No al sacrificio dei primati per il petrolio!

Un bonobo I bonobo sono molto più piccoli degli scimpanzé (© Guenter Guni/iStock)

Grandi e piccole scimmie minacciate dagli uomini e dalla loro sete di petrolio. Così si riassume il destino dei gorilla e dei bonobo nel bacino del Congo. Il governo vuole ridurre le aree protette di Virunga e Salonga perché contengono petrolio. Lo sfruttamento delle risorse naturali mette in pericolo i primati.

Lettera

CA: Al Presidente e al Primo Ministro della Repubblica Democratica del Congo

I parchi nazionali di Virunga e Salonga svolgono un ruolo cruciale nella sopravvivenza di gorilla e bonobo. Devono essere preservati.

Leggi tutta la lettera

Il Parco Nazionale Virunga è una delle riserve naturali più famose al mondo. Ospita alcuni degli ultimi gorilla di montagna che le guardie forestali proteggono a rischio della vita. Il Parco di Salonga è un habitat cruciale per i bonobo, piccoli primati, ed ospita il 40% della popolazione mondiale.

Non sorprende quindi che l'UNESCO abbia classificato questi parchi come siti del Patrimonio Mondiale nel 1979 e nel 1984.

Oggi, il governo del presidente Kabila vuole ridurre alcune porzioni dei parchi nazionali perché rallentano lo sviluppo economico. Il paese avrebbe il diritto di sfruttare le sue risorse naturali ovunque, anche nelle aree protette. Se questo progetto fosse implementato, lo stato di protezione più alto dell'UNESCO sarebbe inutile.

Tra le sfide del dibattito c'è l’estrazione di petrolio. L'esplorazione petrolifera deve essere autorizzata su circa 4500 km². Bloomberg riporta un totale di 16.700 km². I rischi ecologici sono notevoli. L’esplorazione e estrazione di petrolio contribuiranno a:

- distruggere l'habitat di bonobo, gorilla e molte altre specie

- distruggere le foreste che contribuiscono alla protezione del clima

- metterà a repentaglio i siti di nidificazionedegli uccelli migratori

- può inquinare la rete fluviale del fiume Congo e del Nilo

19 ONG della provincia del Nord Kivu hanno allertato il governo sulle conseguenze del declino dei parchi nazionali a maggio. Ora vogliono mobilitare la popolazione per fare pressione sulle autorità raccogliendo 100.000 firme attraverso una petizione nazionale.

Allo stesso tempo, gli ambientalisti congolesi chiedono una campagna internazionale per proteggere i parchi di Virunga e Salonga.

Unitevi a questa petizione con la vostra firma. Bonobo e gorilla hanno bisogno del vostro aiuto.

Infor­mazioni

Bonobo - piccole scimmie poco conosciute

Le quattro specie di grandi scimmie sono minacciate: gli oranghi sono in via di estinzione nel sud-est asiatico, mentre scimpanzé, gorilla e bonobo lottano per la sopravvivenza in Africa. In molte aree, le grandi scimmie non hanno praticamente alcuna possibilità di sopravvivere al di fuori delle vaste riserve naturali.

I bonobo sono le piccole scimmie meno conosciute. Conosciuti anche come scimpanzé in miniatura, vivono esclusivamente a sud del fiume Congo nella Repubblica Democratica del Congo. Il loro habitat non interferisce con quello degli scimpanzé, che vivono solo a nord del possente fiume.

I bonobo sono anche noti per risolvere i conflitti attraverso la sessualità.

Le riserve naturali di Virunga e Salonga

Situato nel cuore del bacino del Congo, il Parco Nazionale di Salonga  è considerato una delle più grandi aree di protezione della foresta pluviale del mondo, che copre un'area di 36.000 km², tre volte l'Ile-de-France. Il parco è accessibile solo dal fiume.

Evento recente: nel 2017 gli scienziati hanno scoperto la più grande palude tropicale del mondo nella Cuvette Centrale. Poiché la distruzione delle torbiere rilascia una quantità particolarmente elevata di gas serra, la protezione del Parco Nazionale di Salonga è essenziale anche per la protezione del clima.

Ricoprendo un’area di 7.900 km², il Parco Nazionale Virunga  si trova nella parte ad est del Congo e ricopre un'area quasi equivalente a quella dell'Alsazia. Un quarto della popolazione dei gorilla di montagna (Gorilla beringei beringei) vive lungo il confine con il Ruanda.

A causa di varie minacce come la guerra civile e altri conflitti violenti, i due parchi nazionali sono nella lista di "Patrimonio mondiale in pericolo": Virunga dal 1994 e Salonga dal 1999.

Diminuzione della superficie delle aree protette

Il governo congolese prevede di togliere lo status di protezione  al 21,5% del terriitorio del Parco Nazionale Virunga: 400 km² nella concessione denominata Blocco #5 e 1.320 km² nel Blocco #4.

A Salonga  2.767 km² destano particolare preoccupazione (blocchi 1 e 2). Secondo il quotidiano tedesco Tageszeitung (taz), la compagnia petrolifera nazionale Sonahydroc e Compagnie Minière Congolaise SPRL (Comico) sono in lizza  per iniziare l’esplorazione petrolifera.

Lettura

CA: Al Presidente e al Primo Ministro della Repubblica Democratica del Congo

Egregio Signor Presidente,
Egregio Signor Primo Ministro,

La Repubblica Democratica del Congo è sede di due siti del Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, che svolgono un ruolo decisivo nella sopravvivenza delle grandi scimmie: il Parco Nazionale di Virunga è la patria di gorilla di montagna in via di estinzione. Il Parco Nazionale Salonga è la dimora di uno grande popolazione di bonobo, una specie che non si trova in nessun altro paese.

Il vostro governo ha una responsabilità speciale nel proteggere le grandi scimmie.

Inoltre, il vostro governo prevede di consentire l'esplorazione e l'estrazione di petrolio nei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO e vuole per questo, ridurre le dimensioni delle riserve.

Ciò causerebbe un considerevole danno ecologico. Se si consentirà l'esplorazione petrolifera nei Parchi Nazionali di Virunga e Salonga:

- l’habitat di bonobo, gorilla e molte altre specie sarà distrutto,
- le foreste che svolgono un ruolo importante nella protezione del clima scompariranno,
- i siti di nidificazione per gli uccelli migratori saranno messi a repentaglio,
- i principali sistemi fluviali del Congo e del Nilo saranno inquinati.

Il vostro paese è impegnato a proteggere il patrimonio mondiale dell'UNESCO. Vi chiediamo di rispettare questo impegno, come avete fatto finora. Il contributo che hanno dato il vostro governo e la popolazione della Repubblica Democratica del Congo nella protezione della natura gioca un ruolo decisivo nella sopravvivenza dei gorilla e bonobo.

Vi chiedo di conservare i siti del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO e vietare l'esplorazione ed estrazione di petrolio.

Cordiali saluti

Firma la petizione

Arriviamo a 150.000:

142.826
Attività recenti