Ecuador: si all'energia eolica ma senza sacrificare le foreste

Diverse persone si trovano all'interno del rivestimento in legno di balsa per la costruzione della pala di un rotore. Il legno di balsa viene utilizzato come materiale di rinforzo in una pala di rotore lunga 81 metri in uno stabilimento Siemens Gamesa in Danimarca nel febbraio 2022. (© Carsten Snejbjerg) Legno di balsa accatastato Deposito di legno di balsa nel villaggio di Copataza, nell’Amazzonia ecuadoriana (© Felipe Bonilla) Il legno di balsa mentre viene caricato su camion Carico di legno di balsa vicino al Río Napo, Ecuador (© Ivan Castaneira/Agencia Tegantai)

La conversione alle energie rinnovabili è urgente, ma è necessario soprattutto ridurre drasticamente il consumo di energia e di materie prime. L'energia eolica è una parte importante della transizione energetica. Ma i rotori contengono spesso grandi quantità di legno di balsa, provenienti dal saccheggio delle foreste dell'Ecuador.

Lettera

CA: A Siemens Gamesa, General Electric, LM Wind Power, Vestas, Nordex ed Enercon

“Chiediamo trasparenza all'industria eolica sulla catena di approvvigionamento del legno di balsa e di non usare legno tropicale frutto della deforestazione.”

Leggi tutta la lettera

Lo sviluppo dell'energia eolica in Cina, Europa e Nord America ha causato una tragedia ambientale in Ecuador, che fornisce fino al 90% del legno di balsa mondiale.

Per soddisfare la domanda, taglialegna e commercianti invadono la foresta amazzonica e saccheggiano le scorte di balsa. Non risparmiano i territori indigeni e le aree protette, dove causano gravi conflitti sociali.

L'abbattimento degli alberi di balsa è devastante per la natura. Questa specie arborea svolge importanti funzioni ecologiche e protegge le sponde dei fiumi dall'erosione.

Il più grande consumatore di balsa al mondo è l'azienda Siemens Gamesa. L'azienda eolica tedesco-spagnola ha utilizzato circa 26.000 tonnellate di legno di balsa nel 2021 (circa 170.000 m³).

Le tre pale lunghe 81 metri delle turbine eoliche offshore di Siemens Gamesa contengono un totale di circa 6 tonnellate di balsa (circa 40 m³). Ciò corrisponde a circa 40 alberi. Nelle pale dei rotori, la balsa è saldamente legata a materiali plastici, come PET e PVC rinforzato con fibra di vetro, e con resina epossidica.

Anche altri produttori di turbine eoliche utilizzano la balsa, ma in quantità minori: circa 9.000 m³ per Nordex e 2.500 m³ per Vestas nel 2021.

LM Wind Power, una filiale della multinazionale statunitense General Electric, utilizza la balsa nel 5% dei suoi rotori. Il gruppo e la società tedesca Enercon non hanno dato risposta alle richieste scritte inviate da Salviamo la Foresta - Rettet den Regenwald e.V..

Tutte le aziende fanno riferimento al legno di balsa del gruppo svizzero 3A Composites, l'unico operatore di piantagione di balsa certificato FSC al mondo. Tuttavia, il consumo globale di balsa da parte dell'industria eolica è molto superiore alle quantità prodotte da 3A Composites. I dati di Siemens Gamesa, in particolare, sollevano seri dubbi sulle effettive quantità utilizzate.

Chiediamo all'industria eolica di essere trasparente riguardo la sua catena di approvvigionamento del legno di balsa e di non utilizzare legno tropicale frutto della deforestazione.

 

Infor­mazioni

Il gruppo svizzero 3A Composites, unico fornitore globale di prodotti in legno di balsa certificati FSC, ha dichiarato che produrrà poco più di 120.000 m³ di legno di balsa grezzo coltivato nelle sue piantagioni in Ecuador (filiale Plantabal SA) tra il 2019 e il 2021(1). Tuttavia, l'azienda non dichiara quanti metri cubi di prodotti di balsa finiti sono stati ultimati e consegnati. Oltre all'energia eolica, 3A-Composites fornisce prodotti in balsa ad altri settori come l'edilizia, l'industria automotrice, il ferroviario, l'aerospaziale e la cantieristica.

La banca centrale dell'Ecuador stima che le esportazioni di balsa del Paese sudamericano sarebbero ammontate ad un totale di 33.000 tonnellate (o circa 220.000 m³) nel 2019. Questa cifra era stimata a salire a quasi 75.000 tonnellate (circa 500.000 m³) nel 2020 e a oltre 22.000 tonnellate (circa 150.000 m³) nel 2021.(2)

Secondo il suo rapporto di sostenibilità, Siemens Gamesa ha consumato 53.052 tonnellate di balsa (circa 350.000 m³) nel 2019(3). A quanto pare, il gruppo non può escludere che il legno di balsa proveniente da fonti non sostenibili o dubbie entri nella sua catena di approvvigionamento. Almeno, le informazioni fornite da Siemens Gamesa nel suo rapporto sembrano piuttosto vaghe. Si parla di legno di balsa in questi termini:

"In generale, possiamo affermare che non è una risorsa a rischio e non dà luogo a situazioni di violazione sistemica dei diritti umani.  Il nostro obiettivo è acquistare legno di balsa di provenienza responsabile per combattere il disboscamento illegale, che è una delle cause principali della deforestazione.

Contiene anche affermazioni, presumibilmente volte a giustificare il consumo di legno di balsa, che sono sbagliate da un punto di vista pratico e scientifico:

"Il legno di balsa è una risorsa a crescita rapida, facile da coltivare senza fertilizzanti o altre risorse aggiuntive. Pertanto, può essere coltivato in modo sostenibile. La balsa è un albero invasivo dove è originario e ha una vita relativamente breve. A volte si autosemina in luoghi inappropriati.

Il fatto è che alle piantagioni di balsa della controllata Plantabal SA di 3A-Composites in Ecuador vengono applicate grandi quantità di fertilizzanti minerali e pesticidi: 13.650 litri di glifosato su 5.529 ettari e 507 litri del prodotto "Verdict" su 504 ettari solo per gli erbicidi nel 2021, secondo il rapporto di certificazione FSC(4). Questi prodotti vengono utilizzati per eliminare tutta la vegetazione presente sulle superfici. Inoltre, sulle piantagioni di balsa vengono spruzzati insetticidi e veleni per lumache(5).

Allo stesso modo, l'affermazione che la balsa sia un albero infestante è semplicemente non vera e senza alcuna base scientifica. La balsa è un albero con funzioni ecologiche molto importanti nelle foreste pluviali dell'America Latina: questa specie pioniera a crescita rapida colonizza in breve tempo radure e aree aperte. La balsa avvia così la prima fase del rinnovamento naturale, preparando la strada per il subentro di altre specie arboree nelle fasi successive, che possono germogliare e crescere alla sua ombra. La balsa svolge quindi una funzione importante per la rigenerazione naturale delle foreste tropicali.


Note:

(1) 3A Composites/Schweiter Technologies Financial Reports 2019, 2020, 2021 

Produzione di balsa ("legno verde") di Plantabal SA: 124.774 m³ nel 2021, 123.818 m³ nel 2020 e 122.952 nel 2019. 

(2) Banco Central del Ecuador 08. Esportazione per prodotto principale (livello 4)  (generato il 20/4/2022)

(3) Siemens-Gamesa (2022) Consolidated Non- Financial Statement 2021 (pagina 73, tabella 34)

(4) NEPCON/Preferred by Nature (2021) Informe de Certificación de Manejo Forestal de Segunda Auditoría Plantaciones de Balsa S.A. en Los Ríos, Quevedo, Ecuador (pag. 21) 

(5) EPCON/Preferred by Nature (23/02/2021) Informe de Certificación de Manejo Forestal de Segunda Auditoría Plantaciones de Balsa S.A. en Los Ríos, Quevedo, Ecuador  (pagina 22) 


Ulteriori informazioni

World Rainforest Movement The green paradoxes of an Amazonian country 

Mongabay Indigenous Amazonian communities bear the burden of Ecuador’s balsa boom

Lettera

CA: A Siemens Gamesa, General Electric, LM Wind Power, Vestas, Nordex ed Enercon

Gentili Signore, Egregi Signori

Le organizzazioni ambientaliste e i gruppi indigeni dell'Ecuador denunciano il saccheggio delle risorse naturali di legno di balsa nell'Amazzonia ecuadoriana. L'abbattimento forestale, per lo più illegale, sta causando gravi danni ecologici e conflitti nelle comunità indigene.

Circa tre quarti del legno di balsa commercializzato a livello mondiale viene utilizzato nell'industria dell'energia eolica. Eppure, i produttori di turbine eoliche, come la vostra azienda, ne ignorano ampiamente l'impiego nei loro rapporti aziendali e di sostenibilità. L'impiego del legno di balsa è un dettaglio che, chiaramente, l'industria sta nascondendo al pubblico.

Chiediamo al settore dell'energia eolica di essere trasparente sul consumo di balsa e sulle sue catene di approvvigionamento e di escludere completamente la balsa proveniente da fonti illegali, dal disboscamento abusivo e dallo sfruttamento dei territori indigeni.

 

Cordiali saluti

Footnotes

fn-l588j5nn

L'azienda eolica tedesco-spagnola ha utilizzato circa 26.000 tonnellate di legno di balsa nel 2021

Nel 2019, Siemens Gamesa ha consumato addirittura 53.052 tonnellate di balsa (pari a circa 350.000 m³).

Fonti:

Siemens-Gamesa (2022) Consolidated Non-Financial Statement 2021 (pagina 73, tabella 34) 

Risposta scritta di Siemens Gamesa alla missiva inviata da Salviamo la Foresta- Rettet den Regewald e.V.


circa 6 tonnellate di balsaSiemens Gamesa ha risposto per iscritto alla missiva inviata da Salviamo la Foresta - Rettet den Regenwald e.V. L'azienda "calcola, con un approccio uniforme, circa 700-1.000 kg di legno di balsa per megawatt prodotto per turbina eolica". L'importo esatto dipende dal modello di turbina. Ad esempio, il conteggio dei materiali per una turbina eolica offshore SG 8.0-167 DD (lunghezza delle pale 81 m e potenza nominale di 8 MW) indica un totale di circa 5.800 kg di legno di balsa per le tre pale della turbina.

La densità del legno di balsa tipicamente utilizzato nelle turbine eoliche è in media di 150 kg/m³. Una tonnellata (1.000 kg) di legno di balsa corrisponde quindi a circa 6,67 m³.


fn-l588om8z

Questa petizione è disponible in queste lingue:

63.780 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti