Salviamo l'isola di Koh Kong in Cambogia

Isola di Koh Kong in Cambogia, spiaggia e foresta Foreste di mangrovie, acque cristalline, spiagge di sabbia bianca: l'isola di Koh Kong è incontaminata. (© Mother Nature Cambodia) L'acqua scorre lungo il fiume roccioso attraverso la foresta pluviale I fiumi scorrono tra le foreste pluviali sempreverdi della pianura. (© Mother Nature) Otto giovani attivisti di Mother Nature manifestano in bicicletta. In bicicletta, i membri dell’organizzazione Mother Nature hanno manifestato contro le mire di sfruttamento a Koh Kong. (© Mother Nature) Un ambientalista di Mother Nature discute con la polizia dopo la confisca delle biciclette. Un poliziotto fotografa la scena. La polizia ha fermato gli attivisti di Mother Nature dopo una breve corsa e ha confiscato le loro biciclette. (© Mother Nature Cambodia)

Ci sono ancora luoghi incontaminati con una grande biodiversità tropicale, anche in Cambogia, dove la foresta pluviale viene costantemente distrutta. L'isola di Koh Kong è un luogo così incontaminato che ora si cerca di sfruttarlo economicamente. Chiediamo che l'isola sia completamente protetta. Firmate la petizione.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Samdech Techo Hun Sen, Primo Ministro della Cambogia; S.E. Say Samal, Ministro dell'Ambiente; S.E. Thong Khon, Ministro del Turismo

“Proteggere integralmente l'isola di Koh Kong e preservare intatti i tesori naturali.”

Leggi tutta la lettera

Foreste pluviali sempreverdi. Cascate e lagune d'acqua dolce, ampie spiagge ed estuari circondati da mangrovie: questa è l’isola di Koh Kong, la più grande isola della Cambogia. "Siamo orgogliosi del fatto che il bellissimo luogo lasciatoci dai nostri antenati khmer esista ancora. Ed è dovere della nostra generazione preservare questi inestimabili tesori naturali".

È quanto afferma Thun Ratha in un video che il gruppo ambientalista Mother Nature vuole utilizzare per risvegliare le coscienze del mondo. "Save Koh Kong Island" è il nome della loro campagna, per salvare l'isola dalla distruzione. Ciò sarà possibile solo se l'isola sarà completamente protetta dalla legge e conservata così com'è.

Ma il governo cambogiano sembra avere altri piani: nel giugno 2019, il primo ministro Hun Sen ha annunciato di aver affidato al gruppo L.Y.P. il compito di "sviluppare" l'isola. Al gruppo appartengono resort di lusso, parchi di divertimento, piantagioni di canna zucchero e di alberi da gomma.

Gli ambientalisti temono quindi il peggio. Sebbene il Ministero dell'Ambiente abbia annunciato che l'isola sarà dichiarata Parco Nazionale Marino nel 2021, è già stato dettoche alcune regioni saranno trasformate in aree protette e altre in zone per lo sfruttamento economico.

"Quando il governo affida a una società privata lo sviluppo di un sito, le risorse naturali vengono distrutte. Lo abbiamo visto accadere molte volte", afferma Long Kunthea di Mother Nature. Anche nelle aree protette".

Con una manifestazione in bicicletta, gli attivisti hanno protestato contro le minacce di sfruttamento dell'isola di Koh Kong e volevano consegnare una petizione al governo. Le loro biciclette sono state confiscate. Nel frattempo, Thun Ratha, Long Kunthea e un altro attivista sono stati arrestati.

Vi preghiamo di firmare per liberarli e per salvare l'isola di Koh Kong.

 

Infor­mazioni

Isola di Koh Kong

È l'isola più grande della Cambogia e appartiene all'omonima provincia nella parte occidentale del Paese. Con i suoi 103 chilometri quadrati, l'isola ha una costa di 53 chilometri. 

L'isola di Koh Kong è raggiungibile solo in barca ed è poco conosciuta dalla popolazione cambogiana. È anche scarsamente popolata, sebbene la sua punta nord-orientale sia a meno di 500 metri dal villaggio di Lam Dam, nella municipalità di Koh Kapik.

All'estremità settentrionale si trova una base militare e su alcune spiagge ci sono piccole postazioni militari con una o due case. A sud-est, in una piccola baia sulla costa, si trova il villaggio di pescatori di Alatang, dove circa 80 famiglie vivono su case galleggianti. Sulla terraferma c'è un lago pieno di cascate, che gli abitanti del villaggio usano come fonte d'acqua.

 

Natura incontaminata

L'isola è ricoperta da foreste pluviali sempreverdi di pianura. Ci sono molte cascate, insenature rocciose e lagune d'acqua dolce, che incontrano il mare su spiagge bianche attraverso piccoli estuari fiancheggiati da mangrovie. Sott'acqua si estendono barriere coralline e praterie di fanerogame, abitate da pesci e coralli tropicali.

 

Le minacce

Sebbene in passato vi siano stati disboscamenti selettivi e talvolta bracconaggio, l'isola di Koh Kong è rimasta intatta fino a oggi. Tuttavia, le minacce si profilano all'orizzonte.

Recentemente è stata costruita una strada con macchinari pesanti. La strada, già lunga circa 6.300 metri, parte dalla base militare sulla punta settentrionale dell'isola e si dirige verso sud. Si dice che potrebbe estendersi per 20 chilometri intorno all'isola. Si teme anche che una strada che attraversa una foresta finora incontaminata possa attirare taglialegna e bracconieri. E, soprattutto, speculatori terrieri, come accade in molti casi in Cambogia. In questo caso, non ci sarà modo di fermare la deforestazione su scala industriale.

Gli ambientalisti temono che l'ampliamento della strada sia solo l'inizio. Nel giugno 2019, il primo ministro Hun Sen ha annunciato l'intenzione del governo di sviluppare economicamente l'isola, per la quale è stato costituito un comitato sotto la guida del Ministero dell'Ambiente. La società privata Koh Kong SEZ Co. Ltd. sarebbe responsabile dello sviluppo industriale ed è di proprietà del potente gruppo L.Y.P. di Ly Yong Phat, uno degli uomini più influenti e ricchi della Cambogia. Il portafoglio del gruppo comprende hotel e resort di lusso, parchi a tema e campi da golf, piantagioni di zucchero e gomma, immobili e un canale televisivo. 

Le organizzazioni ambientaliste temono quindi che questo "sviluppo" dell'isola di Koh Kong non sia di buon auspicio per la natura incontaminata dell'isola. Si parla già di costruire alberghi di lusso.

Il Ministero dell'Ambiente ha annunciato che nel 2021 l'isola sarà dichiarata Parco Nazionale Marino, grazie alla sua ricca biodiversità e alle sue bellissime spiagge. Tuttavia, il governo ha dato a Koh Kong SEZ la concessione per sviluppare l'isola. Il portavoce del Ministero dell'Ambiente non ha fornito spiegazioni precise sui piani esistenti.

"Se il governo dà il permesso a una società privata di sfruttare una regione, le risorse naturali saranno distrutte e la popolazione non ne trarrà beneficio. Lo abbiamo visto più volte in passato", ha dichiarato Long Kunthea, ambientalista di Mother Nature, a Cambodia News il 23 giugno 2020, invitando il governo a ritirare la licenza alla Koh Kong SEZ Co. e a proteggere l'intera isola per legge.

Suon Chamroeun, che ha partecipato a una manifestazione in bicicletta per proteggere l'isola di Koh Kong all'inizio di giugno, ha dichiarato al Phnom Penh Post: "Siamo seriamente preoccupati dal fatto che il governo abbia dato la licenza a una società privata. E nessuno sa ancora cosa il governo voglia fare esattamente per proteggere l'isola. Siamo molto preoccupati perché crediamo che questo sviluppo significherà distruzione. Perché i piani della Koh Kong SEZ Co. non sono affatto chiari". 

A titolo di esempio, il vicino Parco nazionale di Botum Sakor è stato deforestato negli ultimi 15 anni con il pretesto di varie cosiddette "concessioni di terreni economici" e "zone economiche speciali". Gli ambientalisti chiedono quindi che l'intera isola di Koh Kong sia dichiarata Parco Nazionale e che la sua piena protezione sia garantita a norma di legge.

 

Obiettivo della campagna

La campagna "Save Koh Kong Island" mira a diffondere la consapevolezza della bellezza e dell'unicità dell'isola di Koh Kong, al fine di preservarla nel suo stato naturale per le generazioni future.

Mother Nature vuole che il Ministero dell'Ambiente dichiari l'intera isola di Koh Kong Parco Nazionale, in modo che sia legalmente protetta e possa essere completamente preservata. Gli ambientalisti sono fortemente contrari a qualsiasi "sviluppo" che abbia un impatto negativo sull'isola.

Se fosse necessario di avviare un modello di sviluppo, si dovrebbero prendere in considerazione opzioni sostenibili e rispettose dell'ambiente, come la promozione di un'area ecoturistica.

 

Difensori dell'ambiente a rischio

Coloro che difendono pubblicamente la natura e i diritti umani in Cambogia vivono nel costante pericolo di essere intimiditi, minacciati e arrestati. Gli attivisti di Madre Natura (MN) hanno subito questa situazione per anni:

- Il 3 settembre 2020, l'attivista MN Thun Ratha e i suoi colleghi Long Kunthea e Phuong Keorasmey sono stati arrestati a Phnom Penh per aver organizzato una marcia pacifica verso la residenza del Primo Ministro per attirare l'attenzione sulla cementificazione del lago Boeung Tamoke per la creazione di una base militare. Il lago dà da mangiare a 300 famiglie. Le ragioni fornite per gli arresti è stata quella di "incitare al crimine o a disordini sociali". I tre ambientalisti sono anche organizzatori della campagna "Save Koh Kong". Gli ambientalisti sono ancora detenuti

- Il 22 giugno 2020, 10 membri del MN hanno organizzato una mostra fotografica sulla natura dell'isola di Koh Kong davanti alla pagoda Wat Botum. Volevano che il maggior numero possibile di persone conoscesse la bellezza dell'isola. La mostra è stata immediatamente chiusa dalle forze di sicurezza. È stato anche vietato loro di trasmettere l'evento in diretta su Facebook. È stato detto loro che avevano bisogno di un permesso per farlo, cosa non vera secondo la legge.

- Il 1° giugno 2020, 18 attivisti e giovani del MN hanno iniziato una manifestazione in bicicletta da Koh Kong alla capitale, Phnom Penh, per presentare una petizione al governo per salvare l'isola di Koh Kong. Già il secondo giorno sono stati arrestati da funzionari provinciali che hanno confiscato le biciclette.

Questi sono solo tre dei molti esempi recenti di come gli ambientalisti e gli attivisti per i diritti umani vengono messi a tacere in Cambogia. Abbiamo accompagnato e sostenuto Mother Nature fin dalla sua fondazione e abbiamo anche denunciato le minacce subite in diverse occasioni.

 

La Cambogia vende le sue risorse naturali

Il regno sulle rive del fiume Mekong ha uno dei più alti tassi di deforestazione al mondo: tra il 2001 e il 2014, 16.000 km quadrati di foresta sono stati persi a favore di pianure sempreverdi, principalmente per le piantagioni di gomma. Secondo Mongabay, ciò è visibile nelle immagini satellitari della NASA della Cambogia centrale. È rimasto appena il 3% della foresta pluviale primaria del Paese.

Da molti anni il governo concede concessioni a società che deforestano e implementano pintagioni, e le monocolture di gomma in particolare si sono espanse rapidamente. Ma non è solo la deforestazione industriale concessa all'industria del legname a rappresentare un problema per la biodiversità. La deforestazione illegale è molto più estesa: secondo uno studio, rappresenta il 90% della produzione di legname.

La cosa più importante è preservare la foresta pluviale sempreverde intatta dell'isola di Koh Kong.

Lettera

CA: Samdech Techo Hun Sen, Primo Ministro della Cambogia; S.E. Say Samal, Ministro dell'Ambiente; S.E. Thong Khon, Ministro del Turismo

Egregi Signori:

Vi scrivo per esprimere il mio sostegno alle decine di migliaia di cambogiani che stanno esprimendo pubblicamente il loro interesse per la protezione dell'isola più grande e più bella della Cambogia, Koh Kong.

Vi chiedo di:

- revocare l'accordo firmato in segreto e senza consultazione delle parti interessate dal governo cambogiano con la Koh Kong SEZ per lo "sviluppo" dell'isola di Koh Kong. Il popolo cambogiano e in particolare le comunità della provincia di Koh Kong trarranno molti più benefici dalla conservazione dell'isola così com'è, che dal cosiddetto sviluppo.

- Dichiarare l'intera isola e la regione marina circostante come Parco Nazionale e proteggetela dalla distruzione. Il modo in cui la Cambogia ha "sviluppato" molte isole e aree protette un tempo incontaminate non può essere il destino dell'isola di Koh Kong.

- Lavorare con le comunità locali, gli attivisti ambientali e le organizzazioni nazionali e internazionali per sviluppare un concetto che permetta all'isola di ospitare un numero limitato di visitatori. La natura deve soffrire il meno possibile.

- Collaborare con esperti nazionali e stranieri per fare dell'isola e delle sue mangrovie un centro di ricerca ecologica.

- Porre immediatamente fine alle minacce e all'oppressione degli attivisti ambientali cambogiani che si battono pubblicamente per la conservazione dell'isola nello stato attuale. Rilasciare i tre attivisti di Madre Natura recentemente imprigionati e coinvolti nella campagna in difesa dell'isola di Koh Kong: Thun Ratha, Long Kunthea e Phuon Keorasmey.

Cordiali saluti,

News e aggior­namenti

Un Premio importante · 9 ott 2023

Premio Nobel alternativo per Mother Nature Cambogia

Un gruppo di giovani siede e sta in piedi di fronte a un albero sulla spiaggia.

Scendono in piazza per la protezione della natura e dei diritti umani e da dieci anni rendono pubblici i crimini ambientali. Ora gli attivisti del gruppo giovanile Mother Nature Cambogia hanno ricevuto uno dei più importanti riconoscimenti internazionali. Con entusiasmo ci con gratuliamo con i nostri partner in Cambogia!

leggi

Attualità · 24 lug 2023

Consegnata la petizione a Phnom Penh (Cambogia) e Berlino

"Salviamo l'isola di Koh Kong in Cambogia”. Questa richiesta è stata sostenuta da oltre 133.000 firme di persone residenti in 176 Paesi del mondo. Con un'azione congiunta, Mother Nature Cambodia e Salviamo la Foresta hanno consegnato la petizione al governo cambogiano e all'ambasciata tedesca.

leggi
Footnotes

l’isola di Koh Kong

L'isola appartiene all'omonima provincia nella parte occidentale del Paese. Ha una superficie di 103 chilometri quadrati, poco più grande dell'isola spagnola di Formentera, e una costa di 53 chilometri.


Mother Nature

https://www.mothernaturecambodia.org/about-us.html

Mother Nature è un'organizzazione che lavora per preservare e proteggere la natura in Cambogia e nel mondo. Denuncia pubblicamente la distruzione illegale dell'ambiente e coloro che lo inquinano, sostenendo il movimento ambientalista attraverso workshop e il finanziamento di progetti. Inoltre, forma i pescatori locali e le comunità indigene sui loro diritti e li sostiene quando devono difendere la loro terra, la loro cultura e i loro mezzi di sostentamento.


Save Koh Kong Island

Pagina della campagna (inglese) con foto e video: https://www.mothernaturecambodia.org/save-koh-kong-island2.html


gruppo L.Y.P

Sito web del gruppo https://www.lypgroup.com/index.php dell'uomo d'affari Ly Yong Phat, uno degli uomini più ricchi della Cambogia.


Parco Nazionale Marino

https://www.phnompenhpost.com/national/new-committee-created-protect-koh-kong-krao


è già stato detto

Dichiarazione dell'autorità ambientale di Koh Kong, Morm Phalla, nel Phnom Penh Post del 23-7-2019, in inglese https://www.phnompenhpost.com/national/activists-launch-rescue-island-campaign-koh-kong-krao


sono stati arrestati

https://www.frontlinedefenders.org/en/case/three-environmental-rights-defenders-arbitrarily-detained

Questa petizione è disponible in queste lingue:

135.340 firmatari

Arriviamo a 150.000:

Attività recenti