I rari Oranghi di Tapanuli minacciati da una diga

Orango di Tapanuli Orango di Tapanuli (© Andrew Walmsley/Nature Picture Library)

L’Orango di Tapanuli, una specie identificata solo nel 2017, è già in pericolo di estinzione. Si contano solo 800 esemplari nella foresta di Sumatra. La costruzione di una diga idroelettrica distruggerà il loro habitat. Dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere gli ultimi Oranghi di Tapanuli rimasti.

Lettera

CA: Presidente della Cina Sig. Xi Jinping, Presidente dell'Indonesia Sig. Joko Widodo, CEO di Sinohydro, CEO della compagnia elettrica statale PLN

Non costruire una diga a Batang Toru. La protezione del raro orangutan del Tapanuli è più importante.

Leggi tutta la lettera

Pelo lungo e ondulato - le caratteristiche esterne differenziano gli Oranghi di Tapanuli dai loro parenti di Sumatra e del Borneo. Quando i maschi urlano, sembrano parlare in una lingua straniera.

Solo pochi mesi fa, nel novembre 2017, la comunità scientifica ha scoperto che l'Orango in questione era una specie a sé stante e non una sottospecie dell'orango orango di Sumatra. Gli diedero il nome di Orango di Tapanuli (Pongo tapanuliensis). Le analisi del genoma hanno dimostrato che l'Orango di Tapanuli si separava dalla linea degli oranghi del Borneo. È la specie più rara di orango identificata fino ad oggi.

La scoperta mostra quanto poco sappiamo dei nostri parenti più stretti e quanto lacunosa la nostra conoscenza sulla biodiversità. L'essere umano distrugge più velocemente di quanto riesca ad osservare e descrivere. Questo potrebbe accadere all'Orango di Tapanuli se venisse costruita nel loro habitat una diga per alimentare una centrale idroelettrica. 

Nella foresta a sud del lago Toba, vivono gli ultimi esemplari della specie, circa 800. Nella foresta di Batang Toru, la compagnia statale cinese Sinohydro ha in programma di costruire una centrale idroelettrica da 510 Mw. La comunità scientifica non valida il progetto che distruggerebbe, inondando, una parte dell'habitat degli Oranghi di Tapanuli: questo significherebbe la fine della rara specie di primati.

Una parte della foresta di Batang Toru è protetta, sebbene non esistano altre aree di valore ecologico, in cui il numero di oranghi sia particolarmente alto. La diga isolerebbe anche alcune popolazioni di oranghi gli uni dagli altri.

La costruzione della diga idroelettrica deve essere interrotta.

Infor­mazioni

L'Orango di Tapanuli

E’ stata identificata una terza specie di orango e nessuno l'aveva notato, si rende noto in una pubblicazione di New Scientist nel novembre 2017.

Da tempo si sa che gli oranghi vivono nelle foreste a nord-ovest del lago Toba. Erano considerati appartenenti a una sottospecie dell'orango orango di Sumatra. Ma la ricerca del genoma, la morfologia e il comportamento, hanno portato a nuove evidenze: questo orango è più vicino all’ orango del Borneo (Pongo pygmeus) che a quello di Sumatra (Pongo abelii), che si trova a poche centinaia di chilometri di distanza .

Gli scienziati arrivano a questa conclusione pubblicando la loro analisi sulla rivista Current Biology. Le linee degli oranghi del Borneo e di Sumatra si separarono 3,4 milioni di anni fa. Solo 670.000 anni fa l'orango di Tapanuli si è separato da quello del Borneo.

La foresta di Batang-Toru

A Sud - ovest del lago Toba nella parte nord di Sumatra si trova l'ecosistema di Batang Toru, un importante bacino idrografico con diversi tipi di foreste e biodiversità. L'acqua dell'ecosistema non dipende solo dai villaggi vicini e dai campi di coltivazione. Le foreste forniscono anche protezione contro l'erosione e le inondazioni. Ultimo ma non meno importante, immagazzinano carbonio e sono quindi di grande importanza per il clima globale e locale di Sumatra, che è in gran parte deforestata.

Alcune aree godono dello status di protezione, ma non quelle che hanno più diversità biologica. Una miniera d'oro a sud ha distrutto un'intera montagna, la caccia e la deforestazione illegali e i coloni minacciano la biodiversità. Solo tra il 2001 e il 2010 sono stati deforestati 35 km² di foresta, per lo più protetta. Ci sono strade che attraversano aree sensibili e le piantagioni di palma e gomma raggiungono i loro confini.

Negli altopiani, vivono assieme agli oranghi altre specie in via di estinzione come la tigre di Sumatra e il pangolino. Secondo alcuni studi sulla fauna selvatica, la foresta di Batang Toru ospita quasi 100 mammiferi, di cui 18 si trovano nella lista rossa IUCN delle specie minacciate.

La diga di Batang Toru

La diga di Batang Toru fa parte di un progetto idroelettrico della potenza di 510 MW della compagnia PT North Sumatra Hydro Energy (PNSHE), facente parte della  Beijing Engineering Corporation, la costruzione è gestita dalla Sinohydro Bureau 10 Co. Ltd. e finanziata da Goldman Sachs. PNSHE ha già ottenuto 559 dei 645 ettari richiesti per il progetto.

Il progetto di realizzazione della diga si trova proprio nella zona in cui la concentrazione di oranghi è maggiore. Le strade di accesso e i percorsi per le linee di trasmissione frammentano anche l'intera area e isolano le singole popolazioni di oranghi. Secondo PanEco organizzazione con base in Indonesia che si occupa della conservazione degli oranghi, la costruzione della diga di Batang Toru significherebbe la fine della specie di Orango di Tapanuli scoperta di recente.

Il progetto fa parte dell'iniziativa cinese della nuova via della seta, BRI Belt and Road Intiative o OBOR (One Belt One Road). 

La nuova via della seta

Con l'ambizioso progetto della "Nuova Via della Seta" ( "Belt and Road Initiative" BRI o "One Belt One Road" OBOR) la Cina prevede di espandere le sue relazioni economiche con i paesi emergenti e unire l’Asia all'Africa e all’ Europa via terra e via mare.

Ciò include l'espansione delle rotte di trasporto, numerosi progetti infrastrutturali e lo sviluppo di mercati con Asia centrale e sud-orientale, Africa ed Europa. Per ora, la nuova via della seta apparentemente consiste in un insieme di grandi progetti senza un piano coerente. In quanto alle fonti di finanziamento conta sulla Banca Asiatica per gli Investimenti e l'infrastruttura AIIB e il fondo della Via della seta. La Banca Asiatica per lo Sviluppo ha espresso interesse, così come la Deutsche Bank e altre banche internazionali.

La nuova rotta della seta cambierà la struttura economica globale. Significa allo stesso tempo un'enorme pressione sul clima e sull'ambiente. Il ruolo della Cina e dei suoi vicini asiatici è di fondamentale importanza per la conservazione o la perdita di biodiversità, per il clima globale,  il ruolo dei popoli indigeni e dei piccoli agricoltori.

La diga di Batang Toru mostra con anticipo la gravità delle conseguenze che comporterebbe l’attuazione dei progetti per la nuova via della seta.

C'è il pericolo che nei paesi coinvolti si crei una dipendenza economica indesiderata, come per esempio nello Sri Lanka, che non riesce a rimborsare il prestito per un progetto infrastrutturale BRI. Anche l'indipendenza economica dell'Indonesia potrebbe subire degli impatti negativi a causa della diga di Batang Toru.

Lettura

CA: Presidente della Cina Sig. Xi Jinping, Presidente dell'Indonesia Sig. Joko Widodo, CEO di Sinohydro, CEO della compagnia elettrica statale PLN

Egregio Presidente, Signor Xi Jinping,
Egregio Presidente dell'Indonesia, Signor Joko Widodo,
Gentili Signore, Egregi Signori,

Il raro Orango di Tapanuli, identificato per la prima volta come una specie a sé stante nel 2017, vive nelle foreste di Batang Toru. L'analisi scientifica del suo genoma, morfologia e comportamento, rivela una novità: con la scoperta dell’Orango di Tapanuli in Indonesia oggi si contano tre specie diverse di oranghi. Tutti e tre sono molto vulnerabili, ma soprattutto in questo momento è a rischio la sopravvivenza della specie appena scoperta. Lo sfruttamento minerario, la deforestazione, il bracconaggio e l'industria delle piantagioni stanno decimando le foreste di Batang Toru, eccezionalmente ricche di biodiversità. Gli scienziati ci spingono a proteggere urgentemente e in modo consistente l'habitat degli Oranghi di Tapanuli.

Proprio in questa area ecologicamente importante la compagnia Sinohydro progetta la costruzione di una diga per alimentare una centrale elettrica da 510 MW. La diga dividerà l'habitat degli Oranghi di Tapanuli, isolerà le singole popolazioni e inonderà parzialmente l'area in cui vivono.

Vi esortiamo a fare tutto ciò che è in vostro potere per proteggere l'Orango di Tapanuli. Non rendetevi responsabili dell’ estinzione dei nostri parenti più prossimi! Non sacrificate la loro vita per interessi economici a breve termine!

La pianificazione di progetti così importanti come la diga di Batang Toru deve tenere conto dei criteri ecologici e sociali senza condizioni di sorta.

Non costruite la diga nell'habitat degli Oranghi di Tapanuli!

Cordiali saluti,

Firma la petizione

Arriviamo a 250.000:

244.347
Attività recenti