La conferenza sul clima COP 28 delude: cattive notizie per l'uomo e la natura

Protesta durante la COP 28: porre fine ai combustibili fossili. Salviamo il nostro pianeta e il nostro futuro Protesta durante la COP 28: porre fine ai combustibili fossili. Salviamo il nostro pianeta e il nostro futuro (© COP28 / Anthony Fleyhan)

18 dic 2023

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP 28 di Dubai si è stata deludente. La richiesta di un'urgente e necessaria eliminazione di petrolio, gas e carbone si è trasformata in un'impotente "transizione". Un pessimo risultato, soprattutto per le foreste pluviali e i loro abitanti.

Cerchiamo un approccio positivo: le critiche ai combustibili fossili sono entrate nell'accordo. Per la prima volta in una COP e proprio negli Emirati Arabi Uniti, grande esportatore di petrolio. La dichiarazione parla di una "transizione dai combustibili fossili nei sistemi energetici in modo giusto, ordinato ed equo". È "l'inizio della fine dei combustibili fossili", afferma Simon Stiell, segretario esecutivo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici.

Tuttavia, la dichiarazione è debole, piena di scappatoie e lontana da ciò che è necessario per proteggere il clima. Ovvero, una rapida eliminazione di petrolio, gas e carbone. I governi e le aziende che stanno portando avanti progetti petroliferi e di gas nocivi nel bacino del Congo e in Africa orientale, ad esempio, possono ora sentirsi indirettamente incoraggiati a continuare la dipendenza dai combustibili fossili. Questa è una cattiva notizia per le foreste pluviali.

L'Italia si è presentata con una performance altamente negataiva per l'eliminazione dei gas serra. Il rapporto annuale di Germanwatch, Can e NewClimate Institute, realizzato in collaborazione con Legambiente e presentato alla Cop28 a Dubai, rivela un calo significativo nelle performance ambientali del nostro Paese. L'Italia è scesa dal 29° al 44° posto nella classifica mondiale, perdendo 15 posizioni. La principale causa di questa discesa è l'insufficiente riduzione delle emissioni di gas serra, posizionando il paese al 37° posto in questa categoria specifica. Inoltre, la politica climatica nazionale è considerata notevolmente inadeguata per affrontare l'emergenza climatica, classificandosi al 58° posto. Questa è anche una cattiva notizia per le popolazioni delle foreste pluviali.

Il documento siglato a Dubai, non fa molto affidamento su tecnologie che non richiedono una riduzione delle emissioni di gas serra. Tra queste, la cattura e lo stoccaggio della CO₂ (CCS), estremamente costosa e non completamente sviluppata. Tra le pericolose soluzioni inefficaci e nocive ci sono anche i crediti di carbonio, che possono portare a furti di terra su larga scala.

Triplicare la produzione di energie rinnovabili entro il 2030 è un buon proposito. Il problema è come verrà attuato. Perché potrebbe portare a un boom di incendi delle foreste. Un fatto grave che si deve impedire. 

Martins Egot, responsabile di PADIC-Africa in Nigeria e partner di lunga data di Salviamo la Foresta, dice a proposito della "transizione" dai combustibili fossili: "Questo permette agli inquinatori di continuare la loro attività senza freni". In termini di sostegno finanziario ai Paesi poveri, non riesce a riconoscere "alcun forte impegno o volontà da parte dei grandi Paesi di sostenere questa iniziativa".

"Abbiamo già una splendida politica ambientale sulla carta, ma non nella pratica", afferma Martins Egot. Gli ambientalisti in Nigeria hanno protestato quotidianamente contro le pratiche dannose per l'ambiente sostenute dai governi che conducono i negoziati durante le COP.

"I lobbisti hanno usato la COP 28 per promuovere il business del petrolio, soprattutto il Paese ospite. Gli ambientalisti, i difensori dei diritti umani e la società civile hanno ottenuto meno risultati", afferma Maxwell Atuhura dell'organizzazione ugandese Tasha, partner di Salviamo la Foresta. "Le conferenze sul clima delle Nazioni Unite stanno gradualmente perdendo importanza nella lotta al cambiamento climatico".

Gli ambientalisti indonesiani criticano il fatto che la protezione delle foreste pluviali, così importanti per il clima, non abbia ovviamente più avuto un ruolo nella COP 28. Al contrario: la foresta rimane in una situazione di stallo. La foresta rimane in pericolo a causa di false soluzioni come l'estrazione mineraria per le auto elettriche e i progetti di crediti di carbonio. "Siamo assolutamente contrari al commercio dei crediti di carbonio. È una minaccia per la foresta pluviale e soprattutto per le popolazioni indigene", afferma Franky Samperante di Pusaka, partner di Salviamo la Foresta.

I danni al clima causati dall'agricoltura industriale, ad esempio il disboscamento della foresta pluviale per le piantagioni, non hanno apparentemente avuto alcun ruolo nei negoziati, critica Muhammad Habibi, partner di Salviamo la Foresta dal Borneo.

Le foreste e la natura sono state discusse principalmente a Dubai, al di fuori dei negoziati formali. Durante la "Giornata della Natura", è stato fatto anche un collegamento con i risultati della Conferenza mondiale sulla natura che si terrà a Montréal nel dicembre 2022. La parola "foresta" compare solo in due punti della dichiarazione finale. Tuttavia, contiene l'obiettivo di fermare la deforestazione entro il 2030.

Per il Prof. Mike Berners-Lee dell'Università di Lancaster, la COP 28 è stata "il risultato da sogno" per l'industria del petrolio e del gas, secondo il The Guardian, "perché sembra un progresso, ma non lo è".


  1. afferma Simon Stiell,Nella formulazione: "Abbandonare i combustibili fossili nei sistemi energetici, in modo giusto, ordinato ed equo, accelerando l'azione in questo decennio critico, in modo da raggiungere lo zero netto entro il 2050, in linea con la scienza".

  2. La parola "foresta" compare solo in due punti della dichiarazione finale

    La parola "foresta" compare solo in due punti.
    Il testo recita:

    41. Sottolinea l'importanza di proteggere, conservare e ripristinare la natura e gli ecosistemi per raggiungere l'obiettivo di temperatura dell'Accordo di Parigi, anche potenziando gli sforzi per arrestare e invertire la deforestazione entro il 2030, ripristinando le foreste e gli altri ecosistemi terrestri e marini che fungono da pozzi e serbatoi per i gas a effetto serra, e proteggendo la biodiversità, garantendo al contempo salvaguardie sociali e ambientali in linea con la Convenzione quadro di Kunming-Montréal sulla diversità biologica;

    41. Sottolinea l'importanza di proteggere, conservare e ripristinare la natura e gli ecosistemi per raggiungere l'obiettivo di temperatura dell'Accordo di Parigi, anche attraverso maggiori sforzi per arrestare e invertire la deforestazione entro il 2030, il ripristino delle foreste, e attraverso altri ecosistemi terrestri e marini che agiscono come pozzi e serbatoi di gas a effetto serra e proteggendo la biodiversità, assicurando al contempo garanzie sociali e ambientali, in linea con il Quadro Globale sulla Biodiversità di Kunming-Montréal;

    42. rileva inoltre la necessità di un maggiore sostegno agli sforzi per arrestare e invertire la deforestazione entro il 2030 nel contesto dello sviluppo sostenibile e della riduzione della povertà, in linea con i vari approcci politici di cui all'articolo 5, paragrafo 2, dell'Accordo di Parigi, compresi gli approcci congiunti di mitigazione e adattamento per la gestione integrale e sostenibile delle foreste come alternativa ai pagamenti basati sui risultati, nel contesto dell'articolo 4, paragrafo 5, e dell'articolo 9 dell'Accordo di Parigi, anche attraverso le risorse finanziarie, il trasferimento di tecnologie e il rafforzamento delle capacità;

    42. rileva inoltre la necessità di un maggiore sostegno, anche attraverso risorse finanziarie, trasferimento di tecnologie e sviluppo di capacità, per gli sforzi volti ad arrestare e invertire la deforestazione entro il 2030 nel contesto dello sviluppo sostenibile e dell'eliminazione della povertà, in conformità con i diversi approcci politici di cui all'articolo 5, paragrafo 2 dell'Accordo di Parigi, compresi gli approcci congiunti di mitigazione e adattamento per la gestione integrale e sostenibile delle foreste come alternativa ai pagamenti basati sui risultati, nel contesto dell'articolo 4, paragrafo 5 e dell'articolo 9 dell'Accordo di Parigi;