Vita e territorio per il popolo indigeno Manjui in Paraguay

Donna artigiana della comunità Wonta-Santa Rosa © Tierra Libre Donne del popolo Manjui che giocano a pallavolo nella comunità Wonta-Santa Rosa. © Tierra Libre Particolare della vegetazione della foresta secca del Chaco in Paraguay, vicino alla comunità Wonta-Santa Rosa. Chaco secco (© Tierra Libre)

Pulizia etnica silenziosa: ecco cosa sta succedendo al popolo Manjui nel Chaco paraguaiano. Le loro terre ancestrali sono state invase dal bestiame e dalle compagnie che producono carbone. Nel 1998, lo stato paraguaiano ha acquistato 38.406 ettari per questa comunità, ma non sono mai stati trasferiti a loro. Unitevi alla petizione.

News e aggior­namenti Lettera

CA: presidente dell'Istituto Paraguayo del Indígena - INDI.

“Esigiamo la restituzione immediata del territorio al popolo indigeno Manjui del Chaco paraguaiano: consegnate le terre che sono di questo popolo.”

Leggi tutta la lettera

Lo spazio vitale del popolo Manjui si trova nel Chaco secco, all'interno del territorio paraguaiano. Il Chaco è un'ecoregione transfrontaliera caratterizzata dalla foresta secca, la seconda più grande area di foresta pluviale in America Latina, solo la foresta amazzonica è più grande. Il Chaco è ricco di biodiversità ed è popolato da numerosi popoli indigeni. La parte paraguaiana del Chaco è stata colonizzata solo durante il XX secolo. Oggi, i gruppi privati dominanti che distruggono gli spazi di vita indigeni, stanno deforestando massicciamente il Chaco paraguaiano.

Il popolo Manjui del Paraguay annovera circa 900 persone che rischiano seriamente di scomparire come gruppo etnico, come cultura e come lingua. La situazione di abbandono e negligenza delle istituzioni statali nei confronti di questa popolazione indigena è totale. Tuttavia, fino al 2018 non avevano un solo millimetro quadrato di terra con un titolo di proprietà nel loro territorio ancestrale. La negligenza dello Stato è stata continua dall'epoca della guerra del Chaco (1932 – 1935 tra Paraguay e Bolivia) ad oggi.

Questo contesto storico sofferto dal popolo Manjui ha portato le comunità alla situazione estrema in cui si è trovano negli ultimi decenni: pressione demografica dovuta alla situazione territoriale, povertà estrema, sofferenza per l’alta mortalità infantile.

A questo si aggiungono aggressive politiche di "pianificazione familiare" da parte dello stesso Ministero della Salute, volte al controllo delle nascite - questo contesto etnico ha una chiara connotazione genocida, secondo l'ONG Tierra Libre. E questo è quasi l'unica traccia della presenza delle Stato nelle comunità Manjui. "Storicamente e strutturalmente, le politiche pubbliche nel Chaco paraguaiano hanno mirato alla scomparsa di questo popolo, con l'Istituto Indigeno Paraguaiano INDI, che è l'ente pubblico che ha l'obbligo di garantire il benessere della popolazione indigena, essendo uno dei principali attori nello sviluppo di tale politica genocida e di pulizia etnica silenziosa", secondo Tierra Libre.

Infor­mazioni

Pulizia etnica silenziosa del popolo Manjui

Il popolo Manjui è un gruppo etnico appartenente alla famiglia linguistica Mataguayo. Tradizionalmente, viveva di caccia, pesca, raccolta e una piccola quantità di agricoltura. Durante la guerra del Chaco è stato pesantemente colpito dall'intervento dell'esercito boliviano e ora è seriamente minacciato dalla negligenza dello Stato paraguaiano.

Il territorio ancestrale del popolo Manjui si trova nell'Alto Pilcomayo e nel nord-ovest del Chaco Centrale, nel dipartimento di Boquerón, Chaco del Paraguay. Attualmente sono distribuiti in tre comunità: Wonta - Santa Rosa, Comunidad Manjui de San Agustín (nella zona di Pedro P. Peña) e la comunità urbana senza terra Abizais (all'ingresso di Picada 500 in Mariscal Estigarribia). Inoltre, ci sono gruppi minori in varie comunità del popolo Nivaĉle.

I dettagli del caso sono spiegati di seguito. Tutte le informazioni sono state fornite dall’Organizzazione Non Governativa Tierra Libre ONG.

 

La lotta per la terra del popolo Manjui contro le istituzioni pubbliche

Dall'inizio delle relazioni di cooperazione tra il Popolo Manjui e la ONG Tierra Libre nel 2015, attraverso un lavoro congiunto e dopo 3 anni di sforzi pieni di ostacoli posti delle Istituzioni Pubbliche, è stato possibile intitolare più di 12.000 ettari a favore della Comunità Indigena Manjui Wonta - Santa Rosa.

Queste terre sono state recuperate grazie agli sforzi di organizzazioni esterne allo Stato, come la Chiesa Verso le Nuove Tribù, che ha donato a questa comunità i terreni che possedeva, e Tierra Libre ONG, che ha fatto i passi necessari con le istituzioni pubbliche competenti.

L'ultima e più grave delle situazioni che sta vivendo il Popolo Manjui è legata a una proprietà INDI di 38.406 ettari, che l'Instituto Paraguayo del Indígena (INDI)  

ha acquisito nel 1998 con l'impegno di trasferirla alla Comunità Indigena Manjui Wonta - Santa Rosa, dove vive la maggior parte degli indigeni Manjui. Non solo non ha trasferito i titoli, ma l'INDI è anche complice delle invasioni delle fattorie vicine, dell'installazione illegale di una compagnia estrattiva del carbone e anche dell'inazione in un processo irregolare e illegale di usucapione che è stato avviato su queste terre pubbliche. Quest'ultimo caso è dettagliato in seguito.

 

Acquisto di terre da parte di un'istituzione pubblica senza trasferimento ai beneficiari: il caso della comunità indigena Manjui Wonta-Santa Rosa

Nel 1998, l’INDI ha acquisito un'area di 38.406 ettari situata nel Chaco, Dipartimento di Boquerón nel distretto di Mariscal Estigarribia. L'acquisizione e il trasferimento dei 38.406 ettari da parte dell’INDI ha come unico beneficiario di queste terre la Comunità Indigena Manjui Wonta - Santa Rosa, come scritto chiaramente nel documento di trasferimento. Tuttavia, il trasferimento non ha mai avuto luogo e il processo è afflitto da irregolarità e crimini che coinvolgono diverse istituzioni statali.

 

L'INDI e altre istituzioni statali sono complici dei crimini contro la comunità indigena Manjui Wonta-Santa Rosa.

Nel rapporto di fornitura di dati del Servizio Nazionale del Catasto (SNC), la signora Alice Muwo Vda. de Benin appare come proprietaria, e l’accesso al registro in questione è bloccato perché contiene informazioni riservate, sotto la protezione del sistema informatico secondo l'ordine del SNC.

Il rapporto sulla condizione di proprietà, della Direzione Generale dei Registri Immobiliari Pubblici, afferma letteralmente che "le procedure per la costituzione di una voce di registro dovrebbero essere avviate, tenendo conto degli articoli da 112 a 117". Nonostante il fatto che questa stessa istituzione abbia la prova (che ha fornito per mezzo di un rapporto su richiesta del pubblico ministero) che l'immobile è stato venduto all'INDI nel 1998, il rapporto stesso afferma che la registrazione corrispondente all'INDI non contiene l'iscrizione nel registro. 

Questo significa che la registrazione è scomparsa e, pertanto, il Titolare (INDI) deve presentare il titolo originale per la sua ulteriore registrazione, una situazione estremamente grave per gli interessi patrimoniali della Comunità Indigena Manjui Wonta - Santa Rosa, tenendo conto che l'acquisto di quelle terre era stato fatto con l'obbligo dell'INDI di trasferirle alla stessa comunità.

Di conseguenza, è stata presentata una denuncia alla Procura della Repubblica, che ha inviato un'ingiunzione all'INDI e alle altre istituzioni coinvolte. Ma fino ad oggi, l'INDI è l'unica istituzione che non ha risposto, e che non ha inviato alcuna documentazione, tanto meno ha promosso l'avvio di una inchiesta. Al contrario, ha ostacolato il lavoro del procuratore fin dall'inizio.

Questi fatti lasciano un precedente grossolano e scandaloso, dato che l'INDI è l'organo di protezione e di governo dei popoli indigeni del Paraguay.

 

Disputa legale: “Causa di Usucapione” contro le terre acquistate dallo Stato, attraverso l'INDI.

All'INDI è stato chiesto di realizzare il processo di Nullità della Sentenza di Usucapione, poiché il consorzio criminale che ha commesso questi delitti ha presentato titoli, documenti falsi e apocrifi. Questa associazione criminale ha promosso un Processo di Usucapione nel Tribunale Multifuero (il Giudice è stato sospeso dalla Giuria per la Procura dei Magistrati), presentando un titolo contro l'ex proprietaria Alice Muwo Vda. de Benin sui 38.406 ettari nel 2017, anche se lei non è più proprietaria della proprietà dal 1998, anno in cui l'INDI ha acquistato i terreni in questione.

Lo stesso consorzio criminale ha presentato una richiesta al Ministero dell'Ambiente e dello Sviluppo Sostenibile MADES per ottenere un permesso di autorizzazione ambientale con documenti apocrifi e dal contenuto falso, ma che MADES ha comunque concesso, illegalmente, senza grandi ostacoli.

La ONG Tierra Libre ha chiesto ripetutamente all'INDI di annullare la Sentenza di Usucapione dei terreni in questione, poiché è totalmente illegale, dato che i beni dello Stato non possono essere usucapiti.

Tierra Libre ha anche chiesto all'INDI di presentare una denuncia penale ambientale e di prendere le misure necessarie con la MADES per impedire l'ulteriore deforestazione, così come l’installazione di forni per la produzione di carbonesui 38.406 ettari che appartengono all'INDI e alla Comunità Indigena Manjui Wonta - Santa Rosa, ed è l'INDI che ha l'obbligo legale e morale di proteggere la proprietà dello Stato a nome del popolo indigeno.

La proprietà è stata invasa non solo da una compagnia che estrae carbone, ma anche da diversi allevatori di bestiame, il che ha portato alla deforestazione di migliaia di ettari di bioma. Questa situazione si verifica con la totale complicità dell'INDI, che per decenni ha abbandonato la proprietà senza assicurare la presenza in loco dei suoi funzionari, né una denuncia penale, ambientale, civile o amministrativa per più di due decenni.

Sono passati 23 anni senza che la terra sia stata trasferita alle comunità indigene. Questa situazione è uno scandalo e una vergogna per lo stato paraguaiano, e la responsabilità dell'INDI in questi eventi è totale e assoluta.

Ci sono diversi gradi di complicità da parte di varie istituzioni statali in questi crimini, come:

 

  • Servicio Nacional del Catastro - SNC: i terreni sono stati registrati a nome dell'INDI, ma successivamente l'ex proprietario, Alice Muwo Vda. de Benin, appare come proprietario.

 

  • Direción General de los Registros Públicos de la Propiedad: La voce del registro è scomparsa.

 

  • Instituto Paraguayo del Indígena - INDI: Questa istituzione è stata totalmente assente per più di due decenni per quanto riguarda la protezione delle terre acquisite per la Comunità Manjui.

 

  • Processo: Il giudice di Mariscal Estigarribia ha deciso di concedere circa 15.600 ettari dei 38.406 ettari in usucapione, una sentenza aberrante, dato che le terre dello Stato non possono essere usucapite.

 

  • Ministero dell'Ambiente e dello Sviluppo Sostenibile - MADES: concessione del permesso di installare forni per la produzione di carbone su queste terre al richiedente che non ha documenti validi.

 

 

Lettera

CA: presidente dell'Istituto Paraguayo del Indígena - INDI.

Presidente dell'Istituto Indigeno del Paraguay - INDI:

Noi sottoscritti esigiamo l'immediata cessione dei 38.406 ettari (delega 8525, registro 3186) acquistati dallo Stato paraguaiano, precisamente dall'Instituto Paraguayo del Indígena INDI, nel 1998 al solo scopo di essere consegnati alla Comunità Manjui Wonta - Santa Rosa, così come il risarcimento dei danni causati in seguito alla mancata consegna, da 23 anni a questa parte, a causa della devastazione di questa parte essenziale dello spazio vitale del popolo Manjui.

Siamo estremamente preoccupati per l'enorme dimensione degli impatti negativi e dei danni irreparabili causati dall'esclusione territoriale del popolo Manjui dal loro territorio ancestrale e dalla distruzione del loro spazio vitale e, di conseguenza, anche del loro sviluppo demografico, causati per più di due decenni dalla mancata consegna di queste terre, non solo alla popolazione della Comunità Wonta - Santa Rosa, ma a tutto il Popolo Manjui, una popolazione che rischia di scomparire come gruppo etnico, dato che una parte molto significativa di loro vive in questa comunità.

Siamo estremamente preoccupati per il fatto che questa situazione sia sorta a causa di gravi reati e crimini che sarebbero stati commessi da funzionari pubblici dentro e fuori l'istituzione responsabile, l'INDI. Questo ha esaurito non solo la pazienza dei membri di questo popolo indigeno, ma anche di tutta la società civile, dato che questi fatti erano già stati denunciati pubblicamente da un mezzo di comunicazione nel dicembre 2010. Parliamo di cioè di circa 12 anni dopo l'intitolazione delle suddette terre in nome dell'INDI. Tuttavia, l'istituzione responsabile ha continuato a commettere crimini e reati contro i diritti territoriali di questa popolazione indigena per 11 anni, anche dopo queste denunce.

L'istituzione da voi incaricata è la principale responsabile di questa gravissima situazione, avendo ostacolato per 23 anni, l’equivalente di quasi a un quarto di secolo, lo sviluppo delle pratiche culturali, economiche e di sussistenza di questa popolazione. Questa situazione ha causato in tutto questo tempo anche impatti indiretti sulla salute fisica e mentale della popolazione indigena, per cui esigiamo dall'istituzione da voi rappresentata, come organo di governo per il benessere del popolo indigeno, che prendiate misure precauzionali immediate, in modo integrale, per fermare i processi distruttivi che continuano a implementarsi in questo territorio indigeno ancestrale e che sembrano una modo per fare pulizia etnica, e per non prolungare ancora di più la sofferenza della popolazione della Comunità Wonta - Santa Rosa e del Popolo Manjui.

Vi preghiamo di informarci al più presto rispetto alle misure che intendete adottare per risolvere la situazione di cui sopra, e le date in cui queste misure saranno effettive.

Cordiali saluti,

News e aggior­namenti

Questa petizione è disponible in queste lingue:

82.368 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti