Esigono la restituzione delle terre sottratte e la protezione dalla violenza

Le comunità indigene e quilombola protestano contro l'espansione della monocoltura della palma da olio con lo striscione "La BBF ci sta uccidendo. Fuori dal nostro territorio". Le comunità indigene e quilombola protestano contro l'espansione della monocoltura della palma da olio con lo striscione "La BBF ci sta uccidendo. Fuori dal nostro territorio". (© Movemento IRQ) Due donne controllate da una guardia dietro un cancello sbarrato - Testo scritto sul cartello dell'azienda: Agropalma - Controllo dell'accesso al cimitero di Nossa Senhora da Batalha. PROPRIETÀ PRIVATA L'azienda agropalma controlla l'accesso della comunità al proprio cimitero. (© Avispa Mídia) Visita di una delegazione delle organizzazioni CIMI, FASE, WRM e Salviamo la Foresta alla comunità di Turiaçu. Rappresentanti di Salviamo la Foresta durante una visita di solidarietà alla comunità colpita da Agropalma (© Maia Schenck) Rappresentanti di Salviamo la Foresta insieme a CIMI, FASE e WRM ascoltano le testimonianze dei membri della comunità sulla situazione dei diritti umani nella Valle dell'Acará, Pará, Brasile. Visita di solidarietà alle comunità colpite dall'espansione della palma da olio dell'azienda BBF. (© Salva la Selva)

Le piantagioni di palma da olio si stanno diffondendo nell'Amazzonia brasiliana orientale. Le popolazioni indigene e quilombola denunciano che le aziende produttrici di palme da olio si sono appropriate di ampie porzioni di terra. Chiedono alle autorità di restituire loro la terra e di proteggerli da violenze e attacchi.

Lettera

CA: Signor Presidente Luíz Inácio Lula da Silva; Ministero dei Popoli Indigeni; Fondazione Nazionale dei Popoli Indigeni FUNAI; Istituto Nazionale di Colonizzazione e Riforma Agraria INCRA; Consiglio Nazionale dei Diritti Umani

“Il governo brasiliano deve rispettare i suoi obblighi costituzionali, riconoscere i diritti alla terra e garantire la sicurezza e lo stato di diritto.”

Leggi tutta la lettera

La regione di Vale do Acará è il centro del settore della palma da olio in forte espansione in Brasile. Salviamo la Foresta ha visitato la regione, nello stato di Pará, incontrando le comunità e offrendo loro sostegno.

Le popolazioni indigene Tembé e Turiwara che vi abitano, così come i Quilombolas - comunità formate dai discendenti degli africani schiavizzati - vivono schiacciati e vessati tra le piantagioni di palma da olio. Riuniti nel Movimento IRQ (Indigeni, Riberinho e Quilombola), denunciano di essere minacciati da violenze, trasferimenti forzati e furti di terra.

I maggiori operatori delle piantagioni sono le società Agropalma e Brasil Biofuels BBF. Agropalma sostiene di possedere 107.000 ettari di terra, mentre BBF ne controlla 135.000 (insieme occupano un'area grande quasi come il Lussemburgo).

Tuttavia, sembra che gran parte delle aree di foresta pluviale provenga dall'appropriazione illegale di terreni da parte dello Stato, delle comunità locali e dei piccoli proprietari locali. I tribunali hanno già annullato i titoli di Agropalma su decine di migliaia di ettari in quanto illegali.

Le comunità indigene e quilombola subiscono forti pressioni e persecuzioni e sono fortemente limitate nella loro libertà di movimento e nel loro stile di vita. Violenza, minacce di morte, umiliazioni, razzismo e criminalizzazione sono all'ordine del giorno nella zona e diverse persone sono già state gravemente ferite e uccise.

I servizi di sicurezza privati armati delle compagnie, così come la polizia locale e le bande criminali, sarebbero all'origine di tutto ciò. Le compagnie negano tutte le accuse di violenza e furto di terra e continuano a rivendicare la terra come propria.

I popoli indigeni e quilombola denunciano la violenza strutturale e chiedono la restituzione dei loro territori ancestrali. Chiedono sostegno, attenzione e solidarietà a livello internazionale.

Firmate la petizione oggi stesso.

Infor­mazioni

A causa dell'allarmante situazione di violenza nella Valle dell'Acará, Salviamo la Foresta si è recata nel territorio nell'agosto del 2023, insieme a una delegazione di organizzazioni composta da CIMI, FASE e WRM, per conoscere da vicino i problemi e parlare con i leader e gli abitanti delle comunità e creare un legame di solidarietà per accompagnarli nella loro situazione. "C'è solo un'alternativa: andarsene o resistere", è la prima cosa che ci hanno detto al nostro arrivo.

Per saperne di più

WRM, 26-2-2024. La lotta per la terra nell'Amazzonia brasiliana contro le compagnie minerarie e della palma da olio: https://www.wrm.org.uy/es/articulos-del-boletin/la-lucha-por-la-tierra-en-la-amazonia-brasilena-contra-las-empresas-mineras-y-de-palma-aceitera

Avispa Midia, 21-11-2023. Una guardia di sicurezza di una compagnia africana di palme da olio uccide un indigeno in Amazzonia:https://avispa.org/seguridad-de-empresa-de-palma-africana-asesina-a-indigena-en-la-amazonia/

Avispa Midia, 5-10-2023. Agropalma indagata in Brasile per aver approfittato delle foreste amazzoniche:https://avispa.org/agropalma-es-investigada-en-brasil-por-querer-lucrar-con-bosques-en-la-amazonia/

Avispa Midia, 22-5-2023. PALMA DA OLIO E CONSERVAZIONE: ALLEATI NELL'ESPULSIONE DELLE COMUNITÀ DELL'AMAZZONIA BRASILIANA:https://avispa.org/palma-aceitera-y-conservación-aliadas-en-la-expulsión-de-comunidades-en-la-amazonía-brasileña/

Grano, 12-3-2024. La palma da olio in America Latina: monocoltura e violenza: https://grain.org/es/article/7118-la-palma-de-aceite-en-america-latina-monocultivo-y-violencia

Ulteriori informazioni in portoghese:

WRM, 26-2-2024. A luta pela terra na Amazônia brasileira contra empresas de dendê e mineradoras: https://www.wrm.org.uy/pt/artigos-do-boletim/a-luta-pela-terra-na-amazonia-brasileira-contra-empresas-de-dende-e-mineradoras (documenta il conflitto decennale).

Publica, 18.8.2022. Con l'aiuto del governo, le imprese del settore del dendê avanzano sulle terre pubbliche dell'Amazzonia: https://apublica.org/2022/08/com-inercia-do-governo-empresas-do-dende-avancam-sobre-terras-publicas-da-amazonia/.

Nestlé acquista olio di palma da aziende coinvolte in violazioni dei diritti umani in Amazzonia: https://www.cartacapital.com.br/blogs/o-joio-e-o-trigo/nestle-compra-oleo-de-palma-de-empresas-envolvidas-em-violacoes-de-direitos-humanos-na-amazonia-paraense/

Ulteriori informazioni in inglese

WRM, 26-2-2024. La lotta per la terra nella regione amazzonica brasiliana contro le multinazionali dell'olio di palma e dell'estrazione mineraria: https://www.wrm.org.uy/bulletin-articles/the-struggle-for-land-in-the-brazilian-amazon-region-against-palm-oil-and-mining-corporations

Global Witness, 9-2022. PALMA AMAZON: i principali marchi internazionali si riforniscono di olio di palma da piantagioni brasiliane legate a violenze, torture e frodi fondiarie: https://www.globalwitness.org/documents/20418/Amazon_palm_-_September_2022.pdf

Lettera

CA: Signor Presidente Luíz Inácio Lula da Silva; Ministero dei Popoli Indigeni; Fondazione Nazionale dei Popoli Indigeni FUNAI; Istituto Nazionale di Colonizzazione e Riforma Agraria INCRA; Consiglio Nazionale dei Diritti Umani

Egregio Presidente da Silva e autorità brasiliane:

Il Consiglio Nazionale dei Diritti Umani (RACCOMANDAZIONE N. 16, 08 AGOSTO 2023) e il Relatore Speciale delle Nazioni Unite (ONU) sulla situazione dei difensori dei diritti umani (aprile 2024), concordano sulla necessità di un'azione urgente da parte del governo brasiliano per risolvere l'attuale escalation di conflitti, violenze e danni contro le comunità indigene e tradizionali.

La ragione principale della violenza strutturale contro le comunità indigene e quilombola è la mancanza di riconoscimento e demarcazione dei loro territori, che è piena responsabilità dello Stato brasiliano.

Nello Stato nord-orientale del Pará, grandi appezzamenti di terra sono nelle mani delle aziende produttrici di olio di palma. Esse godono del pieno sostegno dello Stato, che non sembra preoccuparsi dei gravi impatti sociali e ambientali dell'accaparramento delle terre da parte del settore della palma da olio e della deforestazione e dell'inquinamento ambientale causati dalle monocolture di palma da olio.

Mentre solo due aziende, Brasil Biofuels (BBF) e Agropalma, rivendicano più di 240.000 ettari di terra, l'area di terra indigena ufficialmente demarcata dallo Stato brasiliano nella regione è di soli 147 ettari: la terra indigena Turê-Mariquita del popolo Tembé è la più piccola area indigena ufficialmente demarcata in Brasile.

Il risultato è un'ampia distruzione e complessi conflitti socio-ambientali che lasciano morti e profonde tracce negative sulla popolazione. Le successive denunce e i reclami agli organi competenti, registrati dalle comunità, sono stati vani.

Le comunità indigene Tembé, Turiwara e Quilombola hanno bisogno che i loro territori, a cui hanno diritto per legge e che sono protetti dallo Stato brasiliano, vengano demarcati e titolati al più presto.

I leader hanno ripetuto più volte: "Agropalma e BBF non esportano olio di palma, esportano il nostro sangue". È urgente rimuovere le guardie di sicurezza armate e garantire che i dipendenti e gli appaltatori di BBF e Agropalma agiscano in conformità con la legge e non minaccino in alcun modo la sicurezza delle comunità.

Cordiali saluti,

1.) CONSIGLIO NAZIONALE DEI DIRITTI UMANI, RACCOMANDAZIONE N. 16 DELL'8 AGOSTO 2023: https://www.gov.br/participamaisbrasil/blob/baixar/28956

2.) Ministero dei Diritti Umani e della Cittadinanza, 19.4.2024. Il relatore delle Nazioni Unite elogia l'impegno del governo federale per la protezione dei difensori dei diritti umani: https://www.gov.br/mdh/pt-br/assuntos/noticias/2024/abril/relatora-da-onu-exalta-empenho-do-governo-federal-na-protecao-de-defensores-de-direitos-humanos

Questa petizione è disponible in queste lingue:

64.983 firmatari

Arriviamo a 100.000:

Attività recenti