URGENTE: Spegnete gli incendi, teniamo in vita l'Amazzonia

Incendio forestale in Brasile © Istockphoto/Brasil2

Per l'ennesimo anno, l'Amazzonia brucia. Durante la prima metà dell'anno, sono stati registrati 2.300 incendi nell’Amazzonia. Nel 2020 in Brasile gli incendi avevano devastato 8.500 km2 di foreste e tra agosto 2020 e luglio 2021, sono spariti un totale di 13.235 km2: un aumento del 55%.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Funzionari delle Nazioni Unite per le popolazioni indigene

“Le Nazioni Unite devono intervenire per spegnere gli incendi, fermare l'etnocidio e la distruzione totale dell'Amazzonia. Firmate la petizione.”

Leggi tutta la lettera

In Brasile, il presidente Bolsonaro non solo non ha protetto la foresta pluviale da quando si è insediato nel 2019, ma ne ha favorito l'attacco sistematico, spianando la strada a taglialegna, allevatori e speculatori terrieri per deforestare illegalmente l'Amazzonia e causare gli incendi

Le cause della deforestazione possono essere ricondotte ai tagli ai programmi di protezione e monitoraggio ambientale e alla conseguente espansione di attività come l'allevamento di bestiame e le monocolture di soia per l'esportazione

Anno dopo anno, l’opposizione internazionale delle politiche di Bolsonaro cresce. I popoli indigeni chiedono protezione per i loro territori. In un congresso organizzato nel 2019, hanno chiesto il coinvolgimento di popoli, Stati e organizzazioni internazionali "per preservare il grande polmone del pianeta". Nel 2021 la Corte Penale Internazionale dell’Aja ha avviato le indagini, dopo le accuse presentate dal Collettivo brasiliano degli avvocati per i diritti umani (CADHu) e la Commissione per i diritti umani di Dom Paulo Evaristo Arns. La Corte dell’Aja dovrà stabilire se il Presidente brasiliano possa essere accusato di istigazione al genocidio e attacchi sistematici contro le popolazioni indigene che difendono la foresta Amazzonica.

Gli incendi forestali sono un problema urgente e globale, così come la mancanza di azione. Le migliaia di comunità indigene hanno bisogno di un forte sostegno per difendere l'Amazzonia. L'Agenzia delle Nazioni Unite per l'Ambiente e il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici riferiscono che la distruzione e le sue conseguenze, nonché il peggioramento della qualità dell'aria dovuto agli incendi, continueranno ad aumentare.

È urgente:

  • Adattare le foreste naturali ai cambiamenti climatici, con misure di protezione, conservazione e ripristino che impediscano la deforestazione e nuovi incendi.
  • Fornire una risposta forte a sostegno delle popolazioni indigene che vi abitano e in difesa dell'Amazzonia.
  • Firmate la petizione e condividetela nella rete dei vostri contatti.

 

 

Infor­mazioni

Un altro anno, altri incendi

Con i suoi 7.000.000 km², la foresta amazzonica è la più grande del mondo ed è abitata da migliaia di popolazioni indigene, da cui dipende anche la sua ricca biodiversità. All'attuale ritmo crescente di incendi e deforestazione, in uno scenario di catastrofe climatica, l'Amazzonia raggiungerà presto il temuto punto di non ritorno (40% di deforestazione), che rende irrecuperabile la sua funzione ecologica planetaria. L'obiettivo delle organizzazioni indigene dell'Amazzonia è il ripristino e la conseguente protezione dell'80%.

Gli incendi in Amazzonia avvengono nella stagione secca, in agosto e settembre. Il fumo è denso e l'aria è irrespirabile, e l'incendio lascia dietro di sé aree bruciate e desolate, già prive di alberi. Non è difficile immaginare che l'avanzata delle fiamme degradi terribilmente l'ambiente.

In Brasile, gli Stati di Rondonia e Amazonas e Acre sono stati tra i più colpiti, con il 40% degli incendi di quest'anno 2022 che si sono verificati alla loro confluenza. Nella prima settimana di settembre ci sono stati più di 18.000 focolai di incendio e quasi 60.000 quest'anno, superando i record degli anni precedenti. Gli incendi hanno colpito anche Roraima, Mato Grosso e Pará. Il fumo raggiunge città come San Paolo e Porto Velho e altri Paesi come Bolivia, Argentina e Colombia, colpendo soprattutto le persone con problemi respiratori.

Ma gli incendi che ci preoccupano sono dovuti a roghi intenzionali appiccati da agricoltori, allevatori e speculatori terrieri, per eliminare la vegetazione precedentemente abbattuta e occupare quei terreni con le loro attività. Non c'è dubbio che gli incendi attuali siano legati alle ondate di calore sempre più frequenti, durature e intense, che riducono l'umidità e rendono più difficile il controllo degli incendi.

Per saperne di più sugli incendi in Sud America e in altre parti del mondo clicca qui

Per saperne di più sull'argomento consultate la pagina: Incendi boschivi

Lettera

CA: Funzionari delle Nazioni Unite per le popolazioni indigene

Egregio Francisco Calí Tzay, relatore speciale sui popoli indigeni,

Gentile signora Inger Andersen, direttore esecutivo di UN Environment,

Gentile signora Yoka Brandt, Presidente del Consiglio esecutivo dell'UNDP,

Egregio signor Guy Ryder, Direttore dell'OIL,

Gentile signora Li Yanduan, presidente del CERD,

Egregio Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS,

Egregio signor Qu Dongyu, Direttore generale della FAO,

Gentile signora Patricia Espinosa, Segretario esecutivo dell'UNFCCC,

Gentile signora Elizabeth Maruma Mrema, Segretario esecutivo CBD,

Egregio Audrey Azoulay, Direttore generale dell'UNESCO:

L'Amazzonia è un unico corpo interconnesso di importanza globale per l'umanità e per l'intero pianeta. Gli incendi in corso in Brasile, Bolivia e Paraguay evidenziano più che mai l'urgenza della situazione. Non si tratta di casi isolati e la situazione si ripete anno dopo anno e sta raggiungendo un punto di non ritorno.

Per questo motivo, i progetti o le iniziative che proteggono una parte dell'Amazzonia mentre altre vengono distrutte non servono a nulla. È necessaria un'azione efficace per rafforzare la difesa dell'Amazzonia da parte dei nove Paesi amazzonici.

Le popolazioni che vivono nella regione amazzonica devono confrontarsi con gli incendi e le conseguenti minacce: deforestazione e degrado, disboscamento illegale, allevamento estensivo di bestiame, espansione di attività agroalimentari come la coltivazione di soia e palma da olio, progetti minerari ed estrattivi, sfruttamento degli idrocarburi e infrastrutture come strade, dighe idroelettriche, corsi d'acqua, linee di trasmissione e altro.

Per questo motivo, ci rivolgiamo alle autorità delle Nazioni Unite per chiedere azioni più efficaci per l'Amazzonia, in coordinamento con i governi dei Paesi amazzonici e le organizzazioni indigene che rappresentano gli interessi dei popoli direttamente colpiti dagli incendi e dalla distruzione dell'Amazzonia.

Per tutte queste ragioni, ritengo urgente l'intervento immediato dei funzionari delle Nazioni Unite che lavorano a favore dei popoli indigeni. Mi unisco alla petizione internazionale in difesa dell'Amazzonia e per ripudiare gli incendi che stanno distruggendo il pianeta.

Cordiali saluti,

 

 

News e aggior­namenti

Questa petizione è disponible in queste lingue:

137.175 firmatari

Arriviamo a 150.000:

Attività recenti