Banca Mondiale: non finanziate le atrocità contro le popolazioni locali in Tanzania!

Branco di elefanti nel Serengeti Sì alla conservazione, ma non a costo di gravi violazioni dei diritti umani contro le comunità locali (© Rettet den Regenwald / Mathias Rittgerott)

Il progetto REGROW promuove il "turismo naturalistico" in Tanzania. L'Oakland Institute lo critica per aver "permesso" abusi gravi, inclusi omicidi, da parte dei ranger dei parchi nazionali. Attualmente, il governo tanzaniano progetta di espandere l'area protetta RUNAPA, che comporta lo sfratto di oltre 20.000 persone.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Al Presidente della Banca Mondiale Ajay Banga

“La Banca Mondiale deve interrompere i finanziamenti per il programma REGROW, che sta sfrattando 20.000 persone e la violazione dei loro diritti umani.”

Leggi tutta la lettera

La Banca Mondiale finanzia il progetto REGROW in Tanzania, il cui obiettivo dichiarato è quello di promuovere un "turismo basato sulla natura", è associato a gravi abusi dei diritti umani. Il think tank Oakland Institute, nel suo rapporto Unaccountable & Complicit, critica l'istituzione finanziaria internazionale per aver "permesso al governo tanzaniano di ricorrere a tattiche violente per aumentare le entrate del turismo".

Il Parco nazionale di Ruaha (RUNAPA), nel cuore della Tanzania, è al centro dello scandalo. L'area protetta ospita diversi milioni di animali della savana, dalle antilopi alle zebre, oltre a numerosi uccelli, tra cui le cicogne bianche europee che vengono a svernare.

Per incrementare il turismo, il governo intende raddoppiare le dimensioni del parco e aumentare il numero di ranger. Il progetto è finanziato dal programma REGROW della Banca Mondiale, del valore di 150 milioni di dollari. Nell'ottobre 2022, il ministro Angeline Mabula ha annunciato che più di 20.000 persone sarebbero state sfrattate nell'ambito di questa espansione.

"Il progetto REGROW non ha nulla a che fare con la protezione della natura. Al contrario, la Banca sta finanziando un modello di crescita economica oppressivo e violento, basato sull'aumento dei ricavi del turismo", afferma Anuradha Mittal, direttore esecutivo dell'Oakland Institute.

Secondo l'Oakland Institute, la popolazione locale accusa i ranger, finanziati dalla Banca Mondiale, di omicidi, violenze sessuali e altre brutali aggressioni. Il bestiame viene confiscato in gran numero per distruggere i mezzi di sussistenza dei pastori.

Questa strategia di violenza e sfratto non è nuova per le popolazioni indigene della Tanzania nelle regioni di Ngorongoro e Serengeti.

Due abitanti del villaggio hanno presentato una denuncia alla Banca Mondiale e 852 agricoltori hanno presentato un ricorso all'Alta Corte della Tanzania a Mbeya.

Chiediamo alla Banca Mondiale di porre fine alla sua complicità nelle violazioni dei diritti umani e negli sfratti.

Unitevi a noi firmando questa petizione. 

Infor­mazioni

Comunicato stampa dell'Istituto Oakland

Il think tank americano Oakland Institute ha pubblicato un comunicato stampa il 28 settembre 2023. In esso, il suo direttore esecutivo, Anuradha Mittal, afferma: "Il progetto REGROW non ha nulla a che fare con la protezione della natura. Al contrario, la Banca (mondiale) sta finanziando un modello di crescita economica oppressivo e violento, basato sull'aumento dei ricavi del turismo". 

"Mentre gli sgomberi forzati dei Maasai a Ngorongoro e Loliondo sono ampiamente condannati dalla comunità internazionale, è stupefacente che la Banca sia complice di gravi abusi dei diritti umani sostenendo l'espansione di un altro parco nazionale a fini turistici".

Problemi legati all'estensione delle aree protette

Un forte aumento dell'accaparramento di terre con il pretesto della conservazione della natura è un timore condiviso in tutto il mondo dagli attivisti per l'ambiente e i diritti umani. In effetti, quasi 200 Paesi hanno concordato di porre ufficialmente sotto tutela il 30% delle loro aree terrestri e marine entro il 2030, in occasione del vertice COP 15 delle Nazioni Unite sulla biodiversità tenutosi a Montreal nel dicembre 2022. Questo approccio è noto come "30 di 30".

Fino a 300 milioni di persone potrebbero perdere la loro terra e i loro mezzi di sostentamento. Tuttavia, l'espansione indiscriminata delle aree protette non impedirà la distruzione dell'ambiente o l'estinzione di massa delle specie.

Insieme a numerose organizzazioni, Salviamo la Foresta ha lanciato la petizione "All’ONU: per salvare la biodiversità, rafforziamo i diritti degli indigeni!" per attirare l'attenzione su questo pericolo.

La reazione della Banca Mondiale

In risposta alle accuse, l'istituzione finanziaria internazionale ha dichiarato che il suo mandato "non si estende alla supervisione della condotta delle agenzie governative nei Paesi membri o all'intervento in casi di presunti illeciti non legati a un progetto finanziato dalla Banca Mondiale". 

"Nella misura in cui il governo sta portando avanti sgomberi con l'obiettivo di estendere i confini del parco, tali attività non rientrano nell'ambito del progetto" (versione originale in inglese).

Per quanto riguarda le accuse di violenza commesse dalle guardie forestali, la Banca Mondiale scrive che non finanzia armi e che crimini come le esecuzioni extragiudiziali devono essere denunciati alle autorità. Non tiene quindi conto del fatto che le forze di sicurezza governative sono coinvolte in atti di violenza, come quelli commessi a Loliondo contro i Masai.

Testimonianze degli abitanti dei villaggi 

Un abitante del villaggio citato nel rapporto dell'Oakland Institute dichiara:

"Gli abitanti di Mbarali soffrono molto a causa delle guardie armate RUNAPA. Trattano le persone in modo crudele, anche uccidendole, senza motivo. Il governo non ha preso provvedimenti. Non esiste uno Stato di diritto. Le terre dei contadini e dei pastori vengono depredate dal RUNAPA e noi siamo costretti ad abbandonare le nostre terre ancestrali. Se non si interviene, le comunità di Mbarali cadranno in povertà, cosa che non era nelle intenzioni del progetto REGROW". (dichiarazione originale)

Un residente locale ha dichiarato al quotidiano The Guardian:

"Molti agricoltori non hanno potuto coltivare la loro terra quest'anno, causando fame e povertà. Molte persone nei villaggi colpiti stanno affrontando un futuro incerto e una sofferenza psicologica. [Chiedo alla Banca Mondiale di fermare immediatamente il progetto e di condurre un'indagine approfondita sulle accuse di gravi violazioni dei diritti umani nell'area del progetto". (versione originale)

Prime conseguenze per le popolazioni locali

Secondo l'Oakland Institute, la minaccia di sfratto sta già avendo un impatto sulla vita quotidiana dei residenti locali. Gran parte delle risaie non sono state arate, perché lo sgombero potrebbe avvenire prima del raccolto. In diversi villaggi le case sono già state segnate per la demolizione. A Luhanga, i lavori di costruzione di una scuola secondaria sono stati interrotti. A Iyala, il numero di alunni trasferiti dalla scuola primaria a quella secondaria è diminuito drasticamente. I genitori hanno smesso di mandare i figli a scuola a causa delle minacce di sgombero.

Il turismo

Il turismo è una delle principali industrie e fonti di reddito della Tanzania.

Il piano del governo per lo sviluppo del turismo si basa in particolare su un rapporto della Banca Mondiale del gennaio 2014, che ha evidenziato il potenziale non sfruttato della Tanzania, con "solo" poco più di un milione di visitatori annuali nel Paese nel 2013. Il governo tanzaniano mira ad aumentare le entrate turistiche di otto volte entro il 2025 e sembra ora puntare in particolare sui turisti provenienti da Cina, India e Russia.

Progetto REGROW

Il progetto "Resilient Natural Resource Management for Tourism and Growth" è stato lanciato nel 2017 per un periodo di otto anni. Uno degli obiettivi di REGROW è sostenere "una migliore gestione delle risorse naturali e del turismo nelle aree prioritarie della Tanzania meridionale e l'accesso a fonti di reddito alternative per la popolazione locale".

Il progetto riguarda quattro aree protette: il Parco Nazionale Mikumi, il Parco Nazionale Nyerere, il Parco Nazionale dei Monti Udzungwa e il Parco Nazionale Ruaha.

106 dei 150 milioni di dollari del programma sono destinati allo sviluppo di infrastrutture nelle aree protette, come la costruzione di strade per migliorare l'accesso ai punti panoramici, alle piste di atterraggio e ai centri visitatori. Inoltre, sono stati stanziati fondi per la costruzione di sette posti di sicurezza e di attrezzature per le guardie forestali. L'obiettivo è quello di consentire alle forze di sicurezza di prevenire l'uso "illegale" delle risorse, tra cui l'agricoltura e il pascolo.

Un budget di 11,5 milioni di dollari è stato destinato a mezzi di sussistenza alternativi per la popolazione locale. Diverse migliaia di famiglie dovevano essere formate per lavorare nel settore del turismo, ad esempio come guide per i safari, per la produzione e la vendita di prodotti artigianali o per la coltivazione di cibo per le persone che visitano il Paese. Ad oggi, il progetto è ben lontano dal raggiungere queste cifre.

A ottobre 2023, la Banca Mondiale aveva trasferito 92 milioni di dollari, di cui 28 milioni dopo aver ricevuto la denuncia ufficiale degli abitanti del villaggio nel giugno precedente.

Parco nazionale di Ruaha 

L'attuale area protetta fu designata come Saba Game Reserve dal governo coloniale tedesco nel 1910. Un'altra amministrazione coloniale, questa volta britannica, la rinominò Rungwa Game Reserve nel 1946. Con la creazione della Tanzania nel 1964, l'area fu dichiarata Parco Nazionale di Ruaha (RUNAPA).

Il governo sostiene che i villaggi attualmente oggetto di sgombero si trovano all'interno dei confini del parco nazionale e sono quindi illegali, vista la decisione presa nel 2008 di espandere il parco. Le popolazioni indigene contestano questa affermazione, poiché l'ampliamento non ha mai ottenuto il loro consenso né è stato attuato.

Il bacino idrografico di Ruaha è stato descritto come la "spina dorsale ecologica" della Tanzania. Il parco nazionale ospita una delle più grandi popolazioni di elefanti e leoni del Paese, oltre a più di 570 specie di uccelli. Ci sono anche leopardi, ghepardi, iene, cani selvatici, giraffe, bufali, zebre, facoceri e antilopi. Il fiume ospita numerosi ippopotami, coccodrilli del Nilo e pesci.

Negli anni '70 e '80 sono state costruite due centrali idroelettriche sul Ruaha. Il fiume viene utilizzato anche per irrigare le risaie di importanti aziende. Il governo sta cercando di sviluppare l'energia idroelettrica, la coltivazione del riso e il turismo, anche se negli ultimi anni il livello del fiume si è abbassato. La popolazione locale è stata ingiustamente incolpata di questo declino.

Popolazioni indigene

Le popolazioni indigene Sangu, Sukuma e Maasai vivono nella zona da generazioni.

I Sangu sono considerati gli abitanti originari della zona umida di Ihefu, dove pascolano il loro bestiame da prima dell'epoca coloniale.

Lettera

CA: Al Presidente della Banca Mondiale Ajay Banga

Egregio Signor Presidente

siamo preoccupati per le informazioni rivelate sul progetto REGROW (Resilient Natural Resource Management for Tourism and Growth) della Banca Mondiale in Tanzania. Secondo il rapporto Unaccountable & Complicit dell'Oakland Institute, il sostegno della Banca Mondiale al governo tanzaniano per l'espansione del Parco nazionale di Ruaha (RUNAPA) è direttamente collegato a sfratti su larga scala e abusi dei diritti umani.

Sebbene i documenti della Banca Mondiale affermino che il progetto non comporterà sfollamenti di popolazione, il 25 ottobre 2022 il ministro delle Terre, delle Abitazioni e dello Sviluppo abitativo ha annunciato pubblicamente che il governo avrebbe sfrattato più di 20.000 indigeni dalla regione per consentire l'espansione del RUNAPA.

Le popolazioni dei villaggi hanno accusato le guardie dell'Autorità per i parchi nazionali TANAPA, finanziata da REGROW, di omicidi e numerosi atti di violenza dall'inizio del progetto nel 2017. Le autorità stanno inoltre confiscando e mettendo all'asta un gran numero di capi di bestiame, con gravi ripercussioni sul sostentamento dei pastori. Queste violenze e confische hanno molto probabilmente lo scopo di costringere le persone a lasciare le loro terre.

Il rapporto Unaccountable & Complicit fornisce prove difficilmente confutabili che il governo tanzaniano sta violando le procedure operative e le salvaguardie della Banca Mondiale, pianificando sgomberi senza un piano formale di ricollocazione e senza adeguati processi di consultazione e compensazione. Secondo l'Oakland Institute, il team del progetto REGROW ha declinato ogni responsabilità e quindi non ha intrapreso alcuna azione quando è stato informato delle violazioni dei diritti umani. Questa continua passività è inaccettabile.

Le atrocità commesse dal governo tanzaniano contro la sua stessa popolazione e il suo palese disprezzo per le procedure operative e le salvaguardie della Banca Mondiale, a nostro avviso, squalificano il Paese dai finanziamenti.

La esortiamo a cessare i pagamenti nell'ambito di REGROW e a porre immediatamente fine alla complicità della Banca Mondiale.

La preghiamo di accettare, signor Presidente, le assicurazioni della nostra più alta considerazione.

News e aggior­namenti Footnotes

raddoppiare le dimensioni del parco

I confini del Parco nazionale di Ruaha (RUNAPA) sono stati estesi sulla carta nel 2008 dal governo, teoricamente a più di 2 milioni di ettari (20.226 km2). Tuttavia, questa decisione non è mai stata attuata. Le popolazioni dei villaggi, che erano legalmente registrati, non hanno mai dato il loro consenso libero, preventivo e informato e sono rimaste nella zona.

La Banca Mondiale indica che la dimensione del RUNAPA è di 13.000 km2 nel suo dossier di progetto.

Oggi il governo sta lavorando per estendere il parco nazionale e nell'ottobre 2022 ha annunciato l'intenzione di sfrattare i villaggi perché si trovano all'interno dei suoi confini.


programma REGROWInformazioni dettagliate sul programma "Resilient Natural Resource Management for Tourism and Growth" sono disponibili sul sito della Banca Mondiale:
https://projects.banquemondiale.org/fr/projects-operations/project-detail/P150523


più di 20.000 personeGli sgomberi riguardano le popolazioni di cinque villaggi confinanti con il Parco Nazionale di Ruaha (Luhanga, Madundasi, Msanga, Iyala e Kilambo) e 47 quartieri di altri 14 villaggi.


brutali aggressionSi veda il rapporto dell'Oakland Institute "Unaccountable & Complicit" (da pagina 10) https://www.oaklandinstitute.org/sites/oaklandinstitute.org/files/unaccountable_complicit.pdf 


distruggere i mezzi di sussistenza dei pastori.Le agenzie governative hanno sequestrato un gran numero di capi di bestiame. L'enorme pressione finanziaria indotta da questi sequestri sta minando i mezzi di sussistenza degli allevatori, costringendoli a lasciare la regione. Queste azioni contraddicono uno dei presunti obiettivi del progetto REGROW, che è quello di rafforzare i mezzi di sussistenza delle comunità locali. 

Peoples Dispatch ha pubblicato un articolo sugli sgomberi e le violenze: gli agricoltori tanzaniani stanno pagando la "conservazione" con la loro terra e le loro vite.


Due abitanti del villaggio hanno presentato una denuncia

I due abitanti del villaggio hanno presentato la denuncia a nome delle loro comunità. Sono rimasti anonimi per motivi di sicurezza.

Avviso di registrazione dettagliato: Avviso di registrazione - Richiesta di ispezione - Tanzania: Gestione resiliente delle risorse naturali per il turismo e la crescita - (REGROW) (P150523)

"per permettere al governo tanzaniano di usare tattiche violente per aumentare le entrate del turismo".
estratto dal comunicato stampa dell'Oakland Institute: "la Banca Mondiale sta consentendo al governo tanzaniano di usare tattiche violente per aumentare le entrate del turismo".


versione originale in inglese

The Bank also claimed that its mandate “does not extend to overseeing the conduct of Member countries’ government agencies or to intervening in the event of alleged wrongdoing unrelated to a World Bank-financed project.”

“To the extent that the government is pursuing evictions for purposes of extending park boundaries, such activities would fall outside the scope of the Project.”


dichiarazione originale)“People living in Mbarali are suffering very much from RUNAPA armed rangers. They treat them with cruelty, including killings, with no proper reason. No steps have been taken by the government. There is no rule of law. The land of the farmers and pastoralists is taken by RUNAPA and we are forced to leave our ancestral land. The communities of Mbarali, if steps are not taken, will fall into poverty, which was not the intention of the REGROW project.”

Questa petizione è disponible in queste lingue:

79.150 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti