Argentina: le motoseghe arrivano nelle foreste del Chaco

Fotomontaggio: motosega in mano, sullo sfondo si vede il caratteristico paesaggio del Gran Chaco Americano. © Initiativa Amotocodie + Dario Lo Presti/shutterstock.com - Collage RdR Un giaguaro (jaguar) che fa capolino tra la vegetazione per bere acqua Il giaguaro (jaguar) è una delle specie a rischio di estinzione (© Toby Hill)

Smantellare lo Stato è stata la proposta del presidente argentino Javier Milei, che durante la sua campagna elettorale andava in giro con una motosega. I deputati della provincia del Chaco la stanno prendendo alla lettera. Hanno appena votato una legge che annulla la protezione di centinaia di migliaia di ettari di foresta nativa.

Lettera

CA: Governo della provincia del Chaco; Corte Suprema di Giustizia della Nazione Argentina

“Proteggete le foreste native del Gran Chaco Argentino, una delle aree forestali più deforestate al mondo.”

Leggi tutta la lettera

Si può dire che, nottetempo e con malizia, i deputati della provincia del Chaco, in Argentina, hanno lasciato le foreste autoctone ancora più esposte alla deforestazione, favorendo le imprese agroalimentari della soia, della carne o del carbone. Il 30 aprile 2024, hanno votato arbitrariamente una nuova definizione dei confini nella mappa della Legge Forestale, senza la partecipazione prescrittiva delle popolazioni indigene.

La mappa, ora modificata dai legislatori, è stata elaborata in un processo irregolare di Ordinanza Territoriale delle Foreste Native (OTBN). Questa modifica permette di disboscare centinaia di migliaia di ettari di foresta e mira a legalizzare la deforestazione in questo modo, riducendo significativamente la protezione delle foreste, compresi importanti corridoi per la fauna selvatica.

Specie in via di estinzione, come il giaguaro , abitano le foreste native del Chaco insieme a un'ampia varietà di biodiversità. Allo stesso tempo, si stanno condannando le popolazioni indigene a una continua esclusione e povertà.

La foresta della provincia del Chaco fa parte del Chaco argentino e, a sua volta, dell'ecoregione del Gran Chaco Sudamericano. Quest'ultima copre non solo parte del nord dell'Argentina, ma anche parti dei Paesi limitrofi, formando la più grande foresta secca del Sud America.

Mentre le autorità provinciali gestiscono la politica in base ai loro interessi privati e a quelli delle aziende agroalimentari, l'attuale presidente argentino, assoluto negazionista delle questioni ambientali, è apertamente a favore della cessione delle risorse naturali del Paese al miglior offerente e alleato dell'estrattivismo, irrispettoso dei territori e dei diritti indigeni e generoso con la deforestazione illegale.

Un governo eclatante, che non si vergogna di mostrarsi classista e razzista. E che vede le richieste dei popoli indigeni come un "attacco alla sovranità", come ha dichiarato la vicepresidente Victoria Villarruel durante la campagna elettorale, dimostra una profonda ignoranza.

Firma la petizione per chiedere la protezione del Chaco argentino.

Inizio della campagna: 28/06/2024

Infor­mazioni

In Argentina, da quando nel 1996 è stata approvata la coltivazione di soia geneticamente modificata, sono stati deforestati più di 8 milioni di ettari di foresta nativa. Nella provincia del Chaco, nello stesso periodo sono state tagliate 859.503 ettari di foreste native, 57.000 ettari nel 2023. Da allora, il Chaco ha perso più di un quarto della sua superficie forestale.

Denunce legali

Per impedire la regressione normativa, Greenpeace Argentina ha presentato una richiesta di misura cautelare alla Corte Suprema di Giustizia della Nazione, che non è ancora stata risolta dalla Corte. Questa istanza giudiziaria è stata depositata come causa pendente iniziata nel 2019, diretta contro la provincia del Chaco e altre province (Formosa, Santiago del Estero e Salta), anche contro lo Stato nazionale e l'istituzione che regola i parchi nazionali, contro la deforestazione della foresta del Chaco.

Non è solo il Chaco argentino a essere in difficoltà con questo governo populista e di estrema destra.

Milei cerca di abrogare in blocco molte norme ottenute con anni di lavoro e impegno. Ha già tentato di abrogare la Legge fondiaria per decreto, sta cercando di abrogare la Legge forestale, ha sciolto la Commissione speciale sui popoli indigeni della Camera alta, ha annunciato lo scioglimento dell'Istituto nazionale degli affari indigeni (INAI). Ha inoltre annunciato la chiusura dell'Istituto nazionale contro la discriminazione, la xenofobia e il razzismo (INADI).

Indipendentemente dal fatto che riesca o meno a chiudere queste istituzioni create per legge e ad abrogare una legge sulla protezione ambientale dopo l'altra, il fatto è che le politiche e la protezione delle popolazioni indigene sono quasi inesistenti nella pratica. In questo momento, la possibilità di un'ulteriore protezione ufficiale delle foreste sembra quasi nulla.

Mentre il futuro di questo governo è incerto e apre un abisso per coloro che si preoccupano di ciò che sta accadendo nel Paese, si può chiaramente vedere che i conflitti territoriali si stanno approfondendo e che i diritti dei popoli indigeni stanno diventando ancora più privi di protezione di quanto non lo fossero già sotto i governi successivi e come eredità del colonialismo e dello sterminio sistematico da parte dello Stato argentino.

È importante continuare a denunciare caso per caso e affrontare le autorità con i fatti e le conseguenze, chiedendo il rispetto della legge e dei diritti faticosamente conquistati.

Ulteriori informazioni:

Nelle prime ore del mattino, la legislatura del Chaco ha autorizzato il disboscamento di oltre un milione di ettari di foresta nativa.

Greenpeace denuncerà alla Corte Suprema l'illegalità della nuova Ordinanza Forestale del Chaco.

Greenpeace e Avvocati Ambientalisti chiedono alla Corte Suprema di fermare la deforestazione nel Chaco

Lettera

CA: Governo della provincia del Chaco; Corte Suprema di Giustizia della Nazione Argentina

Mentre il mondo si muove verso una legislazione più restrittiva per proteggere le foreste e gli ecosistemi, il vostro governo si muove nella direzione opposta.

Il nuovo regolamento forestale del Chaco "consentirà il disboscamento di aree attualmente classificate nella categoria II - gialla, trasformandole in categoria III - verde", cosa vietata dalla legislazione nazionale. Greenpeace Argentina denuncia l'illegalità che state commettendo lasciando centinaia di migliaia di ettari di foresta nativa totalmente esposti alla deforestazione.

Con grande preoccupazione, vi chiediamo di sospendere immediatamente l'applicazione delle norme regressive che consentono la distruzione dell'habitat naturale e violano le disposizioni della Legge nazionale sulle foreste native.

L'attuale grave crisi climatica e della biodiversità rende imperativo fermare la deforestazione e promuovere la gestione sostenibile e il ripristino delle foreste native, rispettando i diritti e i territori delle comunità indigene e contadine e la biodiversità.

Un esempio recente delle conseguenze della mancata protezione degli ecosistemi è rappresentato dalle terribili inondazioni che stanno devastando la regione del Rio Grande do Sul, nel vicino Brasile.

Vale anche la pena di notare che, in occasione del Vertice sul clima di Glasgow del 2022 (COP26), l'Argentina ha sottoscritto l'impegno di azzerare la deforestazione entro il 2030, quindi le sue politiche e le sue leggi devono andare in questa direzione e non in quella opposta.

In nome del giaguaro, un grande mammifero quasi estinto a causa della perdita del suo habitat, e di tutte le specie che lo abitano, vi chiediamo di proteggere le foreste native del Gran Chaco Argentino, una delle aree forestali più deforestate al mondo.

Cordiali saluti,

Footnotes

Ordinanza Territoriale delle Foreste Native (OTBN)

Ordenamiento Territorial de Bosques Nativos (OTBN)La gestione partecipativa del 2009 (http://www.saij.gob.ar/6409-local-chaco-aprueba-ordenamiento-territorial-bosque-nativos-provincia-chaco-lph0006409-2009-09-23/123456789-0abc-defg-904-6000hvorpyel?) corrisponde alla Legge nazionale per la protezione delle foreste native del 2007(https://www.argentina.gob.ar/normativa/nacional/ley-26331-136125/texto). La deforestazione negli anni 2021, 2022, 2023 e 2024 è illegale, poiché dal 16 ottobre 2020 è stato sospeso dai tribunali provinciali a causa del mancato aggiornamento dell'Ordinanza Territoriale, che deve essere effettuato ogni 5 anni.


riducendo significativamente la protezione delle foreste, compresi importanti corridoi per la fauna selvatica.

Colpisce i corridoi di conservazione e i corridoi tampone del Parco Nazionale del Copo, della Riserva di La Pirámide e della Riserva Provinciale di Loro Hablador.


57.000 ettari nel 2023

Secondo il monitoraggio satellitare effettuato da Greenpeace.

Questa petizione è disponible in queste lingue:

68.622 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti