URGENTE: Fermate la mattanza nella foresta di Kinipan

Foresta di Kinipan – membri della comunità indigena accanto ai tronchi degli alberi Le comunità locali chiedono un sostegno internazionale per fermare il massacro a Kinipan (© Mahendra Safrudin) Integranti indigeni Dayak Tomun nella foresta Kinipan La foresta Kinipan deve essere preservata! (© Mahendra Safrudin)

Allarme in Borneo: la compagnia SML sta distruggendo la foresta di Kinipan per convertirla in una piantagione di palma da olio. Gli indigeni Dayak Tomun si battono disperatamente per salvare la foresta dei Kinipan, le sue torbiere e gli oranghi. Contribuisci con la tua firma!

Lettera

CA: Al governo dell'Indonesia, alla Commissione nazionale indonesiana per i diritti umani (Komnas Ham), al governo del Kalimantan centrale, alla RSPO, ISPO, SML, SSMS, Wilmar, GAR e Apical

La foresta di Kinipan deve essere preservata! Mettiamo fine alla deforestazione perpetrata dalla PT Sawit Mandiri Lestari.

Leggi tutta la lettera

"Ci stiamo difendendo contro la palma da olio", afferma il capo tradizionale Effendi Buhing. "La foresta di Kinipan è la nostra vita. Abbiamo preso la via legale e dimostrato pacificamente. Ciò nonostante, un produttore di olio di palma distrugge la nostra foresta. "

Centinaia di integranti indigeni contrastano la palma da olio industriale, le compagnie senza scrupoli e l'indifferenza politica: a Kinipan, in Borneo, i Dayak Tomun stanno disperatamente cercando di fermare la distruzione della loro foresta. La compagnia PT Sawit Mandiri Lestari (SML) disbosca la foresta di Kinipan nella provincia centrale di Kalimantan per convertirla in una piantagione di palma da olio.

I Dayak Tomun vivono in armonia con la natura lungo il fiume Kinipan. Dodici ore in barca separano il villaggio di Kinipan dalla capitale del distretto. La biodiversità della foresta, i leopardi nebulosi, gli oranghi e altri animali selvatici attirano i turisti.

Oggi, il frastuono delle motoseghe e dei bulldozer pervadono la foresta. E le ultime speranze di Dayak crollano con gli alberi giganti. La SML sta distruggendo una delle ultime foreste tropicali nel cuore del Borneo.

La SML è affiliata alla Sawit Sumbermas Sarana Group (SSMS) appartenente ad uno degli uomini più potenti della provincia che ha fatto fortuna nel commercio del legname tropicale.

Le piantagioni di palma da olio che possiede si estendono per oltre 100.000 ettari nel Kalimantan centrale. I suoi principali acquirenti sono la Golden Agri Resources, la Apical e la Wilmar International, il cui olio di palma si converte in biodiesel, mangimi industriali e prodotti per il corpo.

In quanto consumatori possiamo rifiutarci di contribuire alla deforestazione, alle violazioni dei diritti umani e all'estinzione degli oranghi, evitando di comprare i prodotti che lo contengono.

Infor­mazioni

Olio di palma, un affare rischioso

Kinipan è un piccolo villaggio nel Borneo con quasi 1000 abitanti. Da aprile, rivendicano i diritti tradizionali per la loro foresta (hutan adatnella lingua locale), che hanno mappato. La loro vita si basa sul riso, la raccolta della gomma, il rattan e frutti della foresta.

A Kinipan, la PT Sawit Lestari Mandiri (SML), compagnia che gestisce piantagioni industriali di palma da olio, ha in concessione 26,995.46 ettari di terreno e una porzione di boscaglia in concessione di 19.240 ettari. Tre quarti dell’area comprendono la foresta e l'habitat di oranghi, leopardi nebulosi e di molti altri animali selvatici minacciati e rari alberi tropicali. È direttamente adiacente al Belantikan Protection Program e alla Lamandau Wildlife Preserve. Qualsiasi piantagione metterebbe direttamente le specie in via di estinzione a rischio e isolerebbe le aree protette l'una dall'altra.

La foresta comprende aree coperte da torbiere e quindi dovrebbe essere protetta con ulteriore cautela. Essendo parzialmente una foresta adibita ad attività di produzione, è effettivamente permesso abbattere alcuni alberi tropicali. Tuttavia, la deforestazione totale è esclusa, in linea di principio.

Dal 2012, la SML sta cercando di ottenere il consenso della popolazione per implementare la piantagione. Ma gli abitanti di Kinipan hanno sempre rifiutato, anche per iscritto. Temono per la loro foresta e la loro esistenza, ma temono anche la possibilità del verificarsi di frane e inondazioni.

La SML è affiliata al Sawit Sumbermas Sarana (SSMS), un grande gruppo che aveva il monopolio del commercio di legname durante la dittatura di Suharto. Era uno degli attori principali nella devastazione della foresta tropicale del Borneo. È principalmente accusata di aver causato la distruzione del Tanjung Puting National Park.

Nel 2014, la ONG Environmental Investigation Agency (EIA) ha presentato una denuncia contro la SSMS con la RSPO. Secondo la denuncia  SML / SSMS hanno infranto i seguenti principi della RSPO: 1. assenza di consultazione con le comunità locali interessate; 2. le misure di protezione per la maggior parte delle foreste e la biodiversità sono state insufficienti; 3. il principio del consenso delle comunità locali libero, preventivo e informato non è stato rispettato; 4. lo studio di impatto ambientale non è conforme alle disposizioni di legge; 5. la SML non ha avuto tutte le autorizzazioni necessarie. La denuncia è risultata valida e la SSMS ha temporaneamente perso l'80% degli acquirenti del suo olio di palma.

Un'analisi del rischio effettuata nel 2015 ha identificato la SSMS come azienda ad alto rischio e ha messo direttamente in guardia gli investitori sugli alti rischi degli investimenti nel suo business a base di olio di palma.

Prima dello scandalo del gigante indonesiano dell’ olio di palma Wilmar, i principali acquirenti dell’ olio di palma della SSMS era il Gruppo Raja Garuda Mas, di proprietà del gigante della carta APRIL assieme alla Golden Resources Agri Sinar Mas Group, a sua volta parte del gruppo APP.

Da allora, per rimediare alle perdite, sia la SML che la SSMS hanno optato per il mercato illecito. In questo modo, l'olio di palma "sporco" dopo la frutto della deforestazione illegale sta alimentando i giganti della domanda (uno per tutti Unilever), che non può essere soddisfatta dal solo olio di palma "sostenibile".

Nel 2016, la compagnia ha cambiato proprietà, ma chi sta dietro e regge le fila rimangono le stesse persone. La SSMS sta attuando una politica di espansione ancora più aggressiva. Negli ultimi tre anni, SSMS è riuscita ad aumentare l’espansione della sua terra da 60.000 a oltre 100.000 ettari, ed è prevista la deforestazione di 50.000 ettari supplementari.

 

Resistenza all'olio di palma

Per evitare la semina, il villaggio di Kinipan ha chiesto che alla foresta venga riconosciuto il titolo di foresta tradizionale (hutan adat). Tutti i documenti necessari, inclusa la mappatura partecipativa, sono stati presentati nell'aprile 2018.

Ma la SML ha iniziato la deforestazione nel febbraio 2018. "Hanno abbattuto i giganti della foresta vergine, gli “alberi di ferro” e alberi di caucciù selvatici.” Gli abitanti di Kinipan non hanno osato contrastare questi crimini ecologici perché la deforestazione è avvenuta con la scorta militare. Hanno scelto di rivolgersi alla società inviando loro delle missive in tre occasioni. Hanno chiesto la fine della deforestazione, richiesto di essere interpellati e chiamato responsabili a risarcire i danni secondo i loro diritti tradizionali. Non hanno mai avuto una risposta. Invece, hanno appreso che alcune parti della foresta avevano perso lo status di "foresta". Quindi, ufficialmente, questa nuova piantagione di palma da olio potrebbe essere stata implementata senza aver distrutto “tecnicamente” alcuna area forestale!

Gli abitanti locali si sono quindi rivolti al governo provinciale, senza ottenere alcuna  reazione, inizialmente. A giugno di quest’anno, nove abitanti del villaggio hanno finalmente deciso di recarsi a Giacarta e recarsi  dal Presidente, al Ministero delle foreste, all'Autorità responsabile delle torbiere e alla Commissione per i diritti umani. Le autorità si sono dovute preoccupare di più per gli aspetti legali della deforestazione, ma hanno promesso di affrontare le contestazioni. Oggi, la pressione internazionale può aiutare a fare pressione sulle autorità e cambiare la situazione a favore delle comunità locali che proteggono le foreste e la biodiversità.

Da ottobre 2018 è in corso un movimento pacifico di protesta. I residenti di Kinipan chiedono alla SML di interrompere immediatamente l’attività di piantumazione delle palme da olio e di lasciare immediatamente la foresta. L'urgenza è estrema perché metà della foresta è già scomparsa!

Ulteriori informazioni a questo link: http://www.mongabay.co.id/2018/06/18/begini-nasib-hutan-adat-laman-kinipan-kala-investasi-sawit-datang/

 

 

Lettura

CA: Al governo dell'Indonesia, alla Commissione nazionale indonesiana per i diritti umani (Komnas Ham), al governo del Kalimantan centrale, alla RSPO, ISPO, SML, SSMS, Wilmar, GAR e Apical

Gentili Signore, Egregi signori,

La PT Sawit Mandiri Lestari (SML) ha disboscato la foresta per mesi a Kinipan, nel distretto di Lamandau, nella provincia centrale di Kalimantan. Per la biodiversità, il clima globale e la popolazione locale, questo è un disastro. Vi chiedo di fermare immediatamente la deforestazione e di agire e indagare sulle responsabilità della SML .

Il governo indonesiano ha adottato molte misure per proteggere la foresta esistente, inclusa una moratoria su qualsiasi nuova piantagione di palma da olio e il divieto di sfruttare terreni occupati da torbiere e aree bruciate.

È quindi inconcepibile che la SML, del gruppo Sawit Sumbermas Sarana (SSMS), possa distruggere la foresta, con tutte le conseguenze che ciò comporta. Più di 10.000 ettari su circa 19.240 sono già stati disboscati. È assolutamente necessario impedire ulteriori devastazioni.

Come membro della Tavola rotonda sull'olio di palma sostenibile (RSPO) e titolare del certificato di olio di palma sostenibile (ISPO) indonesiano, LA PT SML deve osservare criteri e principi, tra cui una clausola di non-deforestazione e il principio del consenso previo ed informato (FPIC).

La PT SML ha espressamente rinunciato a questi obblighi. Uno dei problemi è che LA PT SML non è più monitorata dalla RSPO e ISPO. Una deforestazione di tale brutalità e vastità non dovrebbe essere consentita.

Il popolo di Kinipan si è ripetutamente espresso contro la deforestazione e l'implementazione di una piantagione di palma da olio, indirizzando comunicati, agendo a livello giuridico e organizzando manifestazioni pacifiche. Ma la PT SML per tutta risposta non ha esitato a ricorrere a intimidazioni e violenze.

Pertanto, Vi chiediamo, signor Presidente, signora Ministra dell'Ambiente e delle Foreste, di revocare immediatamente la concessione alla PT SML e di adottare sanzioni contro la deforestazione nella regione di Kinipan!

Solo tre quarti della foresta di Kinipan sono ancora intatti. Questo habitat degli oranghi deve essere protetto in conformità con la legge nazionale e internazionale.

Cordiali saluti

Questa petizione è disponible in queste lingue:

Firma la petizione

Arriviamo a 150.000:

125.306
Attività recenti