A 10 anni dalla sentenza: l'azienda produttrice di olio di palma vuole rateizzare la multa che deve pagare

Orango di Sumatra (Pongo abelii) Gli oranghi sono a rischio di estinzione a causa dell'olio di palma (© Paul Hilton)

16 gen 2024

Nel 2012 c'è stato un incendio nelle paludi di Tripa: nel 2014 l'azienda Kallista Alam resposabile dell'incendio è stata condannata a pagare una multa di 9,4 milioni di USD. Solo ora sta iniziando a pagare la multa, ma a rate, e non si sa se pagherà per intero. Gli ambientalisti chiedono quindi che l'azienda paghi immediatamente e che si faccia carico dei lavori di ripristino ancora in corso.

La sentenza contro un'azienda produttrice di olio di palma in Indonesia ha fatto scalpore quasi dieci anni fa. Il caso riguardava gli incendi nella foresta pluviale di Tripa, un santuario per gli oranghi di Sumatra. Gli incendi sono divampati dal 2009 e sono stati particolarmente gravi nel 2012, quando sono stati registrati oltre 100 incendi. Si è trattato dei "peggiori incendi forestali da quando abbiamo iniziato ad analizzare le immagini satellitari nel 2000", ha dichiarato il quotidiano Taz, citando la fondazione ambientalista svizzera PanEco nel suo rapporto sugli incendi in seguito ai tagli di radura in Indonesia. Centinaia di oranghi sono morti bruciati negli incendi.

L'azienda produttrice di olio di palma Kallista Alam, da cui le multinazionali internazionali acquistano l'olio di palma, era responsabile delle operazioni di bonifica delle foreste torbiere. Secondo Rainforest Action Network, tra queste figurano Nestle, Mars e Cargill.

I gruppi indonesiani consideravano sospette le licenze che Kallista Alam aveva ricevuto nell'area protetta. La base legale non era chiara e sembravano probabili pressioni politiche sul governatore. Inoltre, le mappe erano state apparentemente manipolate. È possibile che l'azienda avesse già iniziato a disboscare il terreno prima del rilascio delle dubbie licenze. Tuttavia, inizialmente gli ambientalisti non sono riusciti a fermare Kallista Alam in tribunale. Una causa intentata dall'organizzazione Walhi è stata respinta.

Tuttavia, le campagne mondiali, tra cui la nostra petizione "Borneo: ci opponiamo alle megapiantagioni che distruggono le torbiere", hanno finalmente portato a una sentenza sensazionale. L'8 gennaio 2014, Kallista Alam è stata dichiarata colpevole per gli incendi dolosi che hanno distrutto 1.000 ettari di foresta torbosa. L'azienda è stata condannata a pagare una multa di 9,4 milioni di dollari USA. Dovrà inoltre pagare 21 milioni di dollari per la rinaturalizzazione delle aree distrutte.

I gruppi ambientalisti indonesiani hanno descritto la decisione del tribunale come "una vittoria per la popolazione di Aceh e per gli ambientalisti nazionali e internazionali". Anche Salviamo la Foresta ha accolto con favore la sentenza.

Ma finora non è stata resa giustizia alla natura.

Kallista Alam è una delle 22 aziende che dal 2013 hanno dovuto affrontare un processo per incendi di foreste e torba. 14 di loro sono state condannate in via definitiva. Tuttavia, finora solo un'azienda ha pagato la multa e nessuna ha mai ripristinato l'area distrutta. A quanto pare, lo Stato non ha i mezzi, come le procedure di sequestro, per riscuotere i pagamenti arretrati.

Kallista Alam, dieci anni dopo la sentenza del tribunale, ha iniziato a pagare una piccola parte della multa a rate.

I gruppi ambientalisti indonesiani si oppongono fermamente al pagamento rateale. Temono che l'azienda paghi solo una parte della multa e i costi di rinaturalizzazione. Kallista Alam si è opposta alla sentenza per anni e, ad esempio, ha intrapreso azioni legali contro le sentenze di attuazione e ha fatto appello a numerosi tribunali. Chi resiste per un decennio all'accettazione di una sanzione non dovrebbe essere ricompensato con una concessione da parte dello Stato.

Il caso è un esempio di come lo Stato sia cauto con le aziende che sono state legalmente condannate per reati ambientali e di altro tipo. Politici, generali e aziende sono strettamente legati. L'Indonesia è un'oligarchia con una forte presenza militare nella politica e negli affari.

Le comunità locali e i gruppi ambientalisti indonesiani hanno scritto alla Corte Suprema una lettera aperta:

Il governo, in quanto custode della natura, ha il dovere di prevenire in anticipo i danni ambientali e di mitigare quelli già avvenuti.

Sebbene l'esecuzione della sentenza sia una "pietra miliare", non è sufficiente. Le comunità chiedono che:

"PT Kallista Alam deve adempiere immediatamente all'obbligo di ripristinare l'area bruciata di 1.000 ettari nel villaggio di Pulo Kruet, distretto di Nagan Raya.

Il ripristino dei 1.000 ettari deve coinvolgere le comunità locali e le organizzazioni ambientaliste".

Ulteriori informazioni:


  1. foresta pluviale di TripaLe paludi di Tripa fanno parte dell'ecosistema di Leuser, a Sumatra, l'unico luogo al mondo in cui tigri, elefanti, oranghi e rinoceronti in via di estinzione vivono nello stesso habitat. Trent'anni fa qui c'erano più di 3.000 oranghi, ma il loro numero si è ridotto a poche centinaia di individui a causa della continua distruzione delle foreste per le piantagioni. Tre quarti dei 61.000 ettari originari di foresta pluviale protetta di Tripa sono ora piantagioni di palme da olio. Si stima che 200 delle grandi scimmie vivano ancora nelle rimanenti foreste di torba.

  2. sono stati registrati oltre 100 incendi

    La sentenza ha fatto scalpore perché finalmente un tribunale si è pronunciato a favore delle foreste e contro l'industria dell'olio di palma. Di conseguenza, Kallista Alam è diventata un precedente.

    Una domanda fondamentale era: come era possibile che a un'azienda produttrice di olio di palma venisse concessa una licenza in un'area protetta? Le foreste torbiere di Tripa fanno parte del Parco nazionale di Leuser e del patrimonio mondiale dell'UNESCO "Foresta pluviale di Sumatra". Stranamente, improvvisamente le foreste di Tripa non sono più state segnate sulle mappe all'interno del parco nazionale. È evidente che qualcuno ha manipolato le mappe.

    In Indonesia è in vigore dal 2011 una moratoria sulla deforestazione delle foreste primarie e delle paludi torbose. Il governatore della provincia di Aceh aveva già emesso una moratoria nel 2007. Per questo era stato elogiato come "governatore verde". Non è chiaro perché proprio lui abbia concesso una licenza nello stesso momento.

    La sentenza del tribunale era molto attesa. All'epoca si diceva che se Kallista Alam avesse vinto o se la fosse cavata con poco, le foreste di Tripa e le grandi scimmie sarebbero andate perdute. Il tribunale ha soddisfatto le grandi speranze.