Il furto di sabbia sull'isola di Celebes va fermato

Una donna in una baia circondata da acqua, rocce e sabbia L'isola di Celebes ha 6.000 chilometri di costa con spiagge sabbiose (© Christine Denck)

C'è sempre meno sabbia. La sabbia viene estratta dalle spiagge e il mare dragato per l'industria delle costruzioni di tutto il mondo. In Indonesia, stanno sottraendo sabbia in tutta la fascia costiera. Come nella baia di Palu sull'isola di Celebes. La rete contro le miniere Khatam ha lanciato l'allarme.

Lettera

CA: Babak Longki Djanggola, Governatore Celebes Centrale; Bapak Kasman Lassa, Reggente di Donggala

Il furto di sabbia sull'isola di Celebes va fermato. Ponete fine all’estrazione di sabbia nella baia di Palu nel distretto di Donggala.

Leggi tutta la lettera

Etal Douw si trova sulla costa di Palu, sua città natale. Davanti c’è la baia e immediatamente di fronte a lui si trova un cratere profondo 20 metri; numerose miniere e cave distruggono e perforano le ampie sponde della baia, un tempo coperte da foreste.

Una chiatta dopo l'altra trasporta sabbia lungo il fiume Labuan, attraverso un paesaggio lunare. L'intera costa della baia di Palu nel distretto di Donggala nel centro di Celebes è desolata. Le montagne Gawalise a ovest della baia di Palu sono piene di cave, le foreste di mangrovie sono scomparse, i fiumi pieni di fango e i campi inariditi.

Cinquanta camion di 3000 tonnellate trasportano la sabbia costantemente verso il Borneo. "Abbiamo calcolato che ogni anno vengono estratte 18 milioni di tonnellate di sabbia dalle nostre coste. Per le autostrade Trans-Borneo e Trans-Papua ", spiega Etal. " Per costruire isole artificiali, con cemento e calcestruzzo. "

Queste autostrade attraversano le foreste del Borneo e di Papua e sono le vie di trasporto del legname tropicale, l’olio di palma, i minerali e in generale tutte le risorse estratte dalle aree forestali. L'estrazione della sabbia non solo distrugge la costa di Celebes, ma è la base per l'estrazione di risorse in altri luoghi.

Secondo l'UNEP, ogni anno vengono estratti tra 47 e 59 miliardi di tonnellate di sabbia, più della metà viene utilizzata nell'industria del cemento e del calcestruzzo. Negli ultimi dieci anni, la produzione di cemento è triplicata.

Singapore ha ampliato il suo territorio avvalendosi della sabbia proveniente da Indonesia, Cambogia e Myanmar. Di conseguenza, decine di piccole isole sono scomparse.

"Per noi, le ripercussioni sono molto serie. Perdiamo le risorse della foresta, la pesca, e la coltivazione di alimenti. La sabbia non deve diventare una rarità. Aiutateci."

 

Infor­mazioni

Sabbia - una crisi globale sconosciuta

L'estrazione di sabbia sta producendo una "crisi ambientale globale, di cui probabilmente nessuno ha mai sentito parlare ". Ecco come The Guardian ha spiegato il problema all'inizio del 2017. C'è una domanda globale di sabbia e ghiaia maggiore di sempre.

Ogni anno, vengono estratti tra 47 e 59 miliardi di tonnellate di sabbia, secondo i dati del 2015 del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, e da allora la sabbia è un prodotto che scarseggia, molto più di quanto si pensi. La maggior parte va al settore delle costruzioni, per coprire la crescente domanda di cemento e calcestruzzo. Nell'ultimo decennio, la produzione globale di cemento è triplicata.

Dopo l'acqua, la sabbia è la seconda materia prima più richiesta al mondo. Si trova nel vetro, l’elettronica, la carta, i cosmetici. Ma la maggior parte è assorbita dall'industria delle costruzioni: il cemento armato è composto da due terzi di sabbia. Secondo l'UNDP, la produzione globale di calcestruzzo consuma tra 26 e 30 miliardi di tonnellate di sabbia. Con questo calcestruzzo si potrebbe costruire un muro lungo l’equatore di 27 metri di altezza e 27 di larghezza. Servono 30.000 tonnellate di sabbia per ogni chilometro di autostrada. Anche le fognature nelle aree costiere aumentano la domanda di sabbia. Soprattutto nei paesi in rapida crescita come Cina, Brasile, India e paesi ricchi come Dubai e Singapore. Per altro, la sabbia del deserto non è utilizzabile per le costruzioni né per le discariche sanitarie. I grani sono lisci e rotondi e non aderiscono facilmente. La sabbia dei mari e dei fiumi è spigolosa e ruvida, e aderisce meglio.

Furto di sabbia in Indonesia

Si estrae principalmente in paesi dove le leggi e i controlli ambientali sono poco efficaci o praticamente inesistenti, dove il rispetto dei diritti umani viene trascurato e la corruzione è endemica: Cambogia, Myanmar, India, Indonesia. In quest'ultimo paese, i gruppi criminali si muovono con facilità: il furto di sabbia è da qualche tempo di un gruppo criminale organizzato con connessioni a livello globale.

Palu è solo uno dei 16 luoghi costieri e delle piccole isole, dove la sabbia viene estratta in grandi quantità. Ci sono centinaia o migliaia altri luoghi dove viene rubata la sabbia, da Giava, attraverso il Kalimantan fino all'isola di Celebes: gli ecosistemi costieri sono stati distrutti e la popolazione impoverita.

Nonostante il divieto di esportazione, la sabbia raggiunge ancora Singapore dove la domanda di sabbia è la forza trainante dello sviluppo del paese - per porti, aeroporti, strade e isole artificiali.

I benefici sono immensi. Basandosi sulla precedente esperienza con l'estrazione di sabbia per i progetti di discarica nella baia di Jakarta, la nostra controparte Khatam stima che i guadagni di un singolo carico di 3000 tonnellate sia di circa 20.000 euro.

Il furto di sabbia è organizzato da gruppi criminali organizzati. In rare occasioni, le forze dell’ordine interferiscono con l'azione dei criminali, arrestandoli. Per il momento, sono liberi e le pene inflitte loro sono insignificanti. Giornalisti e attivisti ambientali che denunciano quanto accade sono stati minacciati e la popolazione intimidita.

 

Guadagnare terreno avanzando sul mare

Dubai e Singapore sono esempi paradigmatici di paesi in cui il territorio aumenta sottraendolo al mare, creando isole artificiali, per le quali sono necessarie enormi quantità di sabbia. Nel frattempo, l'Indonesia ha vietato le esportazioni di sabbia, ma ci sono indizi concreti che portano ad affermare che ci siano barche che cambiano bandiera in mare falsificando la loro provenienza ed identità per scaricare poi la sabbia a Singapore.

La tendenza ad espandere la superficie terrestre sul mare imitando il modello di Singapore ha avuto un seguito improvviso in molte parti dell'Indonesia. Diversi progetti per la costruzione di discariche (per ottenere terra riempendo il mare di pietre e sabbia, in indonesiano: reklamasi) hanno incontrato una forte resistenza. Un grande progetto per costruire un hotel di lusso e palazzi nella baia di Giacarta, sottraendo la sabbia delle piccole isole ad ovest di Giava, ha fatto infuriare gli abitanti di Giacarta. A Bali, a Benoa Bay, si sta costruendo un altro resort di lusso. E nella parte a sud dell'isola di Celebes si sta pianificando la costruzione del Centre Point Indonesia, una lussuosa Waterfront City. La sabbia si otterrebbe dalla compagnia olandese Royal Boskalis nelle isole Tanakek e Sanrobone. La risposta delle autorità alla resistenza di migliaia di famiglie del luogo è stata violenta. Tre persone che stavano protestando sono attualmente in prigione.

La criminalità organizzata e l’estrazione della sabbia sull'isola di Celebes

Non si sa esattamente quanta sia la sabbia di Palu che attualmente arriva a Singapore. Nel porto di Singapore, navi cariche di sabbia con equipaggio indonesiano attraccano costantemente, ma non danno informazioni sull'origine del loro ingaggio.

Nella baia di Palu e nel distretto di Donggala, insieme a società registrate regolarmente e legali, ce ne sono anche di molte illegali. Nel porto di Pantoloan, accanto a 12 aziende registrate ce ne sono altre 38 irregolari che caricano le loro imbarcazioni con l'arena locale. Queste 50 compagnie stanno utilizzano anche ampie aree costiere per il carico e lo stoccaggio di sabbia e ghiaia.

Il porto di Pantoloan, costruito per merci e passeggeri non può sostenere anche tutto l’indotto relazionato al furto di sabbia. Ovunque venga implementata, l'estrazione di sabbia e ghiaia promette benefici e vantaggi, e sempre più aziende entrano nel mercato . Hanno persino costruito un'isola artificiale con un porto senza alcun permesso per facilitare la loro attività e lo scarico dei camion, sta causando gravi danni alla flora e alla fauna marina. Questo comporta anche gravi danni per l’alimentazione locale della popolazione costiera che dipende dalla pesca in modo consistente.

Una nave da trasporto di dimensioni normali trasporta 3000 tonnellate di sabbia, le navi più grandi arrivano a 6000. Ciascuna delle compagnie può caricare una delle navi da 3.000 tonnellate ogni due o tre giorni e partire con il proprio carico. In altre parole: ogni anno dalle coste e dalle montagne della provincia centrale di Sulawesi vengono estratte 18 milioni di tonnellate di sabbia e pietre. Questa l’impressionante cifra che riporta la dimensione della distruzione delle coste e della loro funzione naturale di protezione.

L'estrazione di pietre e di sabbia sulle coste e sulle montagne vicine ha anche effetti sulla qualità dell'aria, a causa dell'elevata concentrazione di polveri e particelle, che ha effetti negativi sulla salute della popolazione. E come se ciò non bastasse, le strade permangono in uno stato di manutenzione catastrofico.

Ulteriori informazioni:

Business Insider Italia: Sabbia come l’oro: ce n’è sempre meno e la richiesta è alle stelle. L’estrazione indiscriminata, in mano alle mafie, inquina e causa conflitti 

Vice News: L'estrazione della sabbia sta praticamente distruggendo il pianeta 

Lettura

CA: Babak Longki Djanggola, Governatore Celebes Centrale; Bapak Kasman Lassa, Reggente di Donggala

Egregio Signor Longki Djanggola,
Egregio Signor Kasman Lassa:

La sabbia è una risorsa fondamentale per la produzione di cemento e calcestruzzo. Ma la comunità scientifica e istituzioni come l'UNDP mettono in guardia sulle conseguenze dell’estrazione di sabbia per uso industriale. La sabbia non ha solo iniziato a scarseggiare come risorsa, ma il furto di sabbia sta avendo conseguenze ambientali locali e globali che non possono essere ignorate: coste distrutte, fiumi inquinati e mari in rovina. Le coste perdono la loro funzione protettiva, le popolazioni locali la base della loro esistenza. Inoltre, le conseguenze inquinanti dell’attività estrattiva aumentano i rischi per la loro salute.

La baia di Palu e il distretto di Donggala erano tra i luoghi più belli e ricchi di biodiversità, prima che venissero distrutti dalla massiccia estrazione di sabbia e pietre. Dalla vostra volontà dipende la possibilità di evitare conseguenze negative maggiori. Vi esortiamo a prendere provvedimenti immediati contro le attività illegali di estrazione e furto di sabbia e a chiudere le società che operano illegalmente. Per tutte le attività di estrazione di sabbia nella baia di Palu e a Donggala, dovrebbero essere prese in considerazione ed esaminate innanzitutto le conseguenze ecologiche e sociali che comportano .

L’opinione pubblica internazionale oggi è consapevole delle conseguenze catastrofiche del furto di sabbia. Sicuramente, non vorrete che si associ alla vostra bellissima terra questo tipo di crimine. Vi chiediamo di pensare al benessere delle generazioni future, anche dei vostri figli e nipoti, e di salvaguardare pertanto la natura della provincia di Cellos centrale, Palu e Donggala: fermate il furto di sabbia e condannate i responsabili senza indugio!

Distinti saluti

Firma la petizione

Arriviamo a 100.000:

58.703
Attività recenti