Estrazione d’oro e deforestazione: distruzione nella RDC

Manifestazione in barca contro l'avvelenamento del fiume Aruwimi nella provincia di Tshopo, Repubblica Democratica del Congo. La popolazione locale manifesta in barca contro l'avvelenamento del fiume Aruwimi. (© RIAO-RDC)

La Repubblica Democratica del Congo ospita la seconda più grande area di foresta del pianeta. La sua protezione è cruciale per contrastare la crisi climatica e la perdita di biodiversità. Però, nella provincia di Tshopo, i fiumi vengono avvelenati e le foreste distrutte. A Basoko, una piccola città, vogliono fermare la distruzione.

Lettera

CA: Sig. Félix Antoine Tshisekedi, Presidente della Repubblica Democratica del Congo

“Urgente: proteggere le foreste pluviali della RDC dal taglio e dall'estrazione mineraria che avvelena l'ambiente.”

Leggi tutta la lettera

La popolazione della piccola città di Basoko è allarmata. Da quando la compagnia mineraria cinese Xiang Jiang Mining ha dragato il fiume Aruwimi per estrarre oro, l'acqua di questo affluente del fiume Congo è stata inquinata. Le malattie della pelle sono in aumento. Alcune specie di pesci sono già scomparse completamente.

"Noi diciamo NO all'estrazione mineraria nel fiume Aruwimi che distrugge il nostro ecosistema in modo incontrollato", si legge in un memorandum letto durante una manifestazione dell'11 marzo 2022, indirizzata al governo locale. La protesta contro la distruzione dell'ambiente si è svolta a terra e in barca.

Non è solo l'estrazione mineraria a danneggiare la natura nella provincia di Tshopo. Diverse aziende, come FODECO, Congo Futur e SOFORMA, hanno riferito di aver effettuato un massiccio abbattimento di alberi vicino a Basoko.

"Saccheggiano sistematicamente le foreste senza alcun beneficio per la popolazione", dice Jean-François Mombia Atuku, presidente dell'organizzazione ambientale RIAO-RDC. "Mettono a tacere chiunque chieda di rendere conto del loro operato. I lavoratori sono trattati "come schiavi" nella foresta, aggiunge. "Per queste aziende, i diritti umani non significano nulla.”

Le lamentele sull'estrazione mineraria arrivano fino alla capitale, Kinshasa. Nel gennaio 2022, secondo i media, il ministro dell'ambiente Eve Bazaiba ha chiesto che Xiang Jiang Mining cessi le operazioni entro il 25 febbraio 2022. Tuttavia, da allora non è successo nulla: l'azienda continua a lavorare, apparentemente, imperterrita.

"Ora abbiamo bisogno di creare pressione internazionale", dice Jean-François Mombia Atuku. Il destinatario è il presidente Tshisekedi, che ha posizionato il suo paese come un protagonista di rilievo per contrastare la crisi climatica la crisi climatica durante la conferenza sul clima COP26.

Per favore, sottoscrivete questa petizione.

Infor­mazioni

Informazioni di contesto

Le foreste tropicali della Repubblica Democratica del Congo coprono 99,8 milioni di ettari di terra (dati del 2020), rendendole la seconda più grande del pianeta. Il Brasile è al primo posto con 318,7 milioni di ettari, seguito dall'Indonesia al terzo posto con 84,4 milioni di ettari.

Il bacino del Congo comprende anche il Gabon, con 22,4 milioni di ettari di foresta pluviale (grado 9), e la Repubblica del Congo, con 20,8 milioni di ettari (grado 10).

La distruzione delle foreste su larga scala si sta verificando in tutti i principali paesi della foresta pluviale. Tra il 2001 e il 2020, la perdita è stata di 24,5 milioni di ettari in Brasile, 9,4 milioni di ettari in Indonesia e 4,8 milioni di ettari nella Repubblica Democratica del Congo.

 

La moratoria sul disboscamento tiene a bada l'industria del legname

Una moratoria sul nuovo disboscamento è in vigore nella Repubblica Democratica del Congo dal 2002. Senza questo divieto, i tassi di deforestazione sarebbero stati probabilmente più alti, poiché grandi aree forestali sarebbero cadute nelle grinfie dell'industria del legname.

Alla fine del 2021, il governo ha minacciato da Kinshasa di togliere il divieto, ma è ritornata sui suoi passi poco dopo. Una delle ragioni potrebbe essere imputata all'imminente conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico COP26 a Glasgow. Per proteggere la foresta, le organizzazioni internazionali di donatori hanno fornito al Congo centinaia di milioni di euro. Un altro miliardo di euro è previsto, soprattutto attraverso il fondo CAFI (Central African Forest Initiative). La revoca della moratoria nella stanza era forse un mezzo di pressione.

Ci sono state ripetute accuse che le concessioni sono state elargite nonostante la moratoria. Nel 2018, il CAFI è arrivato al punto di sospendere temporaneamente i suoi pagamenti perché l'allora ministro dell'ambiente, Amy Ambatobe, avrebbe rinnovato tre concessioni a società cinesi. Nel 2020, ci sono state accuse contro l'allora ministro Claude Nyamugabo per il rilascio di concessioni.

 

Furto di terre da parte della compagnia di olio di palma PHC

La regione di Basoko ospita anche una parte delle piantagioni e delle concessioni della compagnia dell'olio di palma Plantations et Huileries du Congo (PHC). Gli inizi di queste piantagioni risalgono a 110 anni fa, quando il governo coloniale belga cedette grandi aree forestali all'uomo d'affari inglese Lord Leverhulme. La popolazione locale non è mai stata d'accordo, perché è stata semplicemente derubata della sua terra e quindi dei suoi mezzi di sussistenza. Le concessioni sono state la pietra angolare di quella che oggi è la corporazione globale Unilever. Nel 2009, Unilever ha venduto il suo terreno alla società canadese Feronia. Questa società è fallita nel 2020, e poi la società d'investimento Straight KKM, con sede a Mauritius, ha acquisito le piantagioni.

Lo stato tedesco era coinvolto nello scandalo delle piantagioni Feronia-PHC attraverso la German Development Company (DEG): un consorzio di diverse banche di sviluppo aveva investito più di 150 milioni di dollari in PHC e nel suo ex proprietario Feronia per più di nove anni. DEG era stata coinvolta dal 2015 con 16,5 milioni di dollari.

Nel febbraio 2022, le banche di sviluppo di Belgio, Regno Unito e Paesi Bassi hanno venduto le loro azioni insieme a DEG.

Ci sono state gravi violazioni dei diritti umani e crimini ambientali prima e durante questo coinvolgimento. Per esempio, all'inizio del 2021, più di 15 persone sono state detenute arbitrariamente e due sono state uccise dalle forze di sicurezza della PHC.

Le banche di sviluppo sono responsabili dello scandalo, perché per anni hanno posseduto una quota di maggioranza della società, erano fortemente rappresentate nel consiglio di amministrazione e detenevano quasi tutto il debito residuo. Tuttavia, non hanno fermato la violenza. Inoltre, i conflitti di terra tra PHC e le comunità non sono stati risolti.

Con una petizione, sosteniamo le persone che si oppongono a questa violenza, alla criminalizzazione e al land grabbing. A tal fine, sosteniamo l'organizzazione RIAO-RDC con donazioni.

Lettera

CA: Sig. Félix Antoine Tshisekedi, Presidente della Repubblica Democratica del Congo

Egregio Signor Presidente Tshisekedi,

La Repubblica Democratica del Congo (RDC) ospita la seconda più grande area coperta da foreste tropicali del pianeta. La protezione di queste foreste è fondamentale nel contrastare la crisi climatica globale e l'estinzione delle specie. Inoltre, diversi milioni di persone vivono in queste foreste.

Poiché il vostro governo ha una grande responsabilità nella protezione delle foreste e dei mezzi di sussistenza della popolazione della RDC, ci rivolgiamo a voi.

Nella provincia di Tshopo, la popolazione locale protesta contro l'avvelenamento dei fiumi da parte di imprese come la cinese Xiang Jiang Mining e il saccheggio delle foreste da parte di imprese come la FODECO.

Mi appello quindi a voi al fine di:
- Fermare la deforestazione distruttiva e l'estrazione mineraria che avvelena l'ambiente.
- Assicurarsi che le aziende rispettino i diritti delle persone, specialmente il diritto al consenso libero, preventivo e informato.
- Assicurarsi che le aziende rispettino i diritti dei leader delle comunità.
- Garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori.

Vi prego di fare fronte alla vostra responsabilità nei confronti dei cittadini della RDC e del mondo.

Cordiali saluti,

Footnotes

durante la conferenza sul clima COP26.

Il presidente Tshisekedi ha detto: "Con le sue foreste, acqua e risorse minerarie, la Repubblica Democratica del Congo offre una vera soluzione alla crisi climatica. Per proteggere le nostre foreste e promuovere la loro gestione sostenibile, la nostra priorità, nel quadro di questo nuovo partenariato, è quella di rafforzare la governance e la trasparenza in tutti i settori di utilizzo del territorio. Questo partenariato sostiene anche la nostra ambizione di rispondere alla doppia sfida della sicurezza alimentare e del cambiamento climatico attraverso un'agricoltura sostenibile, specialmente nelle savane.

Questa petizione è disponible in queste lingue:

75.963 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti