Bruciare legno produce “energia verde"? No, di certo!

Un vecchio albero nella foresta di Bialowieza  in Polonia Preserviamo le foreste naturali, no alle foreste commerciali. Ecco come dovrebbero essere le nostre foreste. (© Adam Ławnik) Legna che brucia in un caminetto Bruciare alberi non produce "energia rinnovabile" (© Stephen Butler/Flickr - CC BY-NC 2.0)

La UE prevede l'espansione delle energie rinnovabili fino al 2030. Il legno è destinato a diventare il principale biocarburante. Con le foreste europee in stato precario, vogliamo impedire la combustione degli alberi in nome di una “energia verde". Firma la petizione perché la UE riveda la politica sui biocarburanti.

Lettera

CA: Commissione Europea, Parlamento Europeo, Consiglio dei Ministri e Governi dei 28 Stati membri

La UE vuole sfruttare le foreste per la produzione di legna come combustibile, a scapito della natura. Fermiamo questa politica bioenergetica della UE!

Leggi tutta la lettera

Immaginate un gigantesco cubo di tronchi di quasi 760 metri per lato. Questo è il quantitativo di legno che la UE brucia ogni anno per generare calore ed elettricità.

La UE vuole promuovere l'energia rinnovabile per proteggere il clima e dare impulso all'economia. Ma, mentre i media si concentrano sull'eolico, l'energia idroelettrica e l'energia solare, i due terzi dell'energia rinnovabile europea sono di fatto generati utilizzando biomassa. Quasi 440 milioni di m3 di legname e scarti di legno vengono consumati annualmente come combustibile: la maggior parte dell'energia rinnovabile dell'UE.

I macchinari raccolgono tutto: tagliano anche rami e ramoscelli e in alcuni casi sradicano anche i ceppi dal terreno con macchinari pesanti. Gli ecosistemi diventano sterili foreste commerciali. Gli alberi non vengono  abbattuti solo in Europa: la domanda di biocarburanti della UE viene alimentata anche dalle piantagioni di legname d'oltremare e dalle importazioni di pellet.

Le foreste europee si stanno degradando irreversibilmente, come documentato dai rapporti annuali sullo stato delle foreste. Tre quarti di tutte le specie animali e vegetali e i loro habitat sono in uno stato insoddisfacente secondo il Ministero dell'Ambiente tedesco. La biodiversità è sull’orlo del collasso.

La combustione di legname su vasta scala non è ecologica o benefica per il clima, come hanno affermato 800 scienziati della UE. Di fatto, è improbabile che le foreste andate in fumo oggi si ripristinino.

Anziché optare sullo sfruttamento del legno forestale, dobbiamo garantire che le foreste siano gestite nel modo più naturale possibile. Vecchi alberi e rami secchi sono habitat vitali, e almeno il 5% di tutta l'area forestale dovrebbe rimanere intatta.

Unitevi a questa petizione per proteggere le nostre foreste e i loro abitanti.

Infor­mazioni

La politica della UE in materia di energie rinnovabili

La UE vuole promuovere la crescita economica dando impulso  alle fonti di energia rinnovabili, le quali dovrebbero rappresentare almeno il 20% del consumo finale di energia in Europa entro il 2020, come stabilito dalla UE nel 2009 con la Direttiva sulle Energie Rinnovabili. Attualmente sta negoziando l'attuazione di una politica quadro per il clima e l'energia concordata nel 2014, che mira ad aumentare la sua quota al 27% entro il 2030.

Ma cosa significano questi progetti per la natura e soprattutto per le foreste?

Nel 2015, nella UE, sono stati utilizzati 440 milioni di metri cubi di biomassa - principalmente legno - per la produzione di energia. In Germania, con una stima di 80 milioni di metri cubi (2010), viene bruciato già più legno per generare calore ed elettricità rispetto a quello utilizzato per mobili, carta o imballaggi (76 milioni di metri cubi all'anno).

I paesi della UE stanno importando sempre più legno, principalmente sotto forma di trucioli di legno e pellet, per la produzione di energia. 21,7 milioni di tonnellate di trucioli di legno importati vengono bruciati ogni anno per generare energia, mentre circa 6,6 milioni di tonnellate di pellet vengono importate dal Nord America e 1,4 milioni di tonnellate dalla Russia e dall'Ucraina. In tutto il mondo, i macchinari stanno riducendo le foreste in trucioli di legno e pellet per soddisfare il fabbisogno energetico dell'Europa.

La combustione del legno non solo rilascia il carbonio trattenuto dagli alberi, ma anche fumo e il pulviscolo (particolato) costituendo un grave pericolo per la salute. Questi elementi possono causare gravi malattie cardiovascolari e respiratorie, cancro, asma e altre patologie. Migliaia di persone - fino a 40.000 solo in Europa secondo studi scientifici - muoiono ogni anno  per le inalazioni da fumo proveniente dalla combustione del legno.

Come stanno le nostre foreste?

Nella UE, le foreste, e le piantagioni di legno considerate impropriamente foreste, coprono circa 182 milioni di ettari. La maggior parte sono foreste commerciali che sono prevalentemente orientate alla produttività e alla redditività, cioè la massima produzione di legname nel più breve tempo possibile.

Dal punto di vista ecologico, le foreste commerciali europee sono in uno stato penoso, ospitando poche specie animali e vegetali considerando lo stato precario del loro habitat e la scarsità di cibo. Questo si rileva anche dagli studi ambientali condotti dalla UE. La relazione della Commissione Europea “Lo stato di salute della natura nella UEf” giunge alla conclusione che tre quarti di tutte le specie e degli habitat di animali e piante sono in condizioni insoddisfacenti o cattive. La biodiversità sta diminuendo costantemente.

Invece, le foreste primordiali o quasi naturali forniscono un habitat vitale e ospitano una straordinaria biodiversità. Stanno diventando sempre più rare in Europa: in Germania, ad esempio, l'uso commerciale è vietato in meno del due per cento delle foreste del paese a causa delle pressioni esercitate dalla silvicoltura e dall'industria del legname.

Invece di fomentare una silvicoltura sempre più intensiva orientata verso la massima produzione di legname, abbiamo bisogno di foreste gestite in modo rispettoso e naturale. Le foreste svolgono molte funzioni vitali oltre a fornire legname: conservano la biodiversità e la qualità del suolo, forniscono acqua potabile pulita e proteggono dalle inondazioni, immagazzinano grandi quantità di carbonio, hanno un effetto stabilizzante sul clima, depurano l'aria inquinata dall'industria, dall’attività dell’uomo e dal traffico, e sono destinazioni preziose per attività sportive e ricreative.

Dati sull’ energia rinnovabile, la bioenergia ed il legno come combustibile

In questo video si esamina se la combustione del legno sia veramente a emissioni zero oppure no: https://www.youtube.com/watch?v=YC4tqu8-oSo

FERN, Birdlife, Transport & Environment, 2017: quale impatto ha avuto la direttiva sulle energie rinnovabili nelle foreste dell'UE? 

Pagina 1, Tabella 1: Consumo di biomassa da legno per energia

2015: 439.841.000 m³

 

Commissione europea, 2014: documento di lavoro dei servizi della Commissione: Situazione attuale della sostenibilità delle biomasse solide e gassose utilizzate per l'elettricità, il riscaldamento e il raffreddamento nella UE 

Pagina 28:

Dati sull'utilizzo della biomassa per l'elettricità, il riscaldamento e il raffreddamento nella UE

 

UE 2012: 99 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio)

= Quota del 62% nella produzione di energia rinnovabile nellaUE (= 159,7 Mtep) e

= Quota dell'8,7% del consumo finale di energia della UE

UE 2020: 139,5 Mtep

= Quota 57% nella produzione di energia rinnovabile nella UE, di cui

- riscaldamento: 90,4 Mtep

- trasporto: 29,1 Mtep

- potenza: 20,0 Mtep

 

Energia da biomassa secondo i dati dei paesi della UE, 2020

- Francia: 21,6 Mtep

- Germania: 21,1 Mtep

- Svezia: 11,7 Mtep

- Regno Unito: 10,4 Mtep

- Italia: 9,8 Mtep

 

AEBIOM 2017: European Bioenergy Outlook 2017. Principali risultati. http://www.aebiom.org/wp-content/uploads/2017/10/KF17-v2.pdf

Consumo finale di energia, UE 2015

- energie fossili e energia nucleare: 83%

- energia rinnovabile: 17%, di cui

- bioenergia: 10%

- energia idroelettrica, eolica, solare, geotermica: 7%

Produzione di bioenergia nella UE nel 2015: 112.342 Mtep

Produzione di pellet, 2016

In tutto il mondo: 28,9 milioni di tonnellate

UE: 14 milioni di tonnellate, di cui

- Germania: 1,9 milioni di tonnellate

- Svezia: 1,7 milioni di tonnellate

- Lituania: 1,4 milioni di tonnellate

- Estonia: 1,2 milioni di tonnellate

- Francia: 1,2 milioni di tonnellate

- Nord America: 9,9 milioni di tonnellate

- Russia, Ucraina: 2,6 milioni di tonnellate

- Asia (esclusa la Cina): 2,1 milioni di tonnellate

- resto del mondo: 0,3 milioni di tonnellate

Consumo di pellet nella UE, 2016

21,7 milioni di tonnellate

Importazioni di pellet della UE, 2016

- Nord America: 6,6 milioni di tonnellate

- Russia, Ucraina: 1,4 milioni di tonnellate

Lettura

CA: Commissione Europea, Parlamento Europeo, Consiglio dei Ministri e Governi dei 28 Stati membri

Gentili Signore, Egregi Signori,

La UE e i suoi Stati membri prevedono di bruciare sempre più legna per la produzione di calore ed elettricità come parte della loro politica di energia rinnovabile. La combustione del legno rappresenta già circa il 50% delle energie rinnovabili e la biomassa totale ne rappresenta addirittura i due terzi.

Le foreste e la biodiversità dell'Europa versano in gravi condizioni. Secondo il Ministero dell'Ambiente tedesco, tre quarti di tutte le specie animali e vegetali e i loro habitat sono in condizioni insoddisfacenti. Le popolazioni di molte specie stanno diminuendo rapidamente.

Invece di concentrare la gestione delle foreste sulla massimizzazione della produzione di legname, la UE dovrebbe dare priorità agli aspetti ambientali e alla protezione delle foreste. Più terreni devono essere protetti e la raccolta del legno proibita.

Vi esortiamo a correggere la politica sui biocarburanti della UE e dei suoi Stati membri. La combustione massiccia di alberi e altre biomasse non è né ecologicamente sicura né tantomeno neutrale per il clima.

Distinti saluti,

Questa petizione è disponible in queste lingue:

141.856

Arriviamo a 150.000:

Attività recenti