Morte e sfollamenti nelle comunità indigene del Chiapas

Foto di Simón Pedro Pérez López, membro di Las Abejas de Acteal, difensore dei diritti umani assassinato il 5 luglio 2021. Simón Pedro Pérez López, difensore dei diritti umani assassinato in Chiapas il 5 luglio 2021. (© Otros Mundos Chiapas) Simón Pedro Pérez López alla riunione di MAPDER Simón Pedro a una riunione di MAPDER, una rete in difesa dei fiumi. (© Otros Mundos Chiapas)

Essere un difensore della natura e dei diritti umani ha messo Simón Pedro Pérez López in pericolo. Il 5 luglio, un individuo su una moto lo ha avvicinato e gli ha sparato alla testa. È successo a Simojovel, Chiapas, mentre era al mercato con suo figlio. Firma la petizione per chiedere giustizia per Simón Pedro.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Presidente degli Stati Uniti Messicani

“Presidente e autorità del Messico: avviate immediatamente indagini approfondite e imparziali sull'omicidio di Simón Pedro Pérez López, difensore della natura.”

Leggi tutta la lettera

Simón Pedro, 35 anni, era padre di 7 figli e membro dell’organizzazione Las Abejas de Acteal, di cui era recentemente presidente del consiglio di amministrazione. In questa organizzazione della società civile ha lavorato come difensore dei diritti umani, accompagnando le comunità indigene che denunciano i progetti estrattivi e la violenza strutturale e continua nella regione degli altipiani del Chiapas. Era anche membro delle reti MAPDER , in difesa dei fiumi, e REMA, delle comunità colpite dalle miniere.

Alcune ore dopo il suo omicidio, ci sono state sparatorie, interruzioni di corrente e blocchi stradali. Il caos e la confusione regnano nelle comunità immerse in un grave conflitto in cui lo stato è assente e lontano da una reale risoluzione del conflitto. 

C'è urgente bisogno di una prevenzione globale della violenza contro i popoli e le comunità indigene nello stato del Chiapas, specialmente nei comuni di Aldama, Chalchihuitán, Chenalhó, Chilón e Pantelhó. Simón Pedro ha aiutato e incoraggiato gli abitanti a organizzarsi contro la violenza nel comune di Pantelhó, che è dominato da gruppi armati che controllano il traffico di droga e altre attività illecite nella zona, come il traffico di esseri umani e la vendita di armi, che porta all'espropriazione e allo sfollamento forzato. Si denuncia l'inerzia delle autorità di polizia e del "cattivo governo", come viene spesso chiamato in Messico, compresi i complici dei gruppi criminali.

Il Centro per i diritti umani Fray Bartolomé de las Casas, A. C. (Frayba)  e l'Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umanihanno denunciato questo abominevole crimine, con la raccomandazione di scrivere alle autorità messicane per avviare un'indagine.

La situazione è estremamente complessa, e ancora di più in tempi di pandemia. È con grande preoccupazione che registriamo le continue minacce contro le nostre compagne e compagni che lavorano in prima linea in difesa dei loro territori e diciamo basta. Unisciti a noi, esprimi la tua solidarietà firmando la petizione alle autorità affinché prendano provvedimenti urgenti.

 

Infor­mazioni

Il complesso contesto del conflitto e l'estrattivismo sullo sfondo

Il 7 luglio, due giorni dopo l'assassinio di Simón Pedro, quasi tremila persone di Pantelhó, Chiapas, sono state costrette a trasferirsi nei comuni vicini.

Questo non è un caso unico. Nel dicembre 2020, la missione di osservazione civile in Chiapas ha documentato la situazione di sfollamento forzato, espropriazione della terra, minacce e molestie subite dalle comunità di questa regione, a causa della presenza di gruppi armati nella zona.

Recentemente, nel maggio 2021, 30 membri di Las Abejas sono potuti tornare alla Colonia Miguel Utrilla, Los Chorros, nel comune di Chenalhó, dopo 21 mesi di sfollamento forzato causato dalla violenza  nella regione. Il lavoro di Simón Pedro è stato fondamentale per questo risultato.

Negli ultimi giorni è stata stabilita una presenza del corpo di difesa nazionale, della guardia nazionale e della polizia di stato, e alcune persone hanno cominciato a tornare alle loro comunità nel tentativo di normalizzare le loro vite e attività. Durante la loro assenza, una bomba artigianale sarebbe esplosa nella comunità, distruggendo alcune case.

L'organizzazione indigena Las Abejas de Acteal, tuttavia, ritiene che questa militarizzazione della regione sia nell'interesse del governo, poiché mira a controllare il territorio e a facilitare l'accesso alle imprese che cercano di stabilire mega-progetti come l'autostrada da San Cristóbal a Palenque, il Treno Maya o il Corridoio Transistannico.

Il massacro di Acteal

Las Abejas de Acteal è un gruppo cristiano e pacifista fondato nel 1992 in seguito ad un conflitto per l'uso e per la proprietà della terra e del territorio nella comunità di Acteal, nel comune di Chenalhó, Chiapas. I suoi integranti rifiutano apertamente la militarizzazione degli altipiani del Chiapas e lavorano per difendere i diritti dei popoli indigeni Maya Tsotsil e Tseltal, la terra e il territorio, così come per costruire la pace e ottenere giustizia.

Nel 1997, 45 dei loro membri sono stati uccisi da un gruppo paramilitare con armi riservate all'uso esclusivo dell'esercito messicano, in quello che è noto come il Massacro di Acteal, che è stato realizzato come parte della politica ufficiale di disarticolazione dei popoli indigeni del Chiapas che chiedevano la costruzione di un proprio governo. Fino ad oggi, la responsabilità diretta e indiretta del massacro non è stata chiarita.

La situazione attuale è molto allarmante per la sua somiglianza con quanto accadde allora, e Las Abejas continuano a chiedere giustizia per i martiri di Acteal e ora anche per Simón Pedro. Entrambi hanno perso la vita per essersi opposti a questa logica estrattiva. Il Centro per i diritti umani Fray Bartolomé de las Casas, A. C. (Frayba) ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sulla questione. (Frayba) ha emesso diversi comunicati nelle ultime settimane.

I pericoli per coloro che difendono la natura

Global Witness ha documentato nel suo rapporto per il 2020 un totale di 212 uccisioni nel 2019. La causa sarebbe il ruolo che queste persone hanno avuto nel difendere e fermare la distruzione della natura. Due terzi degli omicidi hanno avuto luogo in America Latina, la regione più colpita.

Nel 2020, almeno 18 difensori dei diritti umani ambientali sono stati uccisi in Messico. Al momento, quest'anno, i difensori uccisi in Messico sono 12 difensori. Nella zona in questione, tra marzo e luglio, sono state assassinate 12 persone, tra cui un bambino e l'esecuzione di Simón Pedro Pérez López, una persona è stata fatta scomparire e una donna e un bambino sono stati feriti con armi da fuoco.  

Accordo di Escazú

Nell'aprile 2021, l'accordo di Escazu è entrato in vigore per le regioni dell'America Latina e dei Caraibi, ed è il primo al mondo a contenere disposizioni specifiche sui difensori dei diritti umani in relazione alle questioni ambientali. Stabilisce che la creazione di strumenti che permettano la protezione e la sicurezza dei difensori dell'ambiente dovrebbe essere rafforzata, riconoscendo così l'esistenza nella regione di un grave problema in questo senso e la necessità di implementare una maggiore attività di protezione.

 

Ulteriori informazioni:

Comunicado de las Abejas de Acteal: Hoy ya no sólo luchamos por justicia para los Mártires de Acteal, sino también por justicia para nuestro hermano Simón Pedro

Acoso de grupos criminales a zonas indígenas de Chiapas, acusan tras asesinato de líder de las Abejas de Acteal 

Simón Pérez López, el activista que predicaba la no violencia y fue asesinado a sangre fría 

Rechazan militarización 

Chiapas: Continúa desplazamiento forzado en los Altos por violencia e inseguridad 

Lettera

CA: Presidente degli Stati Uniti Messicani

Egregio Signor Presidente Andrés Manuel López Obrador,
Gentili Signore, Egregi Signori:

Chiedo alle autorità dello Stato del Chiapas e alle autorità federali messicane di fornire quanto necessario per avviare un'indagine immediata, approfondita e imparziale sull'omicidio di Simón Pedro Pérez López, membro delle Abejas de Acteal e del Congresso Nazionale Indigeno (CNI).

Il messaggio che gli assassini hanno cercato di trasmettere è che nessuno è al sicuro e che non c'è fine all'orrore. È urgente identificare i responsabili intellettuali e materiali, portarli davanti a un tribunale competente, indipendente e imparziale e applicare le sanzioni previste dalla legge.

Come stabilito dalle norme internazionali sui diritti umani, l'indagine dovrebbe dare priorità all'ipotesi che questo crimine sia legato alle attività di Simón Pedro Pérez López in difesa dei diritti umani.

Vi chiedo anche di prendere le misure necessarie per garantire la vita, l'integrità fisica e psicologica dei parenti dell'uomo assassinato, così come la sicurezza dei membri dell'organizzazione Las Abejas de Acteal.

È anche necessario prevenire la violenza contro i popoli e le comunità indigene nello stato del Chiapas, specialmente nei comuni di Aldama, Chalchihuitán, Chenalhó, Chilón e Pantelhó. Garantire che tutti i tipi di molestie contro i difensori della terra, del territorio e dei diritti umani nello stato del Chiapas e in Messico cessino immediatamente.

Come firmatario del Trattato di Escazú (1), Accordo regionale sull'accesso alle informazioni, la partecipazione pubblica e l'accesso alla giustizia in materia ambientale in America Latina e nei Caraibi, entrato in vigore nell'aprile 2021, il Messico si è formalmente impegnato (2) a proteggere i difensori della natura ed è ora di agire con decisione in questo senso mettendo fine all'impunità imperante. È ora di rompere con l'impunità prevalente nel paese nei confronti dei difensori dell'ambiente, come nel caso particolare di Simón Pedro Pérez López.

Attendiamo una vostra pronta risposta sulle misure che intendete adottare per conformarvi alla legislazione messicana in vigore e ai trattati firmati dal vostro paese.

Cordiali saluti,


(1) https://repositorio.cepal.org/bitstream/handle/11362/43595/1/S1800429_es.pdf
(2) http://www.dof.gob.mx/nota_detalle.php?codigo=5607130&fecha=09/12/2020

News e aggior­namenti

Notizia | 12 ago 2021

Perù, Covid-19 e sistema sanitario al collasso: gli indigeni usano piante medicinali

Gruppo di indigeni mentre preparano piante per uso medicinale

Nella regione amazzonica, la pandemia di Covid 19 si sta espandendo con particolare intensità. Il sistema sanitario è al collasso e i giovani indigeni hanno attinto alle conoscenze tradizionali dei loro antenati. Trattano i sintomi del virus Covid 19 con piante medicinali.

leggi

Notizia | 11 ago 2021

Nessuna avvisaglia di giustizia a oltre un mese dall'omicidio di Simón Pedro Pérez López

Il 5 luglio 2021, due sicari hanno ucciso Simón Pedro Pérez in Chiapas, Messico. L'omicidio è stato commesso davanti a suo figlio minore. A distanza di poco più di un mese, il gruppo della società civile Las Abejas de Acteal, che riunisce le popolazioni Tzotzil di tre comuni della regione di Los Altos de Chiapas, denuncia la lentezza delle autorità e della giustizia nel risolvere il crimine.

leggi
Footnotes

e l'Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umaniProgramma congiunto dell'Organizzazione mondiale contro la tortura (OMCT) e della Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) 

Questa petizione è disponible in queste lingue:

89.490 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti