Il Cile migliora la protezione dell'arcipelago di Humboldt

Pinguini di Humboldt su una costa rocciosa Pinguini di Humboldt (© studio-laska/iStock)

24 nov 2023

In base a una decisione del Consiglio dei ministri cileno per la sostenibilità, l'arcipelago di Humboldt è ora un'area marina protetta. Si tratta di un significativo passo avanti nella politica ambientale per questo hotspot di biodiversità.

L'11 agosto 2023, il Consiglio dei Ministri per la Sostenibilità ha approvato all'unanimità la protezione dell'Arcipelago di Humboldt. L'intero ecosistema che va da Punta Pájeros a nord a Punta Poroto a sud, per un totale di 5.760 chilometri quadrati, è ora una "Area Marina Protetta ad Uso Misto" (Área Marina Costera Protegida de Múltiples Usos, AMCP-MU) in cui sono consentite attività a basso impatto ambientale.

La decisione rafforza in modo significativo lo stato di protezione dell'arcipelago di Humboldt. Salviamo la Foresta ha sostenuto la protezione di questo arcipelago con una petizione

Fino all'ultimo minuto si è registrata una forte resistenza per questa decisione, per il timore di scoraggiare gli investitori. Nel lungo processo partecipativo sono state coinvolte istituzioni e gruppi della società civile delle comunità di Freirina (regione di Atacama) e La Higuera (regione di Coquimbo).

"Con questa misura stiamo facendo progressi nella conservazione della biodiversità nelle acque costiere, creando opportunità di sviluppo sostenibile per le comunità e promuovendo benefici economici nel settore del turismo, delle attività ricreative e della pesca", ha dichiarato il ministro dell'Ambiente Maisa Rojas.

"Si tratta di uno dei più importanti risultati di politica ambientale raggiunti in Cile negli ultimi tempi, non solo per la protezione di questo hotspot di biodiversità, ma anche per la salvaguardia di attività economiche come la pesca artigianale e il turismo, che sono fondamentali in entrambe le regioni", ha dichiarato Liesbeth van der Meer, direttore esecutivo dell'ONG Oceana.

Le aree marine e insulari già protette e la Riserva nazionale del pinguino di Humboldt (Reserva Nacional Pingüino de Humboldt) mantengono il loro status di protezione superiore.

Tuttavia, contrariamente alle pressanti richieste di scienziati e ambientalisti, non sono stati vietati i grandi progetti industriali, il traffico marittimo, l'ancoraggio delle navi e nemmeno i grandi impianti di desalinizzazione.

Tutti i permessi e le licenze precedentemente rilasciati rimangono validi.

"Purtroppo, il pericolo di distruggere l'arcipelago di Humboldt non è stato scongiurato con una zona di protezione marina così apertamente concepita", osserva l'ONG Sphenisco.