Amazzonia in pericolo nella Guyana francese

Un bradipo dalla gola bianca si aggrappa a un tronco d'albero abbattuto nella foresta pluviale. Guyana: la foresta pluviale è l'habitat del bradipo bianco, ma ci sono progetti che potrebbero distruggerla. (© P. PANTEL - Association Nationale pour la Biodiversité)

La Francia sta esercitando forti pressioni sulla UE per costruire nuove centrali a biomassa nella Guyana francese, anche per alimentare il Centro spaziale europeo di Kourou e sviluppare biocarburanti per l'industria spaziale. Questi piani rappresentano una minaccia per la foresta amazzonica e per la popolazione.

News e aggior­namenti Lettera

CA: Governo francese, Parlamento europeo, Commissione UE, Consiglio dei Ministri UE e rappresentanti eletti dell'entità della Guyana.

“Proteggere la foresta amazzonica: la Direttiva UE sulle energie rinnovabili non prevede esenzioni per le centrali elettriche a legna nella Guyana francese.”

Leggi tutta la lettera

L'organizzazione ambientalista Maïouri Nature Guyaneriferisce che i membri francesi del Parlamento europeo hanno introdotto una deroga nella Direttiva UE sulle energie rinnovabili. Per aumentare la produzione di legno come combustibile per le nuove centrali elettriche a biomassa nella Guyana francese, intendono aggirare le norme UE sulla sostenibilità e sulla riduzione delle emissioni di gas serra.

Il governo francese sta già lavorando a un decreto per accelerare l'espansione dell'industria delle biomasse nel territorio francese d'oltremare in Sud America.

La foresta amazzonica è minacciata dalla deforestazione. Le aree forestali abbattute possono essere convertite in monocolture per la produzione di legno o di altre biomasse vegetali come combustibile.

L'Agenzia spaziale europea (ESA) e l'agenzia spaziale francese CNS vogliono costruire due centrali elettriche a legna, che da sole bruceranno 12.000 tonnellate di legno all'anno per ridurre i costi e fornire energia al centro spaziale di Kourou.

Le organizzazioni ambientaliste e la comunità scientifica chiedono alla UE e ai suoi Stati membridi non riconoscere più il legno proveniente dall'abbattimento delle foreste come una fonte di energia rinnovabile neutrale per il clima e di non sovvenzionare più la combustione del legno.

 Abbattere alberi e bruciare intere foreste nelle centrali elettriche aumenta le emissioni di CO2, alimenta la crisi climatica globale e distrugge gli ecosistemi e la biodiversità. La Francia e la UE minano così i propri obiettivi di conservazione del clima e della natura.

Inoltre, questi progetti minacciano i diritti delle popolazioni indigene della Guyana e l'accesso alla terra dei piccoli proprietari terrieri.

Il Parlamento europeo, la Commissione europea e il Consiglio dei ministri negozieranno presto la Direttiva sulle energie rinnovabili. Vi esortiamo a contribuire per impedirne l'abrogazione.

Infor­mazioni

 

La Guyana francese

La Guyana francese è un territorio francese d'oltremare, parte dell'Unione Europea e della foresta amazzonica. Con una superficie di 83.825 km², è grande quasi quanto l'Austria. È scarsamente popolata, con circa 300.000 abitanti, la maggior parte dei quali vive sulla costa atlantica. 

La Guyana dipende finanziariamente ed economicamente dalla Francia. L'Agenzia Spaziale Europea (ESA), che gestisce uno spazioporto a Kourou, dà lavoro a molte persone ed è di grande importanza economica e strategica.

 

Biodiversità nella Guyana francese

Oltre il 90% della superficie della Guyana francese è coperto da vari tipi di foreste pluviali tropicali ricche di specie vegetali e animali, di cui circa il 96% sono foreste primarie. Le mangrovie si estendono lungo la costa.

Nella Guyana francese sono state identificate finora 1.660 specie di alberi. Il numero di piante vascolari descritte ammonta a 5.500 specie.

Anche la fauna è molto ricca di specie: sono state registrate scientificamente 367 specie di pesci d'acqua dolce, 135 specie di anfibi, 167 specie di rettili, 711 specie di uccelli e 217 specie di mammiferi. Il numero di insetti e artropodi varia da 400.000 a un milione di specie, anche se la cifra reale è probabilmente molto più alta[1].

La conservazione delle foreste tropicali e della biodiversità della Terra è essenziale per combattere la crisi climatica globale e prevenire eventi meteorologici estremi. Anche le foreste primarie e gli altri ecosistemi della Guyana francese svolgono un ruolo in tal senso.

Le minacce alle foreste della Guyana francese sono rappresentate principalmente dal disboscamento industriale, dall'estrazione dell'oro, da progetti infrastrutturali come la costruzione di strade (ad esempio tra Cayenne e Saul e tra Saint-Laurent e Maripasoula) e dalla costruzione di centrali idroelettriche i cui bacini sommergono ampie porzioni di foresta. Ad oggi, il disboscamento per le attività agricole è stato molto ridotto.

  

Produzione di energia elettrica nella Guyana Francese

La capacità installata per la produzione di energia elettrica nella Guyana francese ammonta a più di 200 MW. L'energia idroelettrica rappresenta attualmente la quota maggiore, con 120 MW, mentre centinaia di chilometri quadrati di foresta pluviale sono stati sommersi in bacini artificiali. Una parte dell'energia è ancora generata da due centrali a combustibili fossili della società energetica francese EDF (Centrale Thermique de Kourou 20 MW e Centrale Thermique Dégrad-des-Cannes 20 MW). Inoltre, esistono diversi parchi fotovoltaici, tra cui due gestiti dalla società Albioma a Kourou (12 MW) e a Matoury (4 MW) da più di dieci anni [2] .

Secondo i piani del governo francese, nella Guyana francese saranno installate centrali a biomassa con una capacità di 40 MW entro il 2023 e di 60 MW entro il 2028 [3] . Entro il 2030, il 30% dell'energia proverrà da centrali a biomassa. La quantità di biomassa necessaria a tal fine è stimata in poco meno di 800.000 tonnellate nel 2030.

 

Centro spaziale europeo di Kourou

Il Centro spaziale europeo di Kourou consuma circa il 20% dell'elettricità della Guyana francese. Per ridurre i costi e diventare indipendenti dalla rete elettrica locale, l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l'Agenzia Spaziale Francese (CNS) vogliono costruire due centrali a biomassa, oltre a impianti fotovoltaici (capacità prevista di 10 MW) [4] .

A tal fine, la società francese IDEX Services intende costruire due centrali a biomassa con una capacità elettrica di 9,1 MW e una capacità termica di 9,1 MW (raffreddamento ad acqua refrigerata per gli impianti industriali del centro spaziale). L'investimento complessivo dovrebbe ammontare a 120 milioni di euro. 120.000 tonnellate di legno della Guyana saranno bruciate ogni anno nelle due centrali [5] .

 

Centrali a biomassa alimentate con residui agricoli e legno

Negli ultimi anni, nella Guyana francese sono state costruite e messe in funzione diverse centrali a biomassa alimentate da bagassa e altri residui agricoli, oltre che da residui dell'industria del legno e delle segherie. Pertanto, la totalità dei rifiuti disponibili in Guyana viene già utilizzata. Per questo motivo, si intende utilizzare il legno stesso come combustibile per le nuove centrali a biomassa.

La più piccola di queste centrali a biomassa (1,7 MW) è già in funzione dal 2009 a Kourou. Alla fine del 2020 è stata messa in funzione un'altra centrale a biomassa a Cacao (5,1 MW), mentre una centrale a biomassa a d'Iracoubo (5,1 MW) è ancora in costruzione. Una centrale a biomassa a Sinnamary (10,6 MW) ha recentemente iniziato a bruciare residui di legno provenienti da alberi sommersi recuperati dal bacino (365 km2) dell'impianto idroelettrico di Petit Saut (116 MW), gestito dal gruppo energetico EDF [6]. L'operatore delle quattro centrali a biomassa è il gruppo energetico francese Voltalia [7].

La IDEX sta costruendo una centrale a biomassa (6 MW) a Montsinéry-Tonnégrande, la cui messa in funzione è prevista per il 2023, che consumerà 57.000 tonnellate di biomassa all'anno [8, 9, 10].

 

Centrali a biomassa con "biomassa liquida"

Inoltre, sembra che siano in progetto diverse centrali a biomassa che funzioneranno con "biomassa liquida" (olio vegetale o biocarburanti). Tra queste c'è Le Larivot, un impianto da 120 MW progettato dall'azienda energetica francese EDF in una palude di mangrovie, che fornirà elettricità alla capitale, Cayenne [11] .

Il progetto è stato fortemente criticato, anche perché si prevede di utilizzare l'olio di soia come combustibile [12] . Centinaia di chilometri quadrati di foresta pluviale dovrebbero essere disboscati per produrre l'olio di soia necessario al funzionamento dell'impianto. La coltivazione della soia è la principale causa di distruzione degli ecosistemi naturali in Sud America. Nel frattempo, sembra che per Le Larivot [13] si parli di importare olio di colza dall'Europa da utilizzare come carburante.

Alla fine di luglio 2021, un giudice ingiuntivo del Tribunale amministrativo di Caienna ha sospeso il permesso ambientale per il funzionamento della centrale di Le Larivot di EDF, scrive il governo francese in un comunicato [14]. Poiché il progetto della centrale è fondamentale per la sicurezza dell'approvvigionamento elettrico in Guyana, lo Stato ha deciso, come il promotore del progetto, di impugnare la decisione del giudice provvisorio e di presentare un ricorso in cassazione al Consiglio di Stato.

La società ALBIOMA S.A.S. ha presentato domanda per un'altra centrale a biomassa liquida con una capacità di 12 MW a Saint Laurent du Maroni [15] .

Tabella # 1: Centrali a biomassa esistenti e in progetto nella Guyana francese (elaborato da Salviamo la Foresta, fonti  4 - 15)

#

Ubicazione

Operatore

Capacità in MW

Inizio delle operazioni

Combustibile

1

Kourou

Voltalia

1,7

2009

Legno

2

Cacao

Voltalia

5,1

2022

3

Sinnamary

Voltalia

10,6

2022

Legno per dighe

4

d'Iracoubo

Voltalia

5,1

?

5

Montsinéry-Tonnégrande

IDEX

6,0

2023

57.000 t/a

6

ESA Kourou

IDEX

9.1 electr.

2024

120.000 t di legno

7

ESA Kourou

IDEX

9.1 term.

2025

8

El Larivot

EDF

120

?

Biomassa liquida, per esempio olio di colza

9

San Lorenzo de Maroni

ALBIOMA

12,0

?

Biomassa liquida

SUMA

160,5

Deroga introdotta per la Guyana francese

La deroga per la Guyana francese e altre "periferie della UE " [16] introdotta dai membri francesi del Parlamento europeo nella Direttiva UE sulle energie rinnovabili (RED III) non solo consentirebbe di disboscare migliaia di ettari di foreste pluviali ricche di specie nella Guyana francese e di convertirle in piantagioni di legno industriale a fini energetici, ma libererebbe anche gli aiuti di Stato per finanziare queste attività.

Inoltre, non si tratta solo di biomassa solida (legno, residui agricoli e rifiuti) per le centrali elettriche, ma anche di "biocarburanti liquidi" e "biocarburanti in particolare per il settore spaziale e le attività astrofisiche correlate". Non si sa ancora cosa questo significhi in termini concreti.

È urgente agire e reagire, poiché la deroga deve essere confermata dalla Commissione europea e dal Consiglio dei ministri della UE. I colloqui tripartiti (trilogo) su questo tema si sono svolti il 7 febbraio 2023 con il Parlamento europeo, e vi terremo aggiornati sulla decisione presa.

 

FONTI:

1 Maïouri Nature Guyane 2023. DOSSIER BIOMASSE GUYANE. Alerte sur la refonte RED III et dérogation biomasse ligne primaire en Guyane: https://drive.google.com/file/d/19o5FGsMTu2nBIU3Qfnb6y8XYtmIm3HF4/view. 

2 Albiome senza data. Nessun impianto. Guyana: https://www.albioma.com/implantation/guyane/

3 Repubblica di Francia 2020. Biomassa: https://guyane.ademe.fr/expertises/energies-renouvelables/biomasse

 4 ESA (2020). ESA e CNES scelgono le energie rinnovabili per alimentare lo spazioporto europeo: https://www.esa.int/Enabling_Support/Space_Transportation/ESA_and_CNES_choose_renewable_energy_to_power_Europe_s_Spaceport.

5 IDEX 2022. Idex acquisisce due progetti di cogenerazione a biomassa a Kourou, nella Guyana francese: https://www.idex.fr/nos-actualites/idex-fait-lacquisition-de-deux-projets-de-centrales-de-cogeneration-biomasse-kourou-en-guyane

6 TV Guyane 1. 2022. Il progetto per la futura più grande centrale a biomassa della Guyana, a Petit Saut, è prossimo al completamento: https://la1ere.francetvinfo.fr/guyane/le-projet-de-la-future-plus-grande-centrale-de-biomasse-de-guyane-a-petit-saut-est-sur-le-point-d-aboutir-1223106.html 

7 Voltalia 2021. Produzione di energia elettrica certificata dal marchio PEFC per la centrale a biomassa di Kourou, in Guyana: https://www.voltalia.com/news-releases/news-release-details/electricity-production-certified-pefc-label-kourou-biomass-plant/

 8 TV Guyane 1 2022. In costruzione la centrale a biomasse di Montsinéry-Tonnégrande sarà operativa nel 2023: https://la1ere.francetvinfo.fr/guyane/centre-littoral/en-construction-la-centrale-biomasse-de-montsinery-tonnegrande-sera-operationnelle-en-2023-1306776.html

9 IDEX 2022. Idex sostiene la transizione energetica del territorio guyanese: https://www.idex.fr/nos-actualites/idex-soutient-la-transition-energetique-du-territoire-guyanais

 10 TV Guyane 1. 2021. La società Idex costruisce una centrale a biomassa per l'elettricità a Montsinéry-Tonnegrande: https://la1ere.francetvinfo.fr/guyane/la-societe-idex-construit-une-centrale-de-biomasse-pour-l-electricite-a-montsinery-tonnegrande-1169545.html 

11 EDF PEI 2021. LA CENTRALE DEL LARIVOT. Una centrale 100% rinnovabile per soddisfare il fabbisogno energetico della Guyana: https://www.centraledularivot.fr

12 Mongabay 2020. le centrali elettriche a biocombustibile di soia nella Guyana francese rischiano la deforestazione massiccia dell'Amazzonia: https://news.mongabay.com/2020/12/french-guiana-soy-biofuel-power-plants-risk-massive-amazon-deforestation/

13 Guyaweb 2023. BIOMASSE: DES DÉROGATIONS ET BEAUCOUP D'INCONNUES: https://www.guyaweb.com/actualites/news/societe/biomasse-des-derogations-et-beaucoup-dinconnues/?

14 Repubblica francese, Ministero dell'Ambiente 2021. Centrale elettrica di Larivot in Guyana: https://www.guyane.gouv.fr/Publications/Salle-de-presse/2021/Aout-2021/Centrale-electrique-du-Larivot-en-Guyane

15 Repubblica francese, Ministero dell'Ambiente 2023. Demande Projet Projet central de combustion de 12MW fonctionnant à biomassse liquide ST Laurent-du-Maroni: https://www.guyane.gouv.fr/Actions-de-l-Etat/Environnement-Energie-et-Amenagement/Environnement/Autorite-environnementale/Examens-au-cas-par-cas/2023/Demande-Projet-centrale-de-combustion-de-12MW-fonctionnant-a-biomasse-liquide-ST-Laurent-du-Maroni 

16 Parlamento europeo 2022. TESTI ADOTTATI: https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2022-0317_ES.pdf

Pagina 69:

(gb) il paragrafo 13 è sostituito dal seguente:

"13. Ai fini di cui al paragrafo 1, primo comma, del presente articolo,

Gli Stati membri possono derogare, per un periodo di tempo limitato, ai criteri di cui al paragrafo 1, primo comma.

periodo di tempo, ai criteri stabiliti nei paragrafi da 2 a 7, 10 e 11 del presente articolo, adottando criteri diversi per

Articolo adottando criteri diversi per

(a) gli impianti situati in una regione ultraperiferica ai sensi dell'articolo 349 del TFUE; b) gli impianti situati in una regione ultraperiferica ai sensi dell'articolo 349 del TFUE.

(a) gli impianti situati in una regione ultraperiferica ai sensi dell'articolo 349 del TFUE, nella misura in cui producono energia elettrica o riscaldamento o raffreddamento

(a) gli impianti situati in una regione ultraperiferica quale definita all'articolo 349 del TFUE, nella misura in cui producono elettricità o riscaldamento o raffreddamento a partire da combustibili da biomassa e bioliquidi,

nonché da biocarburanti utilizzati in particolare nel settore spaziale e nelle attività astrofisiche correlate, e

attività astrofisiche correlate; e

(b) i combustibili da biomassa e i bioliquidi utilizzati negli impianti,

nonché i biocarburanti utilizzati in particolare nel settore spaziale e nelle attività astrofisiche connesse e le attività astrofisiche connesse; e

attività astrofisiche connesse, di cui alla lettera a) del presente paragrafo, indipendentemente dal luogo di origine del combustibile.

indipendentemente dal luogo di origine di tale biomassa, purché i criteri siano oggettivamente giustificati dalla

criteri siano oggettivamente giustificati dal fatto che il loro obiettivo è quello di garantire, per tale regione ultraperiferica, che

garantire, per tale regione ultraperiferica, l'accesso a un'energia sicura e a

e di incentivare la transizione dai combustibili fossili ai combustibili da biomassa sostenibili e alla

carburanti sostenibili da biomassa e ai bioliquidi.

I bioliquidi, i biocarburanti e i carburanti da biomassa prodotti a partire da

biomassa legnosa primaria raccolta in modo sostenibile e derivanti dalla pianificazione urbana in una regione ultraperiferica.

pianificazione urbana in una regione ultraperiferica in cui le foreste coprono almeno il 90% del territorio di tale regione.

Ai fini dell'articolo 29, paragrafo 2, si tiene conto del 90% del territorio di tale regione.

di cui all'articolo 29, paragrafo 1, lettere a), b) e c).

 

Al fine di garantire la sicurezza energetica nelle regioni ultraperiferiche, gli Stati membri possono continuare a concedere un sostegno alle regioni ultraperiferiche.

Gli Stati membri possono continuare a concedere un sostegno per la produzione di energia elettrica da biomassa forestale.

produzione di elettricità da biomassa forestale in impianti di sola elettricità situati nelle regioni ultraperiferiche.

situati nelle regioni ultraperiferiche di cui all'articolo 349 del TFUE.

[Em. 33]"

Lettera

CA: Governo francese, Parlamento europeo, Commissione UE, Consiglio dei Ministri UE e rappresentanti eletti dell'entità della Guyana.

Gentili Signore, Egregi Signori

i parlamentari e il governo francese intendono accelerare la costruzione di nuove centrali elettriche a biomassa nella Guyana francese e consentire lo sviluppo di biocarburanti, soprattutto per l'utilizzo nel settore spaziale. 

A tal fine, hanno introdotto una deroga nella Direttiva UE sulle energie rinnovabili e stanno lavorando a un decreto in Francia che consentirebbe l'uso di legname proveniente dal disboscamento legale della foresta amazzonica e la conversione dell'uso del suolo in piantagioni di legname o monocolture agricole per la coltivazione di biomassa a fini energetici.

Vi chiediamo di respingere l'esenzione per la Guyana francese e altri territori d'oltremare e il decreto stesso. 

Il legno proveniente dall'abbattimento della foresta amazzonica NON è un'energia rinnovabile neutrale dal punto di vista climatico, né lo è la biomassa coltivata su terreni che sono stati disboscati per la produzione di biocarburanti. In questo modo, la Francia e la UE stanno minando sia i loro obiettivi climatici che la loro politica contro la deforestazione globale e la protezione degli ecosistemi e della biodiversità.

Cordiali saluti,

News e aggior­namenti

Dalle nostre reti · 15 mag 2023

Un SÌ al Parco Nazionale Yasuní

Collettivo Yasunidos alla conferenza stampa, 10 maggio 2023

Entro un massimo di 75 giorni, l'Ecuador potrà dire "SÌ alla difesa dello Yasuní, dei suoi popoli, delle sue foreste e delle sue specie". Ciò avverrà nell'ambito di una consultazione popolare richiesta da oltre 700.000 persone preoccupate per l'avanzata del petrolio nell'Amazzonia ecuadoriana. Hanno aspettato per dieci anni e finalmente potranno farlo.

leggi

Notizia · 14 mar 2023

Le vene aperte del Brasile

In Brasile, un progetto multimiliardario per la costruzione di una ferrovia merci privata e di un porto per l'esportazione di materie prime verso Europa e Cina minaccia la foresta amazzonica e la savana del Cerrado. La compagnia ferroviaria tedesca Deutsche Bahn è già coinvolta, la banca di sviluppo tedesca KfW e la società di sviluppo GIZ stanno studiando un possibile sostegno al progetto.

leggi

Notizia · 15 feb 2023

Il popolo Yanomami subisce un genocidio

Immagini e notizie scioccanti giungono dalla foresta dove vivono gli Yanomami. Migliaia di cercatori d'oro illegali invadono e occupano il loro territorio nella foresta amazzonica riconosciuta dallo Stato, distruggendo e avvelenando i mezzi di sussistenza degli indigeni: le persone muoiono per le malattie contagiose, la contaminazione da mercurio e la fame.

leggi
Footnotes

Maïouri Nature GuyaneMaïouri Nature Guyane 2023. Energie biomasse: La France veut raser la forêt amazonienne
de Guyane pour faire "décoller" des fusées bio?: https://sites.google.com/site/maiourinature/fusee-bio

Maïouri Nature Guyane 2023. DOSSIER BIOMASSE GUYANE. Alerte sur la refonte RED III et dérogation biomasse ligne primaire en Guyane: https://drive.google.com/file/d/19o5FGsMTu2nBIU3Qfnb6y8XYtmIm3HF4/view


Direttiva UE sulle energie rinnovabili

Direttiva 2018/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2018 sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili (nota anche come Direttiva sulle energie rinnovabili - RED).

Parlamento europeo 2022. TESTI ADOTTATI: https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2022-0317_ES.pdf

Pagina 74: 1. gb) All'articolo 29, il paragrafo 13 è sostituito dal seguente: (...)


decretoDirettiva 2018/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2018 sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili (nota anche come Direttiva sulle energie rinnovabili - RED).

Parlamento europeo 2022. TESTI ADOTTATI: https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2022-0317_ES.pdf

Pagina 74: 1. gb) All'articolo 29, il paragrafo 13 è sostituito dal seguente: (...)


12.000 tonnellate di legno all'annoIDEX 2022. Idex acquisisce due progetti di cogenerazione a biomassa a Kourou, nella Guyana francese: https://www.idex.fr/nos-actualites/idex-fait-lacquisition-de-deux-projets-de-centrales-de-cogeneration-biomasse-kourou-en-guyane 


ridurre i costi e fornire energia al centro spaziale di Kourou.ESA (2020). ESA e CNES scelgono le energie rinnovabili per alimentare lo spazioporto europeo: https://www.esa.int/Enabling_Support/Space_Transportation/ESA_and_CNES_choose_renewable_energy_to_power_Europe_s_Spaceport 


Le organizzazioni ambientaliste e la comunità scientifica chiedono alla UE e ai suoi Stati membriWoodwell Climate Research Center 2021 Letter Regarding Use of Forests for Bioenergy:

Centinaia di scienziati affermano che gli alberi sono più preziosi da vivi che da morti, sia per il clima che per la biodiversità: https://www.woodwellclimate.org/letter-regarding-use-of-forests-for-bioenergy/

Tagliare il carbonio senza foreste 2022. Gli scienziati chiedono di porre fine alla combustione di biomassa forestale a scopo energetico per il bene della natura e della biodiversità. Unisciti ad altri scienziati per chiedere la fine della biomassa forestale su scala industriale: https://www.cutcarbonnotforests.org/scientist-letter-read/ 

Questa petizione è disponible in queste lingue:

93.221 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti