, Signore e Signori,

Ridurre la protezione delle foreste e dei territori indigeni in Brasile è una grave violazione contro la natura e i diritti umani.

Ritengo particolarmente scandaloso che questi vostri progetti siano direttamente collegati alla corruzione sfrenata che sta permeando la politica in Brasile.

Vi prego di fermare immediatamente i progetti di legge che avete in programma che prevedono l'estinzione della riserva RENCA e la riduzione a 350.000 mila ettari de la Floresta Nacional do Jamanxim.

Cordiali saluti,

Firma la petizione

Arriviamo a 150.000:

127.642
Attività recenti