Indonesia: fermate la marea nera sull'isola di Nias!

Il relitto della MT AASHI Il bitume fuoriuscito dal relitto della MT AASHI sta devastando la vita marina nei pressi di Nias. (© WALHI Sumatra Utara) Due uomini mostrano pezzi di bitume tossico  bitume su una costa inquinata Il bitume distrugge le mangrovie e impedisce ai pescatori di uscire in mare (© WALHI Sumatra Utara) Dimostrazione su una spiaggia dell'isola di Nias in Indonesia La popolazione di Nias chiede il nostro sostegno (© WALHI Sumatra Utara)

Un disastro ambientale si sta verificando al largo dell'isola di Nias, dove il bitume è fuoriuscito per mesi dal relitto della MT AASHI, inquinando le acque e danneggiando le barriere coralline, le mangrovie e le coste. Cosa sta aspettando il governo indonesiano per intervenire?

News e aggior­namenti Lettera

CA: Al governo indonesiano, al governo della provincia di Sumatra settentrionale, a MT AASH

“Intervenite ora per impedire un ulteriore inquinamento delle coste dell'isola di Nias!”

Leggi tutta la lettera

Al largo delle coste di Sumatra, in Indonesia, si sta verificando un disastro ecologico. "Le barriere coralline e le foreste di mangrovie fino alla costa dell'isola di Nias sono già state gravemente danneggiate", spiega Rianda Purba, direttrice dell'ONG ambientalista WALHI North Sumatra. "Le autorità devono reagire. Il mondo intero deve vedere cosa sta accadendo qui, in modo che si possano prendere misure efficaci contro la fuoriuscita di petrolio".

A febbraio 2023, la petroliera MT AASHI si è incagliata in mare tra Sumatra e l'isola occidentale di Nias. L'imbarcazione, battente bandiera gabonese, trasportava 3.600 tonnellate di bitume proveniente dagli Emirati Arabi Uniti e diretto a Sumatra. Secondo il Ministero dell'Ambiente indonesiano, la nave era già corrosa e si è arenata quando è stata colpita dalle forti onde dell'Oceano Indiano. Da allora, il bitume è fuoriuscito dal relitto, inquinando il mare e la costa circostante, che ora si estende per un raggio di 70 km.

La MT AASHI era stata progettata per trasportare bitume. L'equipaggio, composto da 20 persone, un capitano e marinai indiani, è stato salvato e ospitato in un albergo. Ma i proprietari della nave non stanno facendo nulla. A quasi un anno dall'incagliamento, il relitto non è ancora stato rimosso e non sembra che sia stato fatto nulla per evitare la fuoriuscita del bitume.

La popolazione di Nias chiede il nostro aiuto. Sosteniamo le loro richieste al governo e ai proprietari della nave.

Infor­mazioni

Inquinamento di coste, mangrovie e barriere coralline

I pescherecci non possono navigare nell'area perché il bitume si attacca a tutto: timoni, reti ed eliche. Il numero di pesci e uccelli uccisi dalla fuoriuscita di petrolio può essere solo stimato. La vita degli abitanti di Nias e delle isole vicine si è trasformata in un incubo.

Le mangrovie sono state particolarmente colpite. Le radici nell'acqua sono ricoperte di catrame, le foglie sono bruciate e la vita acquatica sta morendo in queste zone di riproduzione per molte specie di pesci. Purtroppo anche le nuove piantagioni di mangrovie sono colpite.

I disastri causati dalle petroliere in mare, come la fuoriuscita di petrolio della Exxon Valdez in Alaska nel 1989, spesso uccidono migliaia di uccelli marini e molti altri animali. La natura non si è ancora ripresa del tutto in questa regione, in parte perché le misure sono state prese troppo tardi.

Fortunatamente, l'atteggiamento è cambiato dopo la fuoriuscita di petrolio in Alaska. Dal 2015, l'Organizzazione marittima internazionale (IMO) ha imposto alle petroliere di avere un doppio scafo. Ma le nuove direttive non sono sufficienti e continuano a verificarsi terribili disastri.

Le richieste della popolazione di Nias

* Il governo indonesiano sta reagendo troppo lentamente al problema dell'inquinamento delle acque a nord di Nias. La nave deve essere rimossa immediatamente perché dal relitto fuoriesce ancora bitume.

* Il massiccio inquinamento delle acque al largo di Nias, delle barriere coralline, delle mangrovie e delle coste deve essere risolto in modo rapido e completo.

* Il danno economico è significativo per i piccoli pescatori. Le catture di pesce stanno diminuendo e i pescatori sono costretti a spingersi più al largo, con un costo maggiore per il carburante.

* I pescatori e i gruppi di tutela dell'ambiente marino non devono essere abbandonati a se stessi. Il governo deve agire subito.

L'isola di Nias

Situata a 125 chilometri a ovest di Sumatra, nell'Oceano Indiano, Nias è un paradiso naturale poco conosciuto. L'isola è rimasta isolata per migliaia di anni, il che ha portato allo sviluppo di una flora e di una fauna uniche. La sua popolazione è anche culturalmente, linguisticamente e geneticamente diversa da quella di Sumatra. Gli abitanti vivono ancora secondo le regole della loro cultura indigena.

I villaggi tradizionali sono dettagliatamente strutturati. Alcuni di essi presentano ancora imponenti monumenti in pietra e figure ancestrali scolpite. D'altra parte, le vecchie case su palafitte, costruite sulle colline e resistenti ai terremoti, stanno diventando sempre più rare.

Lo tsunami del 26 dicembre 2004 e il terremoto di Pasqua 2005 hanno colpito duramente Nias e l'isola si è ripresa a fatica. La popolazione è molto povera e vive di pesca. Anche i surfisti, che visitavano Nias per le sue onde impressionanti, hanno smesso di venire dopo questi disastri.

Lettera

CA: Al governo indonesiano, al governo della provincia di Sumatra settentrionale, a MT AASH

Egregi Ministri,

dal febbraio 2023, l'incaglio di una petroliera nei pressi del villaggio di Faekhuna'a sull'isola di Nias, nella provincia di North Sumatra, ha causato un terribile disastro ambientale. Migliaia di tonnellate di bitume hanno inquinato la costa, le barriere coralline e le mangrovie.

Gli incidenti in mare delle petroliere, come quello avvenuto in Alaska nel 1989, hanno causato la morte di centinaia di migliaia di uccelli marini e di molti altri animali. La natura non si è ancora ripresa del tutto, anche perché le misure sono state prese troppo tardi.

Un simile disastro non deve ripetersi in Indonesia! Ma dopo l'incidente della MT AASH, il bitume ha continuato a fuoriuscire e ha raggiunto un raggio di 70 km.

Le conseguenze ecologiche e sociali saranno disastrose senza un'azione immediata e coerente.

Vi chiediamo di:

1- Rimuovere immediatamente la nave.

2- Svuotare e pulire accuratamente il relitto per evitare ulteriori inquinamenti.

3- Adottare misure per ripristinare l'ecosistema marino.

4- Indennizzare le comunità e i pescatori colpiti dal disastro, risarcire i danni e l'inquinamento ambientale.

5- Il governo e le province dovrebbero adottare misure precauzionali, alla luce della gestione della fuoriuscita di petrolio da parte dell'MT AASHI, per formare una squadra in grado di rispondere a simili disastri in futuro.

Cordiali saluti

News e aggior­namenti Footnotes

MT AASHI

Secondo Marinetraffic, l'incidente è avvenuto l'11 febbraio 2023: https://www.marinetraffic.com/de/ais/details/ships/shipid:728794/mmsi:626190000/imo:9516715/vessel:AASHI

Questa petizione è disponible in queste lingue:

68.590 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti