Impediamo a Trump di distruggere la natura

Tartaruga verde di mare Tartaruga verde di mare (© CC BY 2.0) Il presidente USA Donald Trump Il presidente Trump vuole consegnare i Monumenti Nazionali naturali all'industria (© Michael Vadon - CC BY 2.0)

Il presidente degli USA Trump vuole ridurre le aree protette del suo paese e aprirle allo sfruttamento industriale. Paradisi naturali unici sono minacciati. Tra questi, il Pacific Remote Islands Marine National Monument, una delle aree protette più grandi del mondo. Unitevi a questa petizione.

Lettera

CA: Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump; Segretario degli Interni, Sig. Ryan Zinke

Il governo di Trump deve conservare le aree protette negli USA e non consentire il saccheggio da parte dell'industria.

Leggi tutta la lettera

Fino ad ora gli animali come la tartaruga verde o gli squali e il loro habitat erano al sicuro dall'intervento umano. Vivono in una riserva marina protetta in un'area di quasi 1,3 milioni di km2 tra migliaia di barriere coralline, atolli e isole tropicali: il Pacific Remote Islands Marine National Monument

Nel 2009, l’allora presidente Bush ha creato l'area protetta e il suo successore Obama l’ ha ampliata nel 2014.

Ma dal 26 aprile il futuro dei paradisi naturali degli Stati Uniti è molto incerto.

Con un decreto, il presidente Donald Trump minaccia 27 monumenti nazionali di terra e mare 

Almeno dieci di queste aree protette verrebbero di molto ridotte o aperte allo sfruttamento industriale - estrazione mineraria, estrazione di petrolio, abbattimento di legname, allevamento intensivo di bestiame, pesca industriale. È la proposta del Segretario degli Interni Ryan Zinke.

Tra le riserve minacciate ci sono zone aride e canyon spettacolari come il Grand Stircase – Escalante National Monument e tesori archeologici come il Bear Ears National Monument a sud-ovest degli USA. Anche la zona montuosa, protetta, di Cascade-Siskiyou con la sua biodiversità unica nello stato dell'Oregon verrebbe colpita.

Tutte queste aree sono protette perché dichiarate Monumenti Nazionali. Oltre 2,7 milioni di cittadini statunitensi hanno presentato denunce e petizioni contro i piani di Trump e del suo governo. 

Unite la vostra firma alla petizione al Presidente Trump chiedendogli di non toccare le riserve naturali.

Infor­mazioni

Cosa sono i Monumenti Nazionali?

Nel 1906, il presidente Franklin Delano Roosevelt ha firmato l’ Antiquities Act – una legge che autorizza il presidente degli USA a proclamare e creare monumenti nazionali siti in territorio federale, aree montane, praterie e zone marine, luoghi storici ed edifici. In quanto Monumenti Nazionali godono di speciale protezione e non possono essere distrutti o modificati.

Da allora si sono susseguiti 16 presidenti - 8 repubblicani e 8 democratici - che hanno fatto uso di questa autorizzazione. 129 monumenti nazionali godono dello status di protezione, tra i quali il Grand Canyon e le sequoie in California, siti archeologici come quello dei Navajo in Arizona e la Statua della Libertà di New York. 

Cosa ha stabilito il presidente Trump?

Il 26 aprile 2017, il neo eletto presidente Donald Trump ha emesso il Decreto 13792 , che sottopone a revisione tutti i monumenti proclamati tali dal 1996 dai suoi predecessori Clinton, Bush e Obama. Ci sono 22 aree protette terrestri e 5 aree marine.

L'obiettivo del decreto è quello di ridurre i monumenti nazionali o addirittura di eliminarli completamente per consentire l'abbattimento forestale, l'estrazione mineraria, l'estrazione petrolifera, la pesca industriale e l’allevamento intensivo di bestiame. Il presidente Trump ha definito la protezione di queste aree come "furto di terra su larga scala" e ha chiarito che avrebbe "liberato quelle terre".

Gli ecologisti sono in allarme, considerano questa decisione come illegale e si sono già attivati per presentare formale denuncia. Nei i 60 giorni stabiliti per legge per contestare la decisione del presidente sono giunti oltre 2,7 milioni di contributi e osservazioni. Buona parte della cittadinanza americana è contraria alla modifica delle aree protette e alla loro distruzione. 

Nell'agosto 2017, il Segretario degli Interni degli Stati Uniti Ryan Zinke ha presentato a Trump una relazione con una proposta relativa a 10 monumenti nazionali. Zinke sostiene che "i monumenti nazionali sono stati stabiliti arbitrariamente o per ragioni politiche e che i loro limiti non rispettano criteri scientifici o gestione delle risorse". Il Washington Post ha pubblicato una copia della relazione .

  

Quali sono le aree protette che potrebbero essere colpite:

- Grand Staircase-Escalante, Utah

- Bears Ears, Utah

- Gold Butte, Nevada

- Cascade Siskiyou, Oregon

- Katahdin Woods and Waters, Maine

- Organ Mountains-Desert Peaks, New México

- Rio Grande del Norte, New México.

Áree marine protette:

- Pacific Remote Islands, Pacific Ocean

- Rose Atoll, American Samoa

- Northeast Canyons and Seamounts Marine National Monument, New England coasts

Ulteriori informazioni

BBC Mundo, 26-9-2014: Qué hay en la reserva marina más grande del mundo

El País, 2-9-2016: Obama presenta el mayor paraíso del planeta

Der Spiegel, 10-10-2017: USA - Trumps Attacke auf die Naturschutzgebiete

National Geographic, 18-9-2017: See the Wild Places That May Lose Protections as National Monuments

The Guardian, 18-9-2017: More national monuments should be opened for exploitation, Zinke says

The Guardian, 18-9-2017: 10 national monuments at risk under Trump's administration

New York Times, 24-8-2017: Interior Secretary Proposes Shrinking Four National Monuments

Lettura

CA: Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump; Segretario degli Interni, Sig. Ryan Zinke

Egregio Signor Presidente Donald Trump,
Egregio Signor Segretario degli Interni Ryan Zinke:

I confini dei Monumenti Nazionali degli Stati Uniti e delle aree protette dovrebbero essere preservati e protetti dall'avanzamento dell'agricoltura e dell'industria su larga scala.

I monumenti nazionali rappresentano tesori ecologici e culturali unici. Il significato e il valore che hanno sono di grande rilevanza per la popolazione locale, il resto dei cittadini degli Stati Uniti e per i visitatori provenienti da tutto il mondo. Non possono essere sacrificati per motivi economici.

Vi esorto a ritirare il decreto del 26 aprile 2017, che pone in discussione i confini dei Monumenti Nazionali.

Cordiali saluti,

Firma la petizione

Arriviamo a 100.000:

98.983
Attività recenti