Canada: tagliano alberi antichi di 500 anni, fermiamoli!

Collage prima e dopo - Logging in Caycuse Canada L'uomo accanto al tronco funge da riferimento per le dimensioni degli alberi (© TJ Watt - Ancient Forest Alliance) Albero gigante tagliato nella foresta costiera dell'isola di Vancouver Albero gigante abbattuto nella foresta primaria nella costa di Vancouver Island (© TJ Watt - Ancient Forest Alliance) L'orso nero (Ursus americanus) si arrampica su un gigantesco albero sull'isola di Vancouver, in Canada Un orso nero che si arrampica su un albero (© TJ Watt - Ancient Forest Alliance) Disboscamento della foresta primaria costiera sull'isola di Vancouver, British Columbia, Canada Un uomo su un ceppo dà un'idea delle dimensioni degli alberi (© TJ Watt - Ancient Forest Alliance) Albero abbattuto nella British Columbia, Canada Gli ambientalisti trovano costantemente alberi giganti abbattuti (© TJ Watt - Ancient Forest Alliance)

Nonostante siano tra gli ecosistemi più rari, le foreste primarie del Canada occidentale vengono abbattute. Sebbene il governo provinciale della Columbia Britannica avesse promesso più di 6 mesi fa di fermare la deforestazione, di fatto non si vedono risultati. Unitevi a noi per chiedere che le foreste primarie siano protette.

Lettera

CA: Primo Ministro della British Columbia John Horgan; Ministro delle Foreste Doug Donaldson

“Le foreste primarie della Columbia Britannica sono in pericolo. Per favore, fermate l’abbattimento degli alberi antichi e proteggete le foreste.”

Leggi tutta la lettera

Quando si pensa al Canada, si immaginano foreste sconfinate, laghi limpidi e montagne innevate. Oggi, le foreste primarie sono in grave pericolo. Ad un ritmo di tre metri quadrati al secondo, oltre 100.000 ettari di foresta della British Columbia (BC) viene abbattuta ogni anno.

Anche i maestosi abeti di Sitka, gli abeti di Douglas e i giganteschi alberi alti fino a 80 metri - alcuni dei quali hanno più di 1.000 anni vengono abbatttute. Il 90% degli alberi giganti nella BC sono già scomparsi ed ecosistemi complessi vengono gravemente compromessi.

Le foreste sono state usate responsabilmente dalle popolazioni indigene per migliaia di anni e ora salmoni, lupi e orsi stanno perdendo il loro habitat. 

"Se queste foreste primarie vengono distrutte, saranno perse per sempre", dice Jens Wieting dell'organizzazione Sierra Club BC. Gli alberi che ricrescono vengono abbattuti dopo pochi decenni impedendo la rigenerazione e a questa difficoltà si aggiungono gli effetti negativi del cambiamento climatico.

La portata della distruzione della natura è apparsa chiara nel 2014 quando sono state pubblicate le immagini del monumentale abete di Douglas, detto "Big Lonely Doug".

Nell'autunno del 2020, il governo BC si è impegnato ad osservare tutte le raccomandazioni di una commissione di esperti che prevedeva che nell’arco di 6 mesi si fermasse la deforestazione. Ma il premier John Horgan non ha mantenuto questo impegno. La deforestazione continua come prima denuncia il Sierra Club BC e altre organizzazioni.

Gli attivisti locali stanno resistendo pacificamente. Per esempio, da agosto stanno bloccando l'accesso dei taglialegna a Fairy Creek, rischiando l'arresto.

Per favore, unitevi a noi e chiedete di fermare immediatamente l'abbattimento dei giganti della foresta!

Infor­mazioni

Le foreste del Canada si estendono per oltre 347 milioni di ettari. Solo la Russia e il Brasile hanno foreste più grandi.

Solo il 6,9% delle foreste canadesi è protetto, incluso lo 0,1% come "riserve rigorosamente naturali". 

Le foreste costiere delle latitudini temperate coprono meno dell'uno per cento della superficie terrestre. Possono risparmiare più di 1.000 tonnellate di carbonio per ettaro, un numero record.

Normalmente, le "foreste ancestrali" sono considerate quelle che hanno più di 250 anni o che non sono mai state utilizzate dall'industria e questo è il motivo per cui presentano molte caratteristiche della foresta vergine, specialmente la diversità strutturale.

L'isola di Vancouver è un centro nevralgico della distruzione delle foreste

L'isola di Vancouver è una componente fondamentale di vaste aree di foresta di latitudine temperata che si estendono per diverse centinaia di chilometri dalla foresta di Big Bear fino all’Olympic National Park negli Stati Uniti.

Secondo uno studio del Sierra Club BC, quasi la metà delle aree forestali originarie dell'isola di Vancouver sono così danneggiate che le piante e gli animali tipici della regione sono in pericolo. La foresta vergine è stata ridotta del 30 percento. Di alcuni ecosistemi ne rimane intatto meno dell'uno per cento, ciò nonostante, molti non godono di alcuna protezione. La riduzione degli ecosistemi forestali provoca anche siccità, tempeste, aumento di insetti nocivi e un maggior numero di incendi come conseguenza del cambiamento climatico.

Aumentano le esportazioni di legname dal Canada

Nel 2016, il Canada ha esportato legname e prodotti in legno per 34,4 miliardi di dollari canadesi, scambi commerciali con gli Stati Uniti per un valore di 23,8 miliardi, 4,8 miliardi di importo con la Cina e 1,4 miliardi con il Giappone.

Tra il 2015 e il 2016 le esportazioni di legname dal Canada sono aumentate del 5,3%. Le esportazioni di legno da conifere sono cresciute del 17%, le esportazioni di legname da costruzione del 21,6%. La Columbia britannica esporta sempre più legname grezzo non lavorato.

Il 93% delle foreste del Canada sono di proprietà pubblica. Il 77% è gestito dalle diverse province e territori che compongono il paese, che hanno giurisdizione sulle foreste. Il sedici per cento appartiene al governo federale. Il resto è nelle mani di circa 450.000 proprietari privati. Un numero crescente di foreste è riconosciuto come territorio ancestrale delle popolazioni indigene.

Nell'estate scorsa, di quest'anno 201, il governo provinciale, affine agli interessi del settore industriale, dopo le elezioni ha ceduto il passo ad un nuovo governo che promette di proteggere l'ambiente. Seguiremo la sua attività con attenzione.

 

Maggiori informazioni sulle foreste del Canada

Venticinque organizzazioni ambientaliste internazionali chiedono urgentemente azioni concrete per le foreste e le comunità dell'isola di Vancouver e delle comunità 

Censimento in tempo reale delle foreste ancestrali che vengono distrutte in Canada

Articolo de La Stampa: Canada, è salva la foresta del “Grande Orso” 

Lettera

CA: Primo Ministro della British Columbia John Horgan; Ministro delle Foreste Doug Donaldson

Egregio Signor Primo Ministro John Horgan,
Egregio Ministro delle Foreste Doug Donaldson:

Le foreste costiere della British Columbia sono l’emblema dell’immagine del Canada nel mondo. Le foreste vergini con i loro alberi alti 80 metri sono uno degli ecosistemi più peculiari della Terra e attirano turisti e amanti della natura.

Oggi, però, le foreste sono in serio pericolo. Ad un ritmo di oltre di 3 metri quadrati al secondo, più di 10.000 ettari all'anno di foreste vengono distrutte sull'isola di Vancouver, dove il 90% degli alberi giganti è già caduto.

Vi chiedo di impedire l’irreparabile sparizione delle foreste costiere e di altre aree di foreste vergini.

Vi chiedo di emettere un’ordinanza per interrompere gli abbattimenti e preservare le foreste intatte nelle aree più critiche come la foresta del Central Walbran Valley e altre aree di alto valore sull'isola di Vancouver e sulla terraferma.

Vi chiedo di porre in essere quanto prima una legge sulle foreste ancestrali per la British Columbia, che contempli l'esperienza di protezione della foresta di Big Bear. Concedete lo status di protezione ad ampie aree di foresta.

Rispettate i diritti dei popoli ancestrali. Fate uno sforzo concreto per proteggere foreste, fiumi e laghi e per sviluppare fonti di reddito alternative all’industria intensiva per il settore forestale.

La conservazione delle foreste della British Columbia anche nel sud della foresta di Big Bear rappresenterebbe una politica ambientale di riferimento che conquisterà l'ammirazione del mondo.

Cordiali saluti,

Questa petizione è disponible in queste lingue:

241.935 firmatari

Arriviamo a 250.000:

Attività recenti