Il governo tedesco elimina l'olio di palma dai biocarburanti

Fotomontaggio: Una foresta distrutta per la coltivazione della palma da olio con cartello di strada senza uscita. Una foresta distrutta per la coltivazione della palma da olio, fotomontaggio con cartello di strada senza uscita. (© Rainforest Action Network - Montage Rettet den Regenwald - CC BY-NC 2.0)

6 ott 2021

Il governo tedesco ha deciso di non promuovere più i biocarburanti a base di olio di palma in Germania, ma a partire dal 2023. Questo significa che anche se un'importante esigenza di Salviamo la Foresta sarà finalmente soddisfatta - crediamo che la soluzione arrivi troppo tardi e che rimangano varie questioni aperte. I danni causati negli anni da questa politica sbagliata devono essere riparati.

"Ciò che è positivo per il clima non deve danneggiare l'ambiente", questo ha decretato il ministro dell'ambiente tedesco Svenja Schulze in un comunicato stampa del 22 settembre. La Germania vieterà quindi l'olio di palma miscelato nel carburante dal 2023. Perché tagliare le foreste, prosciugare le zone umide e distruggere la natura per i biocarburanti è inaccettabile, ha continuato il ministro.

"Purtroppo questa decisione arriva troppo tardi e lascia vari dubbi", chiarisce Marianne Klute, presidente dell'associazione Rettet den Regenwald/Salviamo la Foresta in Germania. "Le organizzazioni ambientaliste e per i diritti umani, così come gli abitanti delle zone dove si coltiva la palma da olio - compresi molti popoli indigeni - si oppongono da molti anni alla distruzione delle foreste pluviali da parte dell'industria dell'olio di palma".

"La fine degli incentivi a sostegno dell’uso dell'olio di palma deve essere posta in essere più velocemente, non possiamo aspettare fino al 2023", dice Feri Irawan dell'organizzazione ambientalista indonesiana Perkumpulan Hijau. "In caso contrario, continueranno ad esserci innumerevoli conflitti per l’implementazione di piantagioni di palma da olio.”

La palma da olio cresce solo in zone ad alta piovosità, vicino all'equatore, cioè in regioni coperte da foreste pluviali tropicali. I principali produttori di olio di palma sono l'Indonesia e la Malesia. In misura minore l'Africa e l'America centrale e meridionale. Si stima che attualmente ci siano 30 milioni di ettari di monocolture di palma da olio nel mondo. Questa industria ha distrutto le foreste primarie, la biodiversità e i mezzi di sussistenza di molte persone, scatenando centinaia di conflitti per la terra e danneggiando il clima globale.

"Il governo tedesco ha ripetutamente ignorato molteplici proteste, denunce e studi. Ora, vuole tracciare una linea di demarcazione e sottrarsi alle sue responsabilità", dice Klaus Schenk, consulente per le questioni forestali ed energetiche di Salviamo la Foresta. "Milioni di ettari di foresta pluviale sono stati distrutti a causa del fallimento della politica dei biocarburanti del governo tedesco e dell'Unione Europea.”

Con l'annunciata "eliminazione" dell'olio di palma nei biocarburanti a partire dal 2023, il governo tedesco soddisfa una delle principali richieste che Salviamo la Foresta e le organizzazioni dei paesi produttori con cui abbiamo lavorato instancabilmente per questa causa per molti anni hanno messo sul tavolo. Ora, il governo federale tedesco deve chiarire quando e come intende rimediare ai danni causati da questa politica sbagliata dell'olio di palma e dei biocarburanti, come la distruzione delle foreste pluviali, lo sfollamento delle comunità locali e la perdita dei mezzi di sussistenza dei loro abitanti, i popoli indigeni.

"La situazione nelle piantagioni di palma da olio è spesso drammatica", dice Feri Irawan. "Chiediamo: che le imprese che hanno ricevuto sussidi siano ritenute responsabili e riparino i danni ambientali e i problemi sociali che hanno causato, e che lo facciano al più presto.”

La certificazione e l'olio di palma sostenibile sono stati un fallimento

I regolamenti tedeschi e della UE sulla sostenibilità stabiliscono che solo le materie prime prodotte in modo sostenibile possono essere utilizzate nella produzione di biocarburanti. Per garantirlo sulla carta, la certificazione è obbligatoria.

A questo scopo, il governo tedesco ha aiutato a creare e finanziare sistemi di certificazione come International Sustainability Carbon Certification (lSCC) e l'associazione di lobby dell'olio di palma Forum for Sustainable Palm Oil (FONAP). Entrambi sono serviti a nostro avviso per sostenere un’operazione cosmetica - greenwash- per coprire di verde i danni causati dall'uso industriale dell’olio di palma, presentandolo come ecologico e promuovendo il consumo di olio di palma certificato. Anche questa politica si è dimostrata fallimentare, come dimostrano chiaramente le parole dello stesso ministro tedesco dell'ambiente.

La Francia ha già eliminato gli incentivi fiscali per l'olio di palma nel 2020, rendendo il suo uso per la produzione di biocarburanti non redditizio. 

Nel luglio 2021, il governo francese ha annunciato che avrebbe chiuso un'altra scappatoia per i derivati dell'olio di palma. L'Austria ha escluso l'olio di palma dai biocarburanti a partire dal 1° luglio 2021.

L’Italia non si è ancora espressa. Vedremo se dal Ministero della Transizione Ecologica arriverà qualche buona notizia in tal senso, soprattutto attendiamo che ENI rinunci preso a produrre biocarburanti con olio di plama nelle sue bioraffinerie di Marghera e Gela.

Quanto di olio di palma si usa nei biocarburanti?

In Germania nel 2019, secondo FONAP, sono stati consumati un totale di 1,26 milioni di tonnellate (t) di olio di palma, di cui 646.000 t, ovvero più della metà dell'olio di palma consumato, nel settore dei trasporti. Altre 80.000 t sono state bruciate come biocarburante in impianti di cogenerazione. L'industria alimentare ha consumato 246.500 t, l'industria dell'alimentazione animale 150.200 t, i prodotti chimici e farmaceutici 106.517 t e i detergenti, prodotti per la pulizia e cosmetici 29.622 t.

Secondo l'Agenzia federale per l'agricoltura e l'alimentazione (BLE), l'olio di palma costituisce il 17,5% (2019) dei biocarburanti consumati in Germania. Per il biodiesel (FAME), questa percentuale era del 25% e per gli oli vegetali idrogenati (HVO - Hydrogenated Vegetable Oils) del 100%. Di conseguenza, 603.000 t di olio di palma sono state utilizzate per la produzione di biodiesel e 42.000 t per l'HVO.

Una parte non quantificata dell'olio di palma utilizzato è contenuta nei rifiuti e nel materiale residuo utilizzato per la produzione di biocarburanti, come gli oli da cucina esausti (UCO), che sono principalmente importati dall'Asia.

 

Altre questioni critiche:

- Dato che è ancora possibile utilizzare l'olio di soia, sembra probabile che ci sarà un passaggio dall'olio di palma all'olio di soia. Questo aggraverebbe la deforestazione delle foreste pluviali, in questo caso in Sud America. 

- Per quanto si sa, la decisione non si applica alle centrali elettriche, comprese quelle a olio di palma. La legge sulle fonti di energia rinnovabili (EEG) promuove e finanzia la combustione dell'olio di palma come sostenibile.

- Gli oli da cucina usati, gli oli da frittura (UCO), ecc, prodotti con olio di palma sono ancora ammessi come materia prima utilizzabile per i biocarburanti. Tuttavia, sembrerebbe che ci sia una frode massiccia in atto nell’uso degli UCO. L'alta domanda di UCO fa si che i prezzi di questa materia prima siano a volte più alti di quelli dell'olio di palma grezzo. Questo attira i truffatori. L'olio di palma grezzo è apparentemente aggiunto in grandi quantità agli oli esausti per uso culinario ed esportato in Europa. Questo è un affare redditizio, perché i biocarburanti prodotti dai rifiuti e dai residui esausti sono doppiamente promossi e commerciati.

  1. FONAP

    FONAP, gennaio 2021: Analyse des Palmölsektors in Deutschland im Jahr 2019 (Analisi del settore dell‘olio di palma en Germania nel 2019) : https://www.forumpalmoel.org/imglib/downloads/Pressekonferenz%2020-01-2021/FONAP%20Palmölstudie%202019_final.pdf

  2. BLE)

    Agenzia Federale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione (BLE)