L'industria petrolifera deve permettere all'Africa di abbandonare i combustibili fossili!

Un uomo si trova nel letto di un fiume inquinato dal petrolio nel Delta del Niger. Il petrolio distrugge i mezzi di sussistenza delle persone (© Luka Tomac/Friends of the Earth International) Vista aerea di una fuoriuscita di petrolio in un fiume Fiume inquinato dal petrolio nel Delta del Niger (© Marten van Dijl/Milieudefensie)

L'estrazione di idrocarburi minaccia le persone, l'ambiente e il clima in Africa, dove è osteggiata da molti. Il governo tedesco vuole importare più gas e petrolio dal continente, in particolare dalla Nigeria. La Germania è in prima linea per l'importazione. Chiediamo al Cancelliere Scholz di abbandonare questa politica disastrosa.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Al Cancelliere tedesco, al Ministro dell'Economia e del Cambiamento Climatico e al Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Federale Tedesca

“La Germania dovrebbe promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili in Africa invece di sostenere finanziariamente lo sfruttamento di gas e petrolio.”

Leggi tutta la lettera

Per più di 50 anni, compagnie come Shell, Chevron ed ENI hanno sfruttato i giacimenti di petrolio e gas nel Delta del Niger e lungo la sua costa. Questa regione è una delle più inquinate al mondo, dove foreste di mangrovie distrutte, petrolio che galleggia sulla superficie dei fiumi, incendi e fumo nero che contamina l'aria compongono un paesaggio apocalittico.

Gli attivisti usano la Nigeria come deterrente, ad esempio quando chiedono al governo della Repubblica Democratica del Congo di non mettere all'asta 30 blocchi di petrolio e gas, quando informano la popolazione sulla devastazione che il business del petrolio potrebbe provocare sulla loro esistenza.

Il disastro ambientale che colpisce il Delta del Niger evidentemente non preoccupa il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che il 29 ottobre 2023 ha visitato la Nigeria in qualità di principale acquirente di petrolio e gas e ha incoraggiato il Paese africano, finora fornitore trascurabile della Germania, ad aumentare la produzione di gas e a immetterlo sul mercato.

Dopo la guerra della Russia contro l'Ucraina, l'Europa, e la Germania in particolare, sono desiderose di rendersi indipendenti dalle importazioni russe. Non sembra più importante la provenienza del gas: Canada, Senegal, Qatar. E ora la Nigeria!

Potrebbe verificarsi uno scenario simile: spronata dalla Germania, la Nigeria sta investendo miliardi di dollari in infrastrutture per il petrolio e il gas. Tra qualche anno, la Germania passerà alle energie rinnovabili e ridurrà notevolmente le sue importazioni, mentre la Nigeria, dove il potenziale di produzione di energia solare ed eolica è enorme, rimarrà impantanata nei combustibili fossili a causa dell'elevato livello di investimenti.

Gli ambientalisti della Nigeria e di altri Paesi africani minacciati da progetti petroliferi e di gas, come l'Uganda e la RDC, chiedono un cambio di rotta di 180 gradi.

Sosteniamoli: firmate la petizione!

Infor­mazioni

Le risorse di idrocarburi della Nigeria

Il rapporto "Reduce or Intensify?" offre una buona panoramica del settore degli idrocarburi e dei piani dei governi per affrontare la crisi climatica.

La Nigeria possiede le maggiori riserve di gas naturale dell'Africa. Finora, il Paese ha esportato solo una piccola parte del suo gas.

L'Europa importa il 14% del gas liquefatto nigeriano via nave.

Il governo nigeriano ha dichiarato che il 2020 sarà il "decennio del gas", dopo che il 2020 era già stato nominato "anno del gas".

Il progetto di un gasdotto di 4.400 km per portare il gas nigeriano in Algeria attraverso il Niger è fermo dal 2009. La ragione principale sembra essere l'alto costo, stimato in 13 miliardi di dollari, ma anche i rischi per la sicurezza, come gli attacchi terroristici. Un altro gasdotto verso il nord del Paese, Ajaokuta-Kaduna-Kano, è attualmente in costruzione.

Sebbene la Nigeria sia uno dei maggiori produttori di petrolio e gas dell'Africa, il Paese non è in grado di coprire il proprio fabbisogno interno di benzina e gasolio e dipende dalle importazioni. Quattro raffinerie inattive da anni dovrebbero tornare in funzione entro la fine del 2024. Quando sono stati aboliti i sussidi per il carburante, i prezzi di molti prodotti sono saliti alle stelle.

Il Delta del Niger, una zona disastrata

Il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato un reportage fotografico intitolato "This place used to be green': the brutal impact of oil in the Niger Delta", che documenta l'entità dell'inquinamento e le sofferenze della popolazione.

Il Delta del Niger ha più di 5.000 pozzi di trivellazione, 7.000 chilometri di oleodotti, 10 terminali di esportazione e più di 200 torce dove viene bruciato il 75% del gas naturale.

Nel 2022 si sono verificate 605 fuoriuscite di petrolio, per un totale di oltre 7 milioni di litri di greggio fuoriusciti nell'ambiente, secondo l'Agenzia nazionale per il rilevamento e la risposta alle fuoriuscite di petrolio che dipende al Ministero dell'Ambiente nigeriano.

Gran parte dell'inquinamento è di origine criminale: attacchi terroristici, sabotaggi, trafugamento di oleodotti e raffinerie illegali. Questo dimostra i rischi connessi alla produzione di petrolio e il problema dell'impossibilità di proteggere efficacemente le strutture.

Lo sfruttamento degli idrocarburi non ha contribuito al benessere della popolazione, ma al contrario alla violenza, alla criminalità e alla miseria.

Nel novembre 2023, un tribunale di Londra ha accolto la richiesta di risarcimento di oltre 13.000 pescatori e agricoltori del Delta del Niger contro la Shell in Gran Bretagna, per l'inquinamento da petrolio delle loro fonti d'acqua e la distruzione del loro stile di vita.

L'opinione dell'attivista per il clima Vanessa Nakate

L'attivista ugandese per il clima Vanessa Nakate ha scritto un articolo per il Guardian intitolato "I Paesi ricchi dovrebbero smettere di imporre i combustibili fossili all'Africa - non meritiamo anche noi un futuro rinnovabile?"

Alcuni passaggi:

"Questi (progetti di gas - ndr) non sono mai stati nel nostro interesse, perché bruciare o vendere combustibili fossili è un affare disastroso per l'Africa (...) Quando i popoli africani hanno una scelta, scelgono le energie rinnovabili".

"È ora di prendere una decisione. I governi dei Paesi ricchi continueranno a svantaggiare l'Africa facendoci diventare una discarica per la morente industria dei combustibili fossili? O ci lasceranno finalmente guidare il mondo verso un futuro sicuro, equo e pulito?"

Manifesto "Rinnovabili e non gas fossili

Nell'ottobre 2022, diverse organizzazioni ambientaliste africane hanno pubblicato un rapporto intitolato "Renewable - not Fossil Gas".

Alcuni passaggi:

"La recente corsa al gas africano, in un momento in cui l'Europa sta voltando le spalle al gas russo, non sostiene l'ambizione dell'Africa di porre fine alla povertà energetica, creare prosperità e costruire la resilienza di fronte al caos climatico. Al contrario, presenta molteplici rischi e svantaggi per il popolo africano e per il mondo".

"Gli investimenti nella produzione di gas su larga scala bloccheranno i Paesi africani nel settore del gas per i decenni a venire e (...) minano gli obiettivi di protezione del clima dell'Africa".

"Investire le limitate risorse dell'Africa nello sviluppo di enormi infrastrutture, al fine di soddisfare l'attuale domanda europea a breve termine, lascerà i Paesi africani con beni incagliati e debiti impagabili, senza risolvere la crisi di accesso all'energia del continente, degradando la vita delle persone attraverso un indebitamento senza precedenti."

Lettera

CA: Al Cancelliere tedesco, al Ministro dell'Economia e del Cambiamento Climatico e al Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Federale Tedesca

Egregio Cancelliere,
Egregi Ministri,

Il governo federale tedesco sta cercando fornitori di gas e petrolio da tutto il mondo per coprire il fabbisogno del Paese a seguito della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. L'Africa è uno dei punti focali.

Questa politica è disastrosa per la natura, per affrontare la crisi climatica globale e per le popolazioni che già ne soffrono, soprattutto in Africa.

Visti i danni ambientali senza precedenti causati dallo sfruttamento dei combustibili fossili nel Delta del Niger, è particolarmente scioccante vedervi incoraggiare il governo nigeriano ad aumentare la produzione di petrolio e gas. Il caso della Nigeria dovrebbe dissuadervi.

L'Africa ha bisogno di un futuro più sostenibile.

"È impossibile per noi bere petrolio e vivere con gas tossici", afferma Maxwell Atuhura (organizzazione Tasha, Uganda). "La Germania dovrebbe mobilitarsi per porre fine alle violazioni dei diritti umani e per prevenire i disastri ambientali e climatici, invece di contribuire all'ingiustizia e all'impunità in nome di sordidi profitti".

"Ricordiamo che la Germania è un partner importante per l'Africa. Svolge un ruolo importante nello sviluppo economico e sociale del continente, ma deve anche assumersi le proprie responsabilità quando si tratta di proteggere l'ambiente", afferma François Biloko, (Réseau CREF, RDC). "Siamo convinti che la Germania possa svolgere un ruolo di primo piano nella transizione energetica in Africa. Sostenendo lo sviluppo delle energie rinnovabili, la Germania contribuirà a un futuro più pulito, sostenibile e prospero per l'Africa e per il pianeta nel suo complesso".

"L'esplorazione di petrolio e gas da parte delle multinazionali in Africa è stata sconsiderata, in condizioni di abuso, portando molti più danni che benefici alle popolazioni locali e all'ambiente", afferma Martins Egot (PADIC-Africa, Nigeria).

Insieme, vi chiediamo di:

- rinunciare all'Africa come fornitore di idrocarburi,

- smettere di finanziare lo sfruttamento dei combustibili fossili in Africa,

- attuare una politica di protezione del clima in Europa che si concentri su una sostanziale riduzione dei consumi e su una transizione verso le energie rinnovabili,

- investire massicciamente nello sviluppo delle energie rinnovabili in Africa. L'eliminazione della povertà energetica nel continente deve avere la priorità rispetto alle esportazioni verso i Paesi ricchi.

Cordiali saluti

News e aggior­namenti Footnotes

all'asta 30 blocchi di petrolio e gas

L'iniziativa del Cancelliere Olaf Scholz non arriva all'improvviso, poiché il governo nigeriano punta da tempo su una "transizione energetica basata sul gas".

Alla Conferenza sul clima di Glasgow del 2021 (COP26), l'allora presidente nigeriano Muhammadu Buhari annunciò che il suo Paese sarebbe stato neutrale dal punto di vista climatico entro il 2060, con un Piano di transizione energetica (PTE).

Estratto dal comunicato stampa del governo pubblicato poco prima della COP 26:

"La Nigeria è in realtà più un produttore di gas che di petrolio. Pertanto, io (il Presidente Buhari - n.d.r.) chiedo il finanziamento di progetti che utilizzino combustibili di transizione, come il gas".

Tuttavia, il governo nigeriano punta al mercato interno e all'approvvigionamento energetico del Paese, e non alle esportazioni, come vorrebbe il Cancelliere Scholz.


l'Uganda e la RDCTre organizzazioni partner di Salviamo la Foresta sono direttamente coinvolte in questa petizione:

In Uganda, Tasha si oppone alla costruzione dell'oleodotto EACOP East African e ai progetti petroliferi Tilenga e Kingfisher dei gruppi TotalEnergies (Francia) e CNOOC (Cina).

Nella Repubblica Democratica del Congo, Réseau CREF si batte contro lo sfruttamento petrolifero del Parco nazionale dei Virunga e la messa all'asta di 30 blocchi di petrolio e gas da parte del governo di Kinshasa.

In Nigeria, PADIC-Afrique lavora a stretto contatto con le popolazioni rurali dello Stato di Cross River e non solo.

Questa petizione è disponible in queste lingue:

62.009 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti