Borneo: ci opponiamo alle megapiantagioni che distruggono le torbiere

Orangutan nel Kalimantan centrale, Borneo Le foreste di torba del Borneo ospitano oranghi, scimmie dal naso a punta, orsi malesi e pantere nuvolose. (© Rita Sastrawan) Bambino che cammina su una torbiera in fiamme a Katingan, Borneo Le torbiere intatte immagazzinano carbonio - la deforestazione riscalda il clima (© Wetlands International) Torbiere disboscate per un progetto di riso di 1 milione di ettari nel Kalimantan centrale Le piantagioni di riso su terreni torbosi sono destinate a fallire (© Rita Sastrawan)

Il governo indonesiano ha un progetto che potrebbe avere conseguenze per tutto il pianeta: distruggere vaste torbiere nel Borneo per sostituirle con piantagioni di riso industriale. Quasi 200 gruppi organizzati in Indonesia dicono NO al progetto. Per favore, sostenete le loro richieste.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Al Presidente Joko Widodo, il ministro dell'ambiente e delle foreste Siti Nurbaya Bakar, il governatore della provincia del Kalimantan centrale Sugianto Sabran, il capo del distretto di Pulang Pisau Eddy Pratowo, il direttore del dipartimento delle torbie

“Vogliamo fermare il progetto Cetak Sawah, che rappresenta un altro disastro ambientale e climatico.”

Leggi tutta la lettera

I difensori delle foreste del Borneo sono sotto shock. Il governo del presidente Joko Widodo prevede di implementare 300.000 ettari di piantagioni di riso. Si dice che le piantagioni siano destinate a garantire la sicurezza alimentare della popolazione. Il piano si chiama in lingua indonesiana "Cetak Sawah", che significa "imprimere le risaie". In altre parole, implementare piantagioni di riso nelle foreste di palude di torba. Alcune di queste foreste sono già rade, secche e degradate, emettono continuamente gas serra e sono al centro di numerosi conflitti di terra.

Una delle aree designate è nella provincia di Central Kalimantan. Negli anni 1990, il governo del dittatore generale Suharto ha disboscato 1,4 milioni di ettari di foresta di palude di torba. L'obiettivo era lo stesso di oggi: la sicurezza alimentare con la coltivazione industriale del riso su larga scala.

Le foreste di palude di torba dell'Indonesia rappresentano quasi la metà di tutti i terreni di torba tropicali e sono particolarmente importanti per la protezione del clima globale. La torba immagazzina 20 volte più carbonio dei terreni minerali. Il disboscamento e il drenaggio rilasciano carbonio e altri gas che riscaldano il clima nell'atmosfera. Tra il 13 e il 40 per cento delle emissioni globali provengono dalla distruzione delle torbiere.

Quasi 200 organizzazioni indonesiane si oppongono a questo progetto folle. Il governo indonesiano non ha imparato nulla dagli errori del passato? Dov'è la volontà politica di ripristinare finalmente le torbiere? Perché il governo sta puntando sulle monocolture industriali piuttosto che su un uso vario della terra per l'agricoltura?

"Ci opponiamo alle piantagioni di riso sulle torbiere del Kalimantan centrale e di altre regioni dell'Indonesia!"

 

Sostenete gli ambientalisti in Indonesia firmando questa petizione che ha già raccolto oltre 170.000 firme.

 

Infor­mazioni

Gli abitanti del Borneo hanno sofferto per decenni a causa dei livelli estremamente alti di inquinamento atmosferico causato dal fumo prodotto dalla combustione di foreste, piantagioni e soprattutto terreni torbosi. Per più di vent'anni, l'Indonesia è stata uno dei maggiori contribuenti al riscaldamento globale, soprattutto a causa di questi incendi di torba.

La più grande fonte di incendi fino ad oggi è stato il progetto di riso PLG (Pengembangan Lahan Gambut = sviluppo delle torbiere) di un milione di ettari degli anni 90. Questo progetto è fallito completamente, ecologicamente, economicamente e socialmente. Fondamentalmente, le foreste di torba sono state distrutte - e con esse è andato perso un habitat prezioso per gli oranghi, le scimmie dal naso schiacciato, gli orsi malesi e le pantere nebulose. Molte persone sono state sfollate, e ancora oggi non vi cresce il riso, nemmeno quello coltivato in acqua, perché il terreno è troppo acido. Molti migranti che erano venuti da altre isole hanno lasciato la zona con disappunto. Inoltre, come se non bastasse, le vecchie torbiere sono ancora drenate, secche, distrutte, degradate e bruciano ancora all'interno. 

Numerosi sforzi per riumidificare e rimboschire l'area con strati di torba spessi un metro sono stati in gran parte infruttuosi. Bloccare i canali di drenaggio in modo che l'acqua possa bagnare nuovamente gli strati di torba è un compito enorme e costoso. Inoltre, i proprietari delle numerose piantagioni di palma da olio e delle miniere che si sono diffuse nel sito non hanno alcun interesse a preservare le torbiere.

Se le torbiere degradate e le foreste di torba che sono ancora intatte vengono ora convertite in piantagioni di riso, la catastrofe climatica peggiorerà. E l'esperienza dimostra che il riso non prospererà.

 

Assicurare il cibo con il riso sulla torba?

Nel 2017, il governo ha annunciato di nuovo il piano per assicurare il cibo con piantagioni di riso. Anche sulle torbiere. Anche se ci sono stati investitori che hanno espresso interesse a stabilire piantagioni con tecnologia moderna, il piano non è stato ancora realizzato. Una ragione ci sarebbe, poiché le emissioni delle torbiere distrutte sono così alte e la riduzione delle emissioni è la più vantaggiosa per il clima, ci sono progetti di protezione delle foreste e del clima nello stesso luogo. Grandi aree di risaie mettono a repentaglio i benefici climatici dei programmi di ripristino delle torbiere drenate.

Nel mezzo della pandemia di coronavirus, il governo sembra intenzionato a far passare il piano, rapidamente e senza la partecipazione pubblica. Tuttavia, i gruppi della società civile locale mettono in guardia contro il progetto. Temono che sarà un fallimento e che, invece del riso, ne deriveranno grandi problemi sociali e danni ambientali.

 

                                                      *********

 

Fermare il progetto del riso Cetak Sawah nelle torbiere del Kalimantan centrale

 

Non vogliamo un'altra catastrofe!

Nella dichiarazione delle organizzazioni della società civile indonesiana, quasi 200 gruppi chiedono una vera riforma agraria basata sulla diversità agricola esistente e rifiutano le mega piantagioni che impoveriscono le famiglie contadine e i popoli indigeni.

Da qualche settimana, il governo indonesiano promuove di nuovo la vecchia idea delle "risaie su terra di torba". Queste sono promesse vuote. L'idea delle risaie su terreni di torba deve essere sradicata. Allo stesso tempo, le foreste e i campi vengono distrutti per usi non alimentari. I contadini sono criminalizzati e i conflitti per le terre agricole limitano sempre più lo spazio vitale e la sovranità alimentare dei popoli. E tutto questo nel mezzo di una pandemia. 

Nel mezzo della pandemia di Covid-19, il governo usa la crisi alimentare come scusa per portare avanti il nuovo progetto di risaia nella zona dell'ex PLG (un milione di ettari di riso su terreni torbosi). Il progetto del riso PLG è passato alla storia come un disastro: le foreste di torba sono state distrutte, il suolo di torba non ha mai potuto essere riportato al suo stato naturale. La PLG è diventata effettivamente una fonte di distruzione ambientale e la causa principale degli incendi delle torbiere negli ultimi due decenni. Il governo manca di volontà politica. Al contrario, invece di imparare dall'esperienza del caso PLG, intende stabilire piantagioni di riso su circa 300.000 ettari nella stessa zona. Lo sta addirittura diffondendo come un progetto strategico nazionale, senza la minima trasparenza, senza studi scientifici e senza la partecipazione della popolazione, senza consultazione e ignorando i diritti civili e gli aspetti ambientali. Attualmente, il Ministero dell'Ambiente e delle Foreste sta cercando di eludere la sua responsabilità realizzando una "Valutazione ambientale strategica rapida" invece di una vera valutazione di impatto ambientale.

Chiediamo al governo di non ripetere gli errori del passato e di non causare un nuovo disastro. Deve smettere di usare la pandemia come scusa per sfruttare le torbiere. Lo diciamo chiaramente: NO e chiediamo che il progetto venga fermato, in base alle seguenti considerazioni di base:

 

Primo: questo progetto significherà perdite per lo Stato.

Questo progetto deve essere fermato alla luce delle esperienze negative del passato. Sotto i governi precedenti, il PLG (progetto di un milione di ettari di riso su terreni torbosi), iniziato nel 1995 sotto il "Nuovo Ordine" del presidente Suharto con il decreto presidenziale 82/95 e terminato nel 1998 durante il regno di BJ Habibie con il decreto presidenziale 33/98, è già fallito miseramente. Le ragioni del fallimento sono state la mancanza di comprensione e la mancanza di studi socio-ecologici sugli ecosistemi di torba. Questo progetto è costato al bilancio nazionale almeno 1,6 miliardi di rupie (100 milioni di euro). Tuttavia, la zona non è mai diventata “la ciotola di riso” dell'Indonesia. Al suo posto, ora ci sono piantagioni di palma da olio. È francamente macabro che il progetto PLG sia stato finanziato con i soldi del fondo di riforestazione, che in realtà era destinato alla rinaturalizzazione delle foreste. 

Dopo il fallimento del progetto PLG, ci sono state almeno due importanti decisioni politiche sul ripristino delle torbiere. Uno è stato il decreto presidenziale 80/1999, che ha concesso un risarcimento alla popolazione colpita, e l'altro il decreto 2/2007, che ha stanziato 3,9 miliardi di Rp (240 milioni di euro) per il ripristino delle torbiere. Tuttavia, non c'era alcuna spiegazione per l'uso del terreno. Più tardi (dopo gli incendi del 2015) l'autorità della torba BRG ha rilevato l'area ex PLG. La sua rinaturalizzazione, anch'essa finanziata da fondi statali, ha avuto la massima priorità, ma i risultati sono insignificanti.

I fatti dimostrano che quasi tutte le piantagioni di riso in Indonesia, con le caratteristiche di grandi superfici, finanziate dallo stato e gestite dal settore privato, falliscono continuamente e sono associate alla corruzione. Le torbiere distrutte costano allo stato ancora di più: danni economici per gli incendi boschivi, costi di spegnimento e impoverimento della popolazione.

 

Secondo: il progetto distrugge l'ambiente e la gente ne soffre le conseguenze.

Fermare subito la distruzione della natura, smettere di sacrificare le persone. Perché il sistema economico ha fallito, e il modello di sviluppo basato sullo sfruttamento delle risorse naturali ha gravi conseguenze per la vita sul nostro pianeta e il futuro dell'umanità. La Terra sta attualmente affrontando due gravi problemi - la crisi climatica e la crisi sanitaria - a causa dell'incapacità dei governi di proteggere l'interesse pubblico e a causa dell'avidità delle aziende che continuano a trarre profitto dalla distruzione della natura. I terreni torbosi sono ecosistemi unici che sono estremamente importanti per l'equilibrio climatico e la protezione della biodiversità nelle zone umide, che a sua volta può prevenire le zoonosi derivanti dalla distruzione della natura.

Il piano del governo di stabilire piantagioni di riso sulle torbiere dimostra ancora una volta che il governo non si preoccupa della protezione dell'ecosistema delle torbiere. Questo progetto avrà gravi conseguenze, un futuro catastrofico, a causa della proiezione deliberata del governo stesso. L'ex progetto di riso da un milione di ettari (ex-PLG) è già un disastro. La biodiversità è stata distrutta o è minacciata. In questa zona paludosa si possono trovare ramin (Gonystylus bancanus) o meranti rawa (Shorea balangeran), mentre nelle torbiere ci sono specie di alberi endemici. L'habitat naturale degli oranghi è stato distrutto, e molte migliaia di chilometri di canali centrali e laterali sono stati lasciati come ricordo dello spreco, causando il prosciugamento dei terreni di torba ed essendo la fonte di incendi e fumi nel Kalimantan centrale, che si sentono anche nei paesi vicini. Gli incendi boschivi hanno anche gravi effetti sulla salute pubblica, causando malattie respiratorie e morte prematura. Inoltre, provocano il rilascio di emissioni di gas a effetto serra. 

Dopo i terribili incendi del 1997, che hanno distrutto l'intera area, bruciando l'80% del paesaggio e rilasciando 150 milioni di tonnellate di carbonio, la zona è diventata una fonte di incendi ogni anno. Tra il 2015 e il 2019, la maggior parte dei punti caldi si trovava qui: 465.003 ettari bruciati, che rappresentano il 39% dell'area totale bruciata nel Kalimantan centrale. Le stesse zone sono bruciate ripetutamente come prima. 

L'incapacità del governo di proteggere il diritto a un ambiente sano è confermata a livello giuridico. Secondo le sentenze precedenti, il governo ha violato la legge, come confermato dalla Corte Suprema nella sentenza 3555/K/Pdt/ 2018 del 16 luglio 2019. Questo processo (causa dei cittadini) è stato avviato dai cittadini che hanno chiesto al governo di stabilire misure legali per affrontare gli incendi e mettere le torbiere sotto protezione. La pianificazione di piantagioni di riso sulle torbiere mostra ancora una volta l'ignoranza del governo, che vuole commercializzare le torbiere invece di proteggerle e rinaturalizzarle.

 

Terzo: il governo dovrebbe mettere la produzione di cibo nelle mani degli agricoltori e dare loro il diritto alla terra.

Dopo il fallimento del PLG, il governo dovrebbe ripristinare l'area. La gente dovrebbe ricevere un risarcimento, alcuni lo hanno già ricevuto. Ma in realtà, la disuguaglianza nell'uso della terra sta aumentando e i conflitti per la terra sorgono di continuo. La ragione risiede in una politica che concede permessi per piantagioni di palma da olio in ampie parti della PLG. Sia l'uso della terra che altri regolamenti legali vengono violati concedendo permessi in foreste o torbiere protette. Queste violazioni della legge avvengono sotto gli occhi di tutti, eppure non vengono perseguite legalmente. Questo si traduce in gravi conflitti fondiari e nel furto di terre indigene. Si stanno distruggendo le tradizioni dell'agricoltura e della pesca, che costituiscono un uso ecologico della terra, e si sta perdendo la coltivazione collettiva della terra da parte delle popolazioni indigene. L'insediamento di immigrati da altre isole - i trasmigranti - ha anche cambiato la struttura sociale e le forme tradizionali di proprietà della terra in alcune aree. Quando i sistemi statali di proprietà terriera titolata e le idee tradizionali di proprietà terriera si scontrano, nasce una grande causa di conflitto.

Sulla base delle considerazioni di cui sopra, noi, una coalizione di organizzazioni della società civile per i diritti ambientali e indigeni, diciamo chiaramente e inequivocabilmente:

"Rifiutiamo le piantagioni di riso su terreni torbosi nel Kalimantan centrale e in altre regioni dell'Indonesia".

In tempi di pandemia, il governo dovrebbe mettere al primo posto le risorse naturali per prevenire la diffusione della malattia Covid-19. Oltre ad affrontare la minaccia diretta di Covid-19, il governo deve anche cooperare per prevenire il cambiamento climatico incontrollato, in modo che l'aumento della temperatura globale sia mantenuto al di sotto di 1,5 gradi. Il governo deve cambiare radicalmente il sistema agricolo e l'uso della terra su larga scala. Abbiamo bisogno di una vera riforma agricola basata sulla sovranità alimentare e sulla conoscenza locale. Questo è l'unico modo per migliorare la salute pubblica e la sostenibilità a lungo termine dell'uso della natura. Nel mondo di oggi, il governo dovrebbe promuovere la diversità alimentare e le varietà locali in diverse parti dell'Indonesia. Dovrebbe promuovere l'agricoltura rurale su terreni adatti o anche su vecchie piantagioni e suoli minerali degradati, per ottimizzare la produzione alimentare. Dovrebbe fornire agli agricoltori tecnologie semplici. Ma dovrebbe anche rifiutare l'agricoltura su larga scala, le tecnologie costose e la coltivazione delle torbiere.

Chiediamo anche al governo di smettere di disboscare terreni agricoli per infrastrutture, miniere e piantagioni di palma da olio. Questa politica non serve gli interessi del popolo. È giunto il momento che l'agricoltura e la produzione alimentare tornino ai contadini per essere i pilastri del paese agricolo che è l'Indonesia.

 

Per la giustizia e l'ambiente!

 

Coalizione di organizzazioni della società civile e cittadini comuni

 

Elenco delle organizzazioni firmanti:

 

  • 1 Eksekutif Nasional Wahana Lingkungan Hidup Indonesia (WALHI)
  • 2 Greenpeace Indonesia
  • 3 Auriga
  • 4 ELSAM
  • 5 Pusaka
  • 6 Save Our Borneo
  • 7 JPIC Kalimantan
  • 8 LBH Palangkaraya
  • 9 Solidaritas Perempuan Mamut Menteng Kalteng
  • 10 Progress
  • 11 Jikalahari
  • 12 Yayasan Betang Borneo (YBB)
  • 13 Yayasan Anak Dusun Papua (YADUPA)
  • 14 Lembaga Studi dan Advokasi HAM (ELSHAM) Papua
  • 15 Pantau Gambut
  • 16 Andi Wijaya - LBH Pekanbaru
  • 17 AMAN Kalteng
  • 18 PP MAN
  • 19 PB AMAN
  • 20 MADANI
  • 21 Perkumpulan Hijau - Jambi
  • 22 Kaoem Telapak
  • 23 PILNET Indonesia
  • 24 WALHI Kalteng
  • 25 Asep Y. Firdaus
  • 26 Gemma Ade Abimanyu - DD WALHI Kalteng
  • 27 Kissworo DC – WALHI Kalsel
  • 28 Yohana Tiko – WALHI Kaltim
  • 29 Nicodemus Ale – WALHI Kalbar
  • 30 Rere Christanto - WALHI Jatim
  • 31 Ismail Alhabib - WALHI Jateng
  • 32 Jessix Amundian - WALHI Babel
  • 33 Halik Sandera - WALHI Yogyakarta
  • 34 Riko Kurniawan - WALHI Riau
  • 35 Tubagus Soleh Ahmadi - WALHI DKI Jakarta
  • 36 Murdani - WALHI NTB
  • 37 Abdul Haris - WALHI Sulteng
  • 38 Aiesh Rumbekwan - WALHI Papua
  • 39 Hairul Sobri - WALHI Sumsel
  • 40 Irfan Tri Mursi - WALHI Lampung
  • 41 I Made Juli Untung Pratama - WALHI Bali
  • 42 Uslaini - WALHI Sumbar
  • 43 Saharuddin - WALHI Sulawesi Tenggara
  • 44 Umbu Wulang - WALHI NTT
  • 45 Ahmad Rusydi Rasjid - WALHI Maluku Utara
  • 46 M. Nur - WALHI Aceh
  • 47 Muhammad Al Amin - WALHI Sulsel
  • 48 Rudiansyah - WALHI Jambi
  • 49 Meiki W Paendong – WALHI Jawa Barat
  • 50 Romes Ip - KALIPTRA Andalas
  • 51 Yohanes Akwan - Perkumpulan Bin Madag Hom Teluk Bintuni - Tanah Papua
  • 52 Sarah Agustio - Tim Kerja Perempuan dan Tambang
  • 53 Angga Septia - Perkumpulan Alami
  • 54 Susan Burdam (Individu)
  • 55 Khairuddin Zacky (PBH Kalimantan)
  • 56 EcoNusa
  • 57 Papua Itu Kita
  • 58 Perkumpulan Panah Papua
  • 59 Dewan Masyarakat Adat Momuna (DMAM) Papua
  • 60 LinkAr - Borneo
  • 61 Marko Mahin (Forma HOB/LSD-21)
  • 62 Yayasan Tanah Merdeka
  • 63 ICEL
  • 64 Konsorsium Pembaruan Agraria
  • 65 Elpagar
  • 66 HUMA
  • 67 Siti Maimunah, JATAM
  • 68 Forest Watch Indonesia
  • 70 JKPP
  • 71 RMI
  • 72 IHCS
  • 73 Perkumpulan Bahtera Alam
  • 74 Agus Sutomo, Kalimantan Barat
  • 75 NTFP- EP Indonesia
  • 76 Tjatur Kukuh S - Santiri Foundation
  • 77 Mukti Ali, Kawal Borneo
  • 78 FOKER LSM Papua
  • 79 Fian Indonesia
  • 80 HaKI
  • 81 debtWATCH Indonesia
  • 82 Genesis Bengkulu
  • 83 PPLH Mangkubumi - Jawa Timur
  • 84 JPIK
  • 85 Roedy Haryo Widjono AMZ, Nomaden Institute CrossCultural Studies
  • 86 Rahman Dako, Japesda Gorontalo
  • 87 Solidaritas Perempuan
  • 88 KIARA
  • 89 Barid Hardiyanto
  • 90 Kartini Samon, GRAIN
  • 91 Ahmad sja, Padi Indonesia
  • 92 Etnika Semesta Katulistiwa kaltara
  • 93 LBH Papua
  • 94 Papuan Voices Nasional
  • 95 Perkumpulan Terbatas Pengkajian dan Pemberdayaan Masyarakat Adat(pt.PPMA) Papua
  • 96 AMAN Sorong Raya
  • 97 Adi Syaputra Kelopak Bengkulu
  • 98 Papua Forest Watch (PFW)
  • 99 Sulteng Bergerak
  • 100 Jufriansyah, STABIL (Sentra Program Pemberdayaan dan Kemitraan Lingkungan), Kaltim
  • 101 YALI Papua
  • 102 Yayasan YAPHI Surakarta
  • 103 Peruati Kalimantan Tengah
  • 104 Pasah Kahanjak
  • 105 Jaringan Perempuan Borneo
  • 106 Peruati Kalimantan Selatan
  • 107 Sumiati Suryani-Aliansi Perempuan Kalimantan
  • 108 Komunitas Dayak Voices
  • 109 Taibah Istiqamah
  • 110 Ode Rakhman
  • 111 Wahana Tani Mandiri
  • 112 RETINA Institute
  • 113 Paulus A. Y. D.
  • 114 Anton P. Wijaya
  • 115 April Perlindungan, Buruh Harian Lepas
  • 116 Fajri NS
  • 117 Puan Mahakam - Kalimantan Timur
  • 118 Komunitas Pelangi Kalimantan Selatan
  • 119 SKPKC Fransiska Papua
  • 120 Louise Theresia
  • 121 SKP Kame - Merauke
  • 122 Gemapala Fak- Fak
  • 123 Trend Asia
  • 124 Kalbis Care Share
  • 125 BEM FMIPA UI
  • 126 BEM FH UI
  • 127 Jaga Rimba
  • 128 Novita Indri
  • 129 KPA ARKADIA UIN JKT
  • 130 KMPLHK RANITA UIN SYARIF HIDAYATULLAH JAKARTA
  • 131 MAGIPALA
  • 132 Ian Arya Danarko
  • 133 Brian Chafariz Nursidiq
  • 134 PKD MAPALA JABODETABEKA
  • 135 Benua Hijau Indonesia
  • 136 KMPA EKA CITRA UNJ
  • 137 Komunitas Island Not For Sale
  • 138 KMPA Manunggal Bhawana Institut Teknologi Indonesia
  • 139 MAPADIKA USNI
  • 140 PKW MAPALA Tangerang Selatan
  • 141 KMPLH Farmasi UHAMKA
  • 142 Rustandi Adriansyah, Lembaga Advokasi Rakyat, Palembang
  • 143 Juliade - LPMA
  • 144 Gusti Nordin Iman, Yayasan Sumpit (Kalsel)
  • 145 Rudy Redhani
  • 146 Institute for National and Democracy Studies (INDIES)
  • 147 Pembaru Indonesia
  • 148 Front Mahasiswa Nasional
  • 149 TuK Indonesia
  • 150 LEMBAH
  • 151 LBBT Pontianak
  • 152 Institut Menua Punjung (IMP)
  • 153 Norman Jiwan
  • E molte altre

Lettera

CA: Al Presidente Joko Widodo, il ministro dell'ambiente e delle foreste Siti Nurbaya Bakar, il governatore della provincia del Kalimantan centrale Sugianto Sabran, il capo del distretto di Pulang Pisau Eddy Pratowo, il direttore del dipartimento delle torbie

Egregio Signor Presidente:

Le organizzazioni ambientali ed ecologiche indonesiane mettono in guardia dal devastante piano del suo governo di stabilire 300.000 ettari di piantagioni industriali di riso su terreni di torba.

Basandosi sull'esperienza del precedente progetto PLG (Pengembangan Lahan Gambut) e sul difficile ripristino delle torbiere disboscate e secche, concludono che il nuovo piano richiederà grandi quantità di denaro, mentre molto probabilmente non funzionerà. Il nuovo progetto Cetak-Sawah significa distruzione ambientale perché si basa sull'eccessivo sfruttamento delle risorse. Questo tipo di politica economica mette in pericolo la sopravvivenza dell'umanità.

Soprattutto in tempi di crisi del coronavirus e di catastrofe climatica sempre più urgente, l'Indonesia dovrebbe proteggere efficacemente le torbiere. I terreni torbosi sono ecosistemi unici e sono estremamente importanti per l'equilibrio climatico e la protezione della biodiversità nelle zone umide, che a sua volta può prevenire le zoonosi derivanti dalla distruzione della natura. L'Indonesia dovrebbe mostrare una seria volontà politica di rallentare l'aumento della temperatura media globale - funzionerà solo se proteggeranno le torbiere! Ogni anno gli abitanti del Borneo e di altre isole indonesiane, così come dei paesi vicini, devono sopportare fumo, polvere e incendi boschivi. Ma è dovere dello Stato proteggere la salute dei suoi cittadini!

La distruzione delle foreste può liberare nuovi virus. È quindi incomprensibile che in tempi di pandemia si pianifichi l'esatto contrario di ciò che è veramente necessario, cioè la rinaturalizzazione dei suoli torbosi e la protezione delle ultime foreste pluviali.

Infine, gli ambientalisti avvertono in una dichiarazione pubblica che la politica economica non dovrebbe essere basata sullo sfruttamento delle risorse naturali. L'Indonesia dovrebbe invece promuovere un'agricoltura locale diversificata.

Sono d'accordo con le richieste dei gruppi ambientalisti indonesiani e degli ambientalisti, in particolare perché l'Indonesia ha un ruolo centrale da svolgere nella lotta contro il riscaldamento globale e le pandemie che hanno origine nella distruzione delle foreste pluviali tropicali e quindi degli habitat della fauna selvatica.

Cordiali saluti,

News e aggior­namenti

Analisi · 16 mag 2022

Più olio di palma = più deforestazione

Piantagioni di palma da olio in Perù

L'Indonesia è il più grande produttore di olio di palma al mondo e quindi protagonista della deforestazione. Ora sta chiudendo le esportazioni a causa della carenza di oli vegetali causata dalla guerra russa in Ucraina oltre a fattori climatici. Riteniamo che la necessità di produrre oli vegetali possa portare ad un aumento della deforestazione in altre parti del mondo, questa la nostra analisi.

leggi

Video · 2 mag 2022

Incontro mesoamericano contro la palma da olio

Durante l'incontro, le organizzazioni di Messico, Ecuador, Honduras e Guatemala hanno appreso come la palma da olio è arrivata in Mesaomérica, il contesto di alcuni dei paesi interessati dalla sua espansione e alcune delle strategie usate per introdurre la palma da olio. Sono state discusse anche le conseguenze sulle comunità e l’ambiente di questa monocoltura.

leggi

STUDIO · 25 apr 2022

Le tenute per l’industria alimentare sono una catastrofe per le foreste dell'Indonesia

Le piantagioni industriali su larga scala stanno distruggendo milioni di ettari di foresta pluviale e i raccolti dei contadini in Indonesia. Uno studio offre uno sguardo sulla realtà delle tenute per l’industria alimentare nel Nord Sumatra.

leggi

Questa petizione è disponible in queste lingue:

172.366 firmatari

Arriviamo a 200.000:

Attività recenti