Libertà per i manifestanti contro la palma da olio. Sono innocenti

Membri della RIAO-RDC con gli abitanti del villaggio di Bongemba / Yahuma Gli abitanti di oltre 100 comunità si sentono minacciati dalla presenza delle piantagioni di palma da olio della compagnia PHC. (© RIAO-RDC)

Le popolazioni di Mwingi e Bolesa hanno urgente bisogno del nostro aiuto: dopo una marcia contro la compagnia PHC e le sue piantagioni di palma da olio, diverse persone sono state arrestate. Chiediamo il loro rilascio immediato e la fine della violenza, della criminalizzazione e del furto di terra: giustizia per la popolazione locale!

News e aggior­namenti Lettera

CA: Alle autorità della Repubblica Democratica del Congo

“Esigiamo il rilascio delle persone innocenti e la fine di criminalizzazione e violenza. Giustizia ORA per chi soffre per le piantagioni di palma da olio”

Leggi tutta la lettera

Gli abitanti di molte comunità della Repubblica Democratica del Congo (RDC) soffrono da decenni a causa delle piantagioni di olio di palma. La violenza si ripete senza sosta: nel 2015, una coppia è stata uccisa dopo essere stata accusata di aver rubato i frutti della palma da olio e nel 2019, Joel Imbangola è stato picchiato a morte.

Tra gli arrestati ci sono membri locali dell'organizzazione per i diritti umani RIAO-RDC, che hanno sostenuto le comunità durante la protesta. L'occasione è stata la visita del nuovo proprietario dell'azienda Feronia-PHC, il signor Mpinga. La sua società, registrata alle Mauritius, ha rilevato le piantagioni solo dal 2020.

Gli arrestati sono accusati di aver avviato una rivolta. Sono anche accusati di aver scattato fotografie e concesso interviste ai giornalisti. Due di loro hanno ricevuto minacce di morte, e ci sono anche segnalazioni di violenza fisica e sessuale contro le donne.

Le cause del conflitto risalgono a 110 anni fa, quando furono create le prime piantagioni.

Gli abitanti della regione non avevano mai acconsentito, ma si erano semplicemente visti portare via le loro terre ancestrali - il loro sostentamento.

È urgente impedire il trasferimento dei detenuti a Kisangani, la capitale della provincia, dove potrebbero essere detenuti senza formulare accuse per diversi mesi. 

Per questo esigiamo che: 

- I detenuti vengano immediatamente rilasciati.

- Si ponga fine alla violenza, alla criminalizzazione e all’accaparramento delle terre.

- Le persone colpite dalle piantagioni riacquistino subito i loro diritti.

- Le banche di sviluppo europee facciano pressione sul loro cliente, la Feronia-PHC, affichè queste richieste vengano soddisfatte.

L'espressione pacifica della propria opinione e del dissenso non deve mai portare ad arresti arbitrari e alla violenza.

 

Infor­mazioni

Gli abitanti della regione subiscono un triplo danno: l'eredità dell'era coloniale, gli interessi degli investitori stranieri e le speculazioni finanziarie internazionali.

L'inizio dell’implementazione delle piantagioni risale a 110 anni fa, quando il governo coloniale belga concesse grandi tratti di foresta all’inglese Lord Leverhulme, un uomo d’affari. Quelle concessioni furono l’avvio di quella che oggi è la multinazionale Unilever. Nel 2009, Unilever ha venduto i terreni alla società canadese Feronia. Quando la Feronia è fallita nel 2020, la società d'investimento delle Mautitius, Straight KKM, ha acquistato le piantagioni.

Numerose banche di sviluppo dei paesi industrializzati hanno una partecipazione nelle piantagioni Feronia-PHC. Quando la Feronia è fallita, detenevano la maggioranza delle azioni della Feronia Inc., direttamente (come la CDC Group del Regno Unito) o attraverso l'investimento in un fondo di investimenti (Proparco della Francia, AECID della Spagna e DFC degli Stati Uniti), ed hanno in sospeso rimborsi di prestiti per decine di milioni di dollari (CDC - Regno Unito, DEG - Germania, FMO - Olanda, BIO - Belgio e altri attraverso l'Emerging Africa Infrastructure Fund).

Le comunità residenti chiedono la restituzione delle loro terre, il cui uso è stato loro negato per oltre 100 anni senza il loro consenso. Una coalizione di organizzazioni internazionali sta esigendo alle banche di sviluppo di intervenire a favore delle comunità.

Le foreste tropicali del bacino del Congo sono ancora in gran parte intatte. Però, la conversione dei palmeti in piantagioni industriali sta danneggiando le foreste. A questo proposito, le piantagioni di palma da olio della Feronia-PHC nella RDC sono legate ad una tradizione secolare di distruzione, tanto che 25.000 ettari di foresta sono già state decimate per operazioni della compagnia. Le concessioni sono di notevoli dimensioni: si estendono su 107.000 ettari - un'area grande quanto la città statunitense di New York City.

 

Lettera

CA: Alle autorità della Repubblica Democratica del Congo

Gentili Signore, Egregi Signori ,

Gli abitanti di numerose comunità della Repubblica Democratica del Congo soffrono da decenni a causa delle piantagioni di palma da olio della PHC. Gli episodi di violenza si sono ripetuti più volte: nel 2019, l'abitante di un villaggio, Joel Imbangola, è stato picchiato a morte; nel 2015, una coppia accusata di aver rubato i frutti della palma da olio è stata trovata morta. Con frequenza, le persone che hanno manifestato e resistito contro le piantagioni della compagnia PHC sono state arrestate.

A metà febbraio, a Mwingi e Bolesa, diversi membri locali dell'organizzazione per i diritti umani RIAO-RDC sono stati arrestati ingiustamente dopo una manifestazione di protesta contro la Feronia-PHC. Sono stati accusati di aver fomentato una rivolta. Sono stati anche incolpati di aver scattato fotografie e di aver concesso interviste ai giornalisti. Due di loro sarebbero stati minacciati di morte, e ci sono state anche segnalazioni di violenza fisica e sessuale subita dalle donne.

Chiediamo il rilascio delle persone innocenti e la fine della violenza, della criminalizzazione e dell'accaparramento delle terre. Le popolazioni indigene che soffrono a causa dalle piantagioni devono riacquistare i loro diritti alla terra e il diritto al libero consenso. Le banche di sviluppo europee devono esigere che il loro cliente, la Feronia-PHC, soddisfi queste richieste.

Cordiali saluti


CC:
Consiglio di amministrazione della Feronia/KKM
Consiglio di amministrazione della DEG e di altre banche di sviluppo

News e aggior­namenti

Questa petizione è disponible in queste lingue:

133.323 firmatari

Arriviamo a 150.000:

Attività recenti