Compensazioni di carbonio: un mercato che aumenta la crisi climatica

Una quercia solitaria e sullo sfondo una piantagione di pini Gli effetti di un progetto di compensazione di CO2 nella regione di Vienne, in Francia: Mentre la foresta naturale di latifoglie è stata tagliata, ad eccezione di un'unica quercia, la piantagione di pini visibile sullo sfondo è stata preservata. (© Canopée) Un piccolo pino nel mezzo di un'area arida e sassosa Gli effetti di un progetto di compensazione di CO2 nella regione di Vienne, Francia: un piccolo pino in un'area sterile (© Canopée) Un camion con rimorchio carico di tronchi davanti a una piantagione di eucalipto bruciata Raccolto di tronchi in una piantagione di eucalipto in Sudafrica (© RdR/ Klaus Schenck)

La crisi climatica incombe. Eppure, il dibattito della UE per l'eliminazione delle emissioni di CO2 si concentra sulla compensazione delle emissioni. Questo alimenta la crisi climatica, consentendo ai grandi inquinatori di aggirare la responsabilità di riduzione delle emissionii. Diciamo alla UE che è tempo di soluzioni concrete!

Lettera

CA: Al Parlamento europeo e al Consiglio d’Europa

“Fermiamo le compensazioni di CO2 - è tempo di un vero cambio di rotta per ridurre rapidamente le emissioni di CO2!”

Leggi tutta la lettera

Tutti i settori dell'economia devono iniziare adesso a ridurre le emissioni. La compensazione di CO2 è una soluzione illusoria, in quanto consente ai grandi inquinatori di pagare qualcun altro, da qualche altra parte, per certificare la riduzione delle emissioni al posto loro. I fatti dimostrano che molte compensazioni sono un pericoloso distrattore dalla soluzione reale.

Molte compensazioni di carbonio si presentano come "soluzioni basate sulla natura", come le monocolture di alberi o le operazioni volte a bloccare temporaneamente il carbonio nei terreni agricoli. Questi progetti spesso danneggiano gli ecosistemi e comportano l'accaparramento di terre e la violazione dei diritti umani. Recenti studihanno dimostrato che raramente compensano le emissioni degli inquinatori. 

Un altro lato oscuro della rimozione del carbonio è la geoingegneria: approcci tecnologici che modificano gli ecosistemi terrestri nel tentativo di ridurre alcuni degli effetti del cambiamento climatico. Gli esempi includono la cattura dell'anidride carbonica e il suo pompaggio nel sottosuolo oppure il taglio e la combustione delle foreste a fini energetici e la successiva cattura e stoccaggio delle emissioni. Questi processi sono costosi, non sono stati dimostrati adeguatamente e mettono le comunità indigene a rischio in modo allarmante.

Nonostante queste preoccupazioni documentate, la UE sta discutendo una nuova legge per certificare l'uso dell'assorbimento di carbonio come compensazione. Ciò costituirebbe un pessimo precedente a livello globale.  

Non possiamo permetterci di ritardare l'eliminazione dei combustibili fossili gestita in modo equo; un'energia rinnovabile equa, democratica e sostenibile che dia priorità al benessere e non alla crescita economica; un sostegno agli agricoltori per una transizione agroecologica verso la sovranità alimentare; pratiche forestali vicine ai ritmi della natura; il riorientamento dei sussidi pubblici dall'industria dei combustibili fossili.

Unitevi a noi nel chiedere che la UE rinunci ai suoi piani di certificazione delle emissioni di carbonio (CRCF). 

 

 

Inizio della campagna: 21/06/2023

Infor­mazioni

Che cos'è il CRCF?

Nel novembre 2022 la Commissione europea ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio una proposta legislativa per istituire un quadro di certificazione degli assorbimenti di carbonio (CRCF) per il monitoraggio, la rendicontazione e la verifica (MRV) degli assorbimenti. Questo fa parte della Legge europea sul clima (che mira a raggiungere lo zero netto entro il 2050). Si tratta di un processo normativo che fornisce la sanzione governativa e la fiducia del mercato per i crediti di compensazione delle rimozioni da vendere nei mercati del carbonio volontari ed eventualmente di conformità (cioè obbligatori). L'obiettivo è fornire incentivi per una maggiore rimozione di carbonio nella UE e oltre.

Sia le cosiddette "soluzioni basate sulla natura" che le soluzioni tecnologiche rientrano nello schema di certificazione proposto. 

 

I rischi del CRCF:

  • consentire il perdurare dell'economia a base fossile giustificando nuove infrastrutture per i combustibili fossili
  • legittimare e promuovere i mercati globali delle compensazioni volontarie e di conformità
  • consentire ai grandi settori dell'agricoltura e del legname di minare il ripristino della biodiversità, i diritti fondiari e la sovranità alimentare ingannando i cittadini, ritardando una vera azione per il clima e rendendo più probabile il superamento del limite critico di 1,5°C.

  

Il problema delle "soluzioni basate sulla natura” 

La falsità delle rimozioni di carbonio dal suolo, o "soluzioni basate sulla natura", è stata esposta in numerose occasioni. Recenti indagini hanno confermato ciò che la scienza stava già evidenziando: le compensazioni non sono un'alternativa alla riduzione delle emissioni. Lo scandalo dell'organizzazione statunitense Verra, che certifica le riduzioni delle emissioni di carbonio nell'ambito del Verified Carbon Standard (VCS), ha rivelato che oltre il 90% delle compensazioni per le foreste pluviali del certificatore di carbonio erano prive di valore. Questo perché il sequestro temporaneo "basato sulla natura" non è intercambiabile e non può compensare le emissioni fossili che rimangono nell'atmosfera e contribuiscono al riscaldamento per centinaia o migliaia di anni.

Altre indagini mostrano la facilità con cui i principali attori del mercato del carbonio possono gonfiare i valori di riferimentocreando una falsa sensazione di rischio di deforestazioneInoltre, queste compensazioni basate sulla terra sono state collegate all'accaparramento di terre e alle violazioni dei diritti umani, che colpiscono in primo luogo le comunità del Sud globale, le popolazioni indigene e i piccoli contadini. Per citare un solo esempio, uno studio ha rilevato che un progetto sul carbonio del suolo in Kenya non solo ha sovrastimato la quantità di emissioni di carbonio risparmiate, ma ha anche portato all'accaparramento delle terre delle popolazioni indigene e alla perdita delle loro pratiche ancestrali.

 

Il problema delle tecnofissazioni

La geoingegneria, o tecnofissazione, è il tentativo dell'industria dei combustibili fossili di trovare tecnologie in grado di rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera. Esse comprendono processi come la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (o BECCS)e la cattura e stoccaggio diretto del carbonio nell'aria (o DACCS).

Il primo problema di queste soluzioni tecniche è che non sono provate scientificamente. Al momento non esistono tecnologie "a emissioni negative" che funzionino o che siano praticabili su scala. 

Inoltre, questi processi comportano costi e rischi economici, sociali e ambientali sproporzionati. Le tecnologie proposte sono estremamente costose e richiedono un'enorme quantità di risorse, come acqua e terra, che sono sempre più scarse, minacciando così la biodiversità e la sovranità alimentare in tutto il mondo. Esse comportano rischi enormi per le nostre comunità, compreso il rispetto dei diritti umani ed indigeni.

 

Zero reale (Real Zero)

L'Europa ha un'enorme responsabilità storica nei confronti del Sud del mondo per sostenere una giusta transizione e per ridurre rapidamente le emissioni a "zero reale" in patria. Le emissioni a “zero reale” implicano: un'eliminazione dei combustibili fossili giusta ed equamente gestita; una trasformazione energetica verso un'energia rinnovabile reale, equa, democratica e sostenibile che dia priorità al benessere rispetto alla crescita economica; il sostegno ai piccoli agricoltori e una giusta transizione dei sistemi alimentari e agricoli verso l'agroecologia per la sovranità alimentare; una silvicoltura vicina alla natura; il riorientamento dei sussidi pubblici dai combustibili fossili per sostenere queste misure.

Per arrivare davvero a zero e rimanere al di sotto di 1,5°C di riscaldamento è necessario respingere qualsiasi proposta della Commissione europea di certificare le compensazioni per la rimozione del carbonio in un mercato del carbonio fallimentare. È necessario fermare le emissioni e ripristinare gli ecosistemi ora. 

Più di 200 organizzazioni per il clima, l'ambiente, la giustizia economica, i diritti umani e la sovranità alimentare di tutto il mondo sostengono Real Zero Europe. Insieme intendono condurre una campagna per eliminare la legge della Commissione europea sulla certificazione delle emissioni di anidride carbonica, per opporsi alle illusorie soluzioni "zero" proposte dall'Europa e per esercitare pressioni sulla UE e sulle nazioni europee affinché agiscano senza indigi per ottenere tagli reali e profondi delle emissioni.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.realsolutions-not-netzero.org

Chiediamo ai responsabili delle decisioni delle politiche sul clima della UE di respingere fermamente l'approccio di compensazione. È urgente azzerare le emissioni e non si può dare ai grandi inquinatori la possibilità di evitare di essere responsabilizzati e sanzionati. Per mantenere il clima del nostro pianeta entro un grado di riscaldamento relativamente sicuro sono necessarie riduzioni reali, giuste e immediate. Una strategia per superare 1,5°C e poi ottenere rimozioni temporanee di CO2 attraverso tecnologie attualmente inesistenti è una strategia insensata e folle che porterà al disastro climatico.

Lettera

CA: Al Parlamento europeo e al Consiglio d’Europa

Egregi membri del Parlamento europeo e rappresentanti del Consiglio d’Europa,

Il cambiamento climatico sta impennando verso un caos climatico irreversibile, rendendo più urgente che mai la necessità di una trasformazione radicale, equa e giusta delle nostre economie. Non c'è tempo da perdere. 

Vi invitiamo quindi a respingere la proposta della Commissione europea di certificare le compensazioni di carbonio. Il mercato del carbonio è un fallimento e gli scienziati hanno ripetutamente sottolineato i pericoli insiti nella compensazione. 

Il mercato del carbonio non porta a una reale riduzione delle emissioni e a un'economia decarbonizzata. Al contrario, può essere visto come una carta bianca data ai grandi inquinatori che permette loro di continuare a bruciare petrolio, gas e carbone, emettendo CO₂: le "soluzioni basate sulla natura" ignorano le preoccupazioni sociali e ambientali e non possono garantire lo stoccaggio del carbonio a lungo termine; le soluzioni tecnologiche non sono provate e rappresentano una minaccia per gli ecosistemi e le persone che li abitano.

Vi chiediamo di respingere fermamente la compensazione del carbonio nella politica della UE. È ora di porre fine alle strategie di distrazione dal problema reale e alla distruzione causata dalle "tecnologie di rimozione del carbonio" e dalle "soluzioni basate sulla natura". Dobbiamo ridurre le emissioni di CO₂ in modo concreto e raggiungere un vero “zero reale” ("Real Zero").

Cordiali saluti,

Footnotes

Recenti studiThe Guardian 2023: oltre il 90% delle compensazioni di carbonio delle foreste pluviali da parte del più grande certificatore sono prive di valore, come dimostra un'analisi: https://www.theguardian.com/environment/2023/jan/18/revealed-forest-carbon-offsets-biggest-provider-worthless-verra-aoe


pompaggio nel sottosuolo

CIEL 2021. Affrontare il mito dei combustibili fossili senza carbonio: Perché la cattura del carbonio non è una soluzione per il clima: https://www.ciel.org/wp-content/uploads/2021/07/Confronting-the-Myth-of-Carbon-Free-Fossil-Fuels.pdf


il taglio e la combustione delle foreste a fini energetici e la successiva cattura e stoccaggio delle emissioni

FERN 2021. Sei problemi con il BECCS: https://www.fern.org/fileadmin/uploads/fern/Documents/2021/Six_problems_with_BECCS.pdf

 


dell'organizzazione statunitense Verra

The Guardian 2023. Rivelato: oltre il 90% delle compensazioni di carbonio delle foreste pluviali da parte del più grande certificatore sono prive di valore, come dimostra un'analisi: https://www.theguardian.com/environment/2023/jan/18/revealed-forest-carbon-offsets-biggest-provider-worthless-verra-aoe


gonfiare i valori di riferimento

Carbon Herald 2023. Il Polo Sud è accusato di aver esagerato con le richieste di compensazione del carbonio - Bloomberg: https://carbonherald.com/south-pole-faces-accusations-due-to-exaggerated-carbon-offsets-claims-bloomberg/


falsa sensazione di rischio di deforestazione

Mercato del carbonio 2021. Due sfumature di verde: COME I CREDITI FORESTALI DELL'ARIA FRITTA VENGONO USATI PER EVITARE LE TASSE SUL CARBONIO IN COLOMBIA: https://carbonmarketwatch.org/wp-content/uploads/2021/06/Two-shades-of-green_EN_WEB.pdf


bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (o BECCS)

FERN 2021. Sei problemi con il BECCS: https://www.fern.org/fileadmin/uploads/fern/Documents/2022/Six_problems_with_BECCS_-_2022.pdf


cattura e stoccaggio diretto del carbonio nell'aria (o DACCS).

Geoengineering Monitor 2021. CATTURA DIRETTA NELL'ARIA (BRIEFING SULLA TECNOLOGIA): https://www.geoengineeringmonitor.org/2021/02/direct-air-capture-technology-briefing/


responsabilità storica

Fanning, A.L., Hickel, J. Compensazione per l'appropriazione dell'atmosfera. Nat Sustain (2023). https://www.nature.com/articles/s41893-023-01130-8

Questa petizione è disponible in queste lingue:

64.539 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti