Milioni di alberi da salvare in Tanzania: unisciti a noi!

Una giraffa nella Selous Game Reserve in Tanzania A Selous, le giraffe sono in serio pericolo per la costruzione di una diga. (© nyiragongo/istockphoto.com)

Il governo della Tanzania vuole costruire una diga nella Selous Game Reserve. Una porzione del sito patrimonio dell'UNESCO e habitat della fauna iconica dell'Africa, subirebbe danni gravi. Un’area di 1.500 km2 – l’estensione di Londra – potrà essere deforestata. Per favore, aiutateci a proteggere Selous.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Presidente della Tanzania, Signor Samia Suluhu Hassan

“La Selous Game Reserve è un tesoro ecologico. Proteggete il sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO, un habitat della fauna selvatica in via di estinzione.”

Leggi tutta la lettera

Branchi di elefanti vagano nella savana, assieme a giraffe e ippopotami immersi nel fiume. I leoni inseguono le loro prede. La Selous Game Reserve è vibrante di vita, ma è minacciata da un progetto idroelettrico. Una diga nella gola di Stiegler, nel fiume Rufiji, patrimonio dell'UNESCO, sarebbe un disastro ecologico.

Il governo della Tanzania non ha mai fatto una valutazione di impatto ambientale e ora vuole passare ai fatti e abbattere 2,6 milioni di alberi. Un totale di 1.500 km2 - quanto l'area di Londra - di foresta e savana saranno abbattuti e poi inondati. A dicembre 2018, il governo ha aggiudicato la concessione dei lavori al consorzio egiziano El Sewedy Electric e Arab Contractors che ha completato la prima fase di costruzione nel novembre 2020 dopo aver ottenuto i permessi di sgombero nel luglio 2019 da 17 imprese tanzaniane. Oltre alla CRDB Bank Plc e United Bank for Africa, anche Africa Export-Import Bank (Afriexim Bank) partecipa al progetto del valore di 3 miliardi di dollari.

Gli ambientalisti si oppongono fermamente al progetto. Temono la distruzione totale dell'area protetta, che è già stata danneggiata: una miniera di uranio minaccia di distruggere parte della riserva. La popolazione degli elefanti è diminuita drasticamente. Pertanto l'UNESCO ha inserito Selous nella lista del "patrimonio mondiale in pericolo" nel 2014.

Il presidente John Magufuli, morto in marzo 2021 , voleva apparire come un leader incurante delle critiche. Un membro del governo ha persino minacciato gli oppositori del progetto di arrestarli.

Sicuramente la popolazione della Tanzania ha bisogno migliorare l'approvvigionamento energetico. Tuttavia, il progetto della diga non è la soluzione.

Unitevi alla nostra petizione per proteggere la Selous Game Reserve e salvare 2,6 milioni di alberi. 

Infor­mazioni

La Selous Game Reserve

La Selous Game Reserve è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO  nel 1982. Con una superficie di 51.200 chilometri quadrati, l’estensione della riserva è più grande della Svizzera. La portata stagionale del fiume Rufiji - un'abbondanza di acqua che si alterna alla siccità - è decisiva per il valore ecologico dell'area. La varietà di habitat spazia dalle vaste foreste di Miombo alle praterie aperte fino agli ecosistemi e alle paludi dei canyon.

Finora sono state documentate oltre 2.100 specie di piante a Selous e il numero effettivo potrebbe essere significativamente più alto. Secondo l'UNESCO, la riserva ospita oltre 100.000 elefanti (Loxodontha africana) e 2.130 rinoceronti (Diceros bicornis). Inoltre, c'è una delle più grandi popolazioni al mondo di ippopotami (Hippopotamus amphibius) e bufali del Capo (Syncerus caffer) con 18.200 e quasi 205.000 individui rispettivamente. Gli ornitologi hanno registrato 350 specie di uccelli.

La riserva è integrata nell'ecosistema Selous di 90.000 chilometri quadrati ed è funzionalmente collegata alla Riserva di caccia Niassa in Mozambico.

Il bracconaggio

Il bracconaggio è uno dei problemi più impellenti nella Selous Game Reserve. Da quando il sito Patrimonio dell'Umanità è stato istituito nel 1982, la popolazione di elefanti è crollata del 90 per cento, a causa del bracconaggio.

Danni causati dal progetto della diga

Il danno ecologico alla riserva andrà ben oltre la zona allagata dal bacino: il progetto richiederà circa 230 km di strade di accesso e alloggi per migliaia di lavoratori. Le strade attireranno anche coloni e agricoltori nelle aree più profonde di Selous e daranno ai bracconieri di elefanti e rinoceronti un accesso conveniente, aumentando significativamente la minaccia alla fauna selvatica.

La diga tratterrà circa 16,6 milioni di tonnellate di sedimenti, impedendo il rifornimento di terreni agricoli lungo le rive più a valle del fiume e l'aumento dell'erosione delle sue sponde. L'idrologia e la biologia del sistema fluviale cambierebbero drasticamente. Le diramazioni, che diventano laghi nella stagione secca, possono asciugarsi completamente, lasciando la fauna locale senza acqua. Il delta del Rufiji si restringerebbe, e con esso una delle più grandi foreste di mangrovie del pianeta.

Il progetto della diga minaccia anche il sito Ramsar di Rufiji-Mafia-Kilwa, un'area umida di eccezionale valore universale.

La diga

La centrale idroelettrica di Stiegler's Gorge avrebbe una potenza di 2.100 MW. La diga principale raggiungerebbe un’altezza di 126 metri e una larghezza di 700 metri, mentre altre quattro dighe avrebbero una lunghezza totale di 13,9 chilometri. Il serbatoio coprirebbe 1.200 chilometri quadrati, rendendolo il più grande dell’ Africa orientale.

Secondo il rapporto iniziale, il progetto costerebbe $ 3,6 miliardi e impiegherà 36 mesi per essere costruito. Entrambe queste cifre sembrano oltremodo ottimistiche. Non è ancora noto quali banche si occuperebbero dei finanziamenti, né chi realizzerebbe il progetto. Odebrecht, una società di costruzioni brasiliana che è stata il principale motore del progetto negli ultimi anni, è attualmente profondamente coinvolta in scandali di corruzione che hanno spinto il Brasile ad una crisi politica istituzionale.

La valutazione ambientale strategica richiesta non è stata ancora eseguita. Cancellare 1.500 chilometri quadrati di territorio non solo violerebbe la legge tanzaniana, ma anche le regole dell'UNESCO. Tuttavia, poiché i taglialegna avrebbero ottenuto una concessione dal governo tanzaniano, potrebbero vendere legalmente il legno - una situazione assurda.

Deficit nella fornitura energetica

La Tanzania ha una rete elettrica poco sviluppata. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), solo il dieci per cento delle famiglie ha energia elettrica. Attualmente, le centrali elettriche del paese erogano un totale di 1.700 MW, quindi il progetto raddoppierà la capacità di generazione energetica della Tanzania. Tuttavia, fare affidamento su una singola centrale elettrica per una soddisfare i fabbisogni energetici del paese è altamente rischioso.

Lettera

CA: Presidente della Tanzania, Signor Samia Suluhu Hassan

Egregio Presidente,

La Tanzania ospita un tesoro ecologico unico: la Selous Game Reserve. L'UNESCO ha designato l'area Patrimonio Mondiale dell'Umanità nel 1982. Purtroppo, Selous è stata dichiarata "Patrimonio Mondiale in Pericolo" dal 2014. Oltre alla minaccia per il bracconaggio sfrenato di avorio che patisce la riserva, il progetto della diga idroelettrica della Gola di Stiegler mette pericolosamente a rischio l'integrità della riserva.

Anche se non è stata eseguita una valutazione strategica dell'impatto ambientale, l'Agenzia per i Servizi Forestali della Tanzania TFS ha comunque lasciato libero accesso su 1.500 chilometri quadrati di savana e foresta - con circa 2,6 milioni di alberi – ai taglialegna, fomentando la deforestazione.

Chiediamo al governo della Tanzania di:

- impedire il taglio di 2,6 milioni di alberi

- effettuare un'accurata valutazione strategica dell'impatto ambientale del progetto della diga idroelettrica di Gola di Stiegler

- rivitalizzare Selous con una rinnovata popolazione di elefanti e biodiversità.

Riconosciamo che la Tanzania è una nazione sovrana con una responsabilità nei confronti del proprio popolo che include la produzione e il rifornimento di energia. Nonostante ciò la decisione di mettere in pericolo uno dei vostri preziosi tesori naturali avrà un impatto profondo e irreversibile.
La Tanzania può essere giustamente orgogliosa del suo patrimonio e conservazione dello stesso. Per favore, continuate la grande tradizione del vostro paese a beneficio dei tanzaniani e della popolazione mondiale.

Chiediamo al governo della Tanzania di rispettare l'impegno di proteggere i suoi tesori di interesse mondiale.

Distinti saluti,

News e aggior­namenti

Questa petizione è disponible in queste lingue:

316.891 firmatari

Arriviamo a 350.000:

Attività recenti