Guatemala: Per la palma da olio, raid nella comunità indigena Maya

Dopo un raid nella comunità Maya Q'eqchi di Chinabal Alto, le donne esprimono il loro dolore, la loro paura e la loro indignazione. © Juan Bautista Xol

Violenze e saccheggi nel comune di El Estor, provincia di Izabal. Gas lacrimogeni e armi di grosso calibro sarebbero state usate per fare irruzione nelle case della comunità di Chapín Abajo. La resistenza della comunità è duplice: contro l'azienda di olio di palma NaturAceite e contro un progetto minerario. Firmate la petizione urgente.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Al Presidente del Guatemala Alejandro Gianmattei e rappresentanti del suo Governo

“Rispettare i diritti degli indigeni Maya Q'eqchi e garantire la loro sicurezza. Fermate le incursioni, gli sgomberi e tutte le violenze.”

Leggi tutta la lettera

Questa volta, le comunità Maya Q'eqchi si oppongono all'avanzata della palma da olio che invade le loro terre ancestrali. Queste comunità sono tra le più abbandonate dallo Stato che, come se non bastasse, le perseguita e le reprime.

Nei giorni scorsi, un grosso contingente di poliziotti antisommossa armati è avanzato minacciosamente attraverso la piantagione di palma da olio. Almeno due persone sono state ferite da colpi d'arma da fuoco e intossicate. Le donne sono state picchiate, sono stati rubati loro gli effetti personali e cinque persone, tra cui due minori, sono state arrestate e detenute arbitrariamente

Secondo le autorità locali, alcune aziende starebbero approfittando della situazione. Fanno il nome di NaturAceites, un'azienda che vende olio – alimentare e industriale - in Guatemala, ma che figura anche nelle catene di approvvigionamento internazionali di aziende come Nestlé e Unilever. Queste aziende chiedono una dichiarazione sui fatti. Anche il governo del presidente Alejandro Giammattei, la Polizia Nazionale Civile (PNC) e l'Ufficio del Mediatore per i Diritti Umani (PDH) non hanno rilasciato alcuna dichiarazione.

Indignazione e profondo dolore, come hanno espresso le donne della comunità spiegando l'accaduto: "hanno lanciato le bombe perché fuggissimo e abbandonassimo le nostre case".

In precedenza, negli ultimi giorni di novembre, le comunità avevano protestato per impedire questa e altre incursioni e sgomberi annunciati nella zona. Ci sono circa 20 mandati di arresto contro membri della comunità, alcuni dei quali sono membri del Consiglio delle Autorità Ancestrali Maya Q'eqchi'. Oltre a ricevere minacce, è stata offerta una ricompensa di 50.000 quetzales per la loro cattura.

Alcune testimonianze: “Ci attaccano come se fossimo terroristi. Non lo siamo. Siamo indigeni poveri che non hanno nemmeno mais, fagioli o peperoncino". "Sto difendendo la vita dei miei cari e il mio territorio.”

Seguiremo gli eventi futuri, in solidarietà con le comunità colpite. Unitevi a questa emergenza firmando la petizione.

Infor­mazioni

I problemi sociali della regione sono molteplici. Uno è il diritto di accesso alla terra per le comunità della regione, che storicamente ne hanno fatto richiesta allo Stato. Altre frequenti cause di protesta per le comunità sono i prezzi elevati dei generi alimentari di base e la negligenza del governo.

In questo contesto, il media regionale Avispa Midia è chiaro: "NaturAceites, il produttore di olio di palma che produce l'olio Capullo, è protagonista di accuse  in nove fascicoli del Ministero dell'Ambiente e delle Risorse Naturali del Guatemala. La società è stata accusata di aver causato la morte di centinaia di pesci con i rifiuti prodotti dalle sue monocolture. È stata anche accusata di aver avviato progetti senza strumenti di valutazione dell'impatto ambientale.

L'azienda opera nei dipartimenti di Izabal, Alta Verapaz, Petén ed Escuintla; distribuisce i suoi prodotti in Messico, Stati Uniti e Repubblica Dominicana ed è stata fornitore di aziende come Nestlé e Unilever.

Alla fine del 2021, a El Estor è stato imposto lo stato d'assedio dopo che le autorità hanno represso violentemente le proteste delle comunità Maya Q'eqchi' per impedire il passaggio dei veicoli carichi di carbone della compagnia mineraria Fénix, nonostante la sua attività fosse stata dichiarata incostituzionale".

Ma gli sfratti per l'espansione agroindustriale delle piantagioni di palma da olio non sono più un'eccezione, e questo ci preoccupa molto in un contesto di diritti umani, e anche tenendo conto dell'urgenza per i popoli indigeni di acquisire maggiori diritti sulle loro terre. Questo è ancora più preoccupante dato il loro ruolo fondamentale nella conservazione della vita, delle foreste e della biodiversità, nel contesto dell'urgenza climatica.

Esattamente un anno fa, la comunità di Chinebal è stata sfrattata, non troppo lontano, lasciando più di 90 famiglie senza casa. Il racconto di questi eventi e il contesto stesso sono agghiaccianti. Secondo il media guatemalteco Prensa Comunitaria, nelle parole di Úrsula Teyul, leader del Comité Campesino del Altiplano (CCDA), quanto appena accaduto a Chapín Abajo ricorda altre operazioni di polizia simili, "C'è una violazione dei diritti di tutti i fratelli e le sorelle che stanno vivendo questa situazione, non solo nella comunità di Chapín Abajo, ma anche in tutta la serie di sfollamenti forzati nella regione Q'eqchi' di Alta e Baja Verapaz, Petén e Izabal. Chiediamo alla comunità internazionale di prendere posizione e affermare i diritti dei popoli indigeni".

 

Aggiornamento: secondo quanto riferito, i minori detenuti sono stati rilasciati durante la notte successiva al giorno degli eventi. 

Lettera

CA: Al Presidente del Guatemala Alejandro Gianmattei e rappresentanti del suo Governo

Egregio Presidente Giammatei e autorità del Governo del Guatemala: 

Le informazioni e le immagini che stanno raggiungendo l'opinione pubblica internazionale sull'azione violenta di un grosso contingente di polizia nella comunità di Chapín Alto, a El Estor, Izabal, sono davvero scandalose. La situazione dei diritti umani nel vostro Paese ha bisogno di una revisione urgente che vi chiediamo di affrontare senza indugio.

Le organizzazioni sociali, contadine e territoriali hanno denunciato gli abusi di autorità impliciti nelle azioni della polizia durante l'operazione congiunta della Procura MP e della Polizia Civile Nazionale PNC del 6 dicembre 2022.

In solidarietà con le comunità Maya Qéqchi, vi scriviamo per chiedervi di:

-Rispettare i loro diritti di indigeni Maya Q'eqchi e garantire la loro sicurezza. 

-Avviare un'indagine sulle azioni degli agenti della Polizia Nazionale Civile (PNC) che hanno partecipato alla violenta operazione contro le famiglie di Chapín Abajo.

-Cessate le incursioni e le violenze.

-Fermare immediatamente le molestie, la criminalizzazione e l'intimidazione e porre fine alla persecuzione e ai mandati di arresto per i membri della comunità.

-Ritirare gli ordini di sfratto da comunità come Chapín Alto, Santa Rosita o Buena Vista, tra le altre 

-Fornire una spiegazione esaustiva di cosa si intende con queste azioni che minacciano l'integrità, la dignità e i diritti delle comunità indigene.

-Legalizzare le comunità e garantire l'accesso alla terra con titoli comunali e occuparsi dello sviluppo delle comunità, della salute, dell'integrazione, del rispetto del loro modo di organizzarsi, dell'istruzione, della prevenzione dell'inquinamento e della protezione delle risorse naturali.

Anche le amministrazioni comunali e dipartimentali non sembrano all'altezza del compito in questo contesto. Il mondo sta osservando l'evolversi di questi sfortunati eventi e attende la sua dichiarazione.

In attesa di una Vostra dichiarazione e di una Vostra pronta risposta a questa comunicazione, inviamo i nostri più cordiali saluti,

PS: Questa lettera e questa azione saranno portate all'attenzione di Unilever e Nestlé per ottenere una loro dichiarazione.

News e aggior­namenti Footnotes

cinque persone, tra cui due minori, sono state arrestate e detenute arbitrariamenteAlba Maria Tocac è una delle detenute. Uno dei minori ha 14 anni.


sgomberi annunciati nella zona.

25 mandati di perquisizione sono stati emessi contro le autorità indigene Qéqchi, secondo Avispa Midia.

Questa petizione è disponible in queste lingue:

57.859 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti